Politica – Serial killers?

di Alberto Baldazzi
22 novembre 2016

I Tg di lunedì 21 novembre – Il giorno dopo la chiusura del Giubileo della Misericordia Papa Francesco “rilancia” con la Lettera Apostolica che consente ai semplici preti di assolvere le donne che hanno abortito e i medici che le hanno aiutate, purché si sia di fronte al pentimento sincero. La notizia conquista le aperture su tutti i Tg, con l’esclusione di TgLa7 che se ne occupa nella parte terminale dell’edizione. L’apertura di Francesco al perdono è in qualche misura rivoluzionaria quanto apprezzabile, così come è da apprezzare la scelta del Tg3 che, dopo aver parlato della Lettera Apostolica, propone un servizio sui medici obiettori di coscienza, che in alcune realtà ospedaliere sono il 90% tra il personale medico.

La politica rimbalza sui Tg imponendo i suoi ritmi e il suo eloquio. Non fa onore questa aderenza millimetrica al citazionismo di giornata , che come un’eco imbambolata propone in tutti i TG e molto spesso nei titoli lo scambio insensato tra Grillo e Renzi. Cosa hanno di “politico” l’accusa a Renzi di essere un “serial killer della vita dei nostri ragazzi”, e la risposta “ è in difficoltà per le firme false”? Non sarebbe stato meglio “soprassedere”? Non “soprassiede” neanche Mentana, che però almeno segnala l’assurdità del livello dello scontro. Sempre TgLa7 propone un servizio a corredo che manifesta un po’ di fantasia giornalistica: il “gioco delle coppie” scoppiate e divise per il sì e il no al referendum. Santoro e Travaglio, Camilleri e Zingaretti, Sorrentino e Servillo, e così via. Il Financial Times e il Wall Street Journal che lanciano allarmi sul dopo referendum nel caso della vittoria del no, vengono ripresi da tutti, togliendo in parte spazio ai nuovi dati dell’Istat, dal sapore “agro-dolce”.

Per gli esteri, i 7 arresti in Francia di cittadini francesi e nordafricani che preparavano nuovi attentati, sono presenti su tutti e in primissimo piano sui Tg Mediaset. Nello stesso giorno l’annuncio si Sarkozy che “lascia” dopo la sconfitta alle primarie, e quello della Merkel che si ripropone per un ulteriore mandato di Cancelliera (ruolo che ricopre dal 2005), inducono diverse testate a cogliere la coincidenza che molto dice, però, sui diversi percorsi di Francia e Germania nell’ultimo quinquennio. La popolarità di Trump che sale nell’opinione pubblica, impressiona Tg3 che vi dedica un servizio.

Tornando alla cronaca italiana, interessante il servizio di Tg3 sull’ospedale specializzato per recupero delle vittime del bullismo, e degli stessi “bulli”. TgLa7 è l’unica testata che riporta l’arresto di Roberto Boggio, uno dei big internazionali dei call center, per una vicenda legata all’appalto ultramilionario dell’Inps.