Tutti a Corte

I Tg di giovedì 7 maggio – Il caos e le fiamme all’aeroporto di Fiumicino occupano l’apertura per quasi tutte le testate; fa eccezione TgLa7 che tratta la notizia a centro edizione, aprendo invece sulla fine dei vitalizi per onorevoli e senatori condannati. Tg4 abbina lo stop ai vitalizi con il “furto” o presunto tale che il governo si appresterebbe a fare restituendo solo in parte i mancati adeguamenti ai pensionati. Centrale su tutte le testate, per Mediaset questo è un tema dirimente e da campagna elettorale. Tg5 presenta un servizio che in realtà è un editoriale sotto mentite spoglie in cui la notizia scompare e il commento è soverchiante, ed esplicito l’apprezzamento per la Consulta che “obbliga” il governo a trovare una decina di miliardi non previsti. Intanto Brunetta – ripreso da tutti – segnala i gravi ritardi del governo nell’applicazione di una sentenza pubblicata solo oggi in Gazzetta Ufficiale.

I Tg Rai “scoprono” che in realtà la Corte non ha detto che bisogna rimborsare tutti e subito, ma che anzi il Parlamento può legiferare, nel rispetto dei dettami della sentenza. Come nel caso che affrontiamo più avanti, l’informazione dimostra di verificare poco le notizie e di seguire l’onda. Avremmo la curiosità di conoscere per quali meccanismi e a quale esca tutti i Tg (con l’eccezione di La7) abbiano abboccato ieri aprendo sulla Consulta che “avrebbe” intimato a Renzi di applicare la sentenza senza se e senza ma. Oggi il Presidente (della Corte) ha nettamente smentito ciò che tutti hanno presentato per oro colato. Ci chiediamo dove sia finita la professione giornalistica.

Ce lo chiediamo di nuovo dopo aver osservato i volti distesi con cui i conduttori di serata hanno annunciato che l’Istat vede rosa per Pil e ripresa e anche – seppure assai moderatamente – per la discesa della disoccupazione nell’anno in corso, dopo che la scorsa settimana avevano accompagnato con cipiglio i dati sull’aumento della disoccupazione forniti sempre dall’Istat, in “concorrenza” con quelli del governo. L’Istat – siamo sicuri – non dice il falso e non inventa i numeri a vanvera. Lo stesso vale per il Ministero del Lavoro, al di là di quale inevitabile pennellata di propaganda. Allora? Perché l’informazione mainstream ci insinua questo dubbio? La risposta è semplice: anche sui dati Istat e Inps c’è poco mestiere giornalistico, e tra le scrivanie numerose che popolano le redazioni economia è raro trovare qualcuno che sappia di cosa si parla e che si prenda la briga di non fermarsi alla lettura delle agenzie.

Le regioni che tirano calci e rifiutano di accogliere le quote spettanti di profughi vengono rappresentate come eroine della resistenza da Tg4 e Studio Aperto, mentre per l’invito rivolto ai comuni da Alfano per l’utilizzo del lavoro gratuito su base volontaria dei richiedenti asilo (con Salvini che promuove il ministro degli interni da “scafista” a “schiavista” fa storcere il naso un po’ a tutti, ma – per quello che vale – a noi non sembra un’assurdità.

La notizia del probabile ritrovamento del barcone affondato con 800 persone a bordo è presente su tutti, anche perché non è fatica mandare in onda le immagini prodotte dalla Marina. Da segnalare la presenza fissa di Toti sulle testate Mediaset, con la veemente protesta per i profughi che dovrebbero arrivare in Liguria: un tipico incrocio tra esigenze di campagna elettore e vecchia consuetudine con gli ex colleghi dei Tg da lui diretti fino a poco più di un anno fa. Sempre a proposito di una testata da lui diretta, Tg4 anche stasera si occupa di rom, ma visto che oramai ha finito le frecce avvelenate, paradossalmente produce un servizio che pur rimarcando la delinquenza degli occupanti, manifesta come il degrado dei campi consegua da colpe “nostre” e non dei sinti e dei rom.

Da domani si parlerà molto della rotta che la Gran Bretagna imposterà: verso l’Europa o, più probabilmente, in proiezione atlantica. I Tg di serata segnalano l’attesa per i risultati elettorali che giungeranno in nottata.

Dati auditel dei TG di mercoledì 6 maggio 2015


Tg1 – ore 13:30 3.672.000, 22,31% ore 20:00 5.424.000, 25,06%.
Tg2 – ore 13:00 2.411.000, 15,72% ore 20:30 2.001.000, 8,22%.
Tg3 – ore 14:30 1.556.000, 10,04% ore 19:00 1.454.000, 10,08%.
Tg5 – ore 13:00 3.108.000, 20,16% ore 20:00 3.895.000, 18,41%.
Studio Aperto – ore 12:25 1.952.000, 15,90% ore 18:30 671.000, 6,06%.
Tg4 – ore 11:30 368.000, 5,78% ore 18:55 567.000, 4,10%.
Tg La7 – ore 13:30 493.000, 2,99% ore 20:00 1.170.000, 5,32%.

