Fase 2, il prime time richiama alla cautela. Lo scontro su Bonafede “mette in ombra” Mes e Migranti

Con l’avvio della ripartenza tanto attesa, il ripristino parziale della libera circolazione e la riapertura progressiva di molti esercizi, i Tg del primetime non abbassano la guardia, e mantengono alta l’attenzione sui numeri del contagio, che in settimana riguadagnano oltre i 2/3 delle aperture. L’analisi dell’Osservatorio Tg Eurispes e Coris Sapienza dal 4 all’8 maggio.

Davanti ad una cittadinanza esasperata dopo un lockdown durato quasi due mesi, le testate continuano a rilanciare gli appelli alla cautela ed alla responsabilità. Molto attivi i Tg di News Mediaset che, venerdì, dedicano l’apertura alle parole di un furente Sindaco Sala, rivolte ai cittadini irresponsabili che hanno affollato i navigli di Milano senza le opportune protezioni.

Per la politica, a dominare è la “questione Bonafede”, generata dalle scarcerazioni di alcuni condannati per mafia finiti ai domiciliari e dalle dichiarazioni del Magistrato Nino Di Matteo che ha accusato il Ministro di aver “ascoltato” i diktat della mafia, contraria, due anni fa, al suo incarico al Dipartimento preposto alle carceri. Le polemiche attorno al Ministro della Giustizia, con le opposizioni che ne chiedono le dimissioni, fanno di Bonafede il politico più citato della settimana, presente in ben 17 titoli. Grande interesse da parte dei Tg Mediaset e Tg2, con Tg4 che già, lunedì, raccoglie il commento di diversi opinionisti. Sulla vicenda nata dall’intervento del Pm Di Matteo, domenica 3 durante un programma di La7, Mentana interviene “da buon giornalista”, ossia ponendo qualche domanda: Perché Di Matteo ha aspettato 2 anni per rivelare i suoi sospetti? E perché Bonafede ha scelto per il Dap un altro candidato che aveva un profilo “minore”?

La proposta della Ministra dell’Agricoltura, Teresa Bellanova, di regolarizzare i migranti da impegnare nei lavori agricoli, ma anche colf e bandati, ha rappresentato un altro tema di forti contrapposizioni, ma non ha trovato nel complesso grande spazio sulle scalette (appena 7 titoli). Studio Aperto ne ha approfittato, martedì, per tornare sul fenomeno migratorio con un servizio un po’ allarmato sulla situazione di Lampedusa, parlando nel titolo di un “rischio di contagio”; rischio menzionato nel titolo, ma non analizzato nei servizi, se si esclude il riferimento ad una dichiarazione di Matteo Salvini.

Assorbiti da questi temi, i Tg del prime time non dedicano, venerdì, grande attenzione all’intesa raggiunta sul Mes, nonostante le risorse che questo fondo potrebbe garantire al Sistema Paese: apertura solo per il Tg La7, terzo titolo per i Tg Rai e Tg5.

La pagina degli esteri illumina la “guerra” al Covid negli altri paesi. Mente cresce l’esigenza della comunità internazionale di ottenere risposte da parte della Cina a fronte di possibili sue ulteriori responsabilità nel mancato contenimento dell’epidemia, le accuse, finora senza prove, di Trump e di Pompeo rimbalzano sul prime time nei Tg Mediaset, e soprattutto sul Tg2, che le sostiene appieno e, giovedì, le affianca alle denunce di padre Bernardo Cervellera, direttore di Asia News.

Per il resto, proseguono le riflessioni del prime time sulla società italiana provata dal Covid. Da segnalare anche l’interessante reportage in più puntate proposto dal Tg4 che, nel rilanciare gli appelli della comunità scientifica per un maggiore utilizzo dei tamponi, indaga su che cosa abbia finora impedito l’uso e la distribuzione di questi strumenti, segnalando dove sarebbe stato più utile renderli disponibili.

Con la ritrovata parziale libertà da parte dei concittadini, cala naturalmente il pubblico del prime time, che dai 24,5 milioni di spettatori di metà marzo si assesta attorno ai 21 milioni di fine aprile. Tra le testate, Tg2 è quella che conserva meglio il pubblico guadagnato durante la fase acuta della crisi, ed in settimana si assesta a livelli di ascolto che la portano vicina al Tg3, sceso a quota 2 milioni e 300mila di media.

