Osservatorio TG

Tutti a Corte

I Tg di giovedì 7 maggio – Il caos e le fiamme all’aeroporto di Fiumicino occupano l’apertura per quasi tutte le testate; fa eccezione TgLa7 che tratta la notizia a centro edizione, aprendo invece sulla fine dei vitalizi per onorevoli e senatori condannati. Tg4 abbina lo stop ai vitalizi con il “furto” o presunto tale che il governo si appresterebbe a fare restituendo solo in parte i mancati adeguamenti ai pensionati. Centrale su tutte le testate, per Mediaset questo è un tema dirimente e da campagna elettorale. Tg5 presenta un servizio che in realtà è un editoriale sotto mentite spoglie in cui la notizia scompare e il commento è soverchiante, ed esplicito l’apprezzamento per la Consulta che “obbliga” il governo a trovare una decina di miliardi non previsti. Intanto Brunetta – ripreso da tutti – segnala i gravi ritardi del governo nell’applicazione di una sentenza pubblicata solo oggi in Gazzetta Ufficiale.

I Tg Rai “scoprono” che in realtà la Corte non ha detto che bisogna rimborsare tutti e subito, ma che anzi il Parlamento può legiferare, nel rispetto dei dettami della sentenza. Come nel caso che affrontiamo più avanti, l’informazione dimostra di verificare poco le notizie e di seguire l’onda. Avremmo la curiosità di conoscere per quali meccanismi e a quale esca tutti i Tg (con l’eccezione di La7) abbiano abboccato ieri aprendo sulla Consulta che “avrebbe” intimato a Renzi di applicare la sentenza senza se e senza ma. Oggi il Presidente (della Corte) ha nettamente smentito ciò che tutti hanno presentato per oro colato. Ci chiediamo dove sia finita la professione giornalistica.

Ce lo chiediamo di nuovo dopo aver osservato i volti distesi con cui i conduttori di serata hanno annunciato che l’Istat vede rosa per Pil e ripresa e anche – seppure assai moderatamente – per la discesa della disoccupazione nell’anno in corso, dopo che la scorsa settimana avevano accompagnato con cipiglio i dati sull’aumento della disoccupazione forniti sempre dall’Istat, in “concorrenza” con quelli del governo. L’Istat – siamo sicuri – non dice il falso e non inventa i numeri a vanvera. Lo stesso vale per il Ministero del Lavoro, al di là di quale inevitabile pennellata di propaganda. Allora? Perché l’informazione mainstream ci insinua questo dubbio? La risposta è semplice: anche sui dati Istat e Inps c’è poco mestiere giornalistico, e tra le scrivanie numerose che popolano le redazioni economia è raro trovare qualcuno che sappia di cosa si parla e che si prenda la briga di non fermarsi alla lettura delle agenzie.

Le regioni che tirano calci e rifiutano di accogliere le quote spettanti di profughi vengono rappresentate come eroine della resistenza da Tg4 e Studio Aperto, mentre per l’invito rivolto ai comuni da Alfano per l’utilizzo del lavoro gratuito su base volontaria dei richiedenti asilo (con Salvini che promuove il ministro degli interni da “scafista” a “schiavista” fa storcere il naso un po’ a tutti, ma – per quello che vale – a noi non sembra un’assurdità.

La notizia del probabile ritrovamento del barcone affondato con 800 persone a bordo è presente su tutti, anche perché non è fatica mandare in onda le immagini prodotte dalla Marina. Da segnalare la presenza fissa di Toti sulle testate Mediaset, con la veemente protesta per i profughi che dovrebbero arrivare in Liguria: un tipico incrocio tra esigenze di campagna elettore e vecchia consuetudine con gli ex colleghi dei Tg da lui diretti fino a poco più di un anno fa. Sempre a proposito di una testata da lui diretta, Tg4 anche stasera si occupa di rom, ma visto che oramai ha finito le frecce avvelenate, paradossalmente produce un servizio che pur rimarcando la delinquenza degli occupanti, manifesta come il degrado dei campi consegua da colpe “nostre” e non dei sinti e dei rom.

Da domani si parlerà molto della rotta che la Gran Bretagna imposterà: verso l’Europa o, più probabilmente, in proiezione atlantica. I Tg di serata segnalano l’attesa per i risultati elettorali che giungeranno in nottata.

