Salute

Immigrati e salute mentale, una questione sottovalutata

372

È di poche giorni fa l’allarme lanciato dal reparto di Etnopsichiatria dell’ospedale Niguarda di Milano, in base al quale si sta registrando un notevole aumento di disturbi psichiatrici fra gli immigrati in Italia.

Non è questa la prima volta che viene diffuso un simile allarme, e mentre la psicologia e la psichiatria non sanno rispondere adeguatamente alla domanda assistenziale dei migranti stranieri, quello del Niguarda rimane uno tra i pochissimi centri a livello nazionale che offre interventi di sostegno psichiatrico a immigrati che approdano al reparto dal pronto soccorso, dopo ricoveri in neuropsichiatria, o dall’ufficio stranieri.

Secondo uno studio della Società Italiana di Psichiatria effettuato sui richiedenti asilo, almeno un immigrato su tre soffre di disturbi mentali e il 17% della popolazione degli ospedali psichiatrici giudiziari è composto da extracomunitari.

Attualmente, gli immigrati ricoverati nel reparto di Etnopsichiatria del Niguarda sarebbero 250, la capienza massima di quel reparto, che accoglie solo i casi più acuti, calcolati in 400-500 ricoveri l’anno. Le patologie di cui si parla sono quelle di tipo schizofrenico, disturbi di personalità borderline e dell’umore, tutti disturbi che possono essere aggravati e perfino scatenati da abuso di sostanze, alcool e soprattutto dai cannabinoidi.

Altra emergenza è quella del crescente abuso di alcool, “con risposte particolarmente violente”. Sono quindi necessari, fanno rilevare gli psichiatri, “interventi sanitari mirati”, considerando anche il fatto che, per ragioni metaboliche, la risposta ai farmaci è diversa tra le varie etnie, e ciò richiede una formazione particolare anche da parte dei medici.

È dello scorso anno uno studio molto accurato dell’ospedale Borgo Trento di Verona sulle intossicazioni acute da alcool nella popolazione generale, in cui è stata quantificata anche la percentuale di casi riguardanti pazienti non italiani. Il dato rilevato è che il numero di casi riguardanti questi ultimi è tre volte superiore a quello dei pazienti italiani, con le percentuali di ricovero più alte registrate in pazienti provenienti dal Marocco e dallo Sri Lanka.

Perché l’Etnopsichiatria?

L’Etnopsichiatria è una disciplina multidisciplinare e complementarista (Devereux, 1972).

L’emigrazione toglie all’individuo il sostegno del proprio mondo culturale e genera forme di adattamento e disadattamento organiche alla cultura di appartenenza. I pazienti immigrati, sottratti del loro contenitore culturale, soffrono di una condizione di fragilità identitaria che può sfociare in forme psicopatologiche gravi. L’Etnopsichiatria integra il piano psicopatologico con quello antropologico. Non potendo affidarsi esclusivamente a descrizioni cliniche e a strumenti diagnostici e terapeutici generati e standardizzati per i pazienti occidentali, deve creare i propri modelli esplicativi e i propri strumenti d’intervento. L’approccio clinico ha bisogno di dispositivi nuovi, tarati in base alle diverse etnie e alle diverse culture, poiché la cultura è indissociabile dall’individuo e ne contiene e informa l’apparato psichico.

La formazione in Italia di professionisti in psichiatria trans culturale e la creazione di centri come quello del Niguarda non è più procrastinabile. Mentre l’Italia continua a ricevere un flusso migratorio incontenibile, ancora mancano studi epidemiologici necessari a individuare le etnie più a rischio di sviluppare problemi psichiatrici, quali fra questi in particolare, nonché i relativi fattori di rischio e di protezione, e avviare la costruzione di dispositivi adeguati sia ad affrontarli, che a prevenirli.

E mentre stiamo facendo esperienza della sola punta dell’iceberg, le stime del Pew Research Center di Washington dicono che l’Italia è, tra i grandi Paesi, quello in cui la popolazione musulmana aumenterà di più in termini percentuali: +102,1% in vent’anni.

