I professionisti dell’antimafia

I Tg di mercoledì 4 maggio – Ieri abbiamo scomodato Pasolini. Questa sera tocca a Sciascia introdurre le indagini che coinvolgono Pino Maniaci, storico conduttore di Teleiato ed icona del giornalismo antimafia, e che dimostrerebbero suoi tentativi di estorsione nei confronti di due sindaci. Lo sdegno e l’amaro in bocca sono trasversali, e la squallida vicenda è nei titoli per quasi tutte le testate.Tg3 e Tg La7 sottolineano che minacce di cui Maniaci aveva dichiarato di esser stato oggetto non provenivano da Cosa Nostra, ma dal marito dell’amante. “Professionisti dell’antimafia”: con questo termine Sciascia si riferiva a quelli che, combattendo la mafia “a parole”, ne adottavano nel privato le stesse pratiche, come ricordano sia Tg5 che Tg La7. Mentana fa di più: a fine servizio allarga sconsolato le braccia.

L’intervento alla Camera del premier Renzi sul caso Lodi durante il question time ottiene le aperture di Tg3, Tg5, Studio Aperto e Tg La7. La posizione del presidente del Consiglio, che esclude qualsiasi ipotesi di “complotto giudiziario” in merito all’arresto del sindaco Pd Uggetti, cozza per qualche ora con alcune voci dell’area della maggioranza, tra cui spicca quella del membro laico del Csm Fanfani con la richiesta di verifica del procedimento, rientrata nel tardo pomeriggio. Lo scambio in aula tra il Premier e Cinque Stelle è, come al solito, assai duro. Ampio spazio sui Tg Mediaset alle intercettazioni che proverebbero le pressioni esercitate dal sindaco sull’assegnazione degli appalti per le piscine pubbliche.

In tema di annunci, l’ipotesi di inserimento di misure per la flessibilità pensionistica nella Finanziaria 2017, avanzata sempre dal premier durante il suo consueto appuntamento con i social, irrompe nei Tg 20 guadagnando l’apertura di Tg1 e Tg2.

Se “la parola del premier” è profusa ampiamente nelle aperture, i molti elementi della proposta avanzata oggi dalla Commissione Europea per affrontare l’emergenza profughi trovano, nel complesso, spazi limitati sulle scalette. Maggiore anche in questo caso quello alle staffilate di Renzi contro le politiche chiusuriste dell’Austria, accusata di voler “coltivare la paura” (Tg4, Tg3, Tg1 e Tg La7); sono Tg3 e Tg La7 a entrare nel merito della proposta UE, che prevede anche multe da 250.000 euro a rifugiato per ogni paese che non accoglierà la sua quota. Sempre Tg La7 e Tg3 ci portano sulla tragica situazione di Aleppo, città bombardata “da tutti” (Tg3), con La7 che titola sull’accordo appena raggiuto tra Russia e Usa e che garantirebbe un unanime cessate il fuoco.

L’ “inarrestabile” (Tg5, Tg La7) ascesa di Trump, ormai de facto candidato repubblicano alle presidenziali 2016, ottiene titoli e servizi per tutti. Un’altra scalata, quella del leader leghista Salvini che, con la pubblicazione del suo primo libro, si annuncia di fatto la “nuova guida” del centrodestra invitando gli elettori FI ed ex FI ad abbandonare i “ruderi del passato”, ottiene l’attenzione delle testate Rai mentre non compare su quelle di Cologno Monzese.

A cinque giorni dall’arresto dell’uomo accusato dell’omicidio della bambina di Caivano, i disegni di Fortuna, comparsi e commentati nei giorni scorsi da quasi tutti gli esperti su Tg e programmi contenitori, scalano i titoli di Tg5 che ne discute a lungo con una psicoterapeuta. Ma gli eccessi di cronaca criminale si ripongono anche su Tg4, che non sazio del nuovo “caso”, invita il direttore della rivista Giallo a commentare le “lettere hard” scritte dal carcere da Bossetti, a processo per l’omicidio Gambirasio.

Segnaliamo in chiusura due diversi tipi di “testimonianza”. La prima, presente su Tg4 e Tg1, di una ragazza yasida sfuggita all’Isis dopo mesi di barbara schiavitù. L’altra, dal film sulla vita di Edson Arantes do Nascimento, ragazzino delle povere favelas brasiliani che, grazie al suo talento, sarebbe divenuto celebre al mondo come Pelè.

