Coronavirus: l’Italia non è l’untore del mondo. Il messaggio del prime time

I numeri crescenti dell’epidemia di coronavirus vengono scanditi ogni sera nelle aperture di tutte le testate, con la progressione che tra lunedì a venerdì porta i contagiati 1.835 di lunedì a 3.916. Di fronte a quella che si sta proponendo come la più grave emergenza per il sistema-paese dal dopoguerra, le diverse testate sono coese nel documentare gli sviluppi del contagio e le azioni di contenimento della malattia, registrando senza preconcetti l’attivismo del governo e le proposte delle forze politiche d’opposizione. L’analisi dell’Osservatorio sui Tg Eurispes e Coris Sapienza dal 2 al 6 marzo.

Le aperture di giovedì sono per tutti sul video messaggio del Presidente della Repubblica Mattarella, con Tg La7 e Tg3 che lo mandano in versione integrale in sostituzione dei titoli. Ampio spazio il giorno precedente nei Tg delle 20 per l’appello del premier Conte. “Moderate” le obiezioni da parte delle opposizioni, anche in merito alla dura decisione di chiudere le scuole, con i Tg Mediaset che registrano e sottolineano l’opzione di aprire un “tavolo comune”. Tra le poche eccezioni, si segnala la staffilata del direttore di Libero Vittorio Feltri, che lunedì su Tg4 parla di un “emergenza Contevirus”, senza però strappare grande consenso.

La “vis polemica” dell’informazione emerge in modo più chiaro nei confronti di ciò che viene avvertito come l’attacco esterno. I Tg Mediaset e Tg2 denunciano, martedì, fin dai titoli (apertura per Tg4) lo “squallido spot satirico” della rete francese Canal Plus sulla “pizza covid19”, interpretato come un vero e proprio attacco al Made in Italy. Attenzione diffusa ai dati dell’epidemia in Germania, e alle ipotesi che vedrebbero in un cittadino tedesco il “paziente zero” da cui si sarebbe sviluppato il contagio anche nel nostro Paese. Questa la “risposta” alle slide della CNN, che identificano nell’Italia il principale focolaio di contagio in Occidente. Venerdì fin dai titoli vengono riportate le dichiarazioni di Bruxelles e dell’Oms, che elogiano l’Italia per le misure adottate e invitano il resto del mondo a prepararsi a seguire il nostro buon esempio. Giovedì Tg4, riportando un dialogo tra un neolaureato e il direttore Sallusti, suggerisce di assumere immediatamente tutti gli studenti di medicina ancora non specializzati.

Migranti, il “ricatto” di Erdogan e la condanna della risposta debole dell’Europa. Primarie Usa: la “rinascita” di Biden
La pagina degli esteri è quasi interamente dedicata all’emergenza profughi al confine greco-turco, dove la situazione è drammatica. I Tg Mediaset parlano esplicitamente del “ricatto di Erdogan”, giudizio declinato martedì su Tg4 dalla direttrice del quotidiano La Nazione Agnese Pini. I Tg Rai e Tg5 documentano con maggior dettaglio la situazione sul terreno, con la testata di Mimum che mercoledì dedica la copertina alla condizione dei profughi, obbligati ad attraversare il confine dai turchi e respinti dai poliziotti greci, anche con le armi. Tg La7 mercoledì si scaglia contro l’immobilismo europeo, definendo le iniziative balbettanti di Bruxelles “francamente fiacche”. Tg3 e Tg La7 registrano venerdì l’apertura di una nuova, probabile trattativa tra Erdogan e l’Europa.
Spazi per tutti ai risultati del Super Tuesday, nei titoli per i Tg delle 20 e Tg3, che vede il candidato Biden profilarsi come probabile sfidante di Trump

Contro il Corona virus, la ricerca di “leggerezza”
Non mancano i servizi sull’impatto che il virus sta avendo sulle nostre relazioni sociali; Tg2 propone la soluzione per scacciare le ansie: non pensarci troppo. Tg5 sceglie di distrarre il proprio pubblico dedicando diversi titoli all’epopea della casata Windsor, mettendoci al corrente della voglia della 93enne regina Elisabetta di rivedere al più presto il pupo di Harry e Meghan.

