Superare la “democrazia del ricatto”. Un Piano per la prossima generazione Ue

Un Piano troppo pretenzioso nei desiderata ma, comunque, una sorpresa grande rispetto alle aspettative funeste di inizio pandemia. Al punto che la Commissione è andata oltre le attese – anche se più nel titolo che nei contenuti. Difficile pensare, fino ad un mese fa, che la Germania avrebbe fatto il grande passo, vista la cautela e le dichiarazioni contraddittorie della Merkel. Lo ha fatto? Forse sì, perché ha valutato i rischi che avrebbe corso il suo paese se avesse continuato a lasciare gli altri alla deriva, facendolo capire anche ai tedeschi. Dopo quanto accaduto nel 2008, era impossibile continuare a tirare la corda più di tanto. Non si tratta di un atto di “beneficienza”, ma di una difesa, legittima, degli interessi della Germania, che avrebbe molto da perdere da una rottura dell’Eurozona. In questo caso, il suo “Marco” subirebbe una rivalutazione di circa il 30% con conseguenze, per le sue esportazioni, facili da immaginare – secondo quanto ammesso dallo stesso Theo Waigel, ex-Ministro delle Finanze tedesco. Per ora, si tratta di un passo piccolissimo, anche se importante. Vediamo.

Importante, perché rompe un tabù ed indica una nuova direzione di marcia per l’Unione, con un profondo significato politico. Un’attesa che durava dal 1991, dal Trattato di Maastricht, che non prevede trasferimenti tra paesi né, tantomeno, titoli comuni coperti dal bilancio (QFP) comunitario e finanziato con risorse proprie come, invece, si vorrebbe fare in questa occasione. Risorse e prelievi ancora da definire, sufficienti, però, a far entrare, a livello europeo, la “cultura finanziaria” applicata dagli Stati nazionali. Una premessa, anzi un obbligo, per il passaggio all’Unione politica, perché non può esistere una fiscalità comune senza la politica. Importante perché prevede:

  1. a) un sostegno diretto agli Stati più colpiti dalla pandemia;
  2. b) un aumento dei contributi su alcuni programmi comunitari;
  3. c) il passaggio alla transizione verde;
  4. d) l’istituzione di un salario minimo, l’armonizzazione del Sistema sanitario e dello stato sociale(?);
  5. e) un’industria strategica europea ed una “sovranità industriale” dell’Unione nel mondo, compreso nel settore dell’innovazione.

Molte speranze, ma strumenti economici e politici limitati.

Limitato, perché alle ambizioni della Commissione non corrisponde un impegno forte e convinto degli Stati, mentre gli strumenti sono inadeguati, in particolare per quanto riguarda:

  1. a) la quantità di aiuti messi a disposizione, solo 500 miliardi (si veda la tabella): ne servirebbero almeno il doppio nell’immediato per non gravare tutto sulla BCE, con poteri limitati;
  2. b) i meccanismi decisionali, inadeguati e con tempi lunghi;
  3. c) gli strumenti finanziari, limitati nella durata: non consentono di emettere, come necessario, obbligazioni europee (Union Bonds) a rischio sovrano europeo, senza necessità di garanzie;
  4. d) il prestito di 250 miliardi, che è un debito aggiuntivo per i paesi ed andrebbe, perciò, trasformato in aiuti;
  5. e) la mancanza di indicazioni e di impegni adeguati per l’economia sociale, per la lotta alle disuguaglianze e alle nuove povertà, per la tutela dello stato sociale, rispetto alle previsioni su quanto accadrà in autunno;
  6. f) l’assenza di provvedimenti, o riferimenti specifici, all’Eurozona, anche se per adesso è stato “sospeso” il patto di stabilità;
  7. g) l’abbandono della proposta di uniformare la tassazione sulle imprese a livello europeo.

Indulgente, verso i paesi che “contestano” il provvedimento, non perché “frugali”, ma perché hanno una visione ragionieristica dell’Unione. Infatti, non si tratta di agevolare qualcuno, quanto, piuttosto, di evitare ricadute negative sull’insieme del Mercato unico, fornendo aiuti ai paesi più colpiti dalla pandemia e/o già con economie più deboli a causa degli svantaggi derivanti dai limiti e dagli errori propri e dell’Eurozona. Questi paesi si preoccupano solo:

  1. a) di mantenere i loro vantaggi relativi agli sconti sulla quota di partecipazione al bilancio comunitario;
  2. b) di mantenere i loro privilegi fiscali con i quali praticano, da anni, una concorrenza scorretta all’interno dell’Eurozona;
  3. c) di evitare che ci sia una tassazione comune delle imprese e del capitale all’interno dell’Ue;
  4. d) di impedire, insieme ai paesi di Visegrad, che il provvedimento possa costituire un precedente “pericoloso” verso l’integrazione (della quale sono feroci avversari).

Timido, nella sostanza. Infatti, insieme a scelte strategiche, prevale la preoccupazione di tenersi alla larga dai nodi reali che l’Unione continua a rinviare da tempo e che, fino ad un mese fa, ne stavano decretando la fine. Una fine al momento evitata, a condizione che il Piano della Commissione venga migliorato e non sminuito per venire incontro agli oppositori. Oppositori che rappresentano il 14% del Pil europeo, contro il 64% di Italia, Francia, Germania e Spagna.