Con la politica verso l’immigrazione adottata dal governo italiano e dalle amministrazioni locali, che hanno affidato la gestione delle necessità degli immigrati a cooperative sociali raffazzonate e a Onlus improvvisate, è il caso di dire che “il peggio deve ancora venire”.

Ultime notizie
Finanza

Sicurezza, la mafia nella finanza on line. Nel mirino i servizi per la PA

Tra il 2015 e il 2018, sarebbero stati confiscati alle mafie beni per un valore complessivo di circa 10 miliardi di euro, secondo la Guardia di Finanza che denuncia il crescente monopolio delle mafie nella gestione della finanza online.
di Marco Omizzolo
Eurispes sul territorio

Luigi Russo, in direzione ostinata e contraria

Scompare Luigi Russo, sociologo, giornalista conosciutissimo nel mondo del volontariato, da sempre attivista e sostenitore di grandi cause ambientaliste. Fara: «L’Eurispes perde un collaboratore di grande intelligenza e autorevolezza. Dedicheremo a Luigi la prossima edizione del Rapporto Italia».
di redazione
Economia

Europa e Asia, infrastrutture e grandi opere. La proposta degli “smart corridors”

Nel panorama internazionale, la costruzione dei grandi corridoi infrastrutturali è intesa come un elemento strategico di grande valore geo-economico e geo-politico per lo sviluppo dei sistemi economici e il consolidamento dei rapporti tra gli stati. Ma quale sarà l'impatto dei nuovi corridoi sui territori attraversati?
di Paolo Motta
Featured

Trojan e Spyware: ecco come funzionano e quali sono i rischi

Che cos’è un captatore informatico? Che cosa prevede la legge italiana e quali sono i rischi per i cittadini? Ne parliamo con Roberto De Vita, Presidente dell'Osservatorio Cyber Security dell'Eurispes.
di redazione
Attualità

L’immigrazione in Italia: tra dati reali, (dis)informazione e percezione

L'Immigrazione in Italia: tra dati reali, disinformazione e la tendenza a sovrastimare il fenomeno. Quali sono i numeri e che cosa e pensano i cittadini?
di Raffaella Saso
Il punto

Immigrazione in Italia e in Europa, è ora di voltare pagina

Non è questo il luogo per rifare la storia dell’immigrazione nel nostro Paese sulla quale, peraltro, sono stati scritti migliaia di volumi...
di Gian Maria Fara
Intervista

La Democrazia Cristiana non si può rifare. Follini: «Serve recuperarne la misura”

Che cosa è stata e che cosa ha rappresentato la Democrazia Cristiana? La Dc non si può rifare, eppure esistono ancora i democristiani. Intervista a Marco Follini, uomo politico e dirigente culturale, autore del libro Democrazia Cristiana. Il racconto di un partito
di Alfonso Lo Sardo
Innovazione

La P.A. nella quarta rivoluzione industriale. Governare senza rete

La Pubblica amministrazione nell’epoca della Rete e, paradossalmente, delle incertezze; il ruolo di chi governa e i suoi strumenti: sono le parole chiave del nuovo libro del Presidente del Consiglio nazionale di Legautonomie, Bruno Manzi.
di Ilaria Tirelli
Attualità

Caduta del Muro, “Quando toccai la ferita dentro l’Europa”. Il ricordo

La caduta del Muro di Berlino raccontata ai giovani da chi ne è stato testimone: i ricordi, le sensazioni, la paura, l'euforia, le aspettative e le delusioni. Carmelo Cedrone, responsabile del Laboratorio Europa dell'Eurispes, risponde alle domande degli studenti del Liceo L. A. Seneca di Roma
di Redazione
Attualità

Geopolitica del Muro di Berlino: l’eredità ideale e la memoria popolare

La caduta del Muro che divise l'Europa del Dopoguerra aveva, all'epoca, fatto sperare in un'era di distensione e unità. Tuttavia, sulle vele della storia europea soffia ancora poderoso il vento delle piccole patrie e rigurgiti nazionalisti. L'analisi
di Antonio De Chiara