L'opinione

Il Virus smaschera gli inadeguati o “dell’autorevolezza”

375

Tre anni fa il Rapporto Italia elesse a parola dell’anno un termine allora un po’ desueto: autorevolezza. Intendevamo segnalare alle classi dirigenti del Paese un fatto, semplice ma per noi di solare evidenza: il nuovo piano di realtà formato dall’inestricabile intreccio reale/virtuale non avrebbe consentito più, a nessun individuo investito di qualche autorità, di non misurarsi con l’onere di una prova speciale ‒ quella della legittimazione sociale al ruolo. La crisi da Coronavirus ci offre l’occasione di tornare sul tema.

Factfulness è un interessante libro uscito nel 2018. Lo scrisse, ammette lui stesso, «con il fondamentale aiuto della figlia e della moglie», un medico svedese: un illuminato, purtroppo ormai defunto, che divenne anche una star delle TED Conference (andatelo a cercare, vale la pena); si chiamava Hans Rosling.
La seconda di copertina la dice tutta sul contenuto ‒ anche perché, diciamolo, l’intraducibilità del titolo inglese proprio non aiuta il lettore medio. Ecco cosa recita: «non va tutto male. Anzi, le cose non sono mai andate meglio; lo dicono i fatti. L’unico vero antidoto al luogo comune».

Capito il titolo?
Fact sono i fatti, Fulness sta per pienezza. Pienezza, per la Treccani, si usa, in senso figurato: «con riferimento a ciò che si ritiene pieno, cioè completo, totale, o giunto al suo punto o grado massimo, alla sua massima attuazione».
I fatti al loro massimo grado: ecco la Factfulness.
Che cosa mai consente ai fatti di esprimersi? Le opinioni? Il buon senso? La preziosa esperienza dei cari nonni? Ciò su cui si basa la diligenza del buon padre di famiglia? (chi ha riconosciuto il politico tanto affezionato a queste frasi, alzi la mano).
Tutta questa roba non serve a nulla. Anzi: tutta questa roba è l’esatto contrario, il perfetto reciproco, di ciò che chiamiamo “fatti”.

So bene che il lettore italiano ‒ in quanto italiano e perciò genericamente più avvezzo alle cose umanistiche che ai numeri ‒ proverà fastidio, paura e desiderio di fuga, di fronte a questa parola ma, correndo il rischio che qui chiuderete tutto e cambierete pagina, devo dirla: numeri.
I fatti sono ciò che i numeri mostrano essere.
I fatti sono ciò che emerge dall’analisi di certe misure. Punto.
Il resto sono opinioni, sensazioni, assaggi di realtà.
Rispettabili, per carità ma quasi sempre fuorvianti.

L’autore ‒ e le due donne della sua vita ‒ usano un escamotage gustoso per smontare la nostra presunzione di essere in grado di esprimerci su tutto, e con alto grado di verità. Ci mette in gara con gli scimpanzé. Già, proprio coi nostri cugini che tanto ci fanno ridere (perché tanto ci somigliano).
Il fatto (è misurato, nel libro) è che l’esattezza delle nostre opinioni, quando non basate sulla factfulness, è molto ma molto vicina a quella dei pan troglodytes (nome scientifico dei nostri amici). Ovvero, talvolta ci prendiamo, sì ma perlopiù per sbaglio.
Detto in parole povere, se non siamo informati dei fatti, esprimiamo delle opinioni sulla realtà che rischiano di essere sistematicamente errate, e tendiamo ad azzeccarci solo per caso, raggiungendo un punteggio pari a quello degli scimpanzé. La differenza sta nel fatto che noi rispondiamo pensandoci, loro a caso.

Bene ma il Coronavirus?

Il lettore smaliziato penserà che questa recensione del libro mascheri un invito a farsi un’idea dell’epidemia Coronavirus solo attraverso l’esame dei dati, magari confrontandoli longitudinalmente con quelli delle precedenti “normali” influenze. Penserà che la valutazione delle diverse procedure anti-Coronavirus fin qui adottate ‒ che variano dal drastico approccio sino-italiano al lasco cinismo anglo-tedesco ‒ debba poggiare sui numeri che, quando sarà finita, daranno il senso a tutto quanto.
Bene, questo lettore si sbaglia (anche se i pensieri che ho richiamato sopra sono assolutamente da me condivisi).

Ho ripreso in mano Factfulness e l’ho voluto presentare, con lo scopo di riprendere il ragionamento sulla distanza siderale che separa l’autorità dall’autorevolezza. Anche in questi tempi di Coronavirus.

L’autorevolezza è quella separazione che rende irritanti i provvedimenti ‒ quando assunti da certi sindaci o presidenti di Regione ‒ e li rende, invece, norma di comportamento ‒ quando assunti da altri. È la forza che hanno le parole quando pronunciate da una persona-autorità che riteniamo adeguata al ruolo. È il rispetto per la persona-autorità, che deriva dalle sue scelte e azioni pregresse e che sorregge le sue scelte attuali, e quelle future. È il potere di modificare i nostri comportamenti che hanno i provvedimenti assunti da chi (ha) dimostra(to) di sapere di che cosa parla. L’autorevolezza è il comportamento individuale coerente; sono i gesti adeguati al ruolo; sono i gesti delle persone-autorità nel loro quotidiano, anche privato.

