I Tg dal 26 al 30 marzo 2018

Schermata 2018-03-31 alle 21.48.09

Tabella dei titoli in percentuale. Totale titoli: 205. Argomenti presenti nelle titolazioni: 231; cronaca 41% (95 presenze, per il 46% dei titoli), politica 24% (55 presenze, per il 27% dei titoli), esteri 11% (27 presenze, per il 13% dei titoli), sport e varie 7% (17), interni 5% (11), cultura e società 4% (8), ed economia 4% (8)

31 marzo – Una settimana dell’informazione profondamente segnata dalla cronaca, a cui vanno quasi 100 titolazioni. L’allarme terrorismo domina sulle scalette, con i numerosi arresti di questi ultimi giorni che si accompagnano alle misure di sicurezza approntate in vista delle festività pasquali: 27 i titoli da martedì a venerdì, tra cui diverse aperture dei Tg Mediaset. Lo smantellamento tra Roma e Latina della cellula terroristica che aveva supportato Anis Amri, l’attentatore del mercato di Natale di Berlino, è primo titolo per Tg1 e Tg5. Grande spazio anche all’intervento del ministro Minniti di mercoledì, che giovedì fa l’en plein sulle scalette apparendo 
un’intervista sul Tg1 e, di persona, nello studio di Tg5, ribadendo in entrambe le occasioni come i concreti rischi per il nostro Paese non stanno venendo sottovalutati – cogliendo l’occasione, sull’ammiraglia Rai, per segnalare come da quasi un anno i flussi migratori che interessavano l’Italia siano stati in larga parte contenuti. Segnaliamo, per lo stesso giorno, una forte rivendicazione espressa nella copertina della prima rete Mediaset. Per il Tg5 la minaccia del terrorismo, nonostante la sua concretezza, non è riuscita né riuscirà a cambiare la vita degli italiani, e questo in primo luogo grazie all’eccellente lavoro delle nostre forze dell’ordine sul territorio.

L’altro “fatto” della settimana è stata la morte di Fabrizio Frizzi, amato conduttore del servizio pubblico la cui improvvisa scomparsa è stata compianta da tutti. Al di là delle aperture delle testate Rai tra lunedì e mercoledì (titoli ed aperture anche per i Mediaset), quella che è andata in scena è stata la celebrazione “corale” di una figura positiva, il cui impegno per quarant’anni nel servizio pubblico gli era valso non solo il rispetto dell’intero mondo della comunicazione ma l’affetto sincero di decine di migliaia di telespettatori, arrivati nel tempo a vederlo come una “persona di famiglia” (Tg5), come dimostrato dalla folla che martedì e mercoledì ha visitato la camera ardente a Viale Mazzini e la Chiesa degli Artisti di Piazza del Popolo, luogo del funerale.

A latere di questi eventi, la piaga delle morti bianche, con i suoi numeri per nulla incoraggianti nei primi mesi del 2018, ritorna da mercoledì in agenda a seguito dell’incidente di mercoledì al porto di Livorno costato la vita a due operai, ed a cui è seguita una fiaccolata di protesta nei giorni successivi: 9 i titoli, tra cui l’apertura di Tg3 e di Studio Aperto di mercoledì.

Per la politica, a tenere banco sono i tentativi di dialogo tra Lega e M5S in vista delle convocazioni del 3 aprile, marcati da metà settimana dall’alzarsi dei toni tra i due leader. Le testate Mediaset colgono l’occasione nel corso della settimana per rassicurare l’alleanza rinsaldata tra Lega e FI, con Salvini che si rifiuta di mettere all’angolo Berlusconi a vantaggio dei pentastellati, e che già si prefigurerebbe un ritorno alle urne. Tg La7 esplora più nel dettaglio i temi della contesa, che dietro alle accuse reciproche di protagonismo si sostengono invece sulla realizzabilità dei rispettivi primi punti della campagna elettorale: flat tax e reddito di cittadinanza. Su quest’ultimo fronte sempre Tg La7 titola venerdì sulle aperture che si registrano da parte della Lega verso questo tema caldo dei 5 Stelle. Presenti, ma con minori coperture, la divisione degli altri incarichi nel Parlamento, con il Partito Democratico che lamenta di essere stato messo all’angolo.

