Roma. Game over

I Tg di venerdì 9 ottobre – Liquidiamo in poche battute – come hanno fatto quasi tutti i Tg – la notizia della riforma costituzionale per cui si è conclusa la discussione a Palazzo Madama e che è in attesa del voto finale che avverrà martedì. Mediaset se ne dimentica; sugli altri titolo solo per Tg2 e Tg3.
Il day after del Sindaco di Roma è apertura per tutti, con eccezione di Tg3 che dedica il primo titolo alla terza intifada (copertina per Tg5, ma servizi per gli altri Rai e La7). Tornando a Marino, Tg4 suona una carica confusa e confondente, mandando in onda un lungo servizio politicamente “anonimo” sulle tante regionopoli e la diffusissime malversazioni dei pubblici amministratori che, magicamente, si riassumerebbero e riproporrebbero nella figura di Marino. Un giudizio senz’altro ingeneroso, visto che Tg3 e TgLa7 segnalano addirittura un possibile ripensamento di Sel sul giudizio relativo al Sindaco Marziano. Tutti si scatenano sul toto-candidature, e questo ci è apparso di cattivo gusto e irrispettoso nei confronti dei cittadini romani e dei problemi della Capitale. Il birillo, già di per sé instabile, è stato abbattuto. Quello che Marino lascia è, paradossalmente, un vuoto.
Una volta tanto la copertura delle tematiche internazionali è nel complesso più che accettabile. Abbiamo detto della terza intifada; lo stesso vale per il Nobel per la pace al quartetto del dialogo tunisino, unico esempio di primavera araba che fa sperare nello sviluppo di un reale processo democratico e che è presente sulle maggiori testate. Una tirata d’orecchie a quasi tutte le testate che non hanno colto la notizia notturna del possibile accordo tra il governo di Tripoli e Tobruk che prelude alla possibilità di una pacificazione e di un eventuale intervento Onu in Libia: titoli solo per Tg2 e TgLa7.
Discorso a parte per l’esordio per il processo di ricollocazione dei profughi, che oggi ha visto il suo esordio con la partenza di 19 cittadini del Corno d’Africa: servizi per tutti, anche per TgLa7 che martedì scorso aveva parlato di “un cucchiaino per svuotare il mare”. Quasi 40.000 profughi lasceranno l’Italia nel prossimi 2 anni: una media di una trentina al giorno, domeniche e festivi compresi, il che non è poco. Il Pierino della situazione è, come è consuetudine, Tg4 che nel titolo si chiede se non sia uno spreco far partire 19 profughi su un aereo della Guardia di Finanza.
Chiudiamo parlando di cronaca nera e criminale. Studio Aperto e Tg4 sono infarciti di servizi su casi attuali e remoti, e questa non è certo una novità: pirati della strada quasi sempre non italiani, femminicidi ad opera di compagni che non accettano la separazione, rapine in villa, cittadini condannati perché si sono difesi con le armi contro rapinatori. Ma stasera alcune di queste coperture le troviamo anche su Tg1 – che negli ultimi mesi indulge anche lui – e addirittura su TgLa7. Nel Ventennio l’Italia sembrava un Paese senza ladri, rapinatori e assassini, ma questo era “merito” della censura fascista. Lungi da noi augurarci qualcosa di analogo, ma contestiamo la tendenza di certi mezzi mainstream di far apparire il Paese con i tassi di delinquenza tra i più bassi in Europa, la Mecca dei delinquenti e degli assassini.

Dati auditel dei Tg di giovedì 8 ottobre 2015

Schermata 2015-10-09 alle 22.06.49

Fonte:www.tvblog.it

Ultime notizie
work life balance
Parità

Work life balance, c’è ancora un gap di genere da colmare

Il work life balance, ovvero l’equilibrio tra vita privata e professionale, riguarda anche la parità di genere, soprattutto in merito al caregiving, che troppo spesso ancora ricade principalmente sulle donne. Adnkronos evidenzia inoltre che il 66% degli utenti si dichiara insoddisfatto del proprio life work balance, e che questo incide nella scelta dell’impiego.
di redazione
work life balance
mediterraneo
Sostenibilità

Giornata internazionale del Mediterraneo, un ecosistema da difendere da plastica e sfruttamento

