Notice: Undefined offset: 1 in /home/awfdywmb/public_html/wp-content/themes/Newspaper-child/loop-single.php on line 27

Notice: Trying to get property 'cat_name' of non-object in /home/awfdywmb/public_html/wp-content/themes/Newspaper-child/loop-single.php on line 27
Osservatorio TG

L’aria del Colle

colle

I Tg di giovedì 14 maggio – Tg2 e TgLa7 “colgono” i decibel crescenti del Quirinale dedicando l’apertura alle dichiarazioni di Mattarella che da Torino ha tuonato contro la corruzione diffusa e la “concezione rapinatoria della vita”. Mentre la maggioranza è impegnata a “chiudere” con un compromesso la partita della prescrizione, la voce del Presidente suona come monito. Dopo le dure dichiarazioni sull’insipienza europea sul tema immigrazione – ribadite anche oggi, a valle della “svolta” – l’intervento odierno potrebbe rappresentare la conferma che sul Colle più alto “la funzione crea l’organo”, quale ne sia l’Inquilino.
E’ sempre più chiaro che la scuola rappresenta per Renzi un campo minato. Tutti i Tg segnalano che il fronte di quelli che vogliono mandare il premier dietro la lavagna è popolato non solo dalle tradizionali opposizioni strumentali, ma da settori ampi della società civile. Per quello che vale siamo pronti a scommettere che il ddl sulla Buona scuola subirà consistenti modificazioni genetiche nel percorso parlamentare iniziato proprio oggi.
Se fino a qualche giorno fa il problema era l’Europa che non si “faceva carico”, il circuito dell’informazione non lascia ai teleutenti neanche il tempo di festeggiare l’oggettiva svolta sul tema immigrazione, affondando il coltello nei limiti e nelle evidenti contraddizioni di quanto la Commissione ha deciso, tanto più in attesa del comportamento concreto dei diversi governi. Tg4 mostra il livello massimo di scetticismo che unisce in un solo obbiettivo polemico Renzi e Juncker, ma anche Mentana espone dubbi su ciò che potrà accadere. Su Tg3 compare Romano Prodi che apprezza i passi avanti, ma arriccia il naso sulle ipotesi di stampo militare per contrastare gli scafisti.
Per la politica dei partiti su Rai e La7 rimbalzano le convulsioni dentro Forza Italia, mentre su Mediaset Fitto scompare.
Per la cronaca la vicenda dello studente precipitato da una finestra di un albergo milanese irrompe nelle scalette e nei titoli di quasi tutte le testate e addirittura è centrale per Studio Aperto e Tg4. Ampio spazio anche alla morte del cittadino italiano nell’attentato dei talebani nel centro di Kabul.
L’assai sdrucito stellone nazionale riacquista colore grazie ai successi calcistici della Juventus che, celebrata da tutti i Tg, si prepara alla sfida con il Barcellona per la Champions.

Dati auditel dei Tg di mercoledì 13 maggio 2015

Schermata 2015-05-15 alle 00.06.26

Ultime notizie
nft
Diritto

NFT: le opere d’arte e il diritto. Il ruolo dei musei

L’opera d’arte nell’epoca degli NFT Walter Benjamin nel saggio del 1936 “L’opera d’arte nell’epoca della sua riproducibilità tecnica” affronta, tra i primi, la criticità della...
di Alessio Briguglio*
nft
upskilling
Economia

Upskilling nella Pubblica amministrazione tra esigenze, opportunità e rischi

L’upskilling, ovvero il miglioramento del profilo professionale, nella PA può tradursi in un investimento per la crescita dell’intero settore pubblico, in un’ottica di maggiore fluidità e intercambiabilità di ruoli e mansioni. Importante è far corrispondere alla crescita delle competenze anche progressioni di carriera.
di Simone Cannaroli
upskilling
continete africano
Mondo

Social media e movimenti di protesta nel continente africano

Il continente africano sta registrando negli ultimi anni un incremento delle proteste giovanili, dovute non solo alla marginalizzazione dei giovani dalla vita politica ed economica: una maggiore accessibilità ad Internet data dalle reti mobili e la diffusione dei social network hanno facilitato le organizzazioni e il dibattito pubblico.
di EMANUELE ODDI
continete africano
anac
Criminalità e contrasto

Anac presenta oggi la sua Relazione annuale alla Camera dei Deputati

Anac presenta oggi la Relazione sulle attività svolte e traccia un bilancio della corruzione in Italia nel 2021. Il nostro Paese migliora di 10 posizioni nell’Indice della percezione della corruzione, ma il Presidente di Anac Busìa pone l’accento sulla importanza di prevenire la corruzione.
di redazione
anac
sughero
Ambiente

Foreste di sughera, una risorsa da difendere per la rinascita dei territori rurali

In Sardegna si concentra circa l’85% delle foreste italiane di sughera, e nel Nord Est è presente la gran parte del patrimonio regionale. Il Report presentato oggi da Eurispes documenta la crisi del settore del sughero nei territori coinvolti e ne valorizza potenzialità e risorse, in primis quelle ambientali e turistiche.
di Carlo Marcetti*
sughero
guardia di finanza
Criminalità e contrasto

Guardia di Finanza, azione costante a tutela di spesa pubblica e cittadini

Per il 248esimo anniversario della sua fondazione, la Guardia di Finanza pubblica un bilancio operativo relativo agli interventi del 2021 e dei primi 5 mesi del 2022. Nel periodo di riferimento, la Guardia di Finanza ha eseguito più di un milione di interventi ispettivi che hanno dato origine a circa 74 mila indagini a contrasto di illeciti in campo finanziario ed economico e delle infiltrazioni criminali.
di redazione
guardia di finanza
Economia

Politiche per la coesione, una sinergia con il Pnrr per la crescita

Il 10 giugno scorso l’Italia ha trasmesso il testo finale dell’Accordo di Partenariato 2021-2027. Il documento, presentato in una sua prima versione...
di Claudia Bugno*
Africa criptovalute
Economia

Africa 2022: il ruolo delle criptovalute

In Africa le criptovalute crescono in maniera costante, tanto che la Repubblica Centrafricana ha adottato la criptovaluta bitcoin come moneta nazionale. Ma se da un lato la criptovaluta incentiva il movimento di denaro per imprese e rimesse provenienti dall’estero, dall’altro pesano le carenze in infrastrutture energetiche e regolamentazione.
di Emanuele Oddi
Africa criptovalute
infrastrutture
Infrastrutture

Infrastrutture, migliorare la comunicazione tra Stato e Regioni per ottimizzare gli interventi. Intervista al Sen.Mauro Coltorti

Le infrastrutture italiane registrano ancora un divario importante tra Nord e Sud secondo il Sen. Mauro Coltorti, divario che forse nemmeno il Recovery riuscirà del tutto a sanare. Gli strumenti per intervenire sono in primis una maggiore comunicazione tra Stato e Regioni, innovazioni e legalità.
di Salvatore Di Rienzo
infrastrutture
nextgenerationeu
Europa

NextGenerationEU, innovativo anche nelle strategie di finanziamento

NextGenerationEU è un piano innovativo, che guarda al futuro anche nelle forme di finanziamento: si utilizzeranno i proventi delle autorizzazioni alle emissioni di gas serra, della tariffa sul carbonio dei prodotti importati altamente inquinanti, nonché i profitti residui delle multinazionali.
di Claudia Bugno*
nextgenerationeu