Fonte:www.tvblog.it

Ultime notizie
nuovo ordine globale
Rapporti

Il nuovo ordine globale, un dibattito aperto sul mondo di oggi

La presentazione del libro “Il nuovo ordine globale” a cura di Marco Ricceri, ospitata presso la sede di Sioi, ha offerto un’opportunità di dibattito sulla geopolitica odierna e sulle organizzazioni multilaterali che la regolano, tra studiosi ed esperti, tra cui l’On. Tremonti, prof. Giovanni Barbieri, prof. Riccardo Sessa.
di redazione
nuovo ordine globale
BRICS
Internazionale

BRICS e Unione europea, alternativi e competitivi: intervista alla prof.ssa Lucia Scaffardi

I BRICS sono al centro dell’intervista alla prof.ssa Lucia Scaffardi e della recente collaborazione tra Università di Parma e Istituto Eurispes, Laboratorio sui BRICS. Nel dialogo con la prof.ssa Scaffardi emergono diversità e parallelismi tra NATO e Unione europea da un lato, e BRICS dall’altro, come blocchi contrapposti nella geopolitica attuale.
di Susanna Fara
BRICS
continuità territoriale
Infrastrutture

La discontinuità territoriale della Sardegna

Continuità territoriale, in Sardegna manca ancora una soluzione definitiva, soprattutto per lo scalo di Alghero disertato dalle compagnie aeree nei bandi proposti dalla Regione. In estate la situazione precaria dei collegamenti è peggiorata dal traffico turistico, mentre la continuità vige solo da e per Milano e Roma.
di giuseppe pulina
continuità territoriale
violenza di genere
Donne

Violenza di genere, i dati degli ultimi sei mesi della Polizia Criminale

Violenza di genere, i dati del Servizio Analisi Criminale della Polizia Criminale documentano un trend in crescita dal 2021 al 2023, ma i dati degli ultimi sei mesi evidenziano una flessione rispetto allo stesso periodo del 2023, soprattutto per i reati spia e gli omicidi volontari.
di redazione
violenza di genere
work life balance
Parità

Work life balance, c’è ancora un gap di genere da colmare

Il work life balance, ovvero l’equilibrio tra vita privata e professionale, riguarda anche la parità di genere, soprattutto in merito al caregiving, che troppo spesso ancora ricade principalmente sulle donne. Adnkronos evidenzia inoltre che il 66% degli utenti si dichiara insoddisfatto del proprio life work balance, e che questo incide nella scelta dell’impiego.
di redazione
work life balance
mediterraneo
Sostenibilità

Giornata internazionale del Mediterraneo, un ecosistema da difendere da plastica e sfruttamento

La Giornata internazionale del Mediterraneo è stata dedicata al dibattito sul nostro mare, un ecosistema che va difeso dallo sfruttamento intensivo della pesca e dalle plastiche. Un incontro presso la Camera dei Deputati organizzato da Fondazione Aqua ha visto numerosi studiosi esprimersi in merito al fragile equilibrio di questa risorsa fondamentale.
di redazione
mediterraneo
Uricchio ANVUR
Intervista

Antonio Uricchio, Presidente ANVUR: la valutazione come strumento per migliorare la qualità di ricerca e didattica

Antonio Uricchio, Presidente di ANVUR interviene nel merito delle critiche mosse verso una eccessiva burocratizzazione delle Università italiane, affermando la valutazione delle stesse come importante strumento per migliorare la qualità della ricerca e della didattica attraverso la raccolta di dati, documenti e informazioni.
di Mario Caligiuri*
Uricchio ANVUR
Corridoi TEN-T
Infrastrutture

Segnali positivi nella nuova strategia dei corridoi europei dei trasporti TEN-T

Il Parlamento europeo ha approvato il nuovo Regolamento sui Corridoi TEN-T. Il testo ha l’obiettivo di completare alcuni importanti collegamenti, aggiornando il piano europeo per una rete di ferrovie, strade, vie navigabili interne e rotte marittime a corto raggio collegate attraverso porti e terminali in tutta l’Unione.
di Giampaolo Basoli*
Corridoi TEN-T
Intervista

Pierluigi Petrone, Presidente Assoram: sfide globali e nuove competenze del comparto healthcare

Il comparto healthcare oggi si trova ad affrontare nuove sfide che vanno oltre gli anni della pandemia: le mutate esigenze dei consumatori, sempre più vicini all’e-commerce, e gli equilibri internazionali che condizionano logistica e distribuzione. Uno sguardo alle sfide del futuro con il Presidente di Assoram Pierluigi Petrone.
di Susanna Fara
scuola
Istruzione

La Scuola di domani: tecnologie digitali e valorizzazione delle eccellenze

Tecnologie digitali e una gestione oculata dei fondi per valorizzare le eccellenze e la qualità: è questa la prospettiva sulla Scuola italiana individuata da Alessandro Curioni, Docente (Università Cattolica di Milano) e Presidente di DI.GI Academy.
di Massimiliano Cannata
scuola