L'opinione

Il Virus smaschera gli inadeguati o “dell’autorevolezza”

254

Tre anni fa il Rapporto Italia elesse a parola dell’anno un termine allora un po’ desueto: autorevolezza. Intendevamo segnalare alle classi dirigenti del Paese un fatto, semplice ma per noi di solare evidenza: il nuovo piano di realtà formato dall’inestricabile intreccio reale/virtuale non avrebbe consentito più, a nessun individuo investito di qualche autorità, di non misurarsi con l’onere di una prova speciale ‒ quella della legittimazione sociale al ruolo. La crisi da Coronavirus ci offre l’occasione di tornare sul tema.

Factfulness è un interessante libro uscito nel 2018. Lo scrisse, ammette lui stesso, «con il fondamentale aiuto della figlia e della moglie», un medico svedese: un illuminato, purtroppo ormai defunto, che divenne anche una star delle TED Conference (andatelo a cercare, vale la pena); si chiamava Hans Rosling.
La seconda di copertina la dice tutta sul contenuto ‒ anche perché, diciamolo, l’intraducibilità del titolo inglese proprio non aiuta il lettore medio. Ecco cosa recita: «non va tutto male. Anzi, le cose non sono mai andate meglio; lo dicono i fatti. L’unico vero antidoto al luogo comune».

Capito il titolo?
Fact sono i fatti, Fulness sta per pienezza. Pienezza, per la Treccani, si usa, in senso figurato: «con riferimento a ciò che si ritiene pieno, cioè completo, totale, o giunto al suo punto o grado massimo, alla sua massima attuazione».
I fatti al loro massimo grado: ecco la Factfulness.
Che cosa mai consente ai fatti di esprimersi? Le opinioni? Il buon senso? La preziosa esperienza dei cari nonni? Ciò su cui si basa la diligenza del buon padre di famiglia? (chi ha riconosciuto il politico tanto affezionato a queste frasi, alzi la mano).
Tutta questa roba non serve a nulla. Anzi: tutta questa roba è l’esatto contrario, il perfetto reciproco, di ciò che chiamiamo “fatti”.

So bene che il lettore italiano ‒ in quanto italiano e perciò genericamente più avvezzo alle cose umanistiche che ai numeri ‒ proverà fastidio, paura e desiderio di fuga, di fronte a questa parola ma, correndo il rischio che qui chiuderete tutto e cambierete pagina, devo dirla: numeri.
I fatti sono ciò che i numeri mostrano essere.
I fatti sono ciò che emerge dall’analisi di certe misure. Punto.
Il resto sono opinioni, sensazioni, assaggi di realtà.
Rispettabili, per carità ma quasi sempre fuorvianti.

L’autore ‒ e le due donne della sua vita ‒ usano un escamotage gustoso per smontare la nostra presunzione di essere in grado di esprimerci su tutto, e con alto grado di verità. Ci mette in gara con gli scimpanzé. Già, proprio coi nostri cugini che tanto ci fanno ridere (perché tanto ci somigliano).
Il fatto (è misurato, nel libro) è che l’esattezza delle nostre opinioni, quando non basate sulla factfulness, è molto ma molto vicina a quella dei pan troglodytes (nome scientifico dei nostri amici). Ovvero, talvolta ci prendiamo, sì ma perlopiù per sbaglio.
Detto in parole povere, se non siamo informati dei fatti, esprimiamo delle opinioni sulla realtà che rischiano di essere sistematicamente errate, e tendiamo ad azzeccarci solo per caso, raggiungendo un punteggio pari a quello degli scimpanzé. La differenza sta nel fatto che noi rispondiamo pensandoci, loro a caso.

Bene ma il Coronavirus?

Il lettore smaliziato penserà che questa recensione del libro mascheri un invito a farsi un’idea dell’epidemia Coronavirus solo attraverso l’esame dei dati, magari confrontandoli longitudinalmente con quelli delle precedenti “normali” influenze. Penserà che la valutazione delle diverse procedure anti-Coronavirus fin qui adottate ‒ che variano dal drastico approccio sino-italiano al lasco cinismo anglo-tedesco ‒ debba poggiare sui numeri che, quando sarà finita, daranno il senso a tutto quanto.
Bene, questo lettore si sbaglia (anche se i pensieri che ho richiamato sopra sono assolutamente da me condivisi).

Ho ripreso in mano Factfulness e l’ho voluto presentare, con lo scopo di riprendere il ragionamento sulla distanza siderale che separa l’autorità dall’autorevolezza. Anche in questi tempi di Coronavirus.

