L'opinione

Tar – “Carta Costituzionale e carta bollata”

I Tg di mercoledì 5 ottobre – Riprendiamo nel nostro titolo quello con cui Mentana introduce la “battaglia sul testo” (Tg4) del quesito referendario, con il ricorso al Tar da parte di M5S e SI. La notizia s’impone sulle edizioni serali (apertura per i TG Rai e La7, secondo titolo per Tg5); sempre il Tg di Mentana inquadra il paradosso di M5S, che in opposizione ad un quesito referendario giudicato uno “spot” per il governo, produce un’esposto che non avrà esiti concreti (data la correttezza formale del quesito) che si risolverà necessariamente in un altro “spot”, questa volta per il “no”. Grande spazio in casa Rai alle risposte di Renzi, così come alla caotica situazione capitolina del Movimento, con Tg3 che prospetta un passo indietro della Muraro. Facendo un passo indietro, Tg4 e Tg La7 riprendono, con diversi accenti critici, la presa di posizione per il “si”di Benigni sul quesito referendario.

Apertura per Studio Aperto sulla “paura che torna a Bruxelles” a seguito dell’accoltellamento di due poliziotti e di un allarme bomba poi rientrato. La minaccia del terrorismo resta “alta” su Tg4 (che tuttavia le dedica solo 40 secondi), mentre da Tg3 e da Tg1 viene proposta con le dovute cautele.

La “notizia del giorno” viene però da Londra: l’inizio della separazione tra i lavoratori buoni, quelli britannici, e quelli “cattivi”, ovvero stranieri. Questa paradossale intuizione è stata espressa dalla premier britannica, che così merita un titolo sui Tg Rai, Tg5 e Tg La7. La febbre da Brexit sembra dunque colpire il governo britannico, che propone di andare contro le leggi della UE – di cui la Gran Bretagna fa ancora trattino, la libertà di movimento – che è un must delle politiche liberali – ed il buon senso. La schedatura dei lavoratori stranieri imposta alle aziende  britanniche probabilmente si risolverà in un nulla di fatto, ma testimonia come i muri e la xenofobia siano virus sempre più diffusi in Europa.

Lontana dai titoli ma presente nelle scalette, si mantiene viva l’attenzione per le operazioni di soccorso della nostra marina nel Canale di Sicilia, che nelle ultime ore hanno salvato oltre 11.000 migranti. Buono il servizio del Tg1 che segue l’attività dei soccorritori, mentre Tg3 e Tg La7 ci presentano il portoghese Antonio Guterres, ex alto commissario per i rifugiati UE che si accinge a succedere a Ban Ki Moon come Segretario delle Nazioni Unite.

Anche stasera tanta cronaca nera nei Tg, con titoli per 5 testate su 7 (ma non su Tg3 e Tg La7). Tg4 apre sulla “liberazione”/scombero da parte di alcuni cittadini ferraresi di un palazzo occupato da anni (2 servizi con inviato), a cui seguito approfondimenti da realtà degradate a Milano e nel centro di Roma. La cattura del boss latitante della ndrangheta Pelle viene ripresa da tutte le testate, con Studio Aperto che offre un riepilogo delle catture più illustri degli ultimi anni.

Le apprensioni per l’uragano Matthew che, investita Haiti, si prepara ad abbattersi su Cuba e le coste statunitensi, prende il posto degli aggiornamenti sulle Presidenziali USA, salvo su Tg5 che affronta entrambi i temi.

Segnaliamo stasera l’attenzione del Tg3 ai nuovi esuberi (2.500) a cui si prepara l’agenzia di callcenter Almaviva, mentre Tg La7 propone un’interessante approfondimento sulla situazione di Montepaschi.

In conclusione, segnaliamo la copertina del Tg5 dedicata alla lettera aperta alla ministra della salute Lorenzin da parte del figlio di un 74enne malato di cancro che è morto al San Camillo di Roma dopo 2 giorni di “degenza in corsia”, durante i quali sarebbe stato abbandonato a se stesso (spazio nei titoli per Tg1 e Mediaset).

Altre opinioni dell'Autore
Attualità

Scuola, disabilità senza sostegno

Se la didattica a distanza è stata deleteria per molti studenti, ancora di più lo è stata per i ragazzi con handicap....
di Ilaria Tirelli
Approfondimenti

Sharenting: cari genitori, prima di postare, pensate

Dolci, paffuti, sorridenti, accattivanti, super fotografati e videofilmati. L’orgoglio e la soddisfazione, con i quali i genitori espongono i propri figli sui...
di Susanna Fara
Criminalità e contrasto

Giochi e Banche, tra etica e pubblica sicurezza

Dal “gioco d’azzardo” al “gioco pubblico”, una storia nella storia che, senza scomodare gli “astragali” della Magna Grecia, nel nostro sistema normativo...
di Chiara Sambaldi e Andrea Strata*
Economia

La sfida per ospitare il Tribunale Unificato dei Brevetti è aperta

Dopo l’amara sconfitta del 2017 per l’assegnazione dell’Agenzia Europea del Farmaco (EMA) andata alla rivale Amsterdam, Milano ci riprova. Per ora ha...
di Giorgio Fedeli
Lavoro

Infortuni sul lavoro e lockdown: in aumento le morti bianche

Gli infortuni, a volte gravi e nella peggiore dei casi anche mortali, costituiscono una delle evidenze più drammatiche dello stato di diffusa...
di Marco Omizzolo
Il punto a Mezzogiorno

Turismo in Calabria, una buona notizia

Lo avevamo segnalato a metà agosto, quando assieme alla Cna Turismo avevamo raccolto dati e numeri circa un boom di presenze in...
di Maurizio Lovecchio*
Informazione

Italia e Spagna: come si sceglie di raccontare una pandemia

Dopo i difficili mesi di lockdown e la cauta lenta ripresa dell’estate, l’Europa si prepara ad affrontare un autunno carico di incognite....
di Roberta Rega
Europa

Lo stato dell’Unione secondo Ursula. Chi lo farà?

Un discorso ad ampio raggio quello pronunciato da Ursula von der Leyen, presidente della Commissione Europea, del 16 davanti al Parlamento europeo....
di Carmelo Cedrone*
Agricoltura

Lavoro e nuove schiavitù: sradicare il “caporalato” dai nostri campi

L’attività investigativa delle Forze dell’ordine continua a gettare luce sull’emergenza legata alle modalità di reclutamento e impiego di lavoratori, nella maggior parte dei casi migranti, nelle campagne del nostro Paese. Lavori che in molti casi rasentano la schiavitù, e alimentano un business stimato nell’ultimo Rapporto Agromafie, realizzato dall’Eurispes in collaborazione con Coldiretti, in 24,5 miliardi di euro.
di Marco Omizzolo
Politica

La credibilità politica? Un bene prezioso e, purtroppo, raro

Un testo necessario e quanto mai attuale sulla credibilità, sulla sua crisi e sul suo valore: è quello di Guido Gili e...
di Alfonso Lo Sardo