Segnali positivi nella nuova strategia dei corridoi europei dei trasporti TEN-T

Corridoi TEN-T

Uno degli ultimi atti della legislatura del Parlamento europeo è stata l’approvazione del nuovo Regolamento sui Corridoi TEN-T. Il testo ha l’obiettivo di eliminare gli attuali intasamenti e completare alcuni importanti collegamenti, aggiornando il piano europeo per una rete di ferrovie, strade, vie navigabili interne e rotte marittime a corto raggio collegate attraverso porti e terminali in tutta l’Unione. La revisione della rete dei corridoi  TEN-T, avviata dalla Commissione negli anni 2021/2022 con l’atto COM (2022)380 Final è stata approvata il 24 aprile 2024 e sarà operativa dopo 80 giorni dalla sua pubblicazione sulla GUCE UE. Da sottolineare che nel nuovo disegno strategico la Commissione Europea, tenendo conto delle proposte ed osservazioni degli Stati Membri, ed in particolare de nostro Paese, ha riconosciuto il ruolo e le nuove priorità ai corridoi verso Est e verso il Mediterraneo.

La Commissione Europea ha riconosciuto il ruolo e le nuove priorità ai corridoi verso Est e verso il Mediterraneo

Le novità per l’Italia stanno principalmente nel fatto che sono state rafforzate le proiezioni dei corridoi TEN-T verso il Mediterraneo, i paesi balcanici e verso i paesi dell’Est con riferimento ai seguenti corridoi. Il corridoio Mar Baltico – Mar Adriatico (Baltic – Adriatic Sea) è stato prolungato  da Ravenna a Bari-Taranto, consentendo una connessione strategica con il Corridoio “Scandinavia Mediterraneo” (SCAN-MED) a Nord attraverso il nodo di Bologna e a Sud attraverso il nodo di Bari. Da considerare che per superare le discontinuità di quest’ultimo corridoio, a Sud del Nodo primario di Napoli Garibaldi la Commissione ha inserito la costruzione del ponte sullo Stretto di Messina tra le opere principali da sostenere. Nel corridoio Baltico-Adriatico è stato previsto il completamento della dorsale adriatica con l’inserimento della tratta Ancona-Foggia nella rete di rango Extended Core, sia ferroviaria che stradale. Il corridoio Transbalcanico (Trans Balcanic Corridor) è stato strutturato sui collegamenti Italia-Balcani: Bari, il Pireo, Salonicco, Nis, Belgrado, Zagabria, Trieste. In particolare va sottolineato che il nuovo Corridoio Transbalcanico rappresenta la porta di ingresso ai paesi di preadesione: Serbia, Montenegro, Macedonia del Nord e Albania, che si integra con i porti e le economie del Adriatico e del Mar Nero. Il corridoio Mediterraneo è stato prolungato dall’asse padano Venezia-Trieste fino a Zagabria-Budapest-Kiev.

Le novità per l’Italia consistono nel rafforzamento dei corridoi TEN-T verso il Mediterraneo, i paesi balcanici e  i paesi dell’Est

Per valutare in modo adeguato i risultati positivi del negoziato tra Italia e Ue, occorre premettere che il governo italiano ha sempre espresso la volontà di incorporare nella rete e nei Corridoi europei gli assi considerati strategici nell’ambito del Sistema Nazionale delle Infrastrutture di Trasporto allo scopo di eliminare i gap esistenti. Dal canto suo la Commissione, con le nuove linee guida, ha puntato a modificare profondamente la struttura geografica dei corridoi sia per accelerare il processo di integrazione della rete Ucraina (che prevede le proiezioni dei corridoi del core network – Baltic e North sea Corridor – finalizzate al potenziamento della accessibilità alla rete ferroviaria ed ai porti del mar Nero in Ucraina), sia per realizzare un nuovo corridoio di accesso ai porti del Mediterraneo orientale (Baltic Aegean Sea corridor); e infine, ha proposto un corridoio Balcanico per integrare la Regione con i paesi del Centro Europa. Altre modifiche introdotte nella nuova struttura dei corridoi di particolare rilevanza per l’Italia riguardano: per i porti, l’inclusione di quello di Civitavecchia nella rete europea dei porti Core; per le ferrovie, lo sviluppo delle tecnologie delle linee con standard Alta Velocità-AV da realizzare entro il 2030. Si tratta delle nuove linee Alta Velocità nelle regioni meridionali: Napoli-Bari, Salerno-Reggio Calabria oltre all’adeguamento dei sistemi ERTMS per consentire la migliore circolazione treni AV.