Per gli esteri, il riesplodere delle violenze lungo la Striscia di Gaza, con la protesta della “Marcia del ritorno” organizzata da Hamas che è degenerata a contatto con le forze israeliane, portato a 12 vittime tra i palestinesi, si impone sulle edizioni di venerdì: apertura per i Tg Rai e La7.

La guerra di spie prosegue “sottotono” sulle scalette (4 titoli), con la Russia che risponde all’ostracismo internazionale rimandando indietro oltre 150 diplomatici ai paesi d’origine. Da segnalare l’augurio rivolto dalle autorità russe al governo italiano di prossima formazione, che sperano possa adottare una politica diversa.

Lo scandalo datagate che continua a far tremare Facebook fa anche lui sporadiche apparizioni tra i servizi, con titoli solo per Tg3 e Tg La7. Maggiore interesse hanno avuto, nel complesso, gli spostamenti del dittatore coreano Kim Jong-un, che tra lunedì e martedì sarebbe stato in segreto in visita a Pechino per coordinarsi con il leader cinese Xi Jinping in vista dell’incontro con Trump di maggio.

Segnaliamo, tra le varie ed eventuali:

L’attenzione del Tg2 verso il caso dell’ex presidente Catalano Puigdemont, il cui arresto ha nuovamente esacerbato le tensioni in Catalogna (titoli lunedì e martedì). Illuminante in questo senso l’intervento di Enzo Cannizzaro, docente di diritto internazionale alla Sapienza, che in un servizio del Tg2 di martedì segnala come il reato di sedizione – per il quale Puigdemont è stato arrestato in territorio tedesco – non è un reato che rientra nelle leggi “europee”, né figura tantomeno nel codice tedesco, e che quindi le autorità tedesche non sarebbero obbligate a riconsegnarlo alla Spagna.
La copertura del Tg La7 di martedì sul sequestro della nave Open Arms, convalidato dalla procura di Catania benché sia decaduta l’accusa più grave che pendeva sulla Ong spagnola Pro-activa, quella di associazione a delinquere finalizzata all’immigrazione clandestina;
Il servizio del Tg1 di giovedì sulla guerra in Siria, in cui si riporta della continua avanzata delle forze di Erdogan nei territori Curdi;
Il titolo di giovedì di Tg La7 alle elezioni in Egitto, dove il presidente Al Sisi ha stravinto ottenendo il 92% delle preferenze; si è trattata, purtroppo, di una votazione fasulla, visto come Al Sisi aveva precedentemente stroncato ogni opposizione con una politica di repressione spietata, tutto questo nel silenzio della comunità internazionale a cui “fa comodo” avere un alleato contro il Daesh; ma queste elezioni – segnala sempre Tg La7 – sono comunque un campanello d’allarme per il leader egiziano visto come, in tre giorni di voto, solo il 40% della popolazione è andata alle urne;
Il titolo di Studio Aperto di giovedì dedicato all’atleta paraolimpico italiano Andrea Cusateri, campione di ciclismo privo di una gamba di cui si seguono gli allenamenti.

