L'opinione

Quando la privacy rende prigionieri

48

La negata collaborazione della società che gestisce l’ormai familiare applicazione Whatsapp nei confronti di una esplicita richiesta della Procura di Milano attiva nelle indagini su un caso di terrorismo lascia perplessi e preoccupati. Nonostante la risposta negativa faccia già di per sé sorgere talune domande, molto più preoccupante è la motivazione addotta al raggelante “no”.

La richiesta della Procura di ricevere i messaggi conservati in un server degli Stati Uniti, scambiati da soggetti attenzionati in quanto presunti terroristi, trovava, oltre al suggerimento di avviare una rogatoria internazionale, la seguente risposta: “avremmo bisogno che ci diciate esattamente la natura esatta del pericolo, se ci sia un serio rischio di morte, quanto sia imminente questo rischio, quanta attinenza abbia lo specifico dato”. Con queste parole la compagnia statunitense poneva la parola fine sulla questione negando di fatto il proprio supporto alle indagini italiane.

Appare evidente, a questo punto, il problema di fondo che la cooperazione internazionale in generale si trova ad affrontare quando si parla di contrasto al terrorismo.

Se ad oggi, dopo le ferite ancora non rimarginate lasciate dal terrorismo nel tessuto sociale e politico – economico dell’Europa, degli Stati Uniti, e dell’Occidente in generale, una compagnia di messaggistica istantanea può decidere gli estremi e i requisiti che debbono essere presenti affinché l’Autorità giudiziaria di un paese “amico” possa richiedere determinate informazioni funzionali al contrasto di tale fenomeno, è evidente che qualcosa non sta funzionando.

Quando si parla di lotta al terrorismo uno degli aspetti che ricorre maggiormente è quello concernente la cosiddetta information/intelligence sharing, ossia la condivisione di informazioni tra Forze di polizia, servizi di informazione e autorità giudiziarie utile al fine ultimo del contrasto del reato. Si dimentica spesso però che la battaglia che stiamo portando avanti non può prescindere dal coinvolgimento della società civile, in tutte le sue forme. Questo perché il contesto globale all’interno del quale si è sviluppato, e continua a nutrirsi, il terrorismo non è più suscettibile di compartimentazioni. Oggi la tecnologia rappresenta lo strumento attraverso il quale il terrorista si radicalizza, pianifica, finanzia e organizza un attacco, ed il ruolo dei tablet, pc e smartphone, con le connesse applicazioni, svolge una funzione cruciale all’interno dell’intero ciclo terroristico. Per tali motivi, le procedure per attivare la collaborazione di società che erogano determinati servizi dovrebbe essere disciplinata da norme internazionalmente condivise e da procedure snelle, rapide, funzionali ed efficaci, senza lasciare spazio a discrezionalità poco opportune.

A tal riguardo sarà interessante conoscere il parere del Dipartimento di Stato americano su tale questione al quale la Procura di Milano ha richiesto chiarimenti.

La lotta contro il terrorismo la si può vincere se si agisce in maniera corale, comprimendo, se necessario, taluni diritti per tutelarne altri di maggiore rilevanza pur sempre rispettando il dettato costituzionale.

A tal riguardo va accolta con piacere la Direttiva europea che regola l’utilizzo dei dati codice di prenotazione (PNR) ai fini di prevenzione, accertamento, indagine e azione penale nei confronti dei reati di terrorismo e dei reati gravi. Tuttavia i tempi previsti per l’entrata a regime del sistema appaiono troppo lunghi se rapportati alla velocità e dinamicità del fenomeno che questo dovrebbe aiutare a contrastare. Dopo la formale approvazione del Consiglio Europeo, infatti, gli Stati membri avranno due anni di tempo per recepire la direttiva ognuno nelle proprie legislazioni.

L’Italia ha anch’essa qualcosa da migliorare in questa materia dato che, come noto, la legge n.43/2015 ha espunto, in fase di approvazione, una norma che autorizzava intercettazioni preventive su i soggetti sospettati di frequentazioni terroristiche.