Le nuove linee guida puntano a modificare  la struttura geografica dei corridoi TEN-T verso la rete Ucraina e i porti del Mediterraneo orientale

Più in generale va sottolineato che l’accoglimento delle proposte italiane conferma l’orientamento della Commissione a favore della “specializzazione” delle linee ferroviarie della rete Core dedicate al traffico passeggeri e merci. Ciò ha consentito di: a) definire due direttrici merci lungo le dorsali costiere e due direttrici passeggeri, una lungo l’asse centrale e una lungo la linea adriatica; b) includere la sezione stradale e ferroviaria Jonica nella rete Comprehensive, anello mancante nell’area a Sud della Calabria. Da aggiungere, inoltre che nel corso del negoziato, sono stata accolte una serie di proposte del governo italiano di tipo tecnico-funzionale per tutte le modalità di trasporto come:

  • l’ampliamento della rete Core con interventi per la sicurezza della circolazione stradale “Passante di Mestre” nella rete stradale Core;
  • l’inclusione della sezione ferroviaria “Taranto-Brindisi” e delle transfrontaliere ferroviarie “Fossano-Cuneo-Ventimiglia” e “Bressanone (Bolzano)-Villach-Klagenfurt”;
  • l’inserimento nella rete Core dei terminali ferroviari/stradali di Fernetti (TS), Santo Stefano di Magra (SP), Segrate (MI) e Agognate (NO);
  • l’inserimento nella rete Comprehensive dei terminali ferroviari/stradali di Castelguelfo (PR), Portogruaro (VE), Pordenone, Faenza (RA), Villa Selva (FC), Ortona (CH), Incoronata (FG), la nuova denominazione del terminale di Busto Arsizio-Gallarate (VA).
  • Sei nuovi porti (Capri, Ischia, Ponza, Porto Empedocle, Porto S. Stefano e Procida), tre aeroporti (Isola D’Elba, Perugia e Rimini).
  • Aeroporti: tutti i nodi della rete sono stati conservati, con la sola eccezione dell’esclusione degli scali aeroportuali di Brescia e Forlì.

Infine, va ricordato che la Commissione ha ampliato la rete dei nodi urbani (ad oggi composta da nove nodi urbani principali), con l’inclusione di ulteriori 40 nuclei urbani italiani con oltre 100.000 abitanti o capoluoghi di Regione con caratteristiche demografiche anche inferiori, per garantire una piena coesione territoriale anche attraverso le opportune connessioni ferroviarie/stradali.

L’accoglimento delle proposte italiane conferma l’orientamento della Commissione Europea a favore della “specializzazione” delle linee ferroviarie

L’Istituto Eurispes, con il suo Osservatorio Infrastrutture, Trasporti e Logistica, ha svolto un attento monitoraggio nella fase di revisione dei corridoi europei TEN-T, suggerendo nuove proposte e contribuendo, indirettamente, alla definizione delle nuove linee guida europee. Nel Seminario “Transport and Logistics in the Western Mediterranean” svoltosi il 19 ottobre 2023 presso Confitarma, promosso da Eurispes con la Generalitad de Catalugna ed i centri di ricerca spagnoli IEMed e CETMO, sono state analizzate le prospettive di implementazione del Corridoio Mediterraneo, con il contributo dei rappresentanti delle Regioni tirreniche Liguria, Toscana, Lazio e Campania e degli esperti della Direzione Move dell’Ue, del Presidente dell’Autorità Portuale di Civitavecchia, che adesso fa parte dei porti del core network europeo. Degno di nota il fatto che molti elementi emersi in questa iniziativa italo-spagnola abbiano trovato conferma nei documenti comunitari relativi alla organizzazione dello “Spazio Marittimo Europeo”. Un segnale che la cooperazione internazionale sul tema dei trasporti in àmbito europeo può innescare o precedere percorsi progettuali in grado di incidere sul trasporto di merci e passeggeri, e quindi sull’economia e gli stili di vita.

*Ing. Giampaolo Basoli, componente dell’Osservatorio Eurispes su Infrastrutture, Trasporti e Logistica.

