Arch. Diego Franchi all’Eurispes: “Il Ponte Morandi un’opera d’arte trascurata”


 

Arch. Diego Franchi all’Eurispes: “Il Ponte Morandi era un concetto, un’opera d’arte alla quale nel tempo è mancata la giusta cura”. E ancora: “Senza una modifica del codice degli appalti i giovani architetti non potranno mai trovare spazio e lavorare” 

Nella triste ricorrenza del crollo del Ponte Morandi, l’Eurispes attraverso le pagine elettroniche del suo magazine online ha realizzato uno speciale, raccogliendo diversi videocontributi a firma di Emilio Albertario. Tra questi, l’intervista realizzata con l’Arch. Diego Franchi.

Del Ponte Morandi, si diceva che era stato costruito per vivere 50 anni soltanto e poi le crepe si sono viste tutte come pure il degrado. Ecco, come si più pensare – e lo aveva detto lo stesso Morandi – che un’opera potesse avere vita così breve?

Mi ha sempre affascinato il Ponte Morandi perché era un concetto, un’opera d’arte, costruita in un contesto urbanistico non facile perché, nel contesto urbanistico, a parte l’attraversamento del fiume, il Polcevera, c’erano delle costruzioni civili, costruzioni industriali e soprattutto un sistema ferroviario non indifferente. Quindi, nello sforzo progettuale penso che Morandi avesse cercato di creare una macchina che funzionasse per superare tutte queste difficoltà e lo stesso disegno forse è nato cercando di dare una valenza alla parte costitutiva e anche una valenza formale e paesaggistica. Quindi i tre cavalletti che aveva inventato servivano per superare i due innesti autostradali – Savona da una parte e il torinese dall’altra – con quello che sotto c’era ed esisteva. Sempre con il concetto dell’economicità, avendo lui utilizzato calcestruzzo e ferro in maniera moderna.

Dal Ponte Morandi al nuovo ponte, il San Giorgio. Ecco, Lei di questa grande opera, che mi dice?

Non voglio entrare in discorsi relativi alle manutenzioni, però, quando sono stato a San Francisco – il Ponte di San Francisco ha qualche anno in più del Ponte Morandi – la circostanza che mi aveva entusiasmato era il fatto che intere squadre di imbianchini iniziano la manutenzione da una parte, finiscono dall’altra e poi ritornano indietro. È dagli anni Trenta che fanno questo lavoro. Nel Ponte Morandi questo non è successo; inoltre, sempre per quel che riguarda il Ponte Morandi, che sorgeva in un ambiente marino, avevo saputo che gli appalti non avevano avuto i riscontri progettuali circa i materiali. Sicuramente le infiltrazioni di salsedine nei trefoli dei tiranti hanno influito, anche perché era una struttura semplicissima, un concetto statico, costituito da tre archetti; io li chiamo i tre piedi. Essendo un concetto statico, è sufficiente che venga meno uno di questi per portare al collasso, come in un castello di carte. Certo, non c’è stata manutenzione, questo è il concetto. Il Ponte di Renzo Piano ha un concetto più moderno, più smart. Credo che adesso, non so se abbiano cominciato, debbano installare tutti i sensori di controllo dell’umidità e delle vibrazioni, quindi, in pratica, stanno inserendo una centralina come quella delle auto di adesso, che ci dice se la ruota è sgonfia, se manca l’olio o se dobbiamo fare il controllo del tagliando. È un tipo di controllo moderno, che all’epoca non c’era e che forse bisognava fare. Le ricordo: un collaboratore di Morandi fece l’esempio, adattandolo al ponte, di due signori che comprano la stessa automobile. Uno fa il tagliando sempre, la lascia in garage, la lucida, sta attento alle cerniere e a tutto; l’altro, invece, la lascia per strada, tutta ammaccata, non controlla le gomme, non fa il cambio olio. Chiaramente due macchine dello stesso periodo, dopo 50 anni, sono differenti, molto differenti.

Il codice degli appalti: adesso sembra che tutti lo vogliano rivedere, ma sta lì, non abbiamo neanche più il Presidente Cantone a dirigere un organo acefalo. Un giudizio di valore su quel codice e se quest’ultimo ha frenato, più che fatto sviluppare, la nostra economia delle infrastrutture.

Così com’è il codice degli appalti nei vari anni, a partire dalla sua concezione fino ad ora, sta diventando una macchina sempre più complessa, troppo complessa, soprattutto per gli addetti ai lavori, perché sembra quasi ideato da gente che degli appalti non ci capisce niente. Non voglio dire che dobbiamo passare tutti all’incarico diretto o alla scelta diretta dell’impresa, però dobbiamo controllare la professionalità dal punto di vista progettuale, di noi progettisti, e le personalità delle imprese. Ci vuole poco, non ci vogliono mesi, e non si deve chiedere, come fanno anche a noi, i fatturati annui per capire se siamo in grado di progettare qualcosa, perché i poveri giovani, che si iniziano la professione e non hanno fatturati annui – i giovani che ci danno e ci rinfrescano il cervello, ben vengano – non potranno mai lavorare con questo codice degli appalti. E poi, troppo tempo, troppe fasi di approvazione.