In questi giorni difficili, che diverranno ancora più duri con il passare delle settimane, saremo chiamati ad obbedire a provvedimenti sgradevoli, duri, faticosi. L’autorevolezza delle persone-autorità che avranno il dovere di imporceli, farà la differenza, fra quelli seguiti e quelli no.

Altre opinioni dell'Autore
Gioco

Lotta al gioco illegale: Agenzia delle Dogane e Monopoli e Forze dell’ordine firmano il nuovo regolamento

Il Direttore Generale dell’Agenzia delle Dogane e Monopoli, Marcello Minenna, insieme al Comandante Generale dell’Arma dei Carabinieri, Giovanni Nistri, al Comandante Generale della Guardia di Finanza, Giuseppe Zafarana, e al Capo della Polizia, Franco Gabrielli, hanno firmato il Regolamento Operativo del “Comitato per la prevenzione e la repressione del gioco illegale, la sicurezza del gioco e la tutela dei minori”.
di redazione
Gioco

E-Sport, il gaming è in salute dopo il Covid. Olimpiadi più vicine

Che cosa è accaduto nel mondo del gaming nel periodo della pandemia del Covid-19? Secondo le ultime previsioni, l’emergenza sta rappresentando una incredibile opportunità di crescita per il settore degli E-Sports.
di Valentina Renzopaoli
Cultura

Fellini-Sordi a 100 anni dalla nascita. La mostra dell’Archivio Riccardi a Spazio 5

Il 20 gennaio e il 15 giugno di quest'anno Federico Fellini e Alberto Sordi avrebbero compiuto 100 anni. Per celebrarne il genio e il peso avuto nel panorama cinematografico italiano e non solo, è stata organizzata la mostra: "Fellini-Sordi, 100 anni per i protagonisti del cinema italiano".
di redazione
scuola

Il ritorno dell’educazione civica nelle Scuole: italiani favorevoli

L’importanza di reintrodurre l’insegnamento dell’educazione civica nelle scuole ha trovato il favore della maggior parte degli italiani (67,8%) nell’ultima indagine condotta sul...
di redazione
Osservatori

Iva e scuola: nei Tg l’anticipo di campagna elettorale. Azzolina al centro delle polemiche. Sileri e il dilemma del Mes

L’analisi dell’Osservatorio Tg Eurispes e Coris Sapienza dal 22 al 26 giugno – Il dibattito tra le forze politiche su molti fronti...
di Eurispes e Coris Sapienza
Europa

Superare la “democrazia del ricatto”. Un Piano per la prossima generazione Ue

Il Piano anticrisi dell’Unione rappresenta un passo piccolissimo, ma comunque importante perché rompe un tabù ed indica una nuova direzione di marcia per l’Europa, con un profondo significato politico. Restano però molti nodi aperti in Europa, dove ancora ci sono paesi che usano il diritto di veto come un’arma per impedire che gli altri avanzino.
di Carmelo Cedrone*
Criminalità e contrasto

Abbassare la soglia di spendibilità del contante davvero favorisce la lotta al riciclaggio?

Il contante rappresenta, da sempre, il principale canale di riciclaggio dei proventi di attività illecita e contingentarne l’uso ha dato nel tempo risultati strategici, apprezzabili anche in termini di prevenzione e contrasto al finanziamento del terrorismo internazionale. Quanto maggiore è stata l’attenzione investigativa verso il contante, tanto più le organizzazioni criminali hanno saputo diversificare la forma di manifestazione di quei proventi in un complesso processo di dematerializzazione delle attività criminali.
di Giuseppe Miceli*
Cultura

Luciano Canfora all’Eurispes: “I fascismi hanno immense praterie a loro disposizione. Gli aiuti europei? Vengano utilizzati contro le disuguaglianze sociali”

Luciano Canfora nell'intervista rilasciata all'Eurispes auspica, senza ottimismo, che “questa rabbia sociale riesca a imporre all’attenzione un malessere profondo che attraversa il Paese, vissuto dalle fasce più deboli della popolazione, sostanzialmente abbandonate a se stesse”.
di Alfonso Lo Sardo
Cultura

Riscopriamo l’etica pubblica per uscire dalla crisi

Il quarto shock è il titolo di un interessante scritto del filosofo della politica, Sebastiano Maffettone, sulla “filosofia del presente”. «Il virus ha cambiato il nostro modo di vedere e abitare il mondo, stiamo acquisendo la consapevolezza che bisogna fare qualcosa perché il modo in cui abbiamo proceduto nell’ultimo periodo storico non ha funzionato».
di Massimiliano Cannata
Innovazione

Lo sviluppo della telemedicina: una opportunità da non perdere

L’utilizzo della tecnologia elettronica in àmbito sanitario costituisce una delle componenti fondamentali del futuro modello di governance alla cui implementazione si dovrà provvedere sollecitamente per garantire al meglio, e in modo uniforme, la tutela della salute delle persone.
di Francesco Giulio Cuttaia