“Golden Power e il 5G”, non è il titolo di un film 007 ma la nostra vita

È il 2012 quando la Repubblica Italiana si dota (finalmente) di uno strumento fondamentale in tempi di globalizzazione tecnologica: la cosiddetta Golden Power (letteralmente: Potere d’Oro).
Si tratta della possibilità che il Governo ha di esercitare un potere speciale d’intervento sulle scelte delle imprese operanti in alcuni àmbiti. Quali? La legge (legge 56/2012) li definisce così: «difesa e sicurezza nazionale, nonché alcuni ambiti ritenuti di rilevanza strategica nei settori dell’energia, dei trasporti, delle comunicazioni».

Chiunque