Osservatorio TG

Ubiquità

I Tg di giovedì 1 dicembre – Come aveva facilmente pronosticato Mentana, quando il gioco si fa duro, ovvero negli ultimi giorni di campagna referendaria, sono i big i più presenti e i più “ricercati”, anche perché questo mette serenità nelle direzioni delle testate rispetto alla par condicio. Renzi da sempre, Berlusconi nelle ultime settimane e Grillo con le sue modalità: questa la sequenza obbligata che per chi come noi segue in diretta tutte le elezioni di serata, produce un paradossale effetto ottico quasi allucinatorio, dovuto alla compresenza negli stessi attimi delle stesse personalità su tanti schermi diversi. Modalità diverse, dicevamo: Renzi che tweetta o si agita sul palco, Berlusconi paciosamente seduta su apposita sedia in stile, Grillo che non accatta confronti politici e non parla con i giornalisti, ma grida sul web o dai finestrini delle auto con cui sta facendo il giro a supporto del No. Questo è accaduto all’ennesima potenza anche stasera, dando luogo all’allucinazione dell’ubiquità.

Ricercare in filigrana oltre le immagini dei big reali contenuti, è impresa vana, se ad esempio la “notizia” di giornata è la ventilata denuncia di M5s contro Renzi per il reato di “abuso della credulità popolare” – che in realtà è passibile solo di una contravvenzione – in merito alla vicenda del facsimile della possibile scheda elettorale per il Senato dopo la vittoria dl sì. La querelle è ripresa da tutti, ma con un tono cosi “notarile” che siamo certi che i teleutenti non avranno capito niente. Solo TgLa7 si prende la briga di tentare, almeno, di spiegare l’oggetto del contendere, producendo un servizio tutt’altro che inutile. Su Tg2, Tg1 e TgLa7 spazio all’altra polemica di giornata, quella che investe il giudice Caruso che ha paragonato i fautori del sì ai repubblichini di Salò, e che per questo è sotto inchiesta presso il Csm.

A cercare con il lumicino “notizie notizie”, i dati odierni dell’Istat non sono clamorosi, ma il traguardo del pil 2016 verso l’1% e la leggera discesa della disoccupazione un minimo scaldano. Da segnalare che Tg5, “l’anima renziana di Mediaset” secondo Berlusconi, mette l’Istat in apertura.

Le aperture di molte testate sono sull’incendio della raffineria Eni vicino Padova (apertura per Tg1 e Tg2).

Per la cronaca dobbiamo attenderci che l’inchiesta sugli “amanti diabolici” dell’ospedale di Saronno darà sempre più presente nell’informazione mainstream. Anche stasera se ne occupano tutti, tanto più che le nuove intercettazioni attesterebbero una sostanziale connivenza di elementi della struttura sanitaria. Questo nuovo caso non toglie però spazio alle evegreen, con Tg4 che si collega in diretta con la madre della bimba precipitata a Chiavano per farle commentare un disegnino fatto dal principale sospettato.

Per gli esteri nelle edizioni delle 20 e in apertura su Tg2 la “bomba” della decisione di Hollande di non ricandidarsi all’Eliseo nella prossima primavera, esplosa in un intervento in diretta sulle tv francesi intorno alle 20,15. TgLa 7 ci ricorda che domenica 4 dicembre si voterà anche in Austria per il ballottaggio delle presidenziali tra il leader dei verdi e quello dell’estrema destra xenofoba che vorrebbe reintrodurre anche la pena di morte.

Spazio su tutti alla giornata mondiale di lotta all’aids, tanto più nel giorno che vede l’arrivo in farmacia del test fai da te.

Chiudiamo segnalando il buon servizio del Tg2 che ricorda la “concessione” del voto alle donne 70 anni fa: un passaggio decisivo per il difficile processo di emancipazione dell’altra metà del cielo.

Alberto Baldazzi

Ultime notizie
Economia

Terzo settore, al via il Master per formare i nuovi manager del Welfare

Partiranno a febbraio i colloqui di selezione per il Master di II Livello “Terzo Settore, Innovazione Sociale e Governance dei Sistemi Locali di...
di redazione
mauro ceruti
Cultura

Nel mondo interconnesso la fraternità può rifondare la geopolitica: a colloquio con Mauro Ceruti

A colloquio con Mauro Ceruti, professore ordinario di Logica e Filosofia della Scienza e direttore della PhD School for Communication Studies Università IULM di Milano.
di Massimiliano Cannata
mauro ceruti
Economia

Cantieri di legalità. PNRR, un banco di prova

Il 2021 si è concluso con un primo successo nell’ambito dell’ambizioso Piano Nazionale per la Ripresa e Resilienza (PNRR), con il raggiungimento...
di Roberto De Vita* e Marco Della Bruna
PNRR borghi
Futuro

Aree marginali nel PNRR: il rilancio parte dai borghi

Il PNRR presenta investimenti e riforme puntuali in aree marginali ben definite, come il Piano Nazionale per la valorizzazione dei borghi. L’investimento si origina dalla considerazione che tanti piccoli centri storici italiani rappresentano un enorme potenziale per un turismo sostenibile alternativo.
di Claudia Bugno*
PNRR borghi
third sector
Internazionale

Third sector: the new pillar to start again

Change is a natural consequence of crises, especially when they are global in scope. The Covid-19 pandemic hit people hard in all...
di Ida Nicotera*
third sector
urne elezioni libia
Briefing

Dalle urne ai proiettili. Libia, tutto da rifare

Dalle urne elettorali alle urne funerarie in Libia il passo è breve. Sfumano le speranze di una transizione democratica indolore. A decretare...
di Francesco Bechis
urne elezioni libia
terzo settore
Internazionale

Terzo settore: il nuovo pilastro da cui ripartire

Il Terzo settore ha fornito un contributo essenziale e si è posto come “faro” nella gestione dell’emergenza. Esperti e studiosi di Russia e Italia hanno affrontato, in un recente incontro, il tema della collaborazione tra i due paesi riguardo al Terzo settore e alla sostenibilità.
di Ida Nicotera*
terzo settore
PNRR
Economia

L’attuazione del PNRR e la prevenzione delle attività illecite

Garantire un’efficiente ed efficace attuazione del PNRR significa anche agire al fine di prevenire possibili infiltrazioni criminali e frodi, corruzioni e attività illecite nell’utilizzo delle risorse.
di Claudia Bugno*
PNRR
metaverso
Economia

Le regole giuridiche del metaverso e la tassazione degli NFT

Gli ordinamenti giuridici dovrebbero regolamentare le imprese attive nel metaverso, in particolare nella gestione fiscale di NTF, trovando nuove soluzioni normative in termini di privacy, diritti di proprietà intellettuale ed industriale, ed anche di fisco.
di Giovambattista Palumbo*
metaverso
europa
Immigrazione

In Europa troppi immigrati? Il 40% dei cittadini è favorevole a innalzare muri

L’Europa alza i suoi muri verso il mondo esterno, non solo per la pandemia: il 40% dei cittadini europei è favorevole alla costruzione di muri alle frontiere, mentre 6 su 10 pensano che in Europa ci siano troppi immigrati.
di Roberta Rega
europa