Fiato alle trombe

Fiato alle trombe

I Tg di martedì 6 ottobre – Le voci sull’ipotesi di un coinvolgimento delle forze aeree italiane nel conflitto in Medio Oriente, pubblicate meritoriamente dal Corriere della Sera, spostano i riflettori dei Tg di serata dalle bagarre al Senato agli scenari di guerra e fanno esplodere le polemiche tra le forze politiche. Tutti i Tg […]

Isis: l’internazionale nera

Isis: l’internazionale nera

I Tg di venerdì 26 giugno. Due terzi di tutte le edizioni sono inevitabilmente occupati dalla cronaca e i riflessi dei 3 attentati jiadisti che hanno colpito Lione, la Tunisia e Kuwait City. Quello francese non sembra avere le caratteristiche tipiche dell'azione dell'Isis, se si esclude il dettaglio macabro della testa mozzata. Ma la tentazione di titolare sul venerdì nero dell'attacco terroristico e' troppo forte, anche in mancanza di rivendicazioni.

La marcia sulle Prefetture

La marcia sulle Prefetture

I Tg di lunedì 8 giugno – L’immigrazione e i profughi del Mediterraneo continuano a imporsi su stampa e Tv per una serie di incastri che intersecano i postumi della campagna elettorale (Salvini & C.), il braccio di ferro con l’Europa, l’apertura delle cronache giudiziarie con Mafia Capitale ( ..un euro al giorno a migrante..), e da ultimo lo scontro istituzionale con il governo “mimato” dai presidenti di Lombardia, Veneto e Liguria.

Un euro a migrante al giorno

Un euro a migrante al giorno

I Tg di venerdì 5 giugno. Le aperture sono quasi tutte per le nuove intercettazioni che mostrano come anche i corrotti e corruttori hanno i loro problemi. Odevaine, ad esempio, è alle prese del grosso problema di come versare in banca circa 30.000 euro in contanti consegnati (se abbiamo capito bene) da chi ha vinto l’appalto truccato per il Cara di Mineo, senza essere segnalato all’antiriciclaggio.

Pensioni: tanto peggio, tanto meglio

Pensioni: tanto peggio, tanto meglio

I Tg di lunedì 18 maggio – Il modo di dire riportato nel titolo ha perso di specificità. Coniato in area trotskista per la Quarta Internazionale, e fatto proprio in Italia dai bordighisti (osteggiati da Gramsci) alla fine degli anni ’20, oggi è lo slogan base dei vari Brunetta e Salvini, con contaminazioni a Cinque Stelle e in area della sinistra, oltre che del sindacato.

L’aria del Colle

L’aria del Colle

I Tg di giovedì 14 maggio. Tg2 e TgLa7 “colgono” i decibel crescenti del Quirinale dedicando l’apertura alle dichiarazioni di Mattarella che da Torino ha tuonato contro la corruzione diffusa e la “concezione rapinatoria della vita”. Mentre la maggioranza è impegnata a “chiudere” con un compromesso la partita della prescrizione, la voce del Presidente suona come monito. Dopo le dure dichiarazioni sull’insipienza europea sul tema immigrazione – ribadite anche oggi, a valle della “svolta” – l’intervento odierno potrebbe rappresentare la conferma che sul Colle più alto “la funzione crea l’organo”, quale ne sia l’Inquilino.

Immigrazione. La voce dell’Europa

Immigrazione. La voce dell’Europa

I Tg di lunedì 11 maggio - Dopo la mozione italiana del 2007 sulla moratoria per la pena di morte all’Onu, oggi per la prima volta al Palazzo di Vetro si è risentita la voce dell’Europa, per bocca dell’italianissima Lady Pesc Federica Mogherini su un tema che interroga il mondo globalizzato. Scusate il nostro moto d’orgoglio, ma una volta tanto abbiamo fatto una bella figura. In primo luogo l’Europa della Merkel ha parlato “italiano”, anche se la Mogherini si esprime in inglese. Non sappiamo come finirà, perché le dinamiche nel Consiglio di sicurezza sono complesse e tutt’altro che lineari, e anche il percorso tutto europeo della condivisione del peso dell’accoglienza dei richiedenti asilo è irto di ostacoli.

Pensioni: gli esami non finiscono mai

Pensioni: gli esami non finiscono mai

I Tg di mercoledì 6 maggio. Lunedì l’Italicum, ieri la scuola, oggi le pensioni. L’attenzione dei Tg saltella inevitabilmente tra argomenti e scenari che si rincorrono sovrapponendosi. Le dichiarazioni odierne del sottosegretario Zanetti, che considererebbe “amorale” rimborsare a tutti i pensionati - anche quelli con assegni consistenti - le mancate perequazioni bocciate dalla Consulta, sono il piatto più fresco. A differenza dell’Italicum (con cui “non si mangia”) e della scuola (il cui processo di riforma prenderà comunque alcuni mesi) entro la prossima settimana il governo dovrà rispondere su chi, quanto e come riceverà i rimborsi.

Habemus Italicum

Habemus Italicum

I Tg di lunedì 4 maggio – Dopo 14 mesi di percorso accidentato i Tg di serata esordiscono con la nuova legge elettorale che, in attesa della firma di Mattarella, si appresta ad entrare in vigore per essere, però, utilizzata non prima dell’estate 2016. Le critiche alla legge appaiono più che fondate, così come assolutamente fondata era l’esigenza di cambiare ciò che resta del porcellum “riveduto e corretto” dalla Corte Costituzionale.

Il giorno delle vittime

Il giorno delle vittime

L’aggiornamento su vittime e feriti dell’attentato di Tunisi, il tentativo doveroso di dare un volto ai 4 italiani rapinati della vita dalla follia dei terroristi dell’Isis (rivendicazione giunta oggi), le dichiarazioni preoccupate del Presidente Mattarella nella prima intervista rilasciata ad una testata internazionale (la Cnn): questi gli elementi variamente assemblati dai Tg di prima serata.

Pagina 8 di 9« Prima...56789