L'opinione

Habemus Italicum

100
italicum

I Tg di lunedì 4 maggio – Dopo 14 mesi di percorso accidentato i Tg di serata esordiscono con la nuova legge elettorale, l’Italicum, che, in attesa della firma di Mattarella, si appresta ad entrare in vigore per essere, però, utilizzata non prima dell’estate 2016. Le critiche alla legge appaiono più che fondate, così come assolutamente fondata era l’esigenza di cambiare ciò che resta del porcellum “riveduto e corretto” dalla Corte Costituzionale. Le parole d’ordine delle diverse opposizioni vengono ancora una volta illustrate dalle diverse testate, ma nessuna riassume la storia recente per “ricordare” come e perché si è votata con tanta fretta una riforma che produrrà effetti tra più di un anno. Proviamo a farlo noi. 1) da circa un anno e mezzo la Consulta ha intimato ad un Parlamento in buona parte delegittimato perché eletto con una legge incostituzionale di cambiarla; 2) alla rielezione “forzosa” di Napolitano il vecchio-nuovo Presidente aveva esplicitamente chiesto la riforma; 3) nei 14 mesi e nelle 3 letture intercorse la riforma è stata più volte “riformata” e 3 volte votata ( 2 al Senato e 1 alla Camera), per altro senza voti di fiducia e con l’esplicito appoggio di Forza Italia; 4) le opposizioni che oggi hanno deciso di non partecipare al voto criticano l’Italicum da posizioni tra loro opposte; 5) la minoranza Pd (che oggi si è espressa con 45 “no” nella votazione finale) è legittimamente ma altrettanto chiaramente impegnata in una battaglia interna che poco ha a che fare con i contenuti della legge.
Avremmo molto apprezzato se qualche TG avesse chiarito ai teleutenti questi scarni elementi, ma anche stasera non è successo. Le “regole del gioco” nell’informazione sono così collegate a quelle delle fazioni politiche, così “intestine” e criptiche che anche chi non apprezza i contenuti dell’Italicum per onestà intellettuale non può accodarsi al coro dei contestatori, così come ai peana dei vincitori. Come abbiamo scritto qualche giorno fa non esistono, in politica e nella comunicazione, anime belle, e forse anche per questo ci meritiamo una legge elettorale alquanto brutta. Nei Tg di serata quasi ubiqua la Ministra Boschi, che ovviamente esprime la massima soddisfazione e minimizza le tensioni interne al Pd.
In attesa che “battaglia finale” si sposti al Senato per le riforme costituzionali, l’altro tema che “divide” e attira telecamere e servizi è la presentazione della giornata di sciopero della scuola contro la riforma di Renzi. Molti servizi, molti professori e sindacalisti della scuola intervistati, ma se il problema si risolve con il sì o con il no al Preside-Sceriffo – come in sostanza danno a intendere i Tg – stiamo proprio messi male.
Facendo un passo indietro, su tutte le testate le cronache del dopo-scontri a Milano. Paradossale l’editoriale di Liguori su Tg4 che accusa Viminale e vertici della sicurezza di aver usato atteggiamenti diversi: pavido con i black block e duro con i contestatori di Renzi a Bologna. Da notare, però, lo spazio relativamente contenuto alla mobilitazione civica dei milanesi che avrebbe meritato servizi più ampi. La “spiegazione” fa riferimento a quanto sopra esposto: buona parte della politica e dell’informazione sono così lontani dalla realtà che, ad esempio, risolvono il problema della sicurezza attaccando extracomunitari e rom, o non “colgono” qualcosa che è fuori dagli schemi perché non riferibile a questo o a quel potentato. E’ il caso delle spugne e le ramazze al centro di Milano, che ci sono piaciute moltissimo e segnalano come l’Expo sia stata “adottata” dagli italiani. Il corteo semi-spontaneo e “apolitico” dei 20 mila è una delle poche buone notizie emersa dalla pancia del Paese.

