Tar – “Carta Costituzionale e carta bollata”

I Tg di mercoledì 5 ottobre – Riprendiamo nel nostro titolo quello con cui Mentana introduce la “battaglia sul testo” (Tg4) del quesito referendario, con il ricorso al Tar da parte di M5S e SI. La notizia s’impone sulle edizioni serali (apertura per i TG Rai e La7, secondo titolo per Tg5); sempre il Tg di Mentana inquadra il paradosso di M5S, che in opposizione ad un quesito referendario giudicato uno “spot” per il governo, produce un’esposto che non avrà esiti concreti (data la correttezza formale del quesito) che si risolverà necessariamente in un altro “spot”, questa volta per il “no”. Grande spazio in casa Rai alle risposte di Renzi, così come alla caotica situazione capitolina del Movimento, con Tg3 che prospetta un passo indietro della Muraro. Facendo un passo indietro, Tg4 e Tg La7 riprendono, con diversi accenti critici, la presa di posizione per il “si”di Benigni sul quesito referendario.

Apertura per Studio Aperto sulla “paura che torna a Bruxelles” a seguito dell’accoltellamento di due poliziotti e di un allarme bomba poi rientrato. La minaccia del terrorismo resta “alta” su Tg4 (che tuttavia le dedica solo 40 secondi), mentre da Tg3 e da Tg1 viene proposta con le dovute cautele.

La “notizia del giorno” viene però da Londra: l’inizio della separazione tra i lavoratori buoni, quelli britannici, e quelli “cattivi”, ovvero stranieri. Questa paradossale intuizione è stata espressa dalla premier britannica, che così merita un titolo sui Tg Rai, Tg5 e Tg La7. La febbre da Brexit sembra dunque colpire il governo britannico, che propone di andare contro le leggi della UE – di cui la Gran Bretagna fa ancora trattino, la libertà di movimento – che è un must delle politiche liberali – ed il buon senso. La schedatura dei lavoratori stranieri imposta alle aziende  britanniche probabilmente si risolverà in un nulla di fatto, ma testimonia come i muri e la xenofobia siano virus sempre più diffusi in Europa.

Lontana dai titoli ma presente nelle scalette, si mantiene viva l’attenzione per le operazioni di soccorso della nostra marina nel Canale di Sicilia, che nelle ultime ore hanno salvato oltre 11.000 migranti. Buono il servizio del Tg1 che segue l’attività dei soccorritori, mentre Tg3 e Tg La7 ci presentano il portoghese Antonio Guterres, ex alto commissario per i rifugiati UE che si accinge a succedere a Ban Ki Moon come Segretario delle Nazioni Unite.

Anche stasera tanta cronaca nera nei Tg, con titoli per 5 testate su 7 (ma non su Tg3 e Tg La7). Tg4 apre sulla “liberazione”/scombero da parte di alcuni cittadini ferraresi di un palazzo occupato da anni (2 servizi con inviato), a cui seguito approfondimenti da realtà degradate a Milano e nel centro di Roma. La cattura del boss latitante della ndrangheta Pelle viene ripresa da tutte le testate, con Studio Aperto che offre un riepilogo delle catture più illustri degli ultimi anni.

Le apprensioni per l’uragano Matthew che, investita Haiti, si prepara ad abbattersi su Cuba e le coste statunitensi, prende il posto degli aggiornamenti sulle Presidenziali USA, salvo su Tg5 che affronta entrambi i temi.

Segnaliamo stasera l’attenzione del Tg3 ai nuovi esuberi (2.500) a cui si prepara l’agenzia di callcenter Almaviva, mentre Tg La7 propone un’interessante approfondimento sulla situazione di Montepaschi.

In conclusione, segnaliamo la copertina del Tg5 dedicata alla lettera aperta alla ministra della salute Lorenzin da parte del figlio di un 74enne malato di cancro che è morto al San Camillo di Roma dopo 2 giorni di “degenza in corsia”, durante i quali sarebbe stato abbandonato a se stesso (spazio nei titoli per Tg1 e Mediaset).

