Governo e Sud, Saverio Romano: “Ferrovie, Anas, Eni investano come fanno al Nord”

Il Governo Conte bis ha dedicato al Sud il punto numero 19 del suo programma, indicando la necessità di «lanciare un piano straordinario di investimenti per la crescita e il lavoro». Si tratta di «enunciazioni di principio, alle quali spero seguano fatti», commenta Saverio Romano, ex Ministro delle politiche agricole, che guida il Dipartimento Mezzogiorno dell’Eurispes.

Il cambio di colori, almeno per metà della bandiera, del nuovo Governo, può segnare, secondo lei, una rinnovata e magari più accesa attenzione nei confronti del Sud Italia?
Intanto, come ogni volta, bisogna guardare ai fatti ed è ancora presto per questo. L’emergenza Sud come periferia del Paese, in questo momento come nel recente passato, non è stata evidenziata dalle forze politiche che si sono alternate negli ultimi governi. Intanto, perché l’emergenza Sud è costituita soprattutto dal disagio sociale e dalla disuguaglianza economica, prima che dalla carenza di infrastrutture e servizi. Fatta questa premessa, l’attuale Governo avrà il tempo per dimostrare se davvero vorrà mettere al centro il Sud oppure no.
 
Riforma sulle Autonomie locali: il nuovo Governo segnerà una discontinuità oppure riprenderà il dialogo su questo tema? Difficile pensare che Veneto, Lombardia ed Emilia Romagna si arrendano e rinuncino alla loro battaglia… Non pensa?
La battaglia delle Regioni assumerà un tono più forte e diventerà una battaglia politica, e quindi il confronto rischia di essere tra sordi. Ciò detto, è ovvio che l’autonomia differenziata se dovesse essere approvata tout court, senza modifiche che prevedano la salvaguardia di ciò che serve al Mezzogiorno, sarebbe davvero disastrosa.
 
Al 19esimo punto del programma di Governo si legge: «Va lanciato un piano straordinario di investimenti per la crescita e il lavoro al Sud, anche attraverso il rafforzamento dell’azione della banca pubblica per gli investimenti, che aiuti le imprese in tutta Italia e che si dedichi a colmare il divario territoriale del nostro Paese. Per le aree più disagiate occorre promuovere l’adozione e il coordinamento di vari strumenti normativi e di intervento, quali Contratti Istituzionali di Sviluppo, Zone Economiche Speciali, Contratti di Rete. Obiettivo fondamentale è quello di accelerare la realizzazione di progetti strategici, tra loro funzionalmente connessi, di valorizzazione dei territori, utilizzando al meglio i Fondi europei di sviluppo e coesione». Che cosa ne pensa? E cosa si deve fare concretamente?
Sono enunciazioni di principio che contengono tutto e niente; io avrei maggiormente sottolineato ciò che realmente serve. E per colmare il gap tra Nord e Sud serve infrastrutturare il Mezzogiorno, individuare i soggetti che devono fare che cosa, che io non esiterei a declinare chiamando, ad esempio, Eni alle sue responsabilità. Ovvero, Eni dovrebbe effettuare le bonifiche nel Sud, deindustrializzare dove ha stabilimenti che non usa ‒ come a Gela ‒ e promuovere nuovo sviluppo, dopo avere avuto molto; e credo che il Governo ad Eni questo lo possa imporre. Poi chiamerei in causa le Ferrovie, che dovrebbero investire nel Mezzogiorno quello che hanno investito negli ultimi decenni nel resto del Paese, dove è stata fatta l’Alta velocità, il doppio o triplo binario; e anche questo credo che il Governo glielo possa dire. Poi c’è l’Anas, che dovrebbe prendersi in carico le strade che sono disastrate e fare un piano di investimenti. Citerei anche Cassa Depositi e Prestiti, che è diventata la nuova cassaforte del Governo per fare operazioni che non sono quelle per cui è nata, e che invece dovrebbe mettere a disposizione i fondi ai Comuni. Solo attraverso un piano straordinario di questi soggetti si può dare un nuovo respiro al Sud. Quindi, tornando al programma del Governo, spero che alle enunciazioni seguano i fatti. Tra l’altro, il neo Ministro del Mezzogiorno è un siciliano, voglio augurarmi che metta mano a queste questioni.
 
Quindi l’unica strategia di crescita per il Sud è investire?
Certo, è investire e fare in modo che questa area del Paese diventi nuovamente centrale; il nostro progetto del porto Hub in Sicilia, ad esempio, va in quella direzione, così come credo che bisogna ripensare seriamente al meccanismo del “Cip 6”. Nelle bollette i siciliani trovano una voce riferita al contributo che pagano per le fonti rinnovabili ed assimilabili (Cip 6). Ebbene, in essa sono compresi i termovalorizzatori distribuiti sul territorio nazionale (ben 53) di cui ben 13 in Lombardia e nessuno in Sicilia. Occorre rinegoziare le tariffe a livello nazionale e riprendere la contrattazione con le compagnie che erogano il servizio, che oggi penalizza oltremodo le imprese che operano nel nostro territorio, e gli utenti, alle prese con un rapporto oneroso tra il costo che devono sostenere e il servizio loro offerto.


