Notice: Undefined offset: 1 in /home/awfdywmb/public_html/wp-content/themes/Newspaper-child/loop-single.php on line 27

Notice: Trying to get property 'cat_name' of non-object in /home/awfdywmb/public_html/wp-content/themes/Newspaper-child/loop-single.php on line 27
Osservatorio TG

Effetto Trump

I Tg di lunedì 29 maggio – Terminato il G7, molte testate tornano fin dai titoli ai rapporti tesi tra Stati Uniti e Germania sui temi del clima e sul protezionismo. Ampio spazio di riflessione su Tg5, che vi apre dedica la copertina, e Tg3 che a commento delle “scioccanti” dichiarazioni della Cancelliera Merkel (“non ci possiamo fidare degli Usa”) interpella l’ex premier Prodi, per il quale la “violenza del distacco da e di Trump è inattesa, ma potrebbe resuscitare patriottismo europeo”. Ma l’onda lunga del primo incontro europeo di Trump in qualche misura prende anche Tg2, che forse non casualmente apre sul centenario della nascita di un altro Presidente, J.F. Kennedy, quasi a contrapporre le “sue” aperture alle chiusure di Trump. Minor spazio, ma comunque accettabile attenzione,per l’incontro tra Putin ed il neopresidente francese Macron (titolo Tg1 e TgLa7), che ha visto quest’ultimo criticare il nuovo Zar per le violazione dei diritti umani in Cecenia e per le intromissioni russe nella campagna presidenziale francese. Sembra, insomma, che abbia ragione Prodi: rinascita di un orgoglio europeo?

Dopo giornate di politica latitante in prima serata, l’accordo PD-M5S che segna l’accelerazione sulla legge elettorale, con la scelta di un proporzionale alla tedesca, risulta primo titolo per Tg1, Tg3 e Tg La7, secondo per Tg4 e Tg5. Se in anni passato è stata la nostra economia ad arrancare dietro lo spread e il differenziale tra il costo del nostro debito e quello tedesco, a suscitare tensioni tra le forze politiche è ora un altro elemento “teutonico”: la soglia di sbarramento “tedesca” al 5%, uno scoglio insormontabile per i piccoli partiti, tra cui quello di Alfano. Tg La7 indaga i più vari scenari, dedicando nel complesso tre titoli più il sondaggio agli effetti che questi imminenti accordi potrebbero generare. Per il Tg di Mentana l’ipotesi di elezioni in autunno è così sicura che proporre in un titolo la data più “papabile”, domenica 22 ottobre.

Sempre per la politica, l’annuncio di Gentiloni di un piano quindicennale di investimenti infrastrutturali da 47 miliardi di euro è presente e alto nei titoli dei Tg Rai, ma nel complesso non riscuote grande interessa. Anche la “manovrina” passata in Commissione riceve appena menzione nei servizi (titolo Tg3), e neanche figura sui Tg Mediaset. A tenere banco, su Mediaset e non solo, i nuovi guai di Gianfranco Fini, a cui sono state sequestrate due polizze vita del valore o di 1 milione di euro nell’ambito dell’inchiesta sul riciclaggio di fondi da parte di suoi familiari (titoli anche per La7 e, Tg3.

Per l’economia, le dichiarazioni di Draghi sono alte per Tg2 ed i Tg delle 20, anche se il loro significato reale sarà risultato chiaro solamente agli “addetti”.

Sul tema dell’immigrazione, diverse testate riprendono i numeri degli sbarchi nelle ultime 48 ore, affiancate dalla denuncia di Bruxelles che accusa la maggior parte dei paesi europei di non adempiere ai propri doveri comunitari, lasciandoci la quasi totalità degli oneri dell’accoglienza. Tg3 propone un interessante servizio sulle falle della rete dell’accoglienza, consultando il sindaco di Prato Matteo Biffoni che di spende per l’accoglienza diffusa. Occorre soffermarci sul trattamento offerto da Tg4 ai temi dell’immigrazione. Stasera il Tg di Mario Giordano ha “dato i numeri”, parlando in conduzione di “10 mila arrivi in 48 ore” (sono stati 3.800), di cui “5 mila solo nei giorni del G7”, per “un raddoppio” rispetto all’anno scorso (l’aumento è, in realtà, del +34%). Ma c’è di più: nel giorno in cui il Parlamento Europeo si dimostra solidale al nostro Paese, per Tg4 invece “l’Europa bacchetta NOI per i mancati trasferimenti di minori fuori dall’Italia”. In un mondo in cui le fake news sono rampanti, queste “distrazioni” – che, ci auguriamo, siano state tali, – risultano ancora più gravi, e svilenti nei confronti di un pubblico inevitabilmente confuso e angosciato.

