Società

Mattarella riconosce il merito della solidarietà

di Gianni Bottalico, Presidente ACLI
12 ottobre 2015

Esprimo la grande soddisfazione delle Acli per le onorificenze conferite il 10 ottobre dal Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella. Diciotto onorificenze al Merito della Repubblica Italiana a cittadini italiani e stranieri che si sono distinti per atti di eroismo, per il loro impegno nel volontariato, nell’integrazione, nella legalità, nel soccorso e nell’assistenza ai migranti, e a chi si è prodigato a favore dell’inclusione della disabilità, nella promozione della cittadinanza attiva, nel contrasto ai fenomeni di violenza.

Queste interpretano il sentire comune del popolo che riconosce il merito della solidarietà: sono i cittadini che operano quotidianamente al servizio degli altri o che spontaneamente sono capaci di straordinari gesti di altruismo coloro che vanno indicati dalle Istituzioni come modello del vivere sociale e come base per un futuro di solidarietà.

Questi sono i fronti attraverso cui si contribuisce a rendere il Paese migliore, da cui si sprigiona una nuova idea di società e da cui si opera una difesa civile della Patria dai mali dell’abbandono, dell’indifferenza e dell’esclusione sociale.

La scelta  del Presidente della Repubblica non può che essere interpretata da parte della società civile e del terzo settore come un grande incoraggiamento a proseguire nell’opera quotidiana a favore dei più deboli e bisognosi, dei poveri, sapendo che i cittadini più grandi sono coloro che senza clamore spendono la loro esistenza per il bene del prossimo e per il bene comune.