Stiamo assistendo a continue invasioni della nostra privacy quotidiana da parte del mondo del marketing, dei social media, della posta e delle telecomunicazioni. I terroristi, al contrario, temono la privacy, nel senso che delle serie ed efficaci limitazioni potrebbero affievolire l’impatto della loro strategia comunicativa, ad oggi micidiale strumento di guerra.

Con alcuni ricercatori dell’Osservatorio che dirigo (www.orft.it) abbiamo elaborato un rapporto, che presenteremo il prossimo 21 giugno alla Camera dei Deputati, proprio sull’utilizzo delle nuove tecnologie da parte dei terroristi.

Non riteniamo di aver sbagliato a non dedicare una parte del report alla privacy e alle garanzie per chi solamente possa propagandare o istigare alla violenza. Auspichiamo anzi un impegno europeo e mondiale contro chi pensa di fare affari con una presunta “libertà di comunicazione”.

Altre opinioni dell'Autore
Economia

Eurispes, Fara: “Lo Stato torni proprietario e gestore delle grandi infrastrutture del paese”

"Autostrade, telecomunicazioni, energia, porti e grande logistica: dopo gli anni delle privatizzazioni per fare cassa, il Paese deve tornare proprietario e gestore delle grandi infrastrutture e dire basta allo shopping delle multinazionali straniere"
di redazione
Il punto

Per rimettere in corsa l’Italia, veloci pit stop, non megariforme

È la mancanza di infrastrutture il primo freno alla crescita del Paese. Lo Stato spende meno di 20 miliardi di euro l’anno,...
di Corrado Giustiniani
International

Così la “Fortezza Europa” avalla i respingimenti in mare

Negli ultimi anni l’Unione europea è stata protagonista di una gestione sempre più securitaria dei flussi migratori che hanno investito il proprio territorio. La tesi viene spiegat in un saggio di Marco Omizzolo e Pina Sodano, presentato a Wocmes 2018, Congresso mondiale di studi mediorientali.
di Marco Omizzolo
International

Proposta shock: “Il voto ‘ignorante’ valga meno di quello informato”

Il suffragio universale? Sopravvalutato. Il voto ‘ignorante’ valga meno di quello ‘informato’. Il voto ponderato é la proposta di Dambisa Moyo, una importante economista americana, originaria dello Zambia, autrice del libro Edge of chaos
di Alfonso Lo Sardo
Sondaggi & Ricerche

Con un animale in casa, niente viaggio per la metà dei padroni

Nell’ultimo anno oltre 2 italiani su 10 hanno confessato di aver speso di più per viaggi e vacanze, nonostante la crisi non sia ancora del tutto superata. Ma l'amore per i propri animali e la paura del terrorismo frenano la voglia di viaggi.
di redazione
Salute

Il Piano Sanità del ministro Grillo: più fondi e meno liste d’attesa

Sanità e salute: il neo ministro Giulia Grillo ha illustrato le linne programmatiche del suo mandato. Vaccini, risorse per la sanità, liste d’attesa da ridurre e aumento della trasparenza.
di redazione
Ambiente

Porto Hub di Palermo. “Piano ecosostenibile da 435.000 posti”

Un nuovo porto Hub a Palermo: è il progetto dell’Eurispes, presentato a palazzo d’Orleans, sede della presidenza della Regione. Tutti i dettagli
di Alfonso Lo Sardo
Intervista

Educazione civica nelle scuole, Bruno Assumma: “Magistra vitae”

"L'educazione civica la personalità deve servire a stimolare una visione della vita e un "modus operandi" nella società", sostiene il professor Assumma.
di Valentina Renzopaoli
Intervista

Stefano Molina: «Educazione civica mirata allo sviluppo sostenibile»

Educazione civica nelle scuole: "Sì all'insegnamento dell'educazione civica, no al voto. La cittadinanza globale non è istruzione, ma educazione", sostiene Stefano Molina della Fondazione Agnelli
di Corrado Giustiniani
Intervista

Romeo (Lega): «La difesa deve essere legittima sempre»

Legittima difesa: "Se una persona sa che svaligiando una casa la farà sempre franca, non avrà nessun incentivo a smettere di delinquere". Il dibattito prosegue con l'opinione di Massimiliano Romeo, capogruppo della Lega al Senato.
di Corrado Giustiniani