I Tg dall’11 al 15 giugno 2018

195

Schermata 2018-06-16 alle 23.12.14

Tabella dei titoli in percentuale. Totale titoli: 191. Argomenti presenti nelle titolazioni: 275; cronaca 27% (74 presenze, per il 39% dei titoli), politica 25% (68 presenze, per il x35% dei titoli), esteri 22% (60 presenze, per il 31% dei titoli), sport e varie 8% (23), cultura e società 8% (22), interni 6% (16) ed economia 4% (12).

17 giugno – Dopo mesi di edizioni dominate da elezioni e problematiche di governo, la cronaca torna ad imporsi sulle scalette fin dalle aperture di lunedì. L’epopea della Nave Acquarius, con a bordo il suo carico di 629 migranti rifiutati dai porti maltesi e che si sono visti chiudere, per decisione del ministro dell’interno Salvini, anche quelli italiani, ottenendo dopo una domenica d’incertezze l’asilo della Spagna di Sanchez, riporta in primo piano gli sbarchi e le problematiche dell’accoglienza, condizionando per lunghe giornate il dibattito politico. Se le opposizioni criticano duramente la linea del leader leghista, martedì tutti gli schieramenti fanno quadrato con la maggioranza guidata da Conte nel respingere al mittente le accuse di “cinismo” e di “politiche vomitevoli” della Francia di Macron, con le testate delle 20 di martedì che colgono l’occasione per rinfacciare alla diplomazia francese la sua politica di respingimenti duri lungo il confine di Ventimiglia, parlando apertamente di “doppiezza”. Vari gli analisti ed i commentatori proposti dalle testate, con Tg2 che mercoledì raccoglie un’intervista molto critica del Presidente del Parlamento Europeo Tajani, che auspicava compensazioni da parte della Francia, mentre Tg1 chiama per la prima volta in diretta Rai il neoministro Enzo Moavero Milanesi. 


Dopo l’acuirsi delle tensioni tra Roma e Parigi di Mercoledì, che avevano messo in forse l’incontro tra Conte e Macron, a seguito di un giovedì pacificatore i due leader si sono comunque incontrati venerdì, arrivando a sostenere di voler esercitare un impegno collettivo per far “voltare pagina” alla politica europea in merito alle tematiche dell’accoglienza. Belle parole, segnale di una “pace ritrovata” che però poco convince Enrico Mentana. Per il conduttore di Tg La7, infatti, sarebbe un errore derubricare a “scherzo” il fortissimo scambio di martedì, per il quale la Francia dovrebbero comunque essere chiamata a rispondere con i fatti.

Assorbita dallo scontro internazionale sul problema dell’accoglienza europea, che pure ha trovato per il nostro Paese un diffuso sostegno sia da Bruxelles che da parte di Austria e Germania, la maggior parte delle testate lascia passare in secondo piano il viaggio della Acquarius e la nuova, allarmate ondata migratoria. Discorso diverso vale per Tg3, che nel corso di più giornate dedica interessanti approfondimenti sull’attuale situazione libica, arrivando già lunedì ad indicare ragioni e possibili responsabili per questo improvviso riaprirsi dei flussi, ascrivibili in primo luogo alle operazioni militari del generale Haftar in tripolitana.

Spazi minimi lunedì ai risultati delle elezioni amministrative, che vedono la destra avanzare trainata dalla Lega ed il Pd mantenere qualche posizione mentre M5S rimane fuori da molti ballottaggi. Il completamento della squadra di governo con la nomina dei sottosegretari è titolo mercoledì solo per il Tg La7.

Ma fuori dall’orizzonte del fenomeno migratorio, la cronaca ha continuato a scalare le aperture anche a seguito del nuovo scandalo che ha colpito la Capitale: l’inchiesta per corruzione relativa alla variazione del progetto del nuovo stadio della Roma, che vede imputati l’imprenditore Parnasi ma anche molti nomi noti della politica, su cui spicca quello di Luca Lanzalone, uomo M5S mandato a Roma su chiamata diretta di Grillo e Casaleggio e divenuto nel frattempo presidente Acea (dimissionario da giovedì). Grandissimo spazio sul Tg Mediaset già da mercoledì (apertura del Tg5), impegnati nelle ultime settimane in una sensibile campagna di messa alla berlina della giunta Raggi a fronte delle molte promesse mancate dall’amministrazione 5 Stelle (a cui sempre il Tg5 aveva martedì dedicato un approfondimento).