Reddito di cittadinanza: per ora la misura sembra confermata. È servita oppure no? Qual è il bilancio, dal suo punto di vista?
Il mio punto di vista è chiaro: le misure che non sono collegate, allo stesso tempo, allo sviluppo e al lavoro, alla lunga sono sempre fallimentari. Purtroppo, immagino che questo provvedimento, se reiterato danneggerà ancora di più il mercato del lavoro, così come le imprese, così come disaffezionerà al lavoro. Io penso che oggi, in un momento post ideologico, bisogna lasciare da parte le demagogie e capire che il Mezzogiorno è vitale perché può dare una spinta, senza la quale il nostro Paese finirebbe per essere marginale anche al livello europeo.
 

Ultime notizie
conferenza europa
Europa

La Conferenza sul Futuro dell’Europa entra nel vivo

La Conferenza sul Futuro dell’Europa entra finalmente nel vivo, articolata in diverse fasi che vanno dall’ascolto, alla generazione di proposte concrete e alla realizzazione delle stesse. La parola d’ordine è partecipazione, dal momento che i cittadini europei saranno direttamente coinvolti come rappresentanza, ma sussiste il nodo delle procedure più opportune a cui far riferimento.
di Nicola Verola*
conferenza europa
radio
Cultura

La radio non è in crisi, ha tanta storia e moltissimo futuro

La radio non è un mezzo in crisi, ma ha profondamente cambiato la sua offerta con meno scouting e più programmi di approfondimento. Dagli anni della propaganda fascista, all’epoca delle radio libere, oggi le radio si attengono ad una offerta generalista nelle scelte musicali e più improntata su programmi giornalistici e di approfondimento, nonché sulle nuove tecnologie.
di Alfonso Lo Sardo
radio
populismo
Politica

Il secondo tempo del populismo

"Il secondo tempo del populismo" di Alessandro Barile, pubblicato da Momo edizioni, raccoglie saggi sulle evoluzioni del populismo ad oggi. I saggi affrontano tematiche diverse, declinando il populismo in chiave geopolitica, come fenomeno di contrapposizione di classe o polarizzazione tra centro e periferie, offrendo così una visione globale e odierna del fenomeno.
di Ilaria Tirelli
populismo
astensionismo
Opinioni e commenti

A lezione dalle urne: l’astensionismo è distanza tra cittadini e politica

I ballottaggi per i Sindaci hanno confermato l’inesorabile declino della partecipazione popolare alle scelte comuni: la distanza tra cittadini e politica è una lacerazione profonda per la democrazia, che evidenzia la inadeguatezza della politica locale e dei partiti nel fare da tramite tra cittadini e Istituzioni.
di Angelo Perrone*
astensionismo
Economia

Sindacato e cambiamenti globali: quale preparazione hanno i sindacalisti?

I sindacalisti di oggi hanno la preparazione e le competenze adeguate per rappresentare al meglio le esigenze dei lavoratori in questa fase...
di Marco Ricceri*
Internazionale

The task of politics is to be “regulating rooms” between the interests of finance and the society

The belief that the so-called European welfare state was an obstacle to the development of the modern market and that it was...
di Gian Maria Fara*
STATO
Metafore per l'Italia

La politica sia “stanza di regolazione” tra interessi di mercato e corpo sociale

Le esperienze recenti dimostrano che senza il suo sistema di welfare l’Europa non avrebbe retto all’urto delle crisi. Lo Stato e le Istituzioni hanno il compito di regolare ed equilibrare gli interessi del mercato e le esigenze del corpo sociale, non limitarsi all’esercizio di un ruolo esterno di vigili del mercato. Riaffermare tale posizione significa ripartire dalla crisi esistenziale generata dall’incertezza e riequilibrare i divari economici e di genere.
di Gian Maria Fara*
STATO
medicina
Recensioni

Da Ippocrate a Bill Gates, come la tecnologia ha cambiato la medicina

Il futuro della medicina è adesso. Fa il punto sullo stato dell’arte della tecnologia il nuovo libro del giornalista Claudio Barnini: Da Ippocrate a Bill Gates. Come la tecnologia ha cambiato la medicina. 
di redazione
medicina
Ue
Economia

La nuova proposta Ue di direttiva sul bilancio di sostenibilità “Corporate Sustainability Reporting Directive”

All’interno dell’Unione europea il dibattito sulle tematiche della trasparenza è senza dubbio ormai maturo ed esistono già regolamentazioni sulla rendicontazione non finanziaria che le aziende sono tenute ad applicare per essere in regola con gli obiettivi generali di sostenibilità
di Fabrizio Zucca*
Ue
Internazionale

Corruzione e nuove forme di infiltrazione nella Pa e nell’economia

A margine del 30° Forum Economico dell’Europa Centrale e dell’Est (Karpacz, Polonia - 7 al 9 settembre), nel panel dedicato alle prospettive...
di redazione