I Tg dall’8 al 12 gennaio 2018

Schermata 2018-01-13 alle 17.11.11

Tabella percentuale dei titoli. Totale titoli: 210; politica 30% (60 titoli), cronaca 27% (55 titoli), interni 15% (32 titoli), esteri 9% (21), sport e varie 8% (17), cultura e società 7% (16) ed economia al 4% (9).

13 gennaio – Di ritorno dalle vacanze la campagna elettorale primeggia con i suoi consueti toni, guadagnando nel corso della settimana 42 titoli, e 4 aperture su 7 nella giornata di lunedì. Più di metà dei servizi hanno riguardato lo schieramento del centrodestra, con 25 titolazioni, mentre le prove di intesa tra Pd e LeU sono presenti in 17 titoli. Come segnalato in precedenti analisi, le tre testate Mediaset mostrano un certo “pudore” nel riprendere i contrasti interni allo schieramento del centro destra: le divergenze tra Forza Italia e Lega su Legge Fornero ed obbligatorietà dei Vaccini, entrambi oggetto degli attacchi di Salvini, hanno latitano nei titoli e non sono state rimarcate nei servizi, e lo stesso vale per le tensioni tra Maroni e Salvini. Assai più spazio è andato alla “nota telefonata” (Tg4) di De Benedetti al suo broker in merito all’acquisto di azioni di Banca Popolare su indicazione di Renzi, molto presenti nelle edizioni di mercoledì e giovedì.

Sempre in spirito di campagna elettorale si è parlato molto anche dei problemi che interessano in questi giorni Roma Capitale, in primo luogo l’emergenza rifiuti, ma più in generale la scarsa capacità di governo della giunta Raggi: 9 titoli e diversi servizi, soprattutto sulle testate Mediaset. Su questo fronte va segnalato il clamore che ha accompagnato alcune frasi pronunciate questo venerdì 12 dal premier Gentiloni sempre in merito ai limiti dell’attività dell’azione del Campidoglio, una dichiarazione che ha monopolizzato la pagina politica con titoli per tutti e aperture di Tg5, Tg La7 e Tg4, che parla di un “attacco violentissimo”. Per alcuni (Mentana) si può parlare di una “scesa in campo” di Gentiloni nell’agone della campagna elettorale. Dal video delle sue dichiarazioni, esse risultano comunque assai pacate. Diverso giudizio sulle considerazione più “aggressive” del ministro Calenda, cui è seguita la piccata risposta della sindaca Raggi.

Giovedì scorso la Agcom ha varato il nuovo regolamento per la Par Condicio, che farebbe riferimento anche ad un equilibrio dei giornalisti politicamente schierati oltre a quello degli esponenti di partiti e movimenti. Enrico Mentana ha puntualmente  “respinto al mittente” questa parte del regolamento, ricordando che la legge non prevede il contingentamento delle presenze giornalistiche. Questa posizione è stata espressa nelle ore successivi dall’Fnsi e dall’Ordine dei giornalisti, e sono state riprese nei servizi dai Tg Rai di venerdì.

Per gli esteri, l’intesa raggiunta tra Merkel e Schultz che a 100 giorni dalle elezioni con ogni probabilità produrrà una nuova Grosse Coalition ottiene l’apertura dei Tg Rai di venerdì. Tg3 analizza i possibili sviluppi per l’Italia in un contesto europeo che ci vede, oltre a quello franco tedesco, un rafforzamento dei rapporti tra Italia e Francia. In proposito, l’incontro Macron-Gentiloni di giovedì è stato presente fin dai titoli su Tg La7 e le testate Rai.

Al centro la scena è però nuovamente il Presidente Trump, stavolta per l’uso di un’espressione alquanto volgare, “shithole countries”, con cui ha definito alcuni paesi poveri (Haiti, Panama, El Salvador e vari paesi africani) da cui non vuole accogliere profughi e migranti. Espressioni non accettabili, che gli sono valse accuse di razzismo da parte dell’Onu (titoli per quasi tutti venerdì, con l’esclusione di Studio Aperto). Sottotono invece nei giorni precedenti l’avvicinamento delle due Coree, complici i giochi olimpici invernali. Lo stesso vale per gli scontri in Tunisia degli ultimi giorni che per gli attacchi alle chiese cattoliche in Cile a poche ore dalla visita del Papa.

Tornando in Italia, attenzione diffusa ai problemi causati dal maltempo in diverse regioni, soprattutto a nord. Gli avanzamenti sul caso Alitalia, con Lufthansa che si dimostra interessata ma solo dopo “tagli significativi”, figurano nei Tg di giovedì (titolo per Tg3 e Tg1), mentre la vertenza Ilva è presente venerdì nei soli titoli Tg3. Diffuso interessamento dei Tg Mediaset alle proteste dei dipendenti della torinese Embraco e dei dipendenti della modenese Castelfrigo.

I dati sull’occupazione diffusi martedì e che segnalano  una netta crescita degli occupati, anche se in buona parte si tratta di lavoro a termine, sono ripresi e commentati da tutte le testate.

Per la cronaca, il nuovo drammatico caso di femminicidio a Novara figura alto nelle edizioni di mercoledì, ottenendo l’apertura di Studio Aperto e Tg5. Spazio sulle edizioni di venerdì alla notizia che a dare fuoco ad un clochard a Verona sarebbero stati due minorenni, apparentemente “per gioco” (apertura per Studio Aperto). Gli sviluppi dell’indagine sul magistrato Bellomo, destituito dal Consiglio di Stato (è solo la seconda volta che accade nella storia della nostra magistratura) perché accusato di minacce e molestie, sono stati ripresi più volte dai titoli di La7.

