I padroni delle nostre vite

Le misure che hanno paralizzato il Paese, lo spettro della crisi, il ritardo del Governo nell’applicare gli strumenti per arginare il dramma economico e sociale, hanno evidenziato, ancora una volta, le “storture” della Pubblica Amministrazione, scatenando l’ennesima polemica sulla burocrazia. Ci inseriamo, allora, nel dibattito, andando a curiosare tra le pagine del nuovo libro del Presidente dell’Eurispes, Gian Maria Fara, L’Italia del “nì” (Edizioni Minerva, 2019). Il Prof. Fara ha espresso e sottolineato più volte, nel passato, come la burocrazia si sia «ramificata avviluppando in una rete a maglie fitte l’intero Paese e diventando, di fatto, la vera padrona delle nostre vite». Ecco a seguire una sua riflessione sul tema.

«La burocrazia arriva dappertutto, influisce su tutto, tocca e regola in pratica ogni livello di attività sociale, soprattutto nel mondo contemporaneo. E su di essa, naturalmente, si scaricano le tensioni e l’astio di coloro, cioè tutti noi, che di volta in volta se ne sentono vittime.
In buona sostanza essa, almeno sino a qualche decennio fa, ha fatto da scudo al sistema politico caricandosi di responsabilità e colpe che, oggettivamente, appartenevano ai suoi datori di lavoro: i governi e i parlamenti i quali, dopo aver emanato le leggi, avevano bisogno di chi le applicasse e le facesse rispettare, soprattutto se sgradite. Insomma, un ruolo tecnico-specialistico neutro, di garanzia, del cittadino ma al servizio dei governi e comunque sottoposto al controllo politico. Tuttavia, col passare degli anni, complice l’incredibile incremento della produzione legislativa necessaria a regolare la nuova complessità sociale ed economica, la burocrazia si è via via specializzata nella ideazione, preparazione, somministrazione e gestione delle norme e dei regolamenti; e da esecutore si è trasformata prima in attore, poi in protagonista indispensabile, poi ancora in casta e, infine, in vero e proprio decisivo potere al pari, se non al di sopra, di quello politico, economico, giudiziario, legislativo, esecutivo, dell’informazione. La tradizione ci aveva consegnato due tipi di burocrazia: quella statale centrale e quella locale delle Amministrazioni territoriali.
Poi, con la nascita delle Regioni, con il moltiplicarsi di Enti e Istituzioni, con la creazione di nuove “autorità” e servizi, promossa da un processo di privatizzazioni surrettizie, essa si è ramificata avviluppando in una rete a maglie fitte l’intero Paese e diventando, di fatto, la vera padrona delle nostre vite.
Totalmente autoreferenziale, essa si riproduce in tutte le forme possibili senza più nessun effettivo controllo. Anzi, si può ben dire che è il suo “antico padrone” – il governo nazionale o regionale che sia – a dover soggiacere ai suoi diktat, pena il blocco della stessa attività legislativa e operativa. La riprova che questa teoria non sia del tutto infondata può essere ricavata dall’osservazione di quanto avviene anche all’interno delle Istituzioni europee, dove si è sviluppato un apparato burocratico non mastodontico sul piano numerico ma subdolo per l’intelligenza complicativa che lo caratterizza che è, insieme, motore e guida della Ue.
I dipendenti di Bruxelles sono circa 31mila, poco più di quelli del Comune di Roma: a rendere difficili le cose è la complessità crescente delle procedure. Un apparato che ha contribuito al progressivo svuotamento dei contenuti ideologici, politici ed economici dell’Unione e dei suoi organismi, a vantaggio di una iperproduzione di minuziose misure regolative che sembrerebbero rispondere più ai desiderata e agli interessi delle grandi lobby che non alle esigenze e alle attese dei cittadini europei. Ma non potrebbe essere altrimenti, considerando la pletoricità delle diverse Istituzioni europee e i diversi piani politici che si confrontano finendo per produrre vuoti decisionali automaticamente riempiti e gestiti dall’apparato.
Nello stesso tempo, una burocrazia che ingloba in sé il momento progettuale (la preparazione di leggi, misure, regolamenti); organizza i percorsi di approvazione, di emanazione e di applicazione; determina sanzioni; gestisce e distribuisce le risorse, non ha bisogno della politica se non come simulacro, come involucro che serve a salvare la forma. Nella sostanza, essa stessa si è fatta politica. Con la non piccola differenza che, mentre gli eletti dovrebbero lavorare per l’interesse dei cittadini, la burocrazia lavora soprattutto per se stessa e per la propria progressiva estensione, preoccupandosi comunque di costruirsi delle situazioni crescenti di immunità, organizzando barriere efficaci alle implicazioni connesse con l’esercizio diretto delle responsabilità.
Allora, i “padroni”, governi e parlamenti, vengono asserviti – esautorati dagli “specialisti” ovvero da coloro che dovrebbero esserne il sostegno. Ne sono un esempio gli scandalosi rimpalli di responsabilità – tra rappresentanti politici e delle Istituzioni pubbliche elettive e i dirigenti delle strutture amministrative di gestione del territorio – registrati puntualmente in occasione di calamità naturali. In generale, è proprio la parola “responsabilità” che sembra essere stata progressivamente cancellata dal vocabolario di gran parte dell’alta dirigenza pubblica. Nessuno è mai responsabile per le inadempienze, gli errori e le omissioni. Capita anche, talvolta, che i grand commis si lascino prendere la mano e, uscendo dal riparo dell’ombra nella quale solitamente preferiscono operare, decidano di offrirsi al lavoro in prima linea, assumendosi la responsabilità anche della guida di qualche governo più o meno tecnico, con i risultati che a tutti sono noti. Almeno per quanto riguarda l’Italia» (Aforisma 59, 2015).

