La città non è morta. Flick: “Imporre un alt alla logica del profitto esasperato”

Negli ultimi tempi si è tentato più volte di celebrare il De Profundis della città. Esercizio vano. La città, “cosa umana per eccellenza” continua ad essere un magnete attrattivo. Secondo il “World Urbanization Prospects 2018” delle Nazioni Unite, nel 2050 quasi il 70% della popolazione mondiale vivrà, infatti, in aree urbane. Una trasformazione radicale che andrà compresa e soprattutto gestita. Più della metà della popolazione mondiale, circa il 55%, risiede nelle metropoli ed il trend, come dimostrano gli ultimi decenni, è destinato ad aumentare. Si calcola che nel 1930 solo il 30% della popolazione viveva in aree urbane mentre nel 2050 la quota sarà addirittura pari al 68% del totale, percentuale che per il vecchio Continente arriva all’84%. Anche se i numeri parlano chiaro, le immagini purtroppo non offrono segnali incoraggianti. La città di oggi appare come un “corpo ferito” da troppa violenza, distruzione, emarginazione, morte: New York, Genova, Barcellona, Parigi, Madrid, l’elenco di terribili fatti di cronaca che hanno investito l’Europa e il mondo si fa ogni giorno sempre più lungo.
Ne parliamo con Giovanni Maria Flick, già Presidente della Corte Costituzionale, Professore emerito di diritto penale all’Università Luiss di Roma.

Presidente Flick, il suo ultimo saggio (Elogio della città? Ed. Paoline) affronta i profondi fenomeni di trasformazione sociale, politica, ed economica che caratterizzano il nostro tempo. I fenomeni urbani sono un tratto essenziale della contemporaneità. Come nasce la città?
Gli agglomerati urbani nascono per rispondere, sostanzialmente, a un’esigenza di sicurezza e di praticabilità degli scambi. La sicurezza non è altro che l’altra faccia della paura ed è su questa prima ambivalenza sicurezza-paura che si radica la fondazione delle città. Nel binomio sicurezza-paura va individuato quello che i greci chiamavano il “chorismos”, il fondamento di ogni struttura urbana che dalla violenza di Enoch (la prima città, legata alla morte del figlio di Caino) si evolve nella dimensione della superbia; pensiamo alla “Babele” del racconto biblico.

Babele viene associata a un’immagine negativa, a un castigo che complica la vita degli uomini. È una lettura corretta?
È una tappa importante Babele, perché lo stop del castigo per la comunicazione è uno stimolo alla diaspora sulla terra e quindi alla percezione della diversità, componente essenziale con cui l’uomo di ogni tempo deve e dovrà fare i conti: una componente che non esprime soltanto inferiorità e degradazione, ma prima e più ancora arricchimento e crescita. Ma le ambivalenze non finiscono qui.

La ascolto…
La dicotomia accoglienza-sfruttamento è un’altra essenziale chiave di lettura del fenomeno urbano. Gli angeli vanno a Sodoma, la via dello sfruttamento dell’ospite prende così il sopravvento sulle esigenze di ospitalità e di accoglienza e si evolve poi, con Tirone, Sidone e con Ninive, nella via del profitto. Questa sostanziale ambiguità che si traduce in una plurima violenza trova ancora una volta il suo emblema nella Scrittura: Gerusalemme Sponsa Christi e nello stesso tempo prostituta, la dimensione celeste e quella terrestre si evolvono parallelamente. Sono le tre grandi religioni monoteiste che hanno alla radice una ambivalenza insanabile. Pensiamo alla quotidianità del venerdì delle moschee per gli islamici, del sabato delle sinagoghe per gli ebrei, della domenica nelle chiese cattoliche, che si traduce in un lunedì di terrore e sangue. Al momento della festa, seguono inevitabilmente il dolore del dramma e la contrizione della penitenza. Cristo ha piena consapevolezza di questa duplicità, visita il Tempio, prende la frusta e caccia i trafficanti e i sapienti, che mascherano con la dottrina la falsità dei loro comportamenti e dei loro atteggiamenti. Il farisaismo, sinonimo di doppiezza e di inganno nasce da lì.