Tra le varie ed eventuali segnaliamo:
– il ritorno delle vittime dei barconi con il bilancio del naufragio dell’epifania: 64 morti: Titolo del Tg1 di lunedì;
– la buona copertura di Studio Aperto sul caso della 31enne disabile trovata morta nel suo appartamento a Bari e che vede indagati i genitori per abbandono di incapace.
– il titolo dedicato dal Tg3 al “regalo” fatto da Papa Francesco a 2000 tra profughi, senza tetto e famiglie bisognose, che per una sera hanno potuto beneficiare di cibo, visite mediche gratuite e persino di un biglietto per uno spettacolo circense;
– il ringraziamento, sempre del Papa, alla  “generosa Italia” per l’impegno sui migranti, ripreso lunedì in un titolo del Tg1.

Luca Baldazzi

Ultime notizie
Relazione DIA
Criminalità e contrasto

Relazione Semestrale DIA, la mafia si insinua anche grazie ai traffici di droga e di armi

La Relazione DIA relativa al primo semestre 2023 è stata resa nota questa mattina. Le mafie emergono come fenomeni sempre più mutevoli che cambiano forme e modalità di azione, adattandosi ai contesti socio-economici. Il traffico di droga resta la fonte maggiore di profitto per i clan, mentre si rileva la presenza di un traffico di armi, anche da guerra.
di redazione
Relazione DIA
economia africana
Mondo

Come va l’economia africana? La realtà del Continente al di là dei macro-dati

L’economia del Continente africano crescerà tra il 3,8% e il 4% nel 2024 e sarà la seconda economia a livello mondiale dopo quella asiatica, ma i dati reali, non meramente legati a fattori economici, descrivono una realtà più incerta e mutevole, determinata dai conflitti, dall’instabilità politica e da disastri naturali ed eventi climatici, come la siccità.
di Emanuele ODDI*
economia africana
rimesse economiche
Immigrazione

L’importanza sociale delle rimesse economiche dei migranti

Le rimesse economiche dei migranti rappresentano una risorsa per il paese d’origine che le riceve, oltre a un diritto e un mezzo di emancipazione di molte famiglie dalla povertà. Ma allo stesso tempo, queste possono creare squilibri nel tessuto sociale: una ricchezza, dunque, che andrebbe guidata da progetti di investimento strutturati.
di Marco Omizzolo*
rimesse economiche
Intervista

Neuroscienze della narrazione, lo storytelling nell’era dell’Intelligenza artificiale

“Neuroscienze della narrazione” è il saggio di Marco La Rosa, pubblicato da Hoepli, che analizza presente e futuro dello storytelling nell’era dell’IA. Oltre al rischio di un eccessivo appiattimento dei contenuti, come già accade per le immagini generate da IA, La Rosa allerta sulla condizione dell’“uomo di vetro”, ovvero privato della sua riservatezza.
di Massimiliano Cannata
migrazione e asilo
Europa

Nuovo Patto europeo su migrazione e asilo, manca un vero equilibrio tra responsabilità e solidarietà

Il nuovo Patto europeo su migrazione e asilo ha generato notevoli perplessità sul fronte dei diritti umani e della solidarietà tra Stati Ue, in particolare sul trattamento dei minori e sulla possibilità data agli Stati membri di rifiutarsi di ospitare i richiedenti asilo in cambio di un contributo finanziario alla gestione dei processi di rimpatrio.
di Ugo Melchionda*
migrazione e asilo
violenza di genere
Società

Giovani e violenza di genere. I dati della Direzione Centrale della Polizia Criminale

Violenza di genere, un report del Servizio Analisi Criminale delle Forze di Polizia analizza il fenomeno in una ottica generazionale. I delitti in àmbito affettivo e familiare sono in calo, ma troppo spesso riguardano vittime e autori con meno di 34 anni, con prevalenza di giovani adulti. Il 76% delle donne vittime di violenze sessuali ha meno di 34 anni.
di redazione
violenza di genere
competenze digitali
Lavoro

Competenze digitali e nuove priorità nel mondo del lavoro, l’appuntamento Adnkronos Q&A

Attrarre nuovi talenti, valorizzare la formazione specifica e investire sulle persone: questi i temi al centro del nuovo appuntamento Adnkronos Q&A, con focus su parità e gender gap
di redazione
competenze digitali
Rapporto Italia
Rapporto Italia

Rapporto Italia, presentati i dati dell’Eurispes per il 2024

Rapporto Italia 2024, nelle parole del Presidente dell’Eurispes Gian Maria Fara un Paese al bivio, che ha bisogno di coraggio nelle scelte. Ma bisogna innanzitutto superare il “presentismo” che ha contraddistinto gli ultimi anni per scegliere con consapevolezza tra conservazione o futuro.
di redazione
Rapporto Italia
concessioni balneari
Diritto

Giurisprudenza amministrativa su concessioni balneari

Sulle concessioni balneari c’è bisogno di meno proroghe e più regole certe, ragionevoli e trasparenti, in quanto non è più possibile affidarsi solo agli esiti della giurisprudenza. I provvedimenti dovranno tenere in conto l’esperienza professionale e il know-how delle imprese, nonché tutelare gli eventuali investimenti già effettuati.
di giovambattista palumbo*
concessioni balneari
baby gang
Sicurezza

Baby gang tra realtà e percezione. Intervista a Stefano Delfini, Direttore Servizio Analisi Criminale della Direzione Centrale della Polizia Criminale

Il 36% degli italiani denuncia la presenza di baby gang nel proprio territorio, come emerge dal Rapporto Italia 2024. Ma non bisogna confondere realtà e percezione, afferma Stefano Delfini, Direttore del Servizio Analisi Criminale, che nel corso dell’intervista traccia un quadro del fenomeno criminale minorile nel nostro Paese.
di Susanna Fara
baby gang