“Ce l’abbiamo”

I Tg di venerdì 18 marzo –”Ce l’abbiamo”. Questa l’esclamazione delle autorità belghe subito dopo l’arresto di Salah Abdeslam, l’attentatore jihadista delle stragi di Parigi e l’uomo più ricercato d’Europa. La notizia, giunta al termine di un pomeriggio caotico, ruba la scena ai risultati del vertice europeo sull’immigrazione, ottenendo l’apertura su tutte le testate (titolo unico Studio Aperto) la copertina su Tg5, titolo doppio su Tg3 e Tg1, triplo su Tg La7. Molti i collegamenti nel corso delle edizioni dalle vie di Molenbeek, dove tuttora continuano le operazioni. La cattura di Salah, ferito nel corso di una sparatoria assieme ad un complice dopo 4 mesi di latitanza nello stesso quartiere da dove erano stati organizzati gli attentati di Parigi, ed a pochi chilometri dal luogo d’incontro dei leader europei, suscita molte domande: “Perché non si è fatto saltare in aria?”, si chiede Mentana, palesando l’incredulità presente in molti altri servizi, con il Tg3 che afferma che “forse l’uomo più ricercato d’Europa non aveva mai cominciato a correre”.

L’accordo “unanime” raggiunto con Ankara al vertice europeo, “nel rispetto delle nostre proposte” secondo il premier Renzi, guadagna la seconda posizione sui Tg Rai, Tg5 e Tg La7. Alle schede che illustrano i punti di forza e le debolezze di un accordo da 6 miliardi di euro, seguono sui Tg Rai e Tg5 le coperture da Idomeni e le segnalazioni dei nuovi sbarchi sulle coste italiane, con immagini dall’hotspot di Taranto. Tg2 sottolinea lo scetticismo del premier alle dichiarazioni turche, che promettono di rispettare i diritti di ciascun rifugiato. Le parole dal Camerun del Presidente Mattarella sui temi dell’accoglienza ottengono titolo su Tg1 attenzione nei servizi Rai.

Per la pagina politica a dominare è l’ennesimo scontro interno al Pd in merito al “referendum sulle trivelle” del prossimo 17 aprile. Ne seguono coperture su tutte le testate con, grande spazio alle voci per il sì (servizi a su Tg3 e Tg5, che rilancia l’opposizione M5S), e alle posizioni dei vescovi italiani. Ne ricaviamo che, come sempre capita, della sostanza si parla poco, mentre a “vincere” e’ lo scontro politico.

Sul fronte della destra, alla spaccatura di ieri segue sui Tg Mediaset l’apertura di Berlusconi, “sceso in campo” (Tg4) per ricucire la destra e con una mano tesa anche ad Alfano. La risposta (polemica) dell’ex delfino e le dichiarazioni della Meloni, che si dice pronta a votare M5S nel caso di ballottaggio a Roma, vengono riprese da Rai e La7.

Per la pagina economica Tg5 riprende i dati favorevoli sulla crescita di Confcommercio, mentre i mandati d’arresto spiccati per 5 banchieri per lo scandalo Euribor sono trattati da Tg3 e Tg La7.

Lo squallore per l’ultima bestialità di un gruppo di ultras spagnoli che, in transferta nella Capitale hanno a turno orinato su una mendicante a Ponte Sant’Angelo, raccoglie titoli servizi sdegnati su Tg1, Tg3 e Tg5, che ripropongono gli episodi più eclatanti degli ultimi anni. Titoli e servizi per Mediaset sugli ulteriori casi di malasanità e violenza su anziani in una struttura nella provincia di Parma.

Segnaliamo in chiusura l’approfondimento del Tg2 sulle pagine ancora oscure sull’omicidio Moro, a 38 anni dall’uccisione del leader di Democrazia Cristiana.