Dati auditel dei TG di domenica 3 maggio 2015

Tg1 – ore 13:30 4.970.000, 27,00% ore 20:00 5.480.000, 25,47%.
Tg2 – ore 13:00 2.733.000, 15,58% ore 20:30 1.991.000, 8,14%.
Tg3 – ore 14:30 1.388.000, 7,77% ore 19:00 1.787.000, 10,58%.
Tg5 – ore 13:00 2.812.000, 15,93% ore 20:00 3.511.000, 15,99%.
Studio Aperto – ore 12:25 1.582.000, 10,62% ore 18:30 1.127.000, 7,84%.
Tg4 – ore 11:30 805.000, 8,24% ore 18:55 765.000, 4,61%.
Tg La7 – ore 13:30 523.000, 2,85% ore 20:00 1.015.000, 4,67%.
Fonte:www.tvblog.it

Altre opinioni dell'Autore
International

Forum Cina Africa: investimenti e cancellazione del debito

Si è tenuto a Pechino ad inizio settembre il “Forum of China Africa Cooperation” (FOCAC) con la partecipazione di 53 capi di stato e di governo di tutti i Paesi africani e della dirigenza cinese.
di Paolo Raimondi
Salute

La bellezza è una scienza. I segreti della neuroestetica

Bellezza, arte, pelle e scienza. Il 21 e 22 settembre a Roma la decima edizione di DermArt, convegno internazionale che mette a confronto la clinica delle malattie della pelle con l’arte visuale e le scienze dell’osservazione
di Massimiliano Cannata
Società

Allarme scuola: le donne straniere adesso fanno meno figli

Gli studenti figli di immigrati sono costantemente cresciuti negli ultimi decenni. Ma l’equilibrio si sta infrangendo, i tassi di natalità delle donne immigrate sono in calo, e si può dire che gli alunni stranieri non bilancino più la perdita in atto
di Corrado Giustiniani
Europa

Tensione con l’Europa, Agea: “Lega e M5S non sono la stessa cosa”

Italia al braccio di ferro con l’Europa, Salvini sfida i partner tradizionali, Orban più vicino. Ma “Lega e M5S non sono la stessa cosa e sovrapporli è un errore madornale”. L'intervista all’europarlamentare M5S Laura Agea
di Valentina Renzopaoli
Società

Papa Bergoglio commuove la Sicilia. “La mafia è una bestemmia”

«Non si può credere in Dio ed essere mafiosi. Convertitevi». Così Papa Francesco in Sicilia nel ricordo di Padre Pino Puglisi, ucciso dalla mafia, interprete di una Chiesa di territorio e vicina agli ultimi.
di Alfonso Lo Sardo
Europa

Europa, l’inutile minaccia dell’Italia sul “bilancio”

L’Italia minaccia di tagliare il contributo dell’Italia al bilancio dell’Unione europea e il Commissario Ue agli Affari Economici, Pierre Moscovici, risponde chiedendo...
di Carmelo Cedrone
Il punto

Fallendo s’impara. La lezione della Lehman Brothers

Disfatta Lehman Brothers dieci anni dopo. La crisi che ha inaugurato ha avuto, per così dire, un "merito" speciale.
di Alberto Mattiacci
Recensioni

“C’è del marcio nel piatto”. Il cibo svelato da Caselli e Masini

L’agroalimentare è un “pilastro” dell’economia nazionale che genera business, ma anche “appetiti”, esercitati da organizzazioni criminali senza scrupoli. Il saggio, C’è del marcio nel piatto! svela gli aspetti drammatici di un fenomeno che interessa tutti
di Massimiliano Cannata
Economia

Harakiri Sicilia: quei 700 milioni che la Ue sta per riprendersi

La spesa comunitaria in Sicilia fa registrare una nuova battuta d’arresto. A tre mesi dalla scadenza annuale, il rischio oggi è che oltre 700 milioni di risorse europee possano ritornare alla casa madre.
di Alfonso Lo Sardo
Intervista

Legittima difesa, Urraro: “Tra Lega e M5S nessuna distanza”

“Nessuna distanza tra Lega e M5S sulla volontà di riformare la legittima difesa”. Il senatore pentastellato Francesco Urraro, membro della Commissione Giustizia spiega quali sono le “zone d'ombra” da chiarire per arrivare ad un momento di sintesi che contemperi le diverse esigenze.
di Valentina Renzopaoli