Ultime notizie
Relazione DIA
Criminalità e contrasto

Relazione Semestrale DIA, la mafia si insinua anche grazie ai traffici di droga e di armi

La Relazione DIA relativa al primo semestre 2023 è stata resa nota questa mattina. Le mafie emergono come fenomeni sempre più mutevoli che cambiano forme e modalità di azione, adattandosi ai contesti socio-economici. Il traffico di droga resta la fonte maggiore di profitto per i clan, mentre si rileva la presenza di un traffico di armi, anche da guerra.
di redazione
Relazione DIA
economia africana
Mondo

Come va l’economia africana? La realtà del Continente al di là dei macro-dati

L’economia del Continente africano crescerà tra il 3,8% e il 4% nel 2024 e sarà la seconda economia a livello mondiale dopo quella asiatica, ma i dati reali, non meramente legati a fattori economici, descrivono una realtà più incerta e mutevole, determinata dai conflitti, dall’instabilità politica e da disastri naturali ed eventi climatici, come la siccità.
di Emanuele ODDI*
economia africana
rimesse economiche
Immigrazione

L’importanza sociale delle rimesse economiche dei migranti

Le rimesse economiche dei migranti rappresentano una risorsa per il paese d’origine che le riceve, oltre a un diritto e un mezzo di emancipazione di molte famiglie dalla povertà. Ma allo stesso tempo, queste possono creare squilibri nel tessuto sociale: una ricchezza, dunque, che andrebbe guidata da progetti di investimento strutturati.
di Marco Omizzolo*
rimesse economiche
Intervista

Neuroscienze della narrazione, lo storytelling nell’era dell’Intelligenza artificiale

“Neuroscienze della narrazione” è il saggio di Marco La Rosa, pubblicato da Hoepli, che analizza presente e futuro dello storytelling nell’era dell’IA. Oltre al rischio di un eccessivo appiattimento dei contenuti, come già accade per le immagini generate da IA, La Rosa allerta sulla condizione dell’“uomo di vetro”, ovvero privato della sua riservatezza.
di Massimiliano Cannata
migrazione e asilo
Europa

Nuovo Patto europeo su migrazione e asilo, manca un vero equilibrio tra responsabilità e solidarietà

Il nuovo Patto europeo su migrazione e asilo ha generato notevoli perplessità sul fronte dei diritti umani e della solidarietà tra Stati Ue, in particolare sul trattamento dei minori e sulla possibilità data agli Stati membri di rifiutarsi di ospitare i richiedenti asilo in cambio di un contributo finanziario alla gestione dei processi di rimpatrio.
di Ugo Melchionda*
migrazione e asilo
violenza di genere
Società

Giovani e violenza di genere. I dati della Direzione Centrale della Polizia Criminale

Violenza di genere, un report del Servizio Analisi Criminale delle Forze di Polizia analizza il fenomeno in una ottica generazionale. I delitti in àmbito affettivo e familiare sono in calo, ma troppo spesso riguardano vittime e autori con meno di 34 anni, con prevalenza di giovani adulti. Il 76% delle donne vittime di violenze sessuali ha meno di 34 anni.
di redazione
violenza di genere
competenze digitali
Lavoro

Competenze digitali e nuove priorità nel mondo del lavoro, l’appuntamento Adnkronos Q&A

Attrarre nuovi talenti, valorizzare la formazione specifica e investire sulle persone: questi i temi al centro del nuovo appuntamento Adnkronos Q&A, con focus su parità e gender gap
di redazione
competenze digitali
Rapporto Italia
Rapporto Italia

Rapporto Italia, presentati i dati dell’Eurispes per il 2024

Rapporto Italia 2024, nelle parole del Presidente dell’Eurispes Gian Maria Fara un Paese al bivio, che ha bisogno di coraggio nelle scelte. Ma bisogna innanzitutto superare il “presentismo” che ha contraddistinto gli ultimi anni per scegliere con consapevolezza tra conservazione o futuro.
di redazione
Rapporto Italia
concessioni balneari
Diritto

Giurisprudenza amministrativa su concessioni balneari

Sulle concessioni balneari c’è bisogno di meno proroghe e più regole certe, ragionevoli e trasparenti, in quanto non è più possibile affidarsi solo agli esiti della giurisprudenza. I provvedimenti dovranno tenere in conto l’esperienza professionale e il know-how delle imprese, nonché tutelare gli eventuali investimenti già effettuati.
di giovambattista palumbo*
concessioni balneari
baby gang
Sicurezza

Baby gang tra realtà e percezione. Intervista a Stefano Delfini, Direttore Servizio Analisi Criminale della Direzione Centrale della Polizia Criminale

Il 36% degli italiani denuncia la presenza di baby gang nel proprio territorio, come emerge dal Rapporto Italia 2024. Ma non bisogna confondere realtà e percezione, afferma Stefano Delfini, Direttore del Servizio Analisi Criminale, che nel corso dell’intervista traccia un quadro del fenomeno criminale minorile nel nostro Paese.
di Susanna Fara
baby gang