Europa, la Bce replica alle riserve sul QE dell’Alta Corte tedesca: “Agiamo secondo mandato”

193

La Banca Centrale Europea ha replicato alla diffusione della sentenza con la quale, martedì 5 maggio, la Corte costituzionale tedesca, dopo cinque anni di lavori, ha giudicato legale il Quantitative Easing della Bce, ma ha posto alcune importanti riserve sul programma di acquisto di bond avviato, dando tempo 3 mesi al Board di Francoforte per dare una risposta.
«Il Consiglio direttivo della Bce resta pienamente impegnato, nell’ambito del suo mandato a fare tutto il necessario per centrare i suoi obiettivi di inflazione e affinché le misure di politica monetaria decise per centrarli vengano trasmesse a tutte le parti dell’economia e le giurisdizioni dell’area euro». Questo il commento, inusualmente secco e piccato, diramato a seguito della riunione del direttorio non in calendario, convocata dopo la sentenza della Corte costituzionale della Germania. Su questo aspetto, la Bce non manca di far notare come «la Corte di Giustizia dell’Unione europea abbia sancito nel dicembre del 2018 che la Bce sta operando nell’ambito del suo mandato».
Con sette favorevoli su otto votanti i magistrati di Karlsruhe avevano giudicato proporzionate le azioni della Bce specificando, tuttavia, che l’acquisto di Titoli di Stato da parte dell’istituto di Francoforte «viola in parte la Costituzione tedesca perché il governo federale (Bundesregierung) e il Bundestag non hanno esaminato le decisioni della Bce» e invece avrebbero dovuto farlo per cui «alla Bundesbank è vietato partecipare all’attuazione del programma di acquisto della Bce dopo un periodo di transizione non superiore a tre mesi, a meno che il Consiglio direttivo di Francoforte non spieghi chiaramente in una nuova decisione che il programma è proporzionale».
«A causa della loro responsabilità per l’integrazione, il governo federale e il Bundestag sono tenuti a opporsi al precedente trattamento del Pspp (il programma di acquisto della Bce)», aveva ulteriormente precisato la sentenza, definendo arbitraria la decisione della Corte di giustizia europea, emessa nel dicembre 2018, a favore del programma di acquisto della Bce lanciato nel 2015 per fornire la necessaria liquidità ai mercati. In particolar modo, viene chiesta una accurata verifica al reinvestimento del capitale dei Titoli di Stato rimborsati e giunti a scadenza dal gennaio 2019 e relativi al QE1 iniziato il 9 marzo 2015 e terminato nel dicembre 2018, e il QE2 iniziato nel novembre 2019.
Ambienti euroscettici tedeschi alimentano da anni il pregiudizio sulle politiche monetarie espansive della Bce, giudicandole un finanziamento pubblico nascosto a favore dei paesi europei con più alto debito pubblico. Il basso profilo scelto nel commento alla sentenza dalla cancelliera Merkel evidenzia la volontà dell’establishment tedesco di dissipare pulsioni sovraniste nell’opinione pubblica nazionale ed evitare uno scontro frontale con l’unica vera Istituzione sovranazionale dell’Unione europea. In questo quadro, la Bce ha seccamente replicato di aver preso atto dell’invio di un briefing preliminare del Governatore della Bundesbank a sostegno della sentenza, ribadendo la determinazione a proseguire secondo il suo Programma, facendo tacitamente intendere di non tollerare indebiti condizionamenti. In difesa della Bce è accorso il Commissario all’Economia della Commissione Europea, Paolo Gentiloni, che ha twittato a sostegno dell’indipendenza dell’Istituzione monetaria.

Lanciato nel 2015 per fornire liquidità ai mercati, il programma di acquisto di Titoli della Bce, unitamente ad altre misure, è stato esteso più volte ed è attualmente in corso, con una accelerazione da metà marzo del 2020 a causa della pandemia da Coronavirus.
Dalla seconda metà di marzo 2020, è in corso il Pepp, il Programma di acquisti di Titoli in emergenza pandemica: 750 miliardi da marzo ad almeno il 31 dicembre 2020 o comunque per tutta la durata della crisi della pandemia da Covid-19 . Il Pepp non prevede per ora il reinvestimento dei Titoli di Stato, un nodo “critico” per la Corte costituzionale tedesca: il reinvestimento, infatti, allunga la detenzione dei Titoli di Stato nel portafoglio della Bce oltre la fine del programma di acquisti.
In conclusione, l’interpretazione più plausibile è che la sentenza della Corte tedesca sul Qe della Bce non riguarda in alcun modo le misure di politica monetaria assunte dalla Bce per far fronte all’emergenza Covid, compreso il programma Peep e la modalità della sua implementazione. Un ulteriore chiarimento da parte della Bce è previsto in tempi rapidi, e la sentenza non avrà alcuna conseguenza pratica, consentendo alla Bundesbank di continuare ad acquistare Titoli di Stato tedeschi nel quadro di un più generale sostegno della Bce alla sostenibilità finanziaria dei debiti pubblici dei paesi europei.

