I Tg da lunedì 5 a venerdì 9 febbraio 2018

Schermata 2018-02-10 alle 20.21.57

 

Tabella dei titoli in percentuale. Argomenti nelle titolazioni: 264; cronaca 33% (81 titoli), politica 22% (54 titoli), esteri 13% (33 titoli), sport e varie 12% (30), cultura e società 10% (25), economia 7% (16) ed interni 3% (7).

11 febbraio – Una settimana dell’informazione profondamente incentrata sulla cronaca, che ha occupato un terzo delle scalette con 81 titoli. Ad ottenere le maggiori coperture sono stati, inevitabilmente, le vicende di Macerata con il delitto di Pamela Mastropietro ed i raid razzista compiuto da Luca Traini che lo scorso sabato 3 ha causato il ferimento di 11 persone di colore. Ampio spazio anche alla morte di Jessica Faoro, 19enne uccisa nel milanese. Tg5 dedica ad entrambe le vittime la copertina dell’edizione di venerdì, parlando di una “tragedia di ragazze fragili”.

I fatti di Macerata, come notato da molti commentatori, sono stati predominanti sulla campagna elettorale: dei 54 titoli di politica, 19 rimandato al gesto di Traini, motivato in seguito dall’uomo come una reazione alla morte ed allo smembramento della giovane romana Pamela Mastropietro, delitto per cui risultava indagato (al 6 febbraio) solamente uno spacciatore nigeriano presente illegalmente sul nostro territorio. Si è così assistito ad un clamoroso riaffermarsi dei temi della sicurezza e dell’immigrazione sull’agenda elettorale, subito cavalcati dal leader di FI Berlusconi che nei titoli di lunedì parla di “bomba sociale” dovuta ai “600 mila immigrati arrivati nel Paese negli ultimi 5 anni”. Le ulteriori tensioni tra i partiti (Pd vs Lega su toni e temi delle dichiarazioni) come interne agli schieramenti sono state ampiamente riprese, con i Tg Mediaset più attenti agli scambi tra Pd ed Leu.

Davanti a tante prese di posizione, va segnalato come la maggior parte delle testate non ha proposto dati o riflessioni autonome, limitandosi a rilanciare quanto di già detto dagli esponenti politici sul fenomeno migratorio, sui delitti compiuti in Italia e sulla percentuali di questi causati da stranieri o migrati illegali. Eccezioni ci sono state su Tg3 e Tg2, con interviste ad esponenti della comunità nigeriana di Macerata, ma anche sul Tg4, che però ha riproposto dati di un rapporto della società geriatrica per rimarcare il “clima d’emergenza” per la sicurezza ed i rischi che minacciano gli anziani, suo target di riferimento.

Sugli altri fronti della politica, le vicissitudini che hanno coinvolto alcuni candidati sono state seguite da tutti, con adeguato spazio agli interventi dei 5 Stelle; le tensioni interne al centrodestra sui temi del programma condiviso sono state, come in altre settimane, non toccate nei titoli dei Tg Mediaset, accentuate su quelli dei Rai ed indagate da Tg La7. Segnaliamo in questo senso l’intervista in diretta di Mentana a Berlusconi nell’edizione di venerdì 9 all’interno di uno spazio di confronto che dalla prossima settimana ospiterà gli altre leader di questa tornata, e durante il quale il Direttore di Tg La7 ha ottenuto dall’ex cavaliere una risposta secca (subito ripresa dal Tg2) sulla possibilità di larghe intese con il Pd: “No, non c’è”.

Presenti fin dai titoli sulle testate Mediaset di martedì gli appelli della moglie dell’ex senatore Marcello Dell’Utri, detenuto a Rebibbia ed a cui è stata nuovamente rifiutata la richiesta di sospensione della pena per motivi di salute, motivata per il rischio di fuga. Sempre i Tg di Cologno Monzese di giovedì titolano sull’assoluzione di Guido Bertolaso nell’ambito dell’inchiesta sugli appalti della Maddalena perché “il fatto non sussiste”. Spazio anche su Tg La7, che offre un riepilogo più chiaro sui responsabili della vicenda.

Attenzione diffusa alle borse d’oltremare ed agli effetti che il crollo del mercato statunitense, dopo un periodo di grande crescita, sta portando sulle borse del vecchio continente. La vendita della linea ad alta velocità di Italo, che per due miliardi e mezzo passa al gruppo americano GIP, è oggetto di diverse coperture nelle edizioni di giovedì e venerdì (4 titoli). Da segnalare un editoriale del direttore del Tg3 Mazzà che ha lamentato come, all’interno del panorama nazionale, nessuna cordata imprenditoriale si sia attivata per conservare l’italianità di un servizio tanto propedeutico al turismo nazionale.

I dati dell’Istat che inquadrano un paese sempre più vecchio (l’età media della popolazione è 45 anni) e che nel 2017 ha toccato il record negativo delle nascite sono ripresi da tutti i Tg di giovedì. I buoni dati sulla crescita dell’industria dello scorso dicembre (3% annuo) sono rilanciati con maggiore chiarezza venerdì dalle testate Rai. Sempre venerdì, tutte le testate rilanciano l’allarme lanciato dalla Federazione italiana dei medici, che allerta come in 5 anni, a causa in un mancato ricambio “generazionale”, 14 milioni di italiani rischiano di trovarsi senza un medico di base (dati recentemente segnalati anche dal primo Osservatorio sulla Sanità dell’Eurispes).

L’avvio delle Olimpiadi Invernali in Corea del Sud, presentate da tutte le testate come le “olimpiadi del disgelo”, con gli atleti nord e sud coreani riuniti sotto alla stessa bandiera, viene celebrata da tutte le edizioni di venerdì (apertura di Tg3, Tg1 e Tg5). Va tuttavia segnalata, nel complesso, un’attenzione carente verso gli esteri, anche sul versante Usa: sia il terremoto a Taiwan che i disordini alle Maldive (titolo e copertina del Tg5), che i bombardamenti americani in Siria (titolo per Tg3 e Tg La7 di giovedì) sono stati ripresi solo da alcune testate. Un discorso diverso è valso per la visita di due giorni del Presidente Erdogan (chiamato espressamente “dittatore” nei titoli del Tg1) a Roma, in cui si è incontrato con Papa Francesco, Mattarella e Gentiloni. Buone coperture per tutti anche delle manifestazioni, con Mentana che commenta a fine servizio come, nonostante la durissima politica Erdogan contro i suoi nemici (i curdi, la stampa libera), ci sono per l’Italia in gioco affari miliardari.

Tra le varie ed eventuali, segnaliamo:
L’apertura del Tg5 di lunedì, dedicata alla scelta di Patrizia Cocco, 49enne malata di sla, di avvalersi per prima del diritto a non essere alimentata garantitole dalle legge sul bio testamento appena approvata. Titolo anche per Tg4, presente anche sulle testate Rai;
Il titolo del Tg3 di lunedì, dedicato alla premiazione da parte del Presidente Mattarella degli eroi civili. Nel servizi viene presentata la figura di Emanuela Sabatini, impegnata da anni in India per dare un futuro a quei bambini nati in condizioni di povertà e degrado;
La copertina del Tg5 sull’incidente allo stabilimento di rifiuti speciali di Bulgaro Grasso, che ha causato un rogo ed il ferimento di 9 operai (ripresa da tutte le testate di mercoledì).

Luca Baldazzi

Ultime notizie
concessioni balneari
Diritto

Giurisprudenza amministrativa su concessioni balneari

Sulle concessioni balneari c’è bisogno di meno proroghe e più regole certe, ragionevoli e trasparenti, in quanto non è più possibile affidarsi solo agli esiti della giurisprudenza. I provvedimenti dovranno tenere in conto l’esperienza professionale e il know-how delle imprese, nonché tutelare gli eventuali investimenti già effettuati.
di giovambattista palumbo*
concessioni balneari
baby gang
Sicurezza

Baby gang tra realtà e percezione. Intervista a Stefano Delfini, Direttore Servizio Analisi Criminale della Direzione Centrale della Polizia Criminale

Il 36% degli italiani denuncia la presenza di baby gang nel proprio territorio, come emerge dal Rapporto Italia 2024. Ma non bisogna confondere realtà e percezione, afferma Stefano Delfini, Direttore del Servizio Analisi Criminale, che nel corso dell’intervista traccia un quadro del fenomeno criminale minorile nel nostro Paese.
di Susanna Fara
baby gang
d-day
Center-news

80 anni fa il D-Day che segnò la fine del nazismo

D-Day, il giorno che segnò la fine del nazismo con lo sbarco in Normandia: il 6 giugno ricorrono gli 80 anni dall’operazione che decise un nuovo corso per la storia. Ma la memoria storica è a rischio, senza la trasmissione generazionale della memoria e con la riduzione a fiction del nostro passato, come spesso avviene nelle serie tv.
di Giuseppe Pulina*
d-day
agricoltura
Agricoltura

Agricoltura, innovare è possibile: intervista a Enrico Dall’Olio, ad di Agribioenergia

In agricoltura, per innovare c’è bisogno di immaginare come vorremmo che fosse il nostro Paese tra 30/50 anni, senza perdere di vista dove siamo e in quale epoca storica, ambientale, economica e culturale viviamo. L’intervista a Enrico Dall’Olio, ad di Agribioenergia.
di Redazione
agricoltura
Criminalità e contrasto

Criminalità minorile e gang giovanili. I dati

Il Report “Criminalità minorile e gang giovanili”, il report realizzato dal Servizio analisi criminale è stato presentato questa mattina a Roma, presso la...
di redazione
Lavoro

La “mobilità circolare” dei giovani nell’area mediterranea

I giovani protagonisti del cambiamento Lo spazio Mediterraneo è un bene comune (“common good”) che appartiene a tutti gli Stati della UE ed...
di Avv. Angelo Caliendo*
Osservatorio sulla PA

Equo compenso o tariffazione?

Se solo il Codice dei Contratti fosse stato promulgato il 1° luglio 2023 (data della sua entrata in vigore) oggi non dovremmo affrontare questa spinosa questione, circa la portata e le modalità applicative della legge n. 49 del 21 aprile 2023 che ha introdotto “l’equo compenso” per i professionisti. Disposizione che di fatto modifica i criteri di aggiudicazione previsti nel Codice degli Appalti, vincolando il prezzo dei servizi professionali, o almeno così sembrerebbe.
di redazione
Intervista

Insularità, PNRR, fondi europei: il caso Sicilia

A più di un anno dall’introduzione nella nostra Costituzioni del principio di Insularità sono corrisposte politiche di sostegno e finanziamento delle attività necessarie a realizzare tale principio? Qual è l’incidenza dei fondi europei sulle attuali politiche di rigenerazione urbana e di sviluppo delle isole? Ne abbiamo parlato con chi ogni giorno deve confrontarsi con la gestione di una realtà complessa come quella della città di Catania: l’ingegner Biagio Bisignani, Direttore URB@MET.
di redazione
corse
Intervista

L’insularità possibile: il caso Corsica. Intervista a Marie-Antoinette Maupertuis, Presidente dell’Assemblea corsa

La Corsica è uno dei modelli europei in merito all’insularità e alle iniziative intraprese per favorire la coesione territoriale e l’autonomia fiscale necessaria per l’economia corsa, dinamica ma gravata da una “crescita depauperante”. Ne parliamo con l’Onorevole Marie-Antoinette Maupertuis, economista e Presidente dell’Assemblea della Corsica.
di Daniela Pappadà
corse
corse
Osservatori

Insularité possible: le cas de la Corse. Entretien avec Marie-Antoinette Maupertuis, Présidente de l’Assemblée de Corse

Insularité possible: entretien avec l’Honorable Marie-Antoniette Maupertuis, Presidente de l’Assemblee de Corse.
di Daniela Pappadà
corse