Ultime notizie
caselli
Recensioni

La storia d’Italia in dieci date nel libro-memoir di Gian Carlo Caselli

Gian Carlo Caselli, uno dei Pm più in vista della storia recente d’Italia, racconta il nostro Paese nel libro-memoire “Giorni memorabili che hanno cambiato l'Italia” attraverso le inchieste che lo hanno visto coinvolto da protagonista, dieci date per dieci snodi giudiziari che hanno segnato gli eventi degli ultimi decenni.
di cecilia sgherza
caselli
zes unica
Mezzogiorno

Zes Unica del Mediterraneo, una sfida per sviluppo e sicurezza dell’area

La Zes Unica del Mediterraneo è stata al centro del dibattito organizzato dall’Istituto Eurispes, che ne ha analizzato i fattori socio-economici, logistici e geopolitici. La Zes Unica diviene strategica in un contesto geopolitico di grandi cambiamenti e incertezze, come strumento utile a garantire sicurezza e sviluppo.
di redazione
zes unica
scuola italiana
Intervista

La Scuola sia baluardo di conoscenza, tolleranza e spirito critico: intervista a Paolo Pagliaro

L’istruzione in Italia è una roccaforte di valori come la conoscenza, il senso critico, la tolleranza, eppure rischia un declino simile a quello della Sanità pubblica. Sfide e opportunità per il futuro della Scuola italiana, nell’intervista a Paolo Pagliaro, Direttore agenzia giornalistica 9Colonne e autore televisivo.
di redazione
scuola italiana
isole
Osservatori

Nascita geologica e nascita giuridica delle isole: intervista a Niki Aloupi

La nascita geologica di un’isola non corrisponde necessariamente alla sua nascita giuridica: lo chiarisce ampiamente Niki Aloupi, docente di Diritto internazionale pubblico all’Università di Parigi- Panthéon-Assas, esperta di Diritto del mare, che offre una panoramica sulla situazione giuridica internazionale delle isole.
di redazione
isole
social
Società

È guerra totale contro la “trappola dei Social”

Le autorità statunitensi hanno cominciato a porsi domande sulla tutela dei minori rispetto all’utilizzo dei Social network. Un uso che, secondo una serie di studi condotti, è relazionato al peggioramento della salute mentale di adolescenti e ragazzi.
di cecilia sgherza
social
apprendimento
Istruzione

La vera inclusione scolastica è garantire buoni livelli di apprendimento per tutti

La Scuola italiana ha bisogno di una riflessione pedagogica e strutturale, e di formulare un’offerta formativa equa basata sull’apprendimento di livello per tutti. Intervista a Roberto Ricci, presidente Invalsi, che commenta i dati emersi dal Secondo Rapporto dell’Eurispes su Scuola e Università.
di Roberto Ricci*
apprendimento
educazione
Istruzione

Perché l’educazione è la causa delle cause. Per una pedagogia della Nazione

Il tema dell’educazione non è uno tra i tanti. Nella società della conoscenza rappresenta il settore decisivo del progresso e dell’innovazione. Eppure, assistiamo a una metamorfosi antropologica e ad una ibridazione tra virtuale e reale che necessitano di una base culturale fondata su un sistema educativo solido.
di Mario Caligiuri*
educazione
isole
Intervista

La condizione sociale e culturale nelle isole, intervista al Prof. Orazio Licciardello

Le isole come luogo geografico, sociale, economico nell’intervista al prof. Orazio Licciardello, Ordinario di Psicologia Sociale presso l’Università di Catania. Il principio di insularità è preceduto da quello di isolanità, una condizione a sé, un dato di fatto che presuppone da sempre un altrove.
di redazione
isole
scuola
Istruzione

La Scuola è una priorità che va oltre la politica

La Scuola italiana è stata oggetto di riforme di ogni governo avvicendatosi negli ultimi anni, senza riuscire a dare una vera impronta rispetto alla Riforma Gentile. Ma il ruolo della Scuola e della ricerca nel futuro del Paese è cruciale, e deve andare oltre i trend politici del momento.
di Gian Maria Fara*
scuola
nomadi digitali
Lavoro

Nomadi digitali, evoluzione in grado di generare opportunità di crescita

I nomadi digitali non rappresentano solo un cambio nella concezione del lavoro, bensì una opportunità di sviluppo delle zone rurali. Se il lavoro da remoto riguarda già il 36% dei lavoratori autonomi in tutta Europa, l’Italia può diventare méta per smart workers nelle molte aree interne e rurali a rischio spopolamento.
di redazione
nomadi digitali