I padroni delle nostre vite

185

Le misure che hanno paralizzato il Paese, lo spettro della crisi, il ritardo del Governo nell’applicare gli strumenti per arginare il dramma economico e sociale, hanno evidenziato, ancora una volta, le “storture” della Pubblica Amministrazione, scatenando l’ennesima polemica sulla burocrazia. Ci inseriamo, allora, nel dibattito, andando a curiosare tra le pagine del nuovo libro del Presidente dell’Eurispes, Gian Maria Fara, L’Italia del “nì” (Edizioni Minerva, 2019). Il Prof. Fara ha espresso e sottolineato più volte, nel passato, come la burocrazia si sia «ramificata avviluppando in una rete a maglie fitte l’intero Paese e diventando, di fatto, la vera padrona delle nostre vite». Ecco a seguire una sua riflessione sul tema.

«La burocrazia arriva dappertutto, influisce su tutto, tocca e regola in pratica ogni livello di attività sociale, soprattutto nel mondo contemporaneo. E su di essa, naturalmente, si scaricano le tensioni e l’astio di coloro, cioè tutti noi, che di volta in volta se ne sentono vittime.
In buona sostanza essa, almeno sino a qualche decennio fa, ha fatto da scudo al sistema politico caricandosi di responsabilità e colpe che, oggettivamente, appartenevano ai suoi datori di lavoro: i governi e i parlamenti i quali, dopo aver emanato le leggi, avevano bisogno di chi le applicasse e le facesse rispettare, soprattutto se sgradite. Insomma, un ruolo tecnico-specialistico neutro, di garanzia, del cittadino ma al servizio dei governi e comunque sottoposto al controllo politico. Tuttavia, col passare degli anni, complice l’incredibile incremento della produzione legislativa necessaria a regolare la nuova complessità sociale ed economica, la burocrazia si è via via specializzata nella ideazione, preparazione, somministrazione e gestione delle norme e dei regolamenti; e da esecutore si è trasformata prima in attore, poi in protagonista indispensabile, poi ancora in casta e, infine, in vero e proprio decisivo potere al pari, se non al di sopra, di quello politico, economico, giudiziario, legislativo, esecutivo, dell’informazione. La tradizione ci aveva consegnato due tipi di burocrazia: quella statale centrale e quella locale delle Amministrazioni territoriali.
Poi, con la nascita delle Regioni, con il moltiplicarsi di Enti e Istituzioni, con la creazione di nuove “autorità” e servizi, promossa da un processo di privatizzazioni surrettizie, essa si è ramificata avviluppando in una rete a maglie fitte l’intero Paese e diventando, di fatto, la vera padrona delle nostre vite.
Totalmente autoreferenziale, essa si riproduce in tutte le forme possibili senza più nessun effettivo controllo. Anzi, si può ben dire che è il suo “antico padrone” – il governo nazionale o regionale che sia – a dover soggiacere ai suoi diktat, pena il blocco della stessa attività legislativa e operativa. La riprova che questa teoria non sia del tutto infondata può essere ricavata dall’osservazione di quanto avviene anche all’interno delle Istituzioni europee, dove si è sviluppato un apparato burocratico non mastodontico sul piano numerico ma subdolo per l’intelligenza complicativa che lo caratterizza che è, insieme, motore e guida della Ue.
I dipendenti di Bruxelles sono circa 31mila, poco più di quelli del Comune di Roma: a rendere difficili le cose è la complessità crescente delle procedure. Un apparato che ha contribuito al progressivo svuotamento dei contenuti ideologici, politici ed economici dell’Unione e dei suoi organismi, a vantaggio di una iperproduzione di minuziose misure regolative che sembrerebbero rispondere più ai desiderata e agli interessi delle grandi lobby che non alle esigenze e alle attese dei cittadini europei. Ma non potrebbe essere altrimenti, considerando la pletoricità delle diverse Istituzioni europee e i diversi piani politici che si confrontano finendo per produrre vuoti decisionali automaticamente riempiti e gestiti dall’apparato.
Nello stesso tempo, una burocrazia che ingloba in sé il momento progettuale (la preparazione di leggi, misure, regolamenti); organizza i percorsi di approvazione, di emanazione e di applicazione; determina sanzioni; gestisce e distribuisce le risorse, non ha bisogno della politica se non come simulacro, come involucro che serve a salvare la forma. Nella sostanza, essa stessa si è fatta politica. Con la non piccola differenza che, mentre gli eletti dovrebbero lavorare per l’interesse dei cittadini, la burocrazia lavora soprattutto per se stessa e per la propria progressiva estensione, preoccupandosi comunque di costruirsi delle situazioni crescenti di immunità, organizzando barriere efficaci alle implicazioni connesse con l’esercizio diretto delle responsabilità.
Allora, i “padroni”, governi e parlamenti, vengono asserviti – esautorati dagli “specialisti” ovvero da coloro che dovrebbero esserne il sostegno. Ne sono un esempio gli scandalosi rimpalli di responsabilità – tra rappresentanti politici e delle Istituzioni pubbliche elettive e i dirigenti delle strutture amministrative di gestione del territorio – registrati puntualmente in occasione di calamità naturali. In generale, è proprio la parola “responsabilità” che sembra essere stata progressivamente cancellata dal vocabolario di gran parte dell’alta dirigenza pubblica. Nessuno è mai responsabile per le inadempienze, gli errori e le omissioni. Capita anche, talvolta, che i grand commis si lascino prendere la mano e, uscendo dal riparo dell’ombra nella quale solitamente preferiscono operare, decidano di offrirsi al lavoro in prima linea, assumendosi la responsabilità anche della guida di qualche governo più o meno tecnico, con i risultati che a tutti sono noti. Almeno per quanto riguarda l’Italia» (Aforisma 59, 2015).