Leggi anche

Ultime notizie
violenza di genere
Donne

Violenza di genere, i dati degli ultimi sei mesi della Polizia Criminale

Violenza di genere, i dati del Servizio Analisi Criminale della Polizia Criminale documentano un trend in crescita dal 2021 al 2023, ma i dati degli ultimi sei mesi evidenziano una flessione rispetto allo stesso periodo del 2023, soprattutto per i reati spia e gli omicidi volontari.
di redazione
violenza di genere
work life balance
Parità

Work life balance, c’è ancora un gap di genere da colmare

Il work life balance, ovvero l’equilibrio tra vita privata e professionale, riguarda anche la parità di genere, soprattutto in merito al caregiving, che troppo spesso ancora ricade principalmente sulle donne. Adnkronos evidenzia inoltre che il 66% degli utenti si dichiara insoddisfatto del proprio life work balance, e che questo incide nella scelta dell’impiego.
di redazione
work life balance
mediterraneo
Sostenibilità

Giornata internazionale del Mediterraneo, un ecosistema da difendere da plastica e sfruttamento

La Giornata internazionale del Mediterraneo è stata dedicata al dibattito sul nostro mare, un ecosistema che va difeso dallo sfruttamento intensivo della pesca e dalle plastiche. Un incontro presso la Camera dei Deputati organizzato da Fondazione Aqua ha visto numerosi studiosi esprimersi in merito al fragile equilibrio di questa risorsa fondamentale.
di redazione
mediterraneo
Uricchio ANVUR
Intervista

Antonio Uricchio, Presidente ANVUR: la valutazione come strumento per migliorare la qualità di ricerca e didattica

Antonio Uricchio, Presidente di ANVUR interviene nel merito delle critiche mosse verso una eccessiva burocratizzazione delle Università italiane, affermando la valutazione delle stesse come importante strumento per migliorare la qualità della ricerca e della didattica attraverso la raccolta di dati, documenti e informazioni.
di Mario Caligiuri*
Uricchio ANVUR
Corridoi TEN-T
Infrastrutture

Segnali positivi nella nuova strategia dei corridoi europei dei trasporti TEN-T

Il Parlamento europeo ha approvato il nuovo Regolamento sui Corridoi TEN-T. Il testo ha l’obiettivo di completare alcuni importanti collegamenti, aggiornando il piano europeo per una rete di ferrovie, strade, vie navigabili interne e rotte marittime a corto raggio collegate attraverso porti e terminali in tutta l’Unione.
di Gianpaolo Basoli*
Corridoi TEN-T
Intervista

Pierluigi Petrone, Presidente Assoram: sfide globali e nuove competenze del comparto healthcare

Il comparto healthcare oggi si trova ad affrontare nuove sfide che vanno oltre gli anni della pandemia: le mutate esigenze dei consumatori, sempre più vicini all’e-commerce, e gli equilibri internazionali che condizionano logistica e distribuzione. Uno sguardo alle sfide del futuro con il Presidente di Assoram Pierluigi Petrone.
di Susanna Fara
scuola
Istruzione

La Scuola di domani: tecnologie digitali e valorizzazione delle eccellenze

Tecnologie digitali e una gestione oculata dei fondi per valorizzare le eccellenze e la qualità: è questa la prospettiva sulla Scuola italiana individuata da Alessandro Curioni, Docente (Università Cattolica di Milano) e Presidente di DI.GI Academy.
di Massimiliano Cannata
scuola
maternità surrogata
Società

Maternità surrogata: italiani contrari, solo dai giovani segnali di apertura

Il 62,9% degli italiani si dichiara oggi contrario alla maternità surrogata, e solo i giovani mostrano segnali di apertura, dal momento che il 58% dei 18-24enni si dichiara favorevole. Ma il tema è complesso e maggiormente avversato dall’opinione pubblica italiana, da Nord a Sud e a dispetto anche del titolo di studio.
di redazione
maternità surrogata
animali
Animali

Vivisezione, caccia, allevamenti intensivi: cresce la sensibilità degli italiani verso il benessere animale

I diritti degli animali contano sempre di più per una maggioranza di italiani: il 76% è contrario alla vivisezione, il 73% agli allevamenti intensivi. I temi etici legati agli animali raccolgono quote consistenti di italiani contrari anche rispetto a vivisezione, caccia, pellicce, uso degli animali nei circhi.
di redazione
animali
corruzione
Internazionale

G7 Anticorruzione, un fenomeno che richiede un’azione globale

Il tema corruzione entra in agenda al G7 con il Gruppo di lavoro anticorruzione, proposto dal nostro Paese per avviare una azione collettiva rispetto a un fenomeno diffuso. Tra i punto fondamentali, l’educazione fin dalla prima età alla cultura della legalità e l’acquisizione di metodi di misurazione della corruzione su basi oggettive.
di Avv. Angelo Caliendo*
corruzione