 

Ultime notizie
Relazione DIA
Criminalità e contrasto

Relazione Semestrale DIA, la mafia si insinua anche grazie ai traffici di droga e di armi

La Relazione DIA relativa al primo semestre 2023 è stata resa nota questa mattina. Le mafie emergono come fenomeni sempre più mutevoli che cambiano forme e modalità di azione, adattandosi ai contesti socio-economici. Il traffico di droga resta la fonte maggiore di profitto per i clan, mentre si rileva la presenza di un traffico di armi, anche da guerra.
di redazione
Relazione DIA
economia africana
Mondo

Come va l’economia africana? La realtà del Continente al di là dei macro-dati

L’economia del Continente africano crescerà tra il 3,8% e il 4% nel 2024 e sarà la seconda economia a livello mondiale dopo quella asiatica, ma i dati reali, non meramente legati a fattori economici, descrivono una realtà più incerta e mutevole, determinata dai conflitti, dall’instabilità politica e da disastri naturali ed eventi climatici, come la siccità.
di Emanuele ODDI*
economia africana
rimesse economiche
Immigrazione

L’importanza sociale delle rimesse economiche dei migranti

Le rimesse economiche dei migranti rappresentano una risorsa per il paese d’origine che le riceve, oltre a un diritto e un mezzo di emancipazione di molte famiglie dalla povertà. Ma allo stesso tempo, queste possono creare squilibri nel tessuto sociale: una ricchezza, dunque, che andrebbe guidata da progetti di investimento strutturati.
di Marco Omizzolo*
rimesse economiche
Intervista

Neuroscienze della narrazione, lo storytelling nell’era dell’Intelligenza artificiale

“Neuroscienze della narrazione” è il saggio di Marco La Rosa, pubblicato da Hoepli, che analizza presente e futuro dello storytelling nell’era dell’IA. Oltre al rischio di un eccessivo appiattimento dei contenuti, come già accade per le immagini generate da IA, La Rosa allerta sulla condizione dell’“uomo di vetro”, ovvero privato della sua riservatezza.
di Massimiliano Cannata
migrazione e asilo
Europa

Nuovo Patto europeo su migrazione e asilo, manca un vero equilibrio tra responsabilità e solidarietà

Il nuovo Patto europeo su migrazione e asilo ha generato notevoli perplessità sul fronte dei diritti umani e della solidarietà tra Stati Ue, in particolare sul trattamento dei minori e sulla possibilità data agli Stati membri di rifiutarsi di ospitare i richiedenti asilo in cambio di un contributo finanziario alla gestione dei processi di rimpatrio.
di Ugo Melchionda*
migrazione e asilo
violenza di genere
Società

Giovani e violenza di genere. I dati della Direzione Centrale della Polizia Criminale

Violenza di genere, un report del Servizio Analisi Criminale delle Forze di Polizia analizza il fenomeno in una ottica generazionale. I delitti in àmbito affettivo e familiare sono in calo, ma troppo spesso riguardano vittime e autori con meno di 34 anni, con prevalenza di giovani adulti. Il 76% delle donne vittime di violenze sessuali ha meno di 34 anni.
di redazione
violenza di genere
competenze digitali
Lavoro

Competenze digitali e nuove priorità nel mondo del lavoro, l’appuntamento Adnkronos Q&A

Attrarre nuovi talenti, valorizzare la formazione specifica e investire sulle persone: questi i temi al centro del nuovo appuntamento Adnkronos Q&A, con focus su parità e gender gap
di redazione
competenze digitali
Rapporto Italia
Rapporto Italia

Rapporto Italia, presentati i dati dell’Eurispes per il 2024

Rapporto Italia 2024, nelle parole del Presidente dell’Eurispes Gian Maria Fara un Paese al bivio, che ha bisogno di coraggio nelle scelte. Ma bisogna innanzitutto superare il “presentismo” che ha contraddistinto gli ultimi anni per scegliere con consapevolezza tra conservazione o futuro.
di redazione
Rapporto Italia
concessioni balneari
Diritto

Giurisprudenza amministrativa su concessioni balneari

Sulle concessioni balneari c’è bisogno di meno proroghe e più regole certe, ragionevoli e trasparenti, in quanto non è più possibile affidarsi solo agli esiti della giurisprudenza. I provvedimenti dovranno tenere in conto l’esperienza professionale e il know-how delle imprese, nonché tutelare gli eventuali investimenti già effettuati.
di giovambattista palumbo*
concessioni balneari
baby gang
Sicurezza

Baby gang tra realtà e percezione. Intervista a Stefano Delfini, Direttore Servizio Analisi Criminale della Direzione Centrale della Polizia Criminale

Il 36% degli italiani denuncia la presenza di baby gang nel proprio territorio, come emerge dal Rapporto Italia 2024. Ma non bisogna confondere realtà e percezione, afferma Stefano Delfini, Direttore del Servizio Analisi Criminale, che nel corso dell’intervista traccia un quadro del fenomeno criminale minorile nel nostro Paese.
di Susanna Fara
baby gang