Ultime notizie
last20
Mondo

Oltre il G20: The Last20, il mondo visto dagli ultimi

The Last20 è l’iniziativa nata per portare in primo piano storie e testimonianze dai paesi collocati agli ultimi posti nel mondo per ricchezza e prestigio, in contrapposizione alla egemonia economica e politica dei Grandi del G20.
di Tonino Perna e Ugo Melchionda
last20
loot box
Economia

Loot box e gacha games: intrattenimento o gioco d’azzardo?

Loot box e gacha games sono due forme di intrattenimento virtuale e di profitto ancora non regolamentate in ambito fiscale. Utilizzate soprattutto dai giovanissimi nei giochi online, determinano una serie di microtransazioni il cui premio, o risultato, è sconosciuto, e dunque possono rientrare nel gioco d’azzardo.
di Giovambattista Palumbo*
loot box
giustizia riparativa
Giustizia

La giustizia che ripara. Nascono anche in Italia le prime città riparative

La giustizia riparativa mira a ricostruire lo strappo che un reato genera all’interno della collettività, mettendo in comunicazione e collaborazione vittima e autore del reato. A tale scopo sono nate anche in Italia delle città-laboratorio, come nel caso di Tempio Pausania, in Sardegna.
di Giuseppe Pulina
giustizia riparativa
ismea
Agricoltura

Proteggere i redditi agricoli da crisi ed eventi climatici: intervista a Camillo Zaccarini Bonelli, ISMEA

Camillo Zaccarini Bonelli, agronomo esperto di fondi comunitari in agricoltura e politica agricola comunitaria, descrive le soluzioni emerse recentemente per la gestione dei rischi in agricoltura, settore sempre più minacciato da eventi climatici estremi e crisi internazionali.
di Andrea Strata
ismea
gioco
Gioco

Giochi: rischio illegalità all’attenzione delle Regioni

Nei dati forniti dal Comitato per la prevenzione e la repressione del gioco illegale, nel periodo 2020-2021 sono state scoperte 250 sale illegali in pochi mesi, chiuse 100 bische e sequestrate 2 mila slot. Serve indagare le cause di un fenomeno in crescita, nonché sottrarre spazi alle attività illegali.
di Chiara Sambaldi e Andrea Strata
gioco
pnrr
Economia

Pnrr, raggiunti tutti gli obiettivi del primo semestre 2022

Pnrr, il nostro Paese ha raggiunto tutti i target del primo semestre 2022 stabiliti dalla Commissione Europea: 45 interventi, di cui 15 Riforme e 30 Investimenti. Il Mef ha poi inviato la richiesta di pagamento della relativa tranche alla Commissione per un totale di 21 miliardi di euro.
di Claudia Bugno*
pnrr
algoritmo antievasione
Fisco

Un algoritmo antievasione aiuterà l’azione di Agenzia delle Entrate e Guardia di Finanza

Si chiama VeRa l’algoritmo antievasione in grado di incrociare e confrontare i dati dei contribuenti per evidenziarne le irregolarità. Sarà un valido contributo alla lotta all’evasione fiscale per Guardia di Finanza e Agenzia delle Entrate, che avranno accesso ai database nel rispetto delle indicazioni del Garante della Privacy.
di Giovambattista Palumbo*
algoritmo antievasione
AFCTA
Economia

AfCTA un anno dopo: il continente africano guarda al modello Ue per il libero mercato

L’AfCTA è un accordo commerciale firmato e ratificato dalla maggior parte dei paesi africani che prevede tra gli Stati firmatari l’abbattimento dei dazi doganali e la semplificazione degli aspetti burocratico-amministrativi al fine di implementare la libera circolazione delle merci nel continente.
di ODDI EMANUELE
AFCTA
REPowerEU
Economia

REPowerEU, la transizione energetica nel nuovo scenario emergenziale

Il Piano REPowerEU è stato messo a punto dalla Commissione Europea per garantire la sicurezza energetica in Ue, accelerando al contempo la transizione verde delle fonti di energia. Il cambio di marcia è legato alla nuova emergenza energetica causata dal conflitto in Ucraina.
di Claudia Bugno*
REPowerEU
corporate warfare
Economia

Corporate Warfare: un fenomeno sottotraccia con riflessi importanti sulla collettività

La Corporate Warfare, ovvero la guerra aziendale compiuta con ogni mezzo e con le più moderne tecnologie, minaccia le sorti di imprese e settori economici, pubblici e privati, con riflessi sull’intera collettività.
di Alfonso M. Balotta
corporate warfare