Roma. Game over

I Tg di venerdì 9 ottobre – Liquidiamo in poche battute – come hanno fatto quasi tutti i Tg – la notizia della riforma costituzionale per cui si è conclusa la discussione a Palazzo Madama e che è in attesa del voto finale che avverrà martedì. Mediaset se ne dimentica; sugli altri titolo solo per Tg2 e Tg3.
Il day after del Sindaco di Roma è apertura per tutti, con eccezione di Tg3 che dedica il primo titolo alla terza intifada (copertina per Tg5, ma servizi per gli altri Rai e La7). Tornando a Marino, Tg4 suona una carica confusa e confondente, mandando in onda un lungo servizio politicamente “anonimo” sulle tante regionopoli e la diffusissime malversazioni dei pubblici amministratori che, magicamente, si riassumerebbero e riproporrebbero nella figura di Marino. Un giudizio senz’altro ingeneroso, visto che Tg3 e TgLa7 segnalano addirittura un possibile ripensamento di Sel sul giudizio relativo al Sindaco Marziano. Tutti si scatenano sul toto-candidature, e questo ci è apparso di cattivo gusto e irrispettoso nei confronti dei cittadini romani e dei problemi della Capitale. Il birillo, già di per sé instabile, è stato abbattuto. Quello che Marino lascia è, paradossalmente, un vuoto.
Una volta tanto la copertura delle tematiche internazionali è nel complesso più che accettabile. Abbiamo detto della terza intifada; lo stesso vale per il Nobel per la pace al quartetto del dialogo tunisino, unico esempio di primavera araba che fa sperare nello sviluppo di un reale processo democratico e che è presente sulle maggiori testate. Una tirata d’orecchie a quasi tutte le testate che non hanno colto la notizia notturna del possibile accordo tra il governo di Tripoli e Tobruk che prelude alla possibilità di una pacificazione e di un eventuale intervento Onu in Libia: titoli solo per Tg2 e TgLa7.
Discorso a parte per l’esordio per il processo di ricollocazione dei profughi, che oggi ha visto il suo esordio con la partenza di 19 cittadini del Corno d’Africa: servizi per tutti, anche per TgLa7 che martedì scorso aveva parlato di “un cucchiaino per svuotare il mare”. Quasi 40.000 profughi lasceranno l’Italia nel prossimi 2 anni: una media di una trentina al giorno, domeniche e festivi compresi, il che non è poco. Il Pierino della situazione è, come è consuetudine, Tg4 che nel titolo si chiede se non sia uno spreco far partire 19 profughi su un aereo della Guardia di Finanza.
Chiudiamo parlando di cronaca nera e criminale. Studio Aperto e Tg4 sono infarciti di servizi su casi attuali e remoti, e questa non è certo una novità: pirati della strada quasi sempre non italiani, femminicidi ad opera di compagni che non accettano la separazione, rapine in villa, cittadini condannati perché si sono difesi con le armi contro rapinatori. Ma stasera alcune di queste coperture le troviamo anche su Tg1 – che negli ultimi mesi indulge anche lui – e addirittura su TgLa7. Nel Ventennio l’Italia sembrava un Paese senza ladri, rapinatori e assassini, ma questo era “merito” della censura fascista. Lungi da noi augurarci qualcosa di analogo, ma contestiamo la tendenza di certi mezzi mainstream di far apparire il Paese con i tassi di delinquenza tra i più bassi in Europa, la Mecca dei delinquenti e degli assassini.

