Intervista

Caselli: “senza legalità lo sviluppo è illusorio”

17

L’Eurispes.it incontra Gian Carlo Caselli, già Procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Torino, oggi Presidente del Comitato Scientifico dell’Osservatorio Coldiretti sulla criminalità nell’agricoltura e sul sistema agroalimentare.

Dottor Caselli, paradossalmente rappresentati e rappresentanti si assomigliano sempre di più. I ceti dirigenti della politica, dell’amministrazione, della burocrazia e dell’imprenditorialità manifestano per primi quei difetti che conducono a ritenere il piano della legalità una semplice opzione, più che la regola… 

Indubbiamente c’è anche questo problema, che sfocia poi nel dramma rappresentato nel nostro Paese dalla crisi della legalità. La legalità è attaccata principalmente su tre fronti: l’evasione fiscale, la corruzione e l’economia illegale anche mafiosa. Sono tre forme di illegalità che in termini di business rappresentano volumi semplicemente vertiginosi. Queste cifre da capogiro determinano un impoverimento ancora una volta da capogiro. Risulta quindi evidente che qualunque recupero di legalità rappresenta un recupero sul piano del reddito e della complessiva qualità della vita. In una situazione di profonda crisi economica la legalità è la chiave per affrontare i gravi problemi che ci affliggono, la chiave per avviare il nostro Paese verso uno sviluppo ordinato. Questo percorso presupporrebbe – la sua domanda lo esplicitava – una classe politica sensibile e attenta che non sia, nella migliore delle ipotesi, invischiata in certi problemi, nella peggiore contigua – se non peggio – a dinamiche di malaffare e ai suoi protagonisti.

 

 

Gli italiani “sanno”, vengono a conoscenza della dimensione diffusa dell’illegalità attraverso i media, soprattutto quelli mainstream e, quindi, l’informazione televisiva. Un ruolo decisivo, dunque. Come giudica l’attenzione dei media alle tematiche dell’illegalità?

Naturalmente è difficile fare un discorso generalista; bisognerebbe distinguere caso per caso, a seconda delle fasi, dei soggetti e delle vicende affrontate. Certo è che c’è attenzione ma non quella incisività, quella penetrazione costante nella realtà di questi problemi che sarebbe auspicabile. Non intendo dire che le pagine dei giornali debbano essere quotidianamente strapiene dei problemi e dei casi legati alla corruzione, ma certo non ci si può accorgere della corruzione solo quando scoppia lo scandalo. Bisognerebbe affrontarla più sistematicamente, seguendo un progetto d’intervento. Noi abbiamo aspettato oltre vent’anni per avere finalmente una legge sulla corruzione, ma ecco che, quando arriva, appare piena di buchi, di incongruenze e di elementi che devono essere modificati “di corsa”. Questi elementi contraddittori emergerebbero immediatamente se l’attenzione dell’informazione – specializzata e no – fosse più ficcante e non andasse a rimorchio dei fatti, ma cercasse in qualche modo di aiutare ad orientarci nella direzione giusta, quella degli interessi generali del Paese.

Ultime notizie
Sicurezza

Il senatore Romeo (Lega): «La difesa deve essere legittima sempre»

Legittima difesa: "Se una persona sa che svaligiando una casa la farà sempre franca, non avrà nessun incentivo a smettere di delinquere". Il nostro dibattito sul tema prosegue con l'opinione di Massimiliano Romeo, capogruppo della Lega al Senato.
di Corrado Giustiniani
Intervista

Casucci (Lega): «Educazione civica sia materia vera, con tanto di voto»

Educazione civica nelle scuole: il dibattito prosegue con l'opinione di Marco Casucci, promotore di una mozione approvata dalla Regione Toscana. "L'educazione civica diventi materia curriculare con tanto di voti".
di Valentina Renzopaoli
Immigrazione

Migrazione, Vacca: “Chiudere i porti non frenerà la Shoah”

Immigrazione: "Chiudere i porti non frenerà la Shoah". Roberto Vacca: Non possiamo pretendere di essere civilizzati, se discutiamo di illegalità e ignoriamo «i diritti inalienabili alla vita, alla libertà e alla ricerca della felicità».
di Roberto Vacca
Intervista

Il Presidente della Camera Penale: “Una follia le armi ai cittadini”

La maggioranza degli italiani, secondo Eurispes, sparerebbe a chi gli entra di notte in casa. «Ma c’è ben più del 40 per cento che non userebbe la pistola. E fa bene: diffondere le armi nel Paese è una pazzia assoluta».
di Corrado Giustiniani
Approfondimenti

Legittima difesa, la Lega pronta a rafforzare la misura. Il dibattito

Il 56,6% degli italiani sparerebbe se sorprendesse di notte intrusi nella propria abitazione: il 38,5% lo farebbe con probabilità, il 17,7% sicuramente. la rivista L'Eurispes.it vuole aprire un dibatto sul tema con interviste e riflessioni che verranno pubblicate nelle prossime settimane.
di redazione
Immigrazione

Accoglienza e mala burocrazia: solo un bando su sei è ben fatto

Migrazione: solo un bando di gara su sei, di quelli relativi alla gestione della prima accoglienza dei migranti, raggiunge la sufficienza. Lo rivela un'indagine realizzata dalla cooperativa In Migrazione. Non mancano però esempi virtuosi
di Marco Omizzolo
Informazione

Michele Mezza: “Automi e algoritmi minacciano il giornalismo”

Giornalismo "automatizzato": i "bot" stanno seriamente mettendo a rischio il mestiere. Il 52% dei contenuti che circolano nell’infosfera già ora non hanno un’origine umana e il 66% dei tweet non proviene da una mente individuale
di Massimiliano Cannata
Ambiente

Sicilia, fai la raccolta differenziata? Avrai sconti al supermercato

Rifiuti, sconti ai supermercati per i cittadini che si impegnano nella raccolta differenziata. La proposta arriva in un disegno di legge, firmato dal Presidente della Regione, Musumeci e dall’assessore ai Rifiuti e all’Energia, Pierobon.
di Alfonso Lo Sardo
Innovazione

La tecnologia divide i giovani: (auto)esclusi ed eredi del merito

Negli ultimi anni il dibattito sul lavoro futuro si è fatto molto intenso. I toni sono divenuti sempre più cupi, di pari...
di Alberto Mattiacci
Osservatori

Osservatorio Giochi, Legalità e Patologia di Eurispes: “Allo Stop alla pubblicità segua un’attenzione agli approfondimenti tecnici”

L’orientamento del Governo che indica un blocco della comunicazione pubblicitaria nell’area del gioco contenuto nel “Decreto Dignità” sta suscitando clamore. Il provvedimento riporta...
di redazione