Europa, la Bce replica alle riserve sul QE dell’Alta Corte tedesca: “Agiamo secondo mandato”

La Banca Centrale Europea ha replicato alla diffusione della sentenza con la quale, martedì 5 maggio, la Corte costituzionale tedesca, dopo cinque anni di lavori, ha giudicato legale il Quantitative Easing della Bce, ma ha posto alcune importanti riserve sul programma di acquisto di bond avviato, dando tempo 3 mesi al Board di Francoforte per dare una risposta.
«Il Consiglio direttivo della Bce resta pienamente impegnato, nell’ambito del suo mandato a fare tutto il necessario per centrare i suoi obiettivi di inflazione e affinché le misure di politica monetaria decise per centrarli vengano trasmesse a tutte le parti dell’economia e le giurisdizioni dell’area euro». Questo il commento, inusualmente secco e piccato, diramato a seguito della riunione del direttorio non in calendario, convocata dopo la sentenza della Corte costituzionale della Germania. Su questo aspetto, la Bce non manca di far notare come «la Corte di Giustizia dell’Unione europea abbia sancito nel dicembre del 2018 che la Bce sta operando nell’ambito del suo mandato».
Con sette favorevoli su otto votanti i magistrati di Karlsruhe avevano giudicato proporzionate le azioni della Bce specificando, tuttavia, che l’acquisto di Titoli di Stato da parte dell’istituto di Francoforte «viola in parte la Costituzione tedesca perché il governo federale (Bundesregierung) e il Bundestag non hanno esaminato le decisioni della Bce» e invece avrebbero dovuto farlo per cui «alla Bundesbank è vietato partecipare all’attuazione del programma di acquisto della Bce dopo un periodo di transizione non superiore a tre mesi, a meno che il Consiglio direttivo di Francoforte non spieghi chiaramente in una nuova decisione che il programma è proporzionale».
«A causa della loro responsabilità per l’integrazione, il governo federale e il Bundestag sono tenuti a opporsi al precedente trattamento del Pspp (il programma di acquisto della Bce)», aveva ulteriormente precisato la sentenza, definendo arbitraria la decisione della Corte di giustizia europea, emessa nel dicembre 2018, a favore del programma di acquisto della Bce lanciato nel 2015 per fornire la necessaria liquidità ai mercati. In particolar modo, viene chiesta una accurata verifica al reinvestimento del capitale dei Titoli di Stato rimborsati e giunti a scadenza dal gennaio 2019 e relativi al QE1 iniziato il 9 marzo 2015 e terminato nel dicembre 2018, e il QE2 iniziato nel novembre 2019.
Ambienti euroscettici tedeschi alimentano da anni il pregiudizio sulle politiche monetarie espansive della Bce, giudicandole un finanziamento pubblico nascosto a favore dei paesi europei con più alto debito pubblico. Il basso profilo scelto nel commento alla sentenza dalla cancelliera Merkel evidenzia la volontà dell’establishment tedesco di dissipare pulsioni sovraniste nell’opinione pubblica nazionale ed evitare uno scontro frontale con l’unica vera Istituzione sovranazionale dell’Unione europea. In questo quadro, la Bce ha seccamente replicato di aver preso atto dell’invio di un briefing preliminare del Governatore della Bundesbank a sostegno della sentenza, ribadendo la determinazione a proseguire secondo il suo Programma, facendo tacitamente intendere di non tollerare indebiti condizionamenti. In difesa della Bce è accorso il Commissario all’Economia della Commissione Europea, Paolo Gentiloni, che ha twittato a sostegno dell’indipendenza dell’Istituzione monetaria.

Lanciato nel 2015 per fornire liquidità ai mercati, il programma di acquisto di Titoli della Bce, unitamente ad altre misure, è stato esteso più volte ed è attualmente in corso, con una accelerazione da metà marzo del 2020 a causa della pandemia da Coronavirus.
Dalla seconda metà di marzo 2020, è in corso il Pepp, il Programma di acquisti di Titoli in emergenza pandemica: 750 miliardi da marzo ad almeno il 31 dicembre 2020 o comunque per tutta la durata della crisi della pandemia da Covid-19 . Il Pepp non prevede per ora il reinvestimento dei Titoli di Stato, un nodo “critico” per la Corte costituzionale tedesca: il reinvestimento, infatti, allunga la detenzione dei Titoli di Stato nel portafoglio della Bce oltre la fine del programma di acquisti.
In conclusione, l’interpretazione più plausibile è che la sentenza della Corte tedesca sul Qe della Bce non riguarda in alcun modo le misure di politica monetaria assunte dalla Bce per far fronte all’emergenza Covid, compreso il programma Peep e la modalità della sua implementazione. Un ulteriore chiarimento da parte della Bce è previsto in tempi rapidi, e la sentenza non avrà alcuna conseguenza pratica, consentendo alla Bundesbank di continuare ad acquistare Titoli di Stato tedeschi nel quadro di un più generale sostegno della Bce alla sostenibilità finanziaria dei debiti pubblici dei paesi europei.