Dati auditel dei Tg di giovedì 8 ottobre 2015

Schermata 2015-10-09 alle 22.06.49

Fonte:www.tvblog.it

Ultime notizie
isole
Intervista

Nascita geologica e nascita giuridica delle isole: intervista a Niki Aloupi

La nascita geologica di un’isola non corrisponde necessariamente alla sua nascita giuridica: lo chiarisce ampiamente Niki Aloupi, docente di Diritto internazionale pubblico all’Università di Parigi- Panthéon-Assas, esperta di Diritto del mare, che offre una panoramica sulla situazione giuridica internazionale delle isole.
di redazione
isole
social
Società

È guerra totale contro la “trappola dei Social”

Le autorità statunitensi hanno cominciato a porsi domande sulla tutela dei minori rispetto all’utilizzo dei Social network. Un uso che, secondo una serie di studi condotti, è relazionato al peggioramento della salute mentale di adolescenti e ragazzi.
di cecilia sgherza
social
apprendimento
Istruzione

La vera inclusione scolastica è garantire buoni livelli di apprendimento per tutti

La Scuola italiana ha bisogno di una riflessione pedagogica e strutturale, e di formulare un’offerta formativa equa basata sull’apprendimento di livello per tutti. Intervista a Roberto Ricci, presidente Invalsi, che commenta i dati emersi dal Secondo Rapporto dell’Eurispes su Scuola e Università.
di Roberto Ricci*
apprendimento
scuola italiana
Intervista

La Scuola sia baluardo di conoscenza, tolleranza e spirito critico: intervista a Paolo Pagliaro

L’istruzione in Italia è una roccaforte di valori come la conoscenza, il senso critico, la tolleranza, eppure rischia un declino simile a quello della Sanità pubblica. Sfide e opportunità per il futuro della Scuola italiana, nell’intervista a Paolo Pagliaro, Direttore agenzia giornalistica 9Colonne e autore televisivo.
di redazione
scuola italiana
educazione
Istruzione

Perché l’educazione è la causa delle cause. Per una pedagogia della Nazione

Il tema dell’educazione non è uno tra i tanti. Nella società della conoscenza rappresenta il settore decisivo del progresso e dell’innovazione. Eppure, assistiamo a una metamorfosi antropologica e ad una ibridazione tra virtuale e reale che necessitano di una base culturale fondata su un sistema educativo solido.
di Mario Caligiuri*
educazione
isole
Intervista

La condizione sociale e culturale nelle isole, intervista al Prof. Orazio Licciardello

Le isole come luogo geografico, sociale, economico nell’intervista al prof. Orazio Licciardello, Ordinario di Psicologia Sociale presso l’Università di Catania. Il principio di insularità è preceduto da quello di isolanità, una condizione a sé, un dato di fatto che presuppone da sempre un altrove.
di redazione
isole
scuola
Istruzione

La Scuola è una priorità che va oltre la politica

La Scuola italiana è stata oggetto di riforme di ogni governo avvicendatosi negli ultimi anni, senza riuscire a dare una vera impronta rispetto alla Riforma Gentile. Ma il ruolo della Scuola e della ricerca nel futuro del Paese è cruciale, e deve andare oltre i trend politici del momento.
di Gian Maria Fara*
scuola
nomadi digitali
Lavoro

Nomadi digitali, evoluzione in grado di generare opportunità di crescita

I nomadi digitali non rappresentano solo un cambio nella concezione del lavoro, bensì una opportunità di sviluppo delle zone rurali. Se il lavoro da remoto riguarda già il 36% dei lavoratori autonomi in tutta Europa, l’Italia può diventare méta per smart workers nelle molte aree interne e rurali a rischio spopolamento.
di redazione
nomadi digitali
scuola e università
Sondaggi & Ricerche

Scuola e Università, presentato il Secondo Rapporto dell’Eurispes

Il Secondo Rapporto Eurispes dedicato a Scuola e Università è stato presentato questa mattina. L’indagine evidenzia l’attualità di vecchie questioni irrisolte del nostro sistema scolastico, e individua sfide e obiettivi per il futuro secondo i docenti di scuola primaria, secondaria e delle università.
di redazione
scuola e università
web
Tecnologia

Una Costituzione per Internet per un web sicuro e inclusivo

Bisogna creare le condizioni per redigere una Costituzione per Internet, definendo un contratto sociale a difesa dei diritti dell’uomo nella società digitale. A tal proposito, la tecnologia non può farsi regolamentazione plasmando le nostre vite, sopravanzando la sfera del diritto.
di Massimiliano Cannata
web