Ultime notizie
Metafore per l'Italia

Una raccomandazione: amare l’Italia

«Amare il Paese significa considerarlo non un territorio proprio ma la casa di tutti».
di Gian Maria Fara
Diritti umani

“Sono troppi”: pregiudizi e stereotipi della narrazione anti-Rom

In Italia persiste una forte stigmatizzazione nei riguardi delle varie comunità Rom. In molti ritengono che i Rom sarebbero tra i 500.000 e più di 2 milioni, quando secondo le stime più accreditate sarebbero tra i 150 e i 170.000.
di Marco Omizzolo
Fisco

Privacy e riciclaggio: “Lei non sa chi sono io o, almeno, non dovrebbe”

Il caso del compagno di Casalino deve portare ad una riflessione sull’applicazione delle norme antiriciclaggio e sul diritto alla privacy. Qual è il giusto confine?
di Giuseppe Miceli*
Cultura

Le mafie, tra realtà e rappresentazione (prima parte)

Col mutare dei linguaggi e delle tendenze anche il racconto della mafia è profondamente cambiato nel corso degli anni. Adesso si sono affermate sempre più le storie nelle quali i protagonisti sono i criminali, anziché coloro che li perseguono.
di Raffaella Saso
Economia

L’Europa del post-pandemia al Forum Economico 2020 di Krynica

Sarà il futuro dell’Europa nell’era del Coronavirus il tema centrale della prossima edizione del Forum Economico di Krynica.
di redazione
Criminalità e contrasto

Il crimine organizzato colombiano e i nuovi rapporti con la ’Ndrangheta: Europa nel mirino

Una delle più recenti evoluzioni del crimine organizzato colombiano è il passaggio da una struttura di vertice e unitaria a un’altra sempre verticistica ma disarticolata. Come sta diversificando il suo portafoglio criminale e quali sono i suoi rapporti con le mafie italiane?
di Vincenzo Musacchio
Criminalità e contrasto

Criminalità, l’evoluzione del potere mafioso. I risultati della Relazione DIA 2° semestre 2019

Il quadro della criminalità organizzata italiana e straniera, i suoi settori di interesse, le proiezioni internazionali, l’evoluzione organizzativa, i collegamenti con poteri occulti e terrorismo. Vincenzo Macrì analizza la relazione della Dia del secondo semestre 2019, che anticipa anche lo scenario criminale creatosi in Italia per effetto della pandemia da Covid-19 nel primo semestre del 2020.
di Vincenzo Macrì
Economia

Crisi da Coronavirus, economia mondiale giù del 5% nel 2020. Italia tra i paesi più in difficoltà

Secondo stime del Fondo Monetario Internazionale (FMI), la crisi della pandemia dovrebbe avere un impatto sulla crescita dell’economia mondiale pari a -4,9% nel 2020. Se il contesto generale e le incertezze rispecchiano una situazione comune a tutti gli attori mondiali, esistono tuttavia differenze sostanziali tra le singole economie e l’Italia sarebbe uno dei paesi maggiormente in difficoltà.
di Ludovico Semeraro
Società

Coronavirus e diritti: tutelare gli interessi della collettività o garantire i diritti fondamentali dei singoli?

La crisi innestata dall’epidemia di Covid e dalle scelte fatte per combatterla, ha prodotto una forte pressione sulla protezione dei diritti umani. In un clima di chiusura generalizzata dei confini nazionali, numerosi giuristi e diversi sociologi hanno analizzato gli effetti che tutto questo ha prodotto sul complesso dei diritti umani e sul loro godimento diretto.
di Marco Omizzolo
Video

Non è più un lusso. Intervista a Martin Elsner, Rocco Forte Hotels

il turismo di lusso – solitamente immune a cali di profitto – ha registrato numerose cancellazioni e perdite dovute al periodo di lockdown che ha interessato tutto il mondo. Come si è riorganizzato questo settore?
di Emilio Albertario