È invece necessario, e fondamentale, che:

  1. a) il piano venga approvato rapidamente;
  2. b) gli aiuti vengano distribuiti in base ai danni ricevuti da ciascun paese dalla pandemia e agli squilibri precedenti;
  3. c) venga previsto un prolungamento del Piano ed una estensione degli aiuti (se si vuole andare incontro alle nuove generazioni);
  4. d) si prenda atto del fatto che la crisi ha accentuato l’esigenza di accelerare le riforme avviate per l’Eurozona e di superarne i limiti attuali;
  5. e) gli europei si convincano dei grandi cambiamenti interni e geo-politici che la pandemia ha evidenziato, per procedere, senza ulteriore timidezza, ad una “riforma” dell’Unione attuale – la quale permetta all’Ue di avere i poteri necessari per far fronte all’emergenza, nell’interesse di tutti, senza aspettare la prossima crisi.

È, questo, l’ulteriore passo da fare, senza subire il ricatto di chi, al di là della sua consistenza, usa il diritto di veto come un’arma per impedire che gli altri avanzino. Questa è la “democrazia” del diritto di veto e del ricatto. L’Unione, se vuole sopravvivere, deve passare alla democrazia vera, quella della maggioranza, perché si tratta della sua sopravvivenza. Per questo serve un passo più lungo.

*Coordinatore del Laboratorio Europa dell’Eurispes.

 

 

 

 

Ultime notizie
Istruzione

La conoscenza è il più grande fattore moltiplicatore di sviluppo e di salvaguardia della democrazia. La riflessione di Antonio Uricchio, Presidente dell’Anvur

Il sistema educativo deve interpretare i cambiamenti e dare risposte Molto spesso vengono individuati gli asset i driver dello sviluppo e si tende...
di Antonio Uricchio
zes unica
Infrastrutture

La Zes Unica ha senso solo con una rete infrastrutturale a supporto. L’intervento di Marco Rettighieri, Presidente di Webuild Italia

Parlare di Zes Unica del Mediterraneo ha senso solo se si affronta il discorso delle reti infrastrutturali italiane, ad oggi carenti nello smerciare i container in arrivo nei porti, che tardano anche 15 giorni prima di arrivare a destinazione. La riflessione di Marco Rettighieri.
di MARCO RETTIGHIERI*
zes unica
mediterraneo
Italia

Zes Unica del Mediterraneo, rivalutare il potere del mare

Con la Zes Unica del Mediterraneo l’Italia deve aspirare al recupero di un maggior peso e centralità nell’area, che da troppo tempo è fuori dall’agenda politica nazionale. Il Mediterraneo deve diventare un obiettivo principale, in grado di superare anche la questione del Mezzogiorno.
di Salvatore Napolitano*
mediterraneo
dop
Made in Italy

DOP Economy 4.0, la tecnologia al servizio della tracciabilità

Il mercato delle IG vale in Europa 74,8 miliardi di euro, e un prodotto IG su quattro è italiano. Per valorizzare questa ricchezza bisogna puntare su un futuro tecnologico per i marchi DOP e IG, prodotti di punta del Made in Italy, e a una Agricoltura 4.0 basata su trasparenza e tracciabilità.
di chiara bartoli
dop
caselli
Recensioni

La storia d’Italia in dieci date nel libro-memoir di Gian Carlo Caselli

Gian Carlo Caselli, uno dei Pm più in vista della storia recente d’Italia, racconta il nostro Paese nel libro-memoire “Giorni memorabili che hanno cambiato l'Italia” attraverso le inchieste che lo hanno visto coinvolto da protagonista, dieci date per dieci snodi giudiziari che hanno segnato gli eventi degli ultimi decenni.
di cecilia sgherza
caselli
zes unica
Mezzogiorno

Zes Unica del Mediterraneo, una sfida per sviluppo e sicurezza dell’area

La Zes Unica del Mediterraneo è stata al centro del dibattito organizzato dall’Istituto Eurispes, che ne ha analizzato i fattori socio-economici, logistici e geopolitici. La Zes Unica diviene strategica in un contesto geopolitico di grandi cambiamenti e incertezze, come strumento utile a garantire sicurezza e sviluppo.
di redazione
zes unica
scuola italiana
Intervista

La Scuola sia baluardo di conoscenza, tolleranza e spirito critico: intervista a Paolo Pagliaro

L’istruzione in Italia è una roccaforte di valori come la conoscenza, il senso critico, la tolleranza, eppure rischia un declino simile a quello della Sanità pubblica. Sfide e opportunità per il futuro della Scuola italiana, nell’intervista a Paolo Pagliaro, Direttore agenzia giornalistica 9Colonne e autore televisivo.
di redazione
scuola italiana
isole
Osservatori

Nascita geologica e nascita giuridica delle isole: intervista a Niki Aloupi

La nascita geologica di un’isola non corrisponde necessariamente alla sua nascita giuridica: lo chiarisce ampiamente Niki Aloupi, docente di Diritto internazionale pubblico all’Università di Parigi- Panthéon-Assas, esperta di Diritto del mare, che offre una panoramica sulla situazione giuridica internazionale delle isole.
di redazione
isole
social
Società

È guerra totale contro la “trappola dei Social”

Le autorità statunitensi hanno cominciato a porsi domande sulla tutela dei minori rispetto all’utilizzo dei Social network. Un uso che, secondo una serie di studi condotti, è relazionato al peggioramento della salute mentale di adolescenti e ragazzi.
di cecilia sgherza
social
apprendimento
Istruzione

La vera inclusione scolastica è garantire buoni livelli di apprendimento per tutti

La Scuola italiana ha bisogno di una riflessione pedagogica e strutturale, e di formulare un’offerta formativa equa basata sull’apprendimento di livello per tutti. Intervista a Roberto Ricci, presidente Invalsi, che commenta i dati emersi dal Secondo Rapporto dell’Eurispes su Scuola e Università.
di Roberto Ricci*
apprendimento