Ultime notizie
Criminalità e contrasto

Criminalità minorile e gang giovanili. I dati

Il Report “Criminalità minorile e gang giovanili”, il report realizzato dal Servizio analisi criminale è stato presentato questa mattina a Roma, presso la...
di redazione
Lavoro

La “mobilità circolare” dei giovani nell’area mediterranea

I giovani protagonisti del cambiamento Lo spazio Mediterraneo è un bene comune (“common good”) che appartiene a tutti gli Stati della UE ed...
di Avv. Angelo Caliendo*
Osservatorio sulla PA

Equo compenso o tariffazione?

Se solo il Codice dei Contratti fosse stato promulgato il 1° luglio 2023 (data della sua entrata in vigore) oggi non dovremmo affrontare questa spinosa questione, circa la portata e le modalità applicative della legge n. 49 del 21 aprile 2023 che ha introdotto “l’equo compenso” per i professionisti. Disposizione che di fatto modifica i criteri di aggiudicazione previsti nel Codice degli Appalti, vincolando il prezzo dei servizi professionali, o almeno così sembrerebbe.
di redazione
Intervista

Insularità, PNRR, fondi europei: il caso Sicilia

A più di un anno dall’introduzione nella nostra Costituzioni del principio di Insularità sono corrisposte politiche di sostegno e finanziamento delle attività necessarie a realizzare tale principio? Qual è l’incidenza dei fondi europei sulle attuali politiche di rigenerazione urbana e di sviluppo delle isole? Ne abbiamo parlato con chi ogni giorno deve confrontarsi con la gestione di una realtà complessa come quella della città di Catania: l’ingegner Biagio Bisignani, Direttore URB@MET.
di redazione
corse
Intervista

L’insularità possibile: il caso Corsica. Intervista a Marie-Antoinette Maupertuis, Presidente dell’Assemblea corsa

La Corsica è uno dei modelli europei in merito all’insularità e alle iniziative intraprese per favorire la coesione territoriale e l’autonomia fiscale necessaria per l’economia corsa, dinamica ma gravata da una “crescita depauperante”. Ne parliamo con l’Onorevole Marie-Antoinette Maupertuis, economista e Presidente dell’Assemblea della Corsica.
di Daniela Pappadà
corse
corse
Osservatori

Insularité possible: le cas de la Corse. Entretien avec Marie-Antoinette Maupertuis, Présidente de l’Assemblée de Corse

Insularité possible: entretien avec l’Honorable Marie-Antoniette Maupertuis, Presidente de l’Assemblee de Corse.
di Daniela Pappadà
corse
intelligenza
Intervista

Intelligenza artificiale e regole: serve un impegno dell’Unione sui diritti sostanziali

Intelligenza artificiale e diritto, ne parliamo con Giusella Finocchiaro, Professoressa ordinaria di diritto privato e diritto di Internet all’Università di Bologna. Per non cadere in un rischioso processo di “burocratizzazione digitale” bisogna partire da elementi culturali prima che giuridici, senza perdere di vista i princìpi.
di Massimiliano Cannata
intelligenza
Sicurezza

Tecnologia, sicurezza e istruzione: intervista a Nunzia Ciardi, Vice Direttore Generale dell’Agenzia per la Cybersicurezza Nazionale

La tecnologia è entrata di forza nella scuola grazie alla DAD, che in pandemia ha permesso a milioni di studenti di seguire le lezioni da casa. Bisogna continuare su questa strada e sfruttare le potenzialità offerte dalla tecnologia in àmbito scolastico e formativo secondo la dott.ssa Nunzia Ciardi, Vice Direttore Generale dell’Agenzia per la Cybersicurezza Nazionale.
di Massimiliano Cannata
scuole italiane
Immigrazione

Scuola e cittadini italiani di domani

La questione della presenza degli stranieri nelle scuole implica un’ambivalenza di obiettivi: migliorare la qualità dell’istruzione a prescindere dalla discendenza, oppure comprimere il diritto costituzionale all’apprendimento. La scuola deve avere una funzione di istruzione e integrazione sociale.
di Angelo Perrone*
scuole italiane
insularità
Intervista

Insularità e perifericità: costi e correttivi nell’intervista al Prof. Francesco Pigliaru

L’insularità si lega spesso all’idea di una compensazione economica, ma bisogna distinguere tra condizioni di prima e seconda natura legate all’insularità, come spiega il Prof. Francesco Pigliaru nell’intervista dedicata al tema delle isole e della continuità territoriale.
di redazione
insularità