Innovazione

98 milioni di euro affidati a CISE per progetti su ambiente e sicurezza

di Redazione
26 luglio 2017

Circa 98 milioni di euro di finanziamenti per progetti su ambiente e sicurezza nel territorio nazionale, in particolare nelle regioni meridionali: è il primo importante impegno assunto da CISE, la Confederazione Italiano Sviluppo Economico presentata oggi al Palazzo Gruppi. Una presentazione che segue di pochi giorni  l’importante stipula del protocollo d’intesa firmato dal Ministero degli Interni: CISE è stata infatti individuata quale soggetto attuatore nell’attuazione del PON-Legalità (Programma Operativo Nazionale) 2014-2020 delle cinque regioni meridionali Campania, Calabria, Puglia, Basilicata e Sicilia. Con un Mezzogiorno che rimane drammaticamente indietro rispetto alla contenuta ripresa economica con un Pil pro-capite di 17.886 euro a fronte di una media nazionale di 26.946 euro, si tratta, dunque, di un cambio di passo che è proprio una delle mission della CISE, la Confederazione Italia Sviluppo Economico. L’organismo, presieduto da Giuseppe Romano, affiancato dal direttore generale Michele Giannattasio, che vanta una lunga esperienza sui consorzi industriali, mira a creare una virtuosa sinergìa tra le realtà territoriali quali consorzi industriali, imprese private, autorità portuali per realizzare nuove infrastrutture, attraendo anche investimenti esteri sul territorio nazionale e in particolare nel sud Italia. Lo stesso Giuseppe Romano spiega: «Il nostro obiettivo è di porci come interlocutore primario per la condivisione di articolati piani di rilancio del territorio tra gli associati e le imprese allocate nelle aree industriali del paese, attraendo investimenti anche comunitari e determinando le migliori condizioni possibili per il finanziamento delle opere. Ed in breve tempo, grazie al protocollo d’intesa con il ministero degli Interni, ci stiamo già attivando per gestire un primo finanziamento di 10 milioni di euro per un sofisticato sistema di video-sorveglianza per gli agglomerati urbani di Napoli e Caserta.» E tra le opportunità di rilancio, per superare il deficit infrastrutturale legato ad esempio ad una carente rete ferroviaria suburbana di appena 670 chilometri all’evidente congestionamento autostradale che penalizza il trasporto delle merci, una possibile alternativa proviene dal mare e dalla strategica posizione del nostro paese come evidenziato dal presidente di Eurispes Gian Maria Fara c’è la infrastrutturazione portuale:  “Il Mediterraneo  –  ha sottolineato Fara – è uno scenario di potenzialità inespresse, a fronte di una economia  del mare che è comunque una componente fondamentale con oltre 1 milione di addetti ed una incidenza del 14% sul cluster logistico nazionale. Ci vuole dunque una risposta strategica per innovare la  catena logistica che in Italia è ancora frammentata  e che produce perdite per 50 miliardi di euro annui in ‘inefficienza’». Il CISE, sarà anche uno strumento attivo di formazione e attrazione di investimenti, come ha ribadito Danilo Iervolino, presidente di Università Mercatorum: “Oggi viene presentato il progetto Cise per favorire, attraverso il progetto industria 4.0, la nascita di nuove imprese e soprattutto nuove start-up, nel settore della robotica delle nano tecnologie dei big data e della manifattura adattiva. Se lo sforzo del governo c’è stato il Cise sicuramente contribuirà a formare i giovani per il nuovo lavoro e sulle nuove professioni, cercando di dare una guida, anche attraverso una mentorship, ai giovani che vogliono iniziare una nuova impresa o una nuova start up”.