Dati auditel dei TG di mercoledì 6 maggio 2015


Tg1 – ore 13:30 3.672.000, 22,31% ore 20:00 5.424.000, 25,06%.
Tg2 – ore 13:00 2.411.000, 15,72% ore 20:30 2.001.000, 8,22%.
Tg3 – ore 14:30 1.556.000, 10,04% ore 19:00 1.454.000, 10,08%.
Tg5 – ore 13:00 3.108.000, 20,16% ore 20:00 3.895.000, 18,41%.
Studio Aperto – ore 12:25 1.952.000, 15,90% ore 18:30 671.000, 6,06%.
Tg4 – ore 11:30 368.000, 5,78% ore 18:55 567.000, 4,10%.
Tg La7 – ore 13:30 493.000, 2,99% ore 20:00 1.170.000, 5,32%.

Fonte:www.tvblog.it

Ultime notizie
Economia

PNRR: un modello più snello di governance per l’Italia

Le sfide poste dal PNRR potrebbero segnare una svolta storica nell’accelerazione delle nuove politiche di sviluppo, come quelle relative alle transizioni verde...
di Claudia Bugno*
vaccino
Diritto

Obbligo vaccinale o sospensione, arriva la sentenza per i sanitari no-vax

Vaccino anti-Covid o sospensione nella impossibilità di essere ricollocati ad altra mansione che non comporti pericolo di contagio: la sentenza del Consiglio di Stato chiarisce la posizione legale nei confronti dei professionisti sanitari no-vax.
di Vincenzo Macrì
vaccino
giochi pubblici
Osservatori

Giochi pubblici: “L’irresistibile convenienza della legalità”

Giochi pubblici, la tutela sostanziale della legalità non è affare solo dello Stato. Oltre alla chiarezza normativa, è necessaria partecipazione attiva dei concessionari e delle associazioni di categoria, quali soggetti danneggiati dal reato, ai procedimenti penali contro i gestori del gioco illegale e al fianco dell’Avvocatura dello Stato.
di Chiara Sambaldi e Andrea Strata*
giochi pubblici
Fisco

Un fisco “predittivo” per facilitare la lotta all’evasione fiscale

La lotta all’evasione fiscale si fa anche grazie all’utilizzo di software predittivi, sulla base dei quali programmare le verifiche a “colpo sicuro”. La Guardia di Finanza guarda al futuro e investirà in tale direzione 32 milioni di euro su big data e cybersicurezza.
di Giovambattista Palumbo*
esame di stato
Istruzione

Generazioni sotto esame. Dalla maturità all’esame di Stato, che ne sarà della prova scritta?

L’esame di Stato, un tempo esame di maturità, continua a far discutere ministri dell’Istruzione e studenti su quale sia la formula migliore. Una formula che è cambiata negli anni, fino ad arrivare alla richiesta odierna di abolire la prova scritta fatta dagli studenti e non ancora smentita dal Ministero.
di Giuseppe Pulina
esame di stato
violenza di genere
Donne

Violenza di genere, omicidi e reati spia in aumento nel 2021

La violenza di genere è aumenta nei primi 11 mesi del 2021, sia per gli omicidi che per i reati spia di tali violenze. Secondo il report del servizio analisi della Polizia Criminale, su un totale di 263 omicidi volontari compiuti in Italia dal primo gennaio ad oggi, 109 hanno riguardato donne.
di redazione
violenza di genere
Economia

Colonialismo digitale, è l’Africa la terra promessa

Quando parliamo di crescita e di aiuti ai paesi dell'Africa omettiamo spesso il tema del colonialismo digitale e degli investimenti massicci dei colossi del tech, come ad esempio Google, per accaparrarsi i nuovi mercati.
di Susanna Fara
Italia Domani

Italia Domani. Il PNRR per il rilancio e la crescita

  La mission del magazine online dell’Istituto Eurispes è quella di raccontare “l’Italia che verrà”. Nasce così l’idea di fornire sulle nostre pagine...
di Claudia Bugno*
europa e africa
Briefing

Europa e Africa, un futuro condiviso oltre “l’inerzia del mondo”

La recente visita di Mattarella in Algeria ha gettato lo sguardo oltre le tradizionali dinamiche europee, evidenziando che Europa e Africa sono due continenti legati da un destino condiviso in economia come nella lotta alla crisi climatica. La crescita economica africana può coinvolgere in primo luogo in nostro Paese, per posizione geografica e per opportunità.
di Amb. Paolo Sannella*
europa e africa
muri di sabbia
Istituzioni

Muri di sabbia, l’ultima frontiera contro le migrazioni dall’Africa

Mentre l’Europa resta a guardare di fronte alle forze di Minsk che usano i profughi come arma politica, in Africa si usano altre forme per bloccare i flussi migratori. Muri di sabbia vengono eretti e ampliati in Marocco, Algeria, Niger, Libia: lo scopo è far sì che i profughi non superino i confini nazionali.
di Marco Omizzolo*
muri di sabbia