Il conflitto di cui parla nel saggio con dovizia di citazioni non si esaurisce nel mondo antico, attraversa le epoche, caricandosi via via di quali significati?
Nel Medio Evo e nella modernità vi sono tracce molto precise che confermano l’analisi che stiamo citando. Il celebre affresco di Lorenzetti “Allegoria ed effetti del buono e del cattivo governo” conservato nel Palazzo Pubblico di Siena è l’icona di una polarità che non è mai stata risolta, neanche nella città “ritratto” del Rinascimento, interpretata quale exploit artistico ed esplosione di bellezza. Questa meravigliosa opera pittorica, precorrendo i tempi, fa vedere come ci sia bisogno di interdisciplinarità per effettuare una corretta governance dei moderni contesti urbani. Architetti, sociologi, avvocati, giuristi, ingegneri devono insomma confrontarsi, sono tutte figure necessarie per affrontare i tanti problemi che attraversano la quotidianità e la complessità di una città che da un lato produce (o dovrebbe) servizi materiali e immateriali, dall’altro produce relazioni di convivenza e di conflittualità.

Il nostro modo di vivere e abitare la città si sta evolvendo, non è facile capire però in quale direzione e verso quale approdo. Qual è il suo giudizio in merito?
La storia, l’aumento della popolazione e lo sviluppo tecnologico hanno accentuato la complessità dei contesti urbani. La città non è morta, come affermava lei in premessa. Quello che occorre adesso definire è un nuovo paradigma di convivenza. Non ci sono risposte definitive, occorre sviluppare delle competenze trasversali per governare i grandi agglomerati urbani della post modernità. La scienza e la tecnica pongono nuovi interrogativi sul terreno dei diritti dell’uomo e dei cittadini, che non possono essere ignorati.

I bit, come dimostrano diversi studi, non hanno invece cancellato la distanza, ridando sorprendentemente significato ai luoghi. È nella riemersione di uno spazio pubblico partecipato che si pone il problema del “diritto alla città”?
Le questioni insite nella domanda sono molteplici. Per rimanere alla dimensione tecnologica, oggi particolarmente urgente, credo che, mentre si parla tanto di intelligenza artificiale, comincia a scarseggiare l’intelligenza naturale che nasce dalla cultura. Le città di oggi sono imprese che erogano servizi attraversate da infrastrutture sofisticate e nel contempo fragili. La domanda crescente e la risposta di tecnologia non devono però comprimere la dimensione partecipativa della formazione sociale e gli spazi della convivenza. Per dirla in termini semplici: la macchina non deve scacciare l’uomo. La Cassia, che attraversa Roma come un’autostrada nel cuore del centro, minaccia e allontana il fattore umano, come dimostrano la recente tragedia che ha coinvolto due giovani vite e la quotidianità delle vite sacrificate al traffico e all’inquinamento, quando non alla violenza urbana.

Come si fa ad arrestare la pericolosa escalation del funzionalismo polarizzato dalle esigenze di business e a ritrovare i valori del silenzio, del dialogo, dell’ascolto, della concordia, dell’ospitalità che, come si legge nel suo saggio, vengono ancora prima della definizione formale del diritto?
Ricordandosi che la città è di tutti, è luogo primario di formazione sociale, non è una piazza commerciale fatta di semplici e superficiali consumatori. Ritorna la parabola delle Sacre Scritture a far luce sulla neo barbarie che stiamo vivendo, con il racconto del vitello d’oro che ci ricorda la smodata avidità di Re Mida. L’illusione di trasformare tutto in oro si arresta di fronte alla necessità di nutrirsi. Se anche il cibo si tramutasse nel prezioso metallo giallo, moriremo tutti miseramente. Credo sia venuto il momento di imporre un alt alla logica del profitto esasperato, che sta distruggendo l’uomo nei suoi legami sociali, culturali e affettivi; il momento di affiancare – come dicevo provocatoriamente – la city school alla business school sino forse a sostituire quest’ultima.

