Il Senato che ci meritiamo?

Il Senato che ci meritiamo?

I Tg di venerdì 2 ottobre – Passata in Sardegna la prima ondata di piena autunnale, monta come è giusto ed inevitabile l’ondata di proteste e polemiche . Le alluvioni in Sardegna e Sicilia sono apertura per Tg4, che vi dedica oltre 12 minuti, e titolo per tutti gli altri. Questa volta, oltre alle consuete […]

Postumi di campagna elettorale

Postumi di campagna elettorale

I Tg di venerdì 12 giugno – Domenica (e in Sicilia anche lunedì) si vota per i ballottaggi in alcune importanti città, soprattutto al nord. Solo Tg2 sembra ricordarsene, proponendo un mini confronto a distanza tra i 2 candidati sindaci di Venezia. Anche l’impegno dei politici sembra a prima vista relativo, ma in realtà nei toni utilizzati sull’immigrazione e contro Marino c’è forse un segno dell’attenzione alle sfide comunali. Maroni che richiede l’intervento dell’esercito e invita la polizia a sparare (se necessario), dimentica di essere stato ministro dell’interno ma è’ presente su tutti per questa affermazione da vero statista occidentale, a commento dell’assalto a colpi di machete contro 2 ferrovieri in un treno milanese.

Il caso Borsellino: promoveatur ut amoveatur?

Il nuovo incarico di Lucia Borsellino all'anticorruzione a Roma pone diversi interrogativi. Senza fare troppe dietrologie, viene facile pensare che anche in questo caso si è preferito allontanare un personaggio impegnato e scomodo per mantenere equilibri difficili da scardinare come quelli che rendono la Sicilia un territorio tormentato.

Lo sport più bello del mondo

Lo sport più bello del mondo

I Tg di mercoledì 28 maggio. Tra le maggiori testate quelle Rai aprono sullo scandalo Fifa, Tg5 predilige gli interventi nella campagna elettorale – tentando di riprodurre il desueto scontro Forza Italia – Pd -, mentre TgLa7 predilige l’ennesimo caso di mala politica in Sicilia

Anticorruzione per il rotto della cuffia

Anticorruzione per il rotto della cuffia

La notizia di politica interna fondamentale è il passaggio al Senato della legge anticorruzione, che trova ampio spazio su Rai e La7 e, non casualmente, solo “briciole” su Mediaset. È Mentana che segnala come il passaggio stretto del voto segreto abbia dato un risultato alquanto risicato: solo 3 voti in più della maggioranza assoluta di Palazzo Madama.

La solitudine del premier

La solitudine del premier

I Tg di martedì 21 aprile. Non si scappa: il dramma e le politiche dell’immigrazione e i lunghi coltelli nel Pd assorbono buona parte delle edizioni di serata. Difficile segnalare sfumature diverse. Sul tema dei morti in mare e degli scafisti, tutti riportano i risultati delle indagini della magistratura che ci dicono che le 800 vittime del naufragio di sabato sono state provocate dal combinato-disposto della collisione con il mercantile soccorritore e dell’imperizia dello scafista, forse ubriaco o drogato. I 2 arresti tra gli scampati e le intercettazioni tra i boss alzano un velo sull’impianto criminale che sta dietro al traffico di uomini.

Quando la realtà supera gli slogan

Quando la realtà supera gli slogan

I Tg di lunedì 20 aprile. I più di 900 morti del barcone affondato sabato notte monopolizzano da ieri l’informazione anche televisiva. Questa sera almeno due terzi di tutte le edizioni sono occupati dalle immagini delle diverse sciagure delle ultime ore, compresa quella a pochi metri dall’isola di Rodi. Ma se questo e per certi versi scontato, meno scontato è il cambiamento di toni di una parte dei settori politici e, conseguentemente, anche di alcuni TG. I numeri della più grave sciagura dei disperati del mare, come e più dei morti dell’isola dei Conigli a Lampedusa hanno creato una cesura che, forse, con la riunione straordinaria dei governi Ue di giovedì porterà a qualche cosa di concreto.

Pagina 3 di 3123