Ultime notizie
riassetto dei poteri
Diritto

Il riassetto dei poteri

Il tema del riassetto dei poteri è al centro dell’attuale dibattito ed è strettamente collegato con le prospettive di una riforma della giustizia. L'ex magistrato Vincenzo Macrì fa alcune considerazioni partendo da un articolo a firma di Luciano Violante.
di Vincenzo Macrì
riassetto dei poteri
Economia

Fondi per il PNRR, erogata la prima rata: il punto della situazione

Un importante traguardo è stato raggiunto lo scorso 13 aprile, quando è stata erogata la prima tranche di pagamenti per il PNRR. Sono stati versati 21 miliardi di euro che si aggiungono al pre-finanziamento ottenuto lo scorso anno.
di Claudia Bugno*
precarietà
Attualità

Che cosa significa, oggi, vivere la dimensione della precarietà

La precarietà si afferma come la base esistenziale del vivere contemporaneo. Precarietà in termini lavorativi, come conseguenza delle crisi economiche; precarietà delle relazioni, accentuate dagli effetti della pandemia sulla salute mentale e sui legami di comunità; precarietà geopolitica e ambientale di un mondo minacciato da guerre e disastri ambientali.
di Giuseppe Pulina
precarietà
Rebibbia carcere
Attualità

Rebibbia, storie di vita dal carcere per affermare la funzione rieducativa della pena

A Rebibbia le storie di vita dal carcere femminile nel report del Servizio Analisi Criminale centrale: oltre alle analisi sui fenomeni criminali, viene ribadita la funzione rieducativa della pena tra sicurezza e trattamento.
di redazione
Rebibbia carcere
ricerca e sviluppo
Economia

Ricerca e Sviluppo (R&S) nell’area OCSE: la risposta alla crisi pandemica

La spesa in Ricerca e Sviluppo (R&S) nell’area OCSE è cresciuta dell’1,8% nel 2020. Nonostante il forte calo dell’attività economica determinata dalla pandemia da Covid-19, le economie dell’OCSE hanno quindi continuato ad investire in ricerca e sviluppo nel 2020.
di Cecilia Fracassa
ricerca e sviluppo
legal design
Economia

Il legal design: una nuova prospettiva di accessibilità e democratizzazione del linguaggio giuridico

La finalità antropocentrica del legal design I principali linguisti italiani evidenziano da anni che il linguaggio utilizzato dalle Istituzioni è distante anni luce...
di Andrea Strata e Alessandro Colella
legal design
react-eu
Italia Domani

REACT-EU: potenziate le risorse per il Mezzogiorno

Il REACT-EU, tra gli strumenti finanziati dal Next Generation EU, costituisce la seconda componente di origine europea all’interno del PNRR con cui...
di Claudia Bugno*
react-eu
guerra
Internazionale

Le guerre dimenticate, non meno feroci di quella in Ucraina

Come mai guerre atroci e lunghissime come quelle nel Tigrai, nello Yemen, in Siria, in Mali, non hanno ascolto nella politica italiana ed europea e trovano pochi spazi nei media? Perché non sconvolgono la sensibilità delle persone come invece sta accadendo per il conflitto in Ucraina? Lo stesso vale, del resto, per altre crisi estreme che provocano migliaia di morti e schiere enormi di profughi.
di di Emilio Drudi e Marco Omizzolo
guerra
25 aprile 2022
Società

25 aprile 2022, il ritorno della paura

La memoria della riconquista della libertà, avvenuta con la liberazione del 1945, si sovrappone alle immagini della tragedia ucraina che, a distanza di 77 anni, si consuma per le stesse ragioni di allora, i soprusi delle dittature. La “resistenza” in ogni epoca trae forza dal coraggio di vincere le paure.
di Angelo Perrone
25 aprile 2022
dispersione scolastica
Scuola

Dipersione scolastica e Dad: il fenomeno nelle scuole della Sardegna

Dispersione scolastica e DaD, quanto sono collegati questi due aspetti nel sistema scolastico costretto a modificare la propria organizzazione a causa della...
di redazione
dispersione scolastica