Ultime notizie
last20
Mondo

Oltre il G20: The Last20, il mondo visto dagli ultimi

The Last20 è l’iniziativa nata per portare in primo piano storie e testimonianze dai paesi collocati agli ultimi posti nel mondo per ricchezza e prestigio, in contrapposizione alla egemonia economica e politica dei Grandi del G20.
di Tonino Perna e Ugo Melchionda
last20
loot box
Economia

Loot box e gacha games: intrattenimento o gioco d’azzardo?

Loot box e gacha games sono due forme di intrattenimento virtuale e di profitto ancora non regolamentate in ambito fiscale. Utilizzate soprattutto dai giovanissimi nei giochi online, determinano una serie di microtransazioni il cui premio, o risultato, è sconosciuto, e dunque possono rientrare nel gioco d’azzardo.
di Giovambattista Palumbo*
loot box
giustizia riparativa
Giustizia

La giustizia che ripara. Nascono anche in Italia le prime città riparative

La giustizia riparativa mira a ricostruire lo strappo che un reato genera all’interno della collettività, mettendo in comunicazione e collaborazione vittima e autore del reato. A tale scopo sono nate anche in Italia delle città-laboratorio, come nel caso di Tempio Pausania, in Sardegna.
di Giuseppe Pulina
giustizia riparativa
ismea
Agricoltura

Proteggere i redditi agricoli da crisi ed eventi climatici: intervista a Camillo Zaccarini Bonelli, ISMEA

Camillo Zaccarini Bonelli, agronomo esperto di fondi comunitari in agricoltura e politica agricola comunitaria, descrive le soluzioni emerse recentemente per la gestione dei rischi in agricoltura, settore sempre più minacciato da eventi climatici estremi e crisi internazionali.
di Andrea Strata
ismea
gioco
Gioco

Giochi: rischio illegalità all’attenzione delle Regioni

Nei dati forniti dal Comitato per la prevenzione e la repressione del gioco illegale, nel periodo 2020-2021 sono state scoperte 250 sale illegali in pochi mesi, chiuse 100 bische e sequestrate 2 mila slot. Serve indagare le cause di un fenomeno in crescita, nonché sottrarre spazi alle attività illegali.
di Chiara Sambaldi e Andrea Strata
gioco
pnrr
Economia

Pnrr, raggiunti tutti gli obiettivi del primo semestre 2022

Pnrr, il nostro Paese ha raggiunto tutti i target del primo semestre 2022 stabiliti dalla Commissione Europea: 45 interventi, di cui 15 Riforme e 30 Investimenti. Il Mef ha poi inviato la richiesta di pagamento della relativa tranche alla Commissione per un totale di 21 miliardi di euro.
di Claudia Bugno*
pnrr
algoritmo antievasione
Fisco

Un algoritmo antievasione aiuterà l’azione di Agenzia delle Entrate e Guardia di Finanza

Si chiama VeRa l’algoritmo antievasione in grado di incrociare e confrontare i dati dei contribuenti per evidenziarne le irregolarità. Sarà un valido contributo alla lotta all’evasione fiscale per Guardia di Finanza e Agenzia delle Entrate, che avranno accesso ai database nel rispetto delle indicazioni del Garante della Privacy.
di Giovambattista Palumbo*
algoritmo antievasione
AFCTA
Economia

AfCTA un anno dopo: il continente africano guarda al modello Ue per il libero mercato

L’AfCTA è un accordo commerciale firmato e ratificato dalla maggior parte dei paesi africani che prevede tra gli Stati firmatari l’abbattimento dei dazi doganali e la semplificazione degli aspetti burocratico-amministrativi al fine di implementare la libera circolazione delle merci nel continente.
di ODDI EMANUELE
AFCTA
REPowerEU
Economia

REPowerEU, la transizione energetica nel nuovo scenario emergenziale

Il Piano REPowerEU è stato messo a punto dalla Commissione Europea per garantire la sicurezza energetica in Ue, accelerando al contempo la transizione verde delle fonti di energia. Il cambio di marcia è legato alla nuova emergenza energetica causata dal conflitto in Ucraina.
di Claudia Bugno*
REPowerEU
corporate warfare
Economia

Corporate Warfare: un fenomeno sottotraccia con riflessi importanti sulla collettività

La Corporate Warfare, ovvero la guerra aziendale compiuta con ogni mezzo e con le più moderne tecnologie, minaccia le sorti di imprese e settori economici, pubblici e privati, con riflessi sull’intera collettività.
di Alfonso M. Balotta
corporate warfare