Ultime notizie
Relazione DIA
Criminalità e contrasto

Relazione Semestrale DIA, la mafia si insinua anche grazie ai traffici di droga e di armi

La Relazione DIA relativa al primo semestre 2023 è stata resa nota questa mattina. Le mafie emergono come fenomeni sempre più mutevoli che cambiano forme e modalità di azione, adattandosi ai contesti socio-economici. Il traffico di droga resta la fonte maggiore di profitto per i clan, mentre si rileva la presenza di un traffico di armi, anche da guerra.
di redazione
Relazione DIA
economia africana
Mondo

Come va l’economia africana? La realtà del Continente al di là dei macro-dati

L’economia del Continente africano crescerà tra il 3,8% e il 4% nel 2024 e sarà la seconda economia a livello mondiale dopo quella asiatica, ma i dati reali, non meramente legati a fattori economici, descrivono una realtà più incerta e mutevole, determinata dai conflitti, dall’instabilità politica e da disastri naturali ed eventi climatici, come la siccità.
di Emanuele ODDI*
economia africana
rimesse economiche
Immigrazione

L’importanza sociale delle rimesse economiche dei migranti

Le rimesse economiche dei migranti rappresentano una risorsa per il paese d’origine che le riceve, oltre a un diritto e un mezzo di emancipazione di molte famiglie dalla povertà. Ma allo stesso tempo, queste possono creare squilibri nel tessuto sociale: una ricchezza, dunque, che andrebbe guidata da progetti di investimento strutturati.
di Marco Omizzolo*
rimesse economiche
Intervista

Neuroscienze della narrazione, lo storytelling nell’era dell’Intelligenza artificiale

“Neuroscienze della narrazione” è il saggio di Marco La Rosa, pubblicato da Hoepli, che analizza presente e futuro dello storytelling nell’era dell’IA. Oltre al rischio di un eccessivo appiattimento dei contenuti, come già accade per le immagini generate da IA, La Rosa allerta sulla condizione dell’“uomo di vetro”, ovvero privato della sua riservatezza.
di Massimiliano Cannata
migrazione e asilo
Europa

Nuovo Patto europeo su migrazione e asilo, manca un vero equilibrio tra responsabilità e solidarietà

Il nuovo Patto europeo su migrazione e asilo ha generato notevoli perplessità sul fronte dei diritti umani e della solidarietà tra Stati Ue, in particolare sul trattamento dei minori e sulla possibilità data agli Stati membri di rifiutarsi di ospitare i richiedenti asilo in cambio di un contributo finanziario alla gestione dei processi di rimpatrio.
di Ugo Melchionda*
migrazione e asilo
violenza di genere
Società

Giovani e violenza di genere. I dati della Direzione Centrale della Polizia Criminale

Violenza di genere, un report del Servizio Analisi Criminale delle Forze di Polizia analizza il fenomeno in una ottica generazionale. I delitti in àmbito affettivo e familiare sono in calo, ma troppo spesso riguardano vittime e autori con meno di 34 anni, con prevalenza di giovani adulti. Il 76% delle donne vittime di violenze sessuali ha meno di 34 anni.
di redazione
violenza di genere
competenze digitali
Lavoro

Competenze digitali e nuove priorità nel mondo del lavoro, l’appuntamento Adnkronos Q&A

Attrarre nuovi talenti, valorizzare la formazione specifica e investire sulle persone: questi i temi al centro del nuovo appuntamento Adnkronos Q&A, con focus su parità e gender gap
di redazione
competenze digitali
Rapporto Italia
Rapporto Italia

Rapporto Italia, presentati i dati dell’Eurispes per il 2024

Rapporto Italia 2024, nelle parole del Presidente dell’Eurispes Gian Maria Fara un Paese al bivio, che ha bisogno di coraggio nelle scelte. Ma bisogna innanzitutto superare il “presentismo” che ha contraddistinto gli ultimi anni per scegliere con consapevolezza tra conservazione o futuro.
di redazione
Rapporto Italia
concessioni balneari
Diritto

Giurisprudenza amministrativa su concessioni balneari

Sulle concessioni balneari c’è bisogno di meno proroghe e più regole certe, ragionevoli e trasparenti, in quanto non è più possibile affidarsi solo agli esiti della giurisprudenza. I provvedimenti dovranno tenere in conto l’esperienza professionale e il know-how delle imprese, nonché tutelare gli eventuali investimenti già effettuati.
di giovambattista palumbo*
concessioni balneari
baby gang
Sicurezza

Baby gang tra realtà e percezione. Intervista a Stefano Delfini, Direttore Servizio Analisi Criminale della Direzione Centrale della Polizia Criminale

Il 36% degli italiani denuncia la presenza di baby gang nel proprio territorio, come emerge dal Rapporto Italia 2024. Ma non bisogna confondere realtà e percezione, afferma Stefano Delfini, Direttore del Servizio Analisi Criminale, che nel corso dell’intervista traccia un quadro del fenomeno criminale minorile nel nostro Paese.
di Susanna Fara
baby gang