Passando agli esteri, lo storico vertice tra Donald Trump e Kim Jong Hun che sembra pavimentare la strada per la denuclearizzazione della Corea del Nord, se risulta schiacciato sulle scalette, riceve martedì adeguati spazi di approfondimento. Tg3 chiama a commentare il summit Ferdinando Nella Feroci, che riconosce il merito di entrambe le parti, osservando come con questa mossa Trump abbia guadagnato punti che gli servono a livello internazionale. Sempre Trump si impone sulle testate di venerdì con la decisione di porre dazi su oltre 1000 prodotti esportati in America dal mercato cinese.

Per la cronaca, molte le vicende di sangue seguite dalle testate, con Tg2 che continua a scandire con gravi accenti il numero dei femminicidi, arrivati questa settimana a 33. Buone le coperture nei servizi di martedì sull’arresto dei 25 esponenti del clan rom dei Di Silvio in provincia di Latina.

Diffusi a macchia di leopardo sulle testate alcuni dati sulla società italiana. Tg1 titola lunedì sull’aumento dell’occupazione nel primo trimestre. Sempre i Tg Rai riportano mercoledì i dati sulla popolazione italiana in calo, scesa quest’anno di 100mila unità con le nascite al minimo storico. Tg5 giovedì propone una riflessione sull’occupazione giovanile, che vede un milione e mezzo di under35 svolgere un lavoro inadeguato al proprio titolo di studio, nell’inefficacia dei centri dell’impiego. Anche Tg La7 titola venerdì sui giovani, affrontando però un altro estremo, quello della generazione Neet, ossia l’ampia percentuale di ragazzi tra 18 e 24 anni, ¼, che in Italia non studia, non lavora né tantomeno lo cerca.

Per il resto, grande giubilo fin da lunedì sulle testate Mediaset per l’inizio questo giovedì dei Mondiali di Russia 2018, grande competizione calcistica di cui le reti di Cologno Monzese si fanno belle dell’esclusiva per poterla trasmettere, sospendendo in alcuni casi le edizioni di Studio Aperto e Tg3.

Tra le varie ed eventuali, segnaliamo:

– l’attenzione del Tg3 di lunedì alla testimonianza del giornalista Paolo Borrometi, minacciato dalla mafia e che in aula a Siracusa ha potuto godere della vicinanza dell’FNSI, con un intervento del Presidente Giulietti;

– il servizio del Tg La7 di venerdì che torna sulla vicenda tragicomica del tribunale di Bari, dove si svolgono da 2 settimane i processi in un campo di tende approntato dalla protezione civile, reso giovedì inagibile dalle forte piogge;

– l’inchiesta del Tg2 sui recenti casi di violenza sui treni condotta dal redattore Francesco Vitale, che oltre a marcare la scarsa sicurezza su alcune tratte inquadra le difficoltà a cui si trovano quotidianamente esposti i pendolari su linee e vagoni che vanno rimodernati;

– il servizio, sempre del Tg2 di venerdì, su di una donna del Ruanda che arrivata come profuga 10 anni fa ha costruito una cooperativa impegnata nel fornire assistenza ad altri migranti che arrivano nel Paese, a cui lavorano 150 persone.