L’autorevolezza è quella separazione che rende irritanti i provvedimenti ‒ quando assunti da certi sindaci o presidenti di Regione ‒ e li rende, invece, norma di comportamento ‒ quando assunti da altri. È la forza che hanno le parole quando pronunciate da una persona-autorità che riteniamo adeguata al ruolo. È il rispetto per la persona-autorità, che deriva dalle sue scelte e azioni pregresse e che sorregge le sue scelte attuali, e quelle future. È il potere di modificare i nostri comportamenti che hanno i provvedimenti assunti da chi (ha) dimostra(to) di sapere di che cosa parla. L’autorevolezza è il comportamento individuale coerente; sono i gesti adeguati al ruolo; sono i gesti delle persone-autorità nel loro quotidiano, anche privato.

In questi giorni difficili, che diverranno ancora più duri con il passare delle settimane, saremo chiamati ad obbedire a provvedimenti sgradevoli, duri, faticosi. L’autorevolezza delle persone-autorità che avranno il dovere di imporceli, farà la differenza, fra quelli seguiti e quelli no.

Altre opinioni dell'Autore
Cultura

Ri-costituire l’Italia. “Le parole della resilienza”: l’iniziativa di Minerva Edizioni

L’Eurispes aderisce all’iniziativa promossa dalla Minerva Edizioni “Le parole della resilienza” per rendere fruibile la creatività dei suoi Autori attraverso video che raccontano, con un concetto o una parola chiave, la loro opera.
di redazione
Economia

Coronavirus, misure anticrisi. Serve un fisco intelligente

I vari decreti che si sono succeduti in queste ultime settimane hanno introdotto molte misure di contrasto, dirette agli effetti economici derivanti...
di Giovambattista Palumbo
International

Il manuale della Cina per sconfiggere il Covid-19

La Jack Ma Foundation e la Alibaba Foundation, con il supporto del Primo Ospedale Affiliato, Zhejiang University School of Medicine (FAHZU), hanno pubblicato una guida sull'esperienza clinica su come trattare questo nuovo coronavirus.
di redazione
Criminalità e contrasto

Il Covid-19 può alimentare le mafie. La Polizia istituisce una cabina di regia

Le mafie possono sfruttare la crisi scatenata dal Coronavirus per radicarsi nel settore agricolo, della logistica, della grande distribuzione, della finanza o in altri settori strategici. Il capo della Polizia, Franco Gabrielli crea un Organismo Permanente di Monitoraggio presso la Direzione Centrale della Polizia Criminale.
di Marco Omizzolo
Attualità

Coronavirus, la Cina ringrazia l’Italia con un fumetto

L’agenzia stampa ufficiale del Governo cinese ha pubblicato sul proprio sito un breve fumetto per bambini in cui viene raccontata la storia di un panda malato e dell’aiuto ricevuto per sconfiggere il virus. L’Italia è rappresentata da un lupo che suona il pianoforte.
di Redazione
Economia

Covid-bonds con chi ci sta. Piano B per l’Eurozona

È arrivato il momento in cui l’Unione deve decidere se esiste o meno un “bene comune europeo”. Dalla risposta a questa domanda dipende se procedere con il progetto dei Covid-bonds.
di Carmelo Cedrone
Economia

Coronavirus, le misure anti-crisi dimenticano i consorzi ASI. Giosy Romano: “Agevolare il credito”

Consorzi industriali nelle aree di sviluppo dimenticati dalle misure anti crisi. A fare da portavoce di queste criticità è stata la Cise, Confederazione italiana per lo sviluppo economico, che ha sollecitato un intervento urgente del Governo e del Mise.
di Emilio Albertario
Ambiente

La gestione dei rifiuti in emergenza Coronavirus. Ecco come affronta la crisi Malagrotta

Il Coronavirus costringe la maggior parte della popolazione alla quarantena; tuttavia, alcuni servizi essenziali devono rimanere aperti e funzionanti a pieno regime, come la raccolta e lo smaltimento dei rifiuti. Ne parliamo con il dottor Luigi Palumbo, amministratore giudiziario del sito di Malagrotta.
di Susanna Fara
Economia

Lucia Annunziata e i soldi per il Sud. Rendere giustizia al Mezzogiorno

In una recente puntata della trasmissione di Lucia Annunziata, Mezzora in Più, si parla dei disordini avvenuti al Sud in seguito al crescere del dramma povertà, dopo il fermo delle attività economiche per l’emergenza Covid-19. La replica e il commento.
di Marco Ascione
Attualità

I rischi digitali del Coronavirus

Attacchi informatici, revenge porn e sexual extortion: quali sono i rischi legati alla crescita del traffico in Rete? Ne parliamo con Roberto...
di redazione