La Giornata internazionale del Mediterraneo è stata dedicata al dibattito sul nostro mare, un ecosistema che va difeso dallo sfruttamento intensivo della pesca e dalle plastiche. Un incontro presso la Camera dei Deputati organizzato da Fondazione Aqua ha visto numerosi studiosi esprimersi in merito al fragile equilibrio di questa risorsa fondamentale.
di redazione
mediterraneo
Uricchio ANVUR
Intervista

Antonio Uricchio, Presidente ANVUR: la valutazione come strumento per migliorare la qualità di ricerca e didattica

Antonio Uricchio, Presidente di ANVUR interviene nel merito delle critiche mosse verso una eccessiva burocratizzazione delle Università italiane, affermando la valutazione delle stesse come importante strumento per migliorare la qualità della ricerca e della didattica attraverso la raccolta di dati, documenti e informazioni.
di Mario Caligiuri*
Uricchio ANVUR
Corridoi TEN-T
Infrastrutture

Segnali positivi nella nuova strategia dei corridoi europei dei trasporti TEN-T

Il Parlamento europeo ha approvato il nuovo Regolamento sui Corridoi TEN-T. Il testo ha l’obiettivo di completare alcuni importanti collegamenti, aggiornando il piano europeo per una rete di ferrovie, strade, vie navigabili interne e rotte marittime a corto raggio collegate attraverso porti e terminali in tutta l’Unione.
di Gianpaolo Basoli*
Corridoi TEN-T
Intervista

Pierluigi Petrone, Presidente Assoram: sfide globali e nuove competenze del comparto healthcare

Il comparto healthcare oggi si trova ad affrontare nuove sfide che vanno oltre gli anni della pandemia: le mutate esigenze dei consumatori, sempre più vicini all’e-commerce, e gli equilibri internazionali che condizionano logistica e distribuzione. Uno sguardo alle sfide del futuro con il Presidente di Assoram Pierluigi Petrone.
di Susanna Fara
scuola
Istruzione

La Scuola di domani: tecnologie digitali e valorizzazione delle eccellenze

Tecnologie digitali e una gestione oculata dei fondi per valorizzare le eccellenze e la qualità: è questa la prospettiva sulla Scuola italiana individuata da Alessandro Curioni, Docente (Università Cattolica di Milano) e Presidente di DI.GI Academy.
di Massimiliano Cannata
scuola
maternità surrogata
Società

Maternità surrogata: italiani contrari, solo dai giovani segnali di apertura

Il 62,9% degli italiani si dichiara oggi contrario alla maternità surrogata, e solo i giovani mostrano segnali di apertura, dal momento che il 58% dei 18-24enni si dichiara favorevole. Ma il tema è complesso e maggiormente avversato dall’opinione pubblica italiana, da Nord a Sud e a dispetto anche del titolo di studio.
di redazione
maternità surrogata
animali
Animali

Vivisezione, caccia, allevamenti intensivi: cresce la sensibilità degli italiani verso il benessere animale

I diritti degli animali contano sempre di più per una maggioranza di italiani: il 76% è contrario alla vivisezione, il 73% agli allevamenti intensivi. I temi etici legati agli animali raccolgono quote consistenti di italiani contrari anche rispetto a vivisezione, caccia, pellicce, uso degli animali nei circhi.
di redazione
animali
corruzione
Internazionale

G7 Anticorruzione, un fenomeno che richiede un’azione globale

Il tema corruzione entra in agenda al G7 con il Gruppo di lavoro anticorruzione, proposto dal nostro Paese per avviare una azione collettiva rispetto a un fenomeno diffuso. Tra i punto fondamentali, l’educazione fin dalla prima età alla cultura della legalità e l’acquisizione di metodi di misurazione della corruzione su basi oggettive.
di Avv. Angelo Caliendo*
corruzione
influencer
Società

Con 2 milioni di influencer l’Italia è il secondo mercato europeo

Gli ultimi mesi hanno visto in difficoltà uno dei più grandi imperi economici costruiti sui new-media. Il cosiddetto “caso Balocco” ha messo in crisi tutto un mondo che si muove ancora in un terreno incerto di norme, tra pubblicità, post a pagamento ed esibizione perenne della propria vita privata.
di Rosa Romano*
influencer