Ultime notizie
Politica

Un 2 giugno dedicato alla Repubblica e alla ripartenza dopo il Covid-19

Nonostante la mancanza di celebrazioni per la nascita della Repubblica e della Costituzione a causa delle restrizioni Covid, rimane il senso della “festa nazionale”. Nei momenti drammatici, come la ripartenza dopo la pandemia, serve richiamarsi allo spirito di unità su obiettivi di lungo periodo: il progetto di società moderna, progredita e solidale.
di Angelo Perrone
Recensioni

La vera Fase 2 per l’Italia comincia dal merito

La crisi del lavoro che si intreccia con l’eclissi del merito si presenta molto grave in tutte le realtà territoriali. «Quello che ci vuole è una rivoluzione gentile ma irreversibile, che porti a sovvertire il sistema di potere che vige in Italia da secoli», sostiene Maria Cristina Origlia, autrice del saggio Questione di Merito.
di Massimiliano Cannata
Sicurezza

Coronavirus, lo spettro del disagio sociale e il ruolo dell’intelligence

All’attenuarsi dell’emergenza sullo sfondo si intravede, abbastanza prossimo, il fantasma del disagio sociale. L’intelligence ha il compito primario di monitorare il disagio sociale che può rappresentare non solo un’area di reclutamento per la criminalità, ma che si può trasformare anche in un problema di ordine pubblico. Il contributo del Prof. Mario Caligiuri.
di Mario Caligiuri
La sfida dei Sindaci

Fase 2, la sfida dei Sindaci. Antonio Decaro: “Le risorse del Governo non sono sufficienti”

Fase 2: «I soldi che il Governo ha stanziato per Bari finora, e che arriveranno alla cifra di tre miliardi di euro complessivi, non saranno sufficienti. Per evitare che i Comuni debbano spegnere le luci o lasciare i rifiuti per strada, l'interlocuzione dell'Anci con il Governo è incessante». Lo sostiene il Sindaco di Bari e Presidente dell'Anci, Antonio Decaro.
di Valentina Renzopaoli
Recensioni

Libri, disponibile in Open access “Il Segretario, lo Statista. Aldo Moro dal centro-sinistra alla solidarietà nazionale”

È disponibile da oggi in Open access il volume collettivo dal titolo "Il Segretario, lo Statista. Aldo Moro dal centro-sinistra alla solidarietà nazionale", curato da Alessandro Sansoni, Pierluigi Totaro e Paolo Varvaro.
di redazione
Società

A proposito del lockdown

«L’inglese ha ormai invaso la nostra vita quotidiana, e il suo utilizzo segna la separazione tra le diverse Italie. Tuttavia, le Istituzioni...
di Gian Maria Fara
Innovazione

Fase 2, le mappe ESRI per prevenire nuovi contagi

Le mappe ESRI sono quelle, ormai famose, "nere con i puntini rossi”, strumenti indispensabili per chi sta combattendo il virus in tutto il mondo. I dati provengono dall’OMS elaborati secondo gli algoritmi scelti dagli studiosi della Università americana Johns Hopkins, e girano sulle piattaforme di geografia digitale ESRI Inc.
di Emilio Albertario
Innovazione

Utilizzo previsto delle risorse ospedaliere a supporto dei pazienti Covid-19 Italia nei paesi SEE e USA

L’IHME ha prodotto previsioni che mostrano l’utilizzo dei letti d’ospedale, la necessità di letti in terapia intensiva e l’utilizzo dei ventilatori durante la pandemia, basandosi sul numero di decessi previsti per gli Stati Uniti – a livello nazionale e subnazionale – e dei paesi dello Spazio economico europeo (SEE).
di Maria Cristina Guarini
Approfondimenti

Stiamo combattendo il Coronavirus ma ci siamo dimenticati l’emergenza ambientale

Potremmo riassumere nella parola “vulnerabilità” quanto avvenuto in questi mesi nel mondo con l’emergenza causata dalla pandemia da Covid-19. Non era mai...
di Angelo Bonelli
Europa

Dove va l’Europa. Dacia Maraini: “L’Unione va difesa a tutti i costi”

Di fronte alla pandemia, l’Europa si sta dimostrando incerta e sbandata. A 75 anni dalla fine della guerra, nemmeno di fronte ad un dramma sanitario come il Coronavirus, l’Unione, meglio alcuni paesi, sono in grado di indicare e di “giustificare” la “ragione” dello stare insieme. L'intervista a Dacia Maraini.
di Carmelo Cedrone