Ultime notizie
Territorio

Calabria: a new narrative and strategic thinking are needed. Interview with President of the Rubbettino publishing house

Guest of the column "Il punto a Mezzogiorno", Florindo Rubbettino, President of the publishing group of the same name founded in 1972...
di redazione
Il punto a Mezzogiorno

Calabria: servono una nuova narrazione e un pensiero strategico. Intervista al Presidente del gruppo editoriale Rubbettino

Intervista a Florindo Rubbettino, Presidente dell’omonimo gruppo editoriale fondato nel 1972 da suo padre in Calabria.
di Maurizio Lovecchio
capodanno estivo
Società

Questo Capodanno estivo segnerà il primo anno del “new normal”

Viviamo un Capodanno estivo in cui ci iniziamo a preparare all’incontro, al riallacciare, con il nuovo anno, quella consuetudine quotidiana dell’altro, non mediata dallo schermo come in pandemia, entro la quale ci immergeremo diversi da come ne siamo usciti.
di Alberto Mattiacci*
capodanno estivo
mezzogiorno
Infrastrutture

I collegamenti tra le regioni del Sud e del Nord, punto chiave nel rilancio del Mezzogiorno

La vera prospettiva di crescita del Mezzogiorno è condizionata dagli investimenti in opere infrastrutturali che sono strategiche per lo sviluppo economico. L’adeguamento dei porti italiani alle grandi navi portacontainers, e la creazione di hub nel Mediterraneo, in particolare a Gioia Tauro e in Sicilia, sono condizioni in grado di trainare lo sviluppo anche dei territori interni oltre che delle realtà portuali coinvolte.
di Giampaolo Basoli*
mezzogiorno
nuraghi sardegna
Cultura

Nuraghi di Sardegna, una risorsa non solo culturale

I nuraghi, che con la loro massiccia diffusione puntellano la Sardegna, sono identificativi del luogo al quale appartengono, hanno una lunga e misteriosa storia alle spalle e sono l’espressione di un passato che silenziosamente sembra voler interloquire con il mito. I nuraghi hanno i requisiti per essere a buon diritto patrimonio dell'Unesco.
di Giuseppe Pulina
nuraghi sardegna
moda fashion
Economia

L’industria della moda tra fast fashion e moda etica

Nei primi nove mesi del 2020 le maggiori aziende del fashion hanno subìto una significativa contrazione. Le stime indicano che la ripresa inizierà nel corso del 2021, ma l’assestamento del volume d’affari sulle cifre precedenti alla crisi si avrà soltanto nel 2023. Intanto, l’industria della moda è in bilico tra il fast fashion usa-e-getta e nuovi modelli produttivi ecosostenibili.
di redazione
moda fashion
oceani plastica
Ambiente

Riuso e riciclo possono salvare gli oceani dalla plastica

È possibile prevenire quasi la metà della plastica presente negli oceani in un anno riutilizzando il 10% dei nostri rifiuti in plastica. Questo, e molto altro, è presente nel report "The Future of Reusable Consumption Models" del World Economic Forum in collaborazione con Kearney.
di redazione
oceani plastica
trasporto ferroviario
Europa

Green Deal, fondamentale una strategia comune sul trasporto ferroviario

Il trasporto ferroviario è un punto fondamentale per la transizione ecologica e il raggiungimento degli obiettivi del Green deal europeo. Basti pensare che il settore trasporti genera un quarto delle emissioni di gas serra nell'Ue. Per questo il 2021 è l'Anno Europeo delle Ferrovie, e l'Italia ha destinato all'ammodernamento della rete ferroviaria 28,30 miliardi euro di risorse del PNRR.
di Giampaolo Basoli*
trasporto ferroviario
libro
Cultura

Città del libro, anche in editoria la filiera deve essere etica e sostenibile

I recenti scioperi di Stradella, la "città del libro", sono il sintomo di una distribuzione editoriale centralizzata e inserita in logiche che non favoriscono i lavoratori della logistica. C'è bisogno, come in agricoltura, di una filiera etica e sostenibile anche per i libri, oltre a una discussione seria sui diritti dei lavoratori della logistica.
di Roberta Rega
libro
salute mentale
Salute

Salute mentale e pandemia nel mercato della psiche

In Italia si consumano circa 12 milioni di confezioni di antipsicotici l’anno. Dal Rapporto Italia 2021 emerge che Il 20% degli italiani ha sperimentato i sintomi della depressione nel corso della pandemia e il 27% si è rivolto a uno psicologo. Eppure, la salute mentale è ancora un tabù anche per il Sistema sanitario nazionale.
di redazione
salute mentale