Europa, Romano: “Irrinunciabile per il Sud la quota di risorse Mes per la sanità”

La grave situazione economica e sociale determinata dall’emergenza sanitaria del Coronavirus impone una dose aggiuntiva di realismo, di responsabilità, di tempismo e di buon senso. La dialettica e la relativa lotta politica che si sta registrando a Bruxelles tra i Paesi dell’Unione sulle risorse da destinare alle nazioni in forte difficoltà per il blocco delle attività produttive non può essere declinata in chiave strumentale e di parte. La drammatica congiuntura che il Mezzogiorno d’Italia vive, con livelli di disoccupazione altissimi, con gravi carenze infrastrutturali nei trasporti e nella logistica, con un “sommerso” preoccupante e con un sistema imprenditoriale e commerciale fortemente penalizzato e che rischia di morire non ci consente sottigliezze, lentezze e superficialità.
Le risorse del Mes che già sarebbero disponibili, se il Consiglio europeo dovesse deliberare in tal senso ‒ 37 miliardi, ossia il 2% circa del Pil ‒ e senza le condizionalità normalmente previste da questa misura (tagli alla spesa, riforme strutturali e monitoraggio esterno) per regioni come Sicilia, Calabria, Campania, Basilicata, Puglia e Sardegna, sarebbero vitali perché permetterebbero di rinnovare e modernizzare il comparto sanitario e di avviare quel processo di infrastrutturazione della rete ospedaliera che è indifferibile.
L’impiego di altri innovativi strumenti di finanziamento della ripresa dalla crisi economica e finanziaria come il Sure ‒ fondo contro la disoccupazione dei lavoratori europei in fase di costituzione ‒ e l’European recovery fund ‒ fondo europeo dì solidarietà alimentato e garantito da titoli comuni a lunga scadenza ‒ non sono immediatamente praticabili.
Tutta da quantificare anche la reale gittata dei fondi della Banca centrale europea per aiuti alle imprese in difficoltà. È per questo che nella odierna lotta contro il tempo che interi territori come quelli del Meridione vivono, l’unica certezza sono le risorse del Mes, insieme ai 750 miliardi della Banca centrale europea con il suo programma di Quantitative Easing che coprirà tutto il 2020. Non possiamo più fare melina: ogni euro che ci viene concesso per sostenere, a vario titolo, la ripartenza dei cicli economici e produttivi al Sud va messo a frutto. Il Mes per finanziare i costi sanitari, diretti e indiretti, è una opportunità da non perdere, soprattutto perché non vincolato a condizioni e all’emergenza.

Saverio Romano, Presidente Osservatorio Mezzogiorno dell’Eurispes

Ultime notizie
Attualità

Natale e tanta voglia di leggerezza

Fare shopping è la parola d’ordine nei primi giorni di cauta (ufficialmente: molto cauta) apertura di negozi ed esercizi commerciali. Il Natale...
di Angelo Perrone*
Cultura

Musica, la riscossa del vinile: cresce il mercato degli LP

Musica, il vecchio LP continua a registrare un interesse senza precedenti, tanto che nell’industria americana i ricavi degli album in vinile rappresentano il 62% dei ricavi totali dei supporti fisici, vale a dire 232 milioni di dollari.
di Ilaria Tirelli
Vincenzo Macrì

Maxi riclaggio da 500 miliardi di euro, come le mafie condizionano l’economia mondiale

  Il quotidiano on line Corriere della Calabria del 27 novembre scorso pubblica un articolo a firma Pablo Petrasso che riferisce i risultati...
di Vincenzo Macrì
Europa

Povertà: ancora troppo grande il numero di senzatetto, 700mila solo in Europa

700mila persone in Europa vivono in strada e ogni notte sono costrette a cercare ricoveri di fortuna,. Oggi la disponibilità nei centri di accoglienza è ridotta, a causa del distanziamento reso necessario dalle misure sanitarie in atto contro il Covid.
di Roberta Rega
Metafore per l'Italia

Dov’è finito il Sud?

Nella rubrica “Metafore per l’Italia”, pubblichiamo un’altra riflessione del Presidente dell’Eurispes, Gian Maria Fara, estratta dal libro La Repubblica delle Api.   Lo “spirito...
di Gian Maria Fara
Cosa vuol dire Mafia?

Cosa vuol dire Mafia? Dialogo con Marisa Manzini, procuratore aggiunto di Cosenza

Per cominciare a comprendere la complessità di un tessuto civile e sociale come quello calabrese, abbiamo dialogato con Marisa Manzini, Procuratore aggiunto della Procura di Cosenza. L’intervista è contenuta nella rubrica “Cosa vuol dire Mafia? Dialoghi sulla legalità” a firma di Sergio Nazzaro
di Sergio Nazzaro
Diritto

Web tax: il 2021 sarà l’anno della svolta?

Le multinazionali del Web godono di una non più ammissibile omessa tassazione dei loro miliardari profitti. Per affrontare fenomeni come quello della tassazione dell’economia digitale occorre adottare una nuova prospettiva.
di Giovambattista Palumbo*
Video

La luce, oltre la siepe

Quante volte vi siete chiesti: quando finirà? E quante volte vi siete sentiti rispondere: quando arriverà un vaccino. Ora sembra che stia...
di Emilio Albertario
Società

Covid-19, paura e incertezza: un’emergenza esistenziale

Ci troviamo nel pieno di una tempesta, cerchiamo un riparo anche se l’acqua che cade non riusciamo a vederla se non dopo...
di Alfonso Lo Sardo
Futuro

L’incertezza della recidiva: se insieme al Covid cresce la paura del futuro

Il Covid mette a repentaglio le vite nel mondo, in generale cambia le abitudini. Collettive o individuali, importanti o meno, magari piccole...
di Angelo Perrone*