Rientro capitali dall’estero, attesi fino a 5 miliardi

Rientro capitali dall’estero, attesi fino a 5 miliardi

Palazzo Chigi intende dare più tempo a chi intende riportare in Italia capitali detenuti all'estero vista la mole delle richieste di adesione al meccanismo che, nelle ultime settimane, stanno crescendo in maniera esponenziale, tanto che si attende, in luogo dei 3 miliardi stimati, una cifra che potrebbe raggiungere i 5 miliardi di euro.

A spron battuto verso la Legge di stabilità

A spron battuto verso la Legge di stabilità

Il governo riuscirà a portare a casa il voto del Senato sulle riforme costituzionali entro la data prevista. Tabella di marcia che dovrebbe impedire ritardi sull'esame della Legge di stabilità. Gli scossoni potrebbero però non essere finiti: c'è fibrillazione tra i banchi del Nuovo centrodestra.

Accordi difficili: la riforma costituzionale

Accordi difficili: la riforma costituzionale

L'accodo sulla riforma costituzionale è ancora tutto da trovare. L'incontro tra il presidente del Consiglio e i senatori del Pd non è servito a favorire il dialogo. Gli esponenti della sinistra del partito rimangono arroccati sulla loro posizione: rivedere l'articolo 2 sull'elettività del Senato.

Il Governo riparte dal Jobs Act

Il Governo riparte dal Jobs Act

Sconti fiscali da rivedere o cancellare ogni cinque anni, notifica via web delle cartelle esattoriali, il calo dell'aggio Equitalia e anche la possibilità per l'Agenzia delle Entrate di sostituire i dirigenti decaduti con la sentenza della Corte Costituzionale con dei quasi-dirigenti alcune delle novità che il governo recepirà probabilmente già nelle prossime settimane. Tra i temi caldi quello del lavoro e in particolare il controllo a distanza.

Migrazioni e legge di stabilità: i nodi vengono al pettine

Migrazioni e legge di stabilità: i nodi vengono al pettine

Mentre l'Europa continua ad interrogarsi senza soluzione sul fenomeno migratorio di dimensioni epocali che si sta consumando ormai da mesi, alla riapertura delle Camere il governo dovrà affrontare, e risolvere, molti problemi lasciati irrisolti a causa della pausa estiva, primi fra tutti la legge di stabilità per il 2016, la riforma della PA e la questione dei voti che permetteranno, o meno, all'esecutivo di portare avanti il proprio programma.

La memoria corta dell’informazione e della politica

La memoria corta dell’informazione e della politica

Il “pagare tutto e subito”, l’irrisione delle scelte d’emergenza attuate solo 3 anni e mezzo fa, la “vendetta contro Monti e Fornero” denotano istinti che poco hanno a che fare con una visione realistica della recente storia italiana da parte di chi, informazione e politica, dovrebbe conservare la memoria dei fatti che sì è contribuito a realizzare e a narrare.

Pagina 4 di 512345