Luca Baldazzi

Ultime notizie
Politica

Un 2 giugno dedicato alla Repubblica e alla ripartenza dopo il Covid-19

Nonostante la mancanza di celebrazioni per la nascita della Repubblica e della Costituzione a causa delle restrizioni Covid, rimane il senso della “festa nazionale”. Nei momenti drammatici, come la ripartenza dopo la pandemia, serve richiamarsi allo spirito di unità su obiettivi di lungo periodo: il progetto di società moderna, progredita e solidale.
di Angelo Perrone
Intervista

La vera Fase 2 per l’Italia comincia dal merito

La crisi del lavoro che si intreccia con l’eclissi del merito si presenta molto grave in tutte le realtà territoriali. «Quello che ci vuole è una rivoluzione gentile ma irreversibile, che porti a sovvertire il sistema di potere che vige in Italia da secoli», sostiene Maria Cristina Origlia, autrice del saggio Questione di Merito.
di Massimiliano Cannata
Sicurezza

Coronavirus, lo spettro del disagio sociale e il ruolo dell’intelligence

All’attenuarsi dell’emergenza sullo sfondo si intravede, abbastanza prossimo, il fantasma del disagio sociale. L’intelligence ha il compito primario di monitorare il disagio sociale che può rappresentare non solo un’area di reclutamento per la criminalità, ma che si può trasformare anche in un problema di ordine pubblico. Il contributo del Prof. Mario Caligiuri.
di Mario Caligiuri
Società

Fase 2, la sfida dei Sindaci. Antonio Decaro: “Le risorse del Governo non sono sufficienti”

Fase 2: «I soldi che il Governo ha stanziato per Bari finora, e che arriveranno alla cifra di tre miliardi di euro complessivi, non saranno sufficienti. Per evitare che i Comuni debbano spegnere le luci o lasciare i rifiuti per strada, l'interlocuzione dell'Anci con il Governo è incessante». Lo sostiene il Sindaco di Bari e Presidente dell'Anci, Antonio Decaro.
di Valentina Renzopaoli
Recensioni

Libri, disponibile in Open access “Il Segretario, lo Statista. Aldo Moro dal centro-sinistra alla solidarietà nazionale”

È disponibile da oggi in Open access il volume collettivo dal titolo "Il Segretario, lo Statista. Aldo Moro dal centro-sinistra alla solidarietà nazionale", curato da Alessandro Sansoni, Pierluigi Totaro e Paolo Varvaro.
di redazione
Società

A proposito del lockdown

«L’inglese ha ormai invaso la nostra vita quotidiana, e il suo utilizzo segna la separazione tra le diverse Italie. Tuttavia, le Istituzioni...
di Gian Maria Fara
Innovazione

Fase 2, le mappe ESRI per prevenire nuovi contagi

Le mappe ESRI sono quelle, ormai famose, "nere con i puntini rossi”, strumenti indispensabili per chi sta combattendo il virus in tutto il mondo. I dati provengono dall’OMS elaborati secondo gli algoritmi scelti dagli studiosi della Università americana Johns Hopkins, e girano sulle piattaforme di geografia digitale ESRI Inc.
di Emilio Albertario
Innovazione

Utilizzo previsto delle risorse ospedaliere a supporto dei pazienti Covid-19 Italia nei paesi SEE e USA

L’IHME ha prodotto previsioni che mostrano l’utilizzo dei letti d’ospedale, la necessità di letti in terapia intensiva e l’utilizzo dei ventilatori durante la pandemia, basandosi sul numero di decessi previsti per gli Stati Uniti – a livello nazionale e subnazionale – e dei paesi dello Spazio economico europeo (SEE).
di Maria Cristina Guarini
Approfondimenti

Stiamo combattendo il Coronavirus ma ci siamo dimenticati l’emergenza ambientale

Potremmo riassumere nella parola “vulnerabilità” quanto avvenuto in questi mesi nel mondo con l’emergenza causata dalla pandemia da Covid-19. Non era mai...
di Angelo Bonelli
Europa

Dove va l’Europa. Dacia Maraini: “L’Unione va difesa a tutti i costi”

Di fronte alla pandemia, l’Europa si sta dimostrando incerta e sbandata. A 75 anni dalla fine della guerra, nemmeno di fronte ad un dramma sanitario come il Coronavirus, l’Unione, meglio alcuni paesi, sono in grado di indicare e di “giustificare” la “ragione” dello stare insieme. L'intervista a Dacia Maraini.
di Carmelo Cedrone