Ultime notizie
Istruzione

La conoscenza è il più grande fattore moltiplicatore di sviluppo e di salvaguardia della democrazia. La riflessione di Antonio Uricchio, Presidente dell’Anvur

Il sistema educativo deve interpretare i cambiamenti e dare risposte Molto spesso vengono individuati gli asset i driver dello sviluppo e si tende...
di Antonio Uricchio
zes unica
Infrastrutture

La Zes Unica ha senso solo con una rete infrastrutturale a supporto. L’intervento di Marco Rettighieri, Presidente di Webuild Italia

Parlare di Zes Unica del Mediterraneo ha senso solo se si affronta il discorso delle reti infrastrutturali italiane, ad oggi carenti nello smerciare i container in arrivo nei porti, che tardano anche 15 giorni prima di arrivare a destinazione. La riflessione di Marco Rettighieri.
di MARCO RETTIGHIERI*
zes unica
mediterraneo
Italia

Zes Unica del Mediterraneo, rivalutare il potere del mare

Con la Zes Unica del Mediterraneo l’Italia deve aspirare al recupero di un maggior peso e centralità nell’area, che da troppo tempo è fuori dall’agenda politica nazionale. Il Mediterraneo deve diventare un obiettivo principale, in grado di superare anche la questione del Mezzogiorno.
di Salvatore Napolitano*
mediterraneo
dop
Made in Italy

DOP Economy 4.0, la tecnologia al servizio della tracciabilità

Il mercato delle IG vale in Europa 74,8 miliardi di euro, e un prodotto IG su quattro è italiano. Per valorizzare questa ricchezza bisogna puntare su un futuro tecnologico per i marchi DOP e IG, prodotti di punta del Made in Italy, e a una Agricoltura 4.0 basata su trasparenza e tracciabilità.
di chiara bartoli
dop
caselli
Recensioni

La storia d’Italia in dieci date nel libro-memoir di Gian Carlo Caselli

Gian Carlo Caselli, uno dei Pm più in vista della storia recente d’Italia, racconta il nostro Paese nel libro-memoire “Giorni memorabili che hanno cambiato l'Italia” attraverso le inchieste che lo hanno visto coinvolto da protagonista, dieci date per dieci snodi giudiziari che hanno segnato gli eventi degli ultimi decenni.
di cecilia sgherza
caselli
zes unica
Mezzogiorno

Zes Unica del Mediterraneo, una sfida per sviluppo e sicurezza dell’area

La Zes Unica del Mediterraneo è stata al centro del dibattito organizzato dall’Istituto Eurispes, che ne ha analizzato i fattori socio-economici, logistici e geopolitici. La Zes Unica diviene strategica in un contesto geopolitico di grandi cambiamenti e incertezze, come strumento utile a garantire sicurezza e sviluppo.
di redazione
zes unica
scuola italiana
Intervista

La Scuola sia baluardo di conoscenza, tolleranza e spirito critico: intervista a Paolo Pagliaro

L’istruzione in Italia è una roccaforte di valori come la conoscenza, il senso critico, la tolleranza, eppure rischia un declino simile a quello della Sanità pubblica. Sfide e opportunità per il futuro della Scuola italiana, nell’intervista a Paolo Pagliaro, Direttore agenzia giornalistica 9Colonne e autore televisivo.
di redazione
scuola italiana
isole
Osservatori

Nascita geologica e nascita giuridica delle isole: intervista a Niki Aloupi

La nascita geologica di un’isola non corrisponde necessariamente alla sua nascita giuridica: lo chiarisce ampiamente Niki Aloupi, docente di Diritto internazionale pubblico all’Università di Parigi- Panthéon-Assas, esperta di Diritto del mare, che offre una panoramica sulla situazione giuridica internazionale delle isole.
di redazione
isole
social
Società

È guerra totale contro la “trappola dei Social”

Le autorità statunitensi hanno cominciato a porsi domande sulla tutela dei minori rispetto all’utilizzo dei Social network. Un uso che, secondo una serie di studi condotti, è relazionato al peggioramento della salute mentale di adolescenti e ragazzi.
di cecilia sgherza
social
apprendimento
Istruzione

La vera inclusione scolastica è garantire buoni livelli di apprendimento per tutti

La Scuola italiana ha bisogno di una riflessione pedagogica e strutturale, e di formulare un’offerta formativa equa basata sull’apprendimento di livello per tutti. Intervista a Roberto Ricci, presidente Invalsi, che commenta i dati emersi dal Secondo Rapporto dell’Eurispes su Scuola e Università.
di Roberto Ricci*
apprendimento