L'opinione

“Ce l’abbiamo”

73

I Tg di venerdì 18 marzo –”Ce l’abbiamo”. Questa l’esclamazione delle autorità belghe subito dopo l’arresto di Salah Abdeslam, l’attentatore jihadista delle stragi di Parigi e l’uomo più ricercato d’Europa. La notizia, giunta al termine di un pomeriggio caotico, ruba la scena ai risultati del vertice europeo sull’immigrazione, ottenendo l’apertura su tutte le testate (titolo unico Studio Aperto) la copertina su Tg5, titolo doppio su Tg3 e Tg1, triplo su Tg La7. Molti i collegamenti nel corso delle edizioni dalle vie di Molenbeek, dove tuttora continuano le operazioni. La cattura di Salah, ferito nel corso di una sparatoria assieme ad un complice dopo 4 mesi di latitanza nello stesso quartiere da dove erano stati organizzati gli attentati di Parigi, ed a pochi chilometri dal luogo d’incontro dei leader europei, suscita molte domande: “Perché non si è fatto saltare in aria?”, si chiede Mentana, palesando l’incredulità presente in molti altri servizi, con il Tg3 che afferma che “forse l’uomo più ricercato d’Europa non aveva mai cominciato a correre”.

L’accordo “unanime” raggiunto con Ankara al vertice europeo, “nel rispetto delle nostre proposte” secondo il premier Renzi, guadagna la seconda posizione sui Tg Rai, Tg5 e Tg La7. Alle schede che illustrano i punti di forza e le debolezze di un accordo da 6 miliardi di euro, seguono sui Tg Rai e Tg5 le coperture da Idomeni e le segnalazioni dei nuovi sbarchi sulle coste italiane, con immagini dall’hotspot di Taranto. Tg2 sottolinea lo scetticismo del premier alle dichiarazioni turche, che promettono di rispettare i diritti di ciascun rifugiato. Le parole dal Camerun del Presidente Mattarella sui temi dell’accoglienza ottengono titolo su Tg1 attenzione nei servizi Rai.

Per la pagina politica a dominare è l’ennesimo scontro interno al Pd in merito al “referendum sulle trivelle” del prossimo 17 aprile. Ne seguono coperture su tutte le testate con, grande spazio alle voci per il sì (servizi a su Tg3 e Tg5, che rilancia l’opposizione M5S), e alle posizioni dei vescovi italiani. Ne ricaviamo che, come sempre capita, della sostanza si parla poco, mentre a “vincere” e’ lo scontro politico.

Sul fronte della destra, alla spaccatura di ieri segue sui Tg Mediaset l’apertura di Berlusconi, “sceso in campo” (Tg4) per ricucire la destra e con una mano tesa anche ad Alfano. La risposta (polemica) dell’ex delfino e le dichiarazioni della Meloni, che si dice pronta a votare M5S nel caso di ballottaggio a Roma, vengono riprese da Rai e La7.

Per la pagina economica Tg5 riprende i dati favorevoli sulla crescita di Confcommercio, mentre i mandati d’arresto spiccati per 5 banchieri per lo scandalo Euribor sono trattati da Tg3 e Tg La7.

Lo squallore per l’ultima bestialità di un gruppo di ultras spagnoli che, in transferta nella Capitale hanno a turno orinato su una mendicante a Ponte Sant’Angelo, raccoglie titoli servizi sdegnati su Tg1, Tg3 e Tg5, che ripropongono gli episodi più eclatanti degli ultimi anni. Titoli e servizi per Mediaset sugli ulteriori casi di malasanità e violenza su anziani in una struttura nella provincia di Parma.

Segnaliamo in chiusura l’approfondimento del Tg2 sulle pagine ancora oscure sull’omicidio Moro, a 38 anni dall’uccisione del leader di Democrazia Cristiana.

Altre opinioni dell'Autore
Economia

Eurispes, Fara: “Lo Stato torni proprietario e gestore delle grandi infrastrutture del paese”

"Autostrade, telecomunicazioni, energia, porti e grande logistica: dopo gli anni delle privatizzazioni per fare cassa, il Paese deve tornare proprietario e gestore delle grandi infrastrutture e dire basta allo shopping delle multinazionali straniere"
di redazione
Il punto

Per rimettere in corsa l’Italia, veloci pit stop, non megariforme

È la mancanza di infrastrutture il primo freno alla crescita del Paese. Lo Stato spende meno di 20 miliardi di euro l’anno,...
di Corrado Giustiniani
International

Così la “Fortezza Europa” avalla i respingimenti in mare

Negli ultimi anni l’Unione europea è stata protagonista di una gestione sempre più securitaria dei flussi migratori che hanno investito il proprio territorio. La tesi viene spiegat in un saggio di Marco Omizzolo e Pina Sodano, presentato a Wocmes 2018, Congresso mondiale di studi mediorientali.
di Marco Omizzolo
International

Proposta shock: “Il voto ‘ignorante’ valga meno di quello informato”

Il suffragio universale? Sopravvalutato. Il voto ‘ignorante’ valga meno di quello ‘informato’. Il voto ponderato é la proposta di Dambisa Moyo, una importante economista americana, originaria dello Zambia, autrice del libro Edge of chaos
di Alfonso Lo Sardo
Sondaggi & Ricerche

Con un animale in casa, niente viaggio per la metà dei padroni

Nell’ultimo anno oltre 2 italiani su 10 hanno confessato di aver speso di più per viaggi e vacanze, nonostante la crisi non sia ancora del tutto superata. Ma l'amore per i propri animali e la paura del terrorismo frenano la voglia di viaggi.
di redazione
Salute

Il Piano Sanità del ministro Grillo: più fondi e meno liste d’attesa

Sanità e salute: il neo ministro Giulia Grillo ha illustrato le linne programmatiche del suo mandato. Vaccini, risorse per la sanità, liste d’attesa da ridurre e aumento della trasparenza.
di redazione
Ambiente

Porto Hub di Palermo. “Piano ecosostenibile da 435.000 posti”

Un nuovo porto Hub a Palermo: è il progetto dell’Eurispes, presentato a palazzo d’Orleans, sede della presidenza della Regione. Tutti i dettagli
di Alfonso Lo Sardo
Intervista

Educazione civica nelle scuole, Bruno Assumma: “Magistra vitae”

"L'educazione civica la personalità deve servire a stimolare una visione della vita e un "modus operandi" nella società", sostiene il professor Assumma.
di Valentina Renzopaoli
Intervista

Stefano Molina: «Educazione civica mirata allo sviluppo sostenibile»

Educazione civica nelle scuole: "Sì all'insegnamento dell'educazione civica, no al voto. La cittadinanza globale non è istruzione, ma educazione", sostiene Stefano Molina della Fondazione Agnelli
di Corrado Giustiniani
Intervista

Romeo (Lega): «La difesa deve essere legittima sempre»

Legittima difesa: "Se una persona sa che svaligiando una casa la farà sempre franca, non avrà nessun incentivo a smettere di delinquere". Il dibattito prosegue con l'opinione di Massimiliano Romeo, capogruppo della Lega al Senato.
di Corrado Giustiniani