Luca Baldazzi



Ultime notizie
metaverso
Futuro

L’universo nel Metaverso. Intervista a Barbara Caputo, Ordinaria di Intelligenza Artificiale al Politecnico di Torino

Una conversazione sul Rapporto Italia 2022 con la Professoressa Barbara Caputo, Ordinaria di Intelligenza Artificiale al Politecnico di Torino e autrice del saggio del Rapporto costruito attorno alla dicotomia Metaverso/Universo.
di Alberto Mattiacci
metaverso
grano
Agricoltura

Grano: una guerra globale

La “battaglia globale del grano” ha ormai reso evidenti i suoi effetti, anche in Occidente: aumento dei prezzi di beni essenziali come il pane, la pasta o la farina, a cui si aggiungono quelli dei carburanti, oli vari, energia elettrica e legno.
di Marco Omizzolo
grano
nft
Diritto

NFT: le opere d’arte e il diritto. Il ruolo dei musei

L’opera d’arte nell’epoca degli NFT Walter Benjamin nel saggio del 1936 “L’opera d’arte nell’epoca della sua riproducibilità tecnica” affronta, tra i primi, la criticità della...
di Alessio Briguglio*
nft
upskilling
Economia

Upskilling nella Pubblica amministrazione tra esigenze, opportunità e rischi

L’upskilling, ovvero il miglioramento del profilo professionale, nella PA può tradursi in un investimento per la crescita dell’intero settore pubblico, in un’ottica di maggiore fluidità e intercambiabilità di ruoli e mansioni. Importante è far corrispondere alla crescita delle competenze anche progressioni di carriera.
di Simone Cannaroli
upskilling
continete africano
Mondo

Social media e movimenti di protesta nel continente africano

Il continente africano sta registrando negli ultimi anni un incremento delle proteste giovanili, dovute non solo alla marginalizzazione dei giovani dalla vita politica ed economica: una maggiore accessibilità ad Internet data dalle reti mobili e la diffusione dei social network hanno facilitato le organizzazioni e il dibattito pubblico.
di EMANUELE ODDI
continete africano
anac
Criminalità e contrasto

Anac presenta oggi la sua Relazione annuale alla Camera dei Deputati

Anac presenta oggi la Relazione sulle attività svolte e traccia un bilancio della corruzione in Italia nel 2021. Il nostro Paese migliora di 10 posizioni nell’Indice della percezione della corruzione, ma il Presidente di Anac Busìa pone l’accento sulla importanza di prevenire la corruzione.
di redazione
anac
sughero
Ambiente

Foreste di sughera, una risorsa da difendere per la rinascita dei territori rurali

In Sardegna si concentra circa l’85% delle foreste italiane di sughera, e nel Nord Est è presente la gran parte del patrimonio regionale. Il Report presentato oggi da Eurispes documenta la crisi del settore del sughero nei territori coinvolti e ne valorizza potenzialità e risorse, in primis quelle ambientali e turistiche.
di Carlo Marcetti*
sughero
guardia di finanza
Criminalità e contrasto

Guardia di Finanza, azione costante a tutela di spesa pubblica e cittadini

Per il 248esimo anniversario della sua fondazione, la Guardia di Finanza pubblica un bilancio operativo relativo agli interventi del 2021 e dei primi 5 mesi del 2022. Nel periodo di riferimento, la Guardia di Finanza ha eseguito più di un milione di interventi ispettivi che hanno dato origine a circa 74 mila indagini a contrasto di illeciti in campo finanziario ed economico e delle infiltrazioni criminali.
di redazione
guardia di finanza
Economia

Politiche per la coesione, una sinergia con il Pnrr per la crescita

Il 10 giugno scorso l’Italia ha trasmesso il testo finale dell’Accordo di Partenariato 2021-2027. Il documento, presentato in una sua prima versione...
di Claudia Bugno*
Africa criptovalute
Economia

Africa 2022: il ruolo delle criptovalute

In Africa le criptovalute crescono in maniera costante, tanto che la Repubblica Centrafricana ha adottato la criptovaluta bitcoin come moneta nazionale. Ma se da un lato la criptovaluta incentiva il movimento di denaro per imprese e rimesse provenienti dall’estero, dall’altro pesano le carenze in infrastrutture energetiche e regolamentazione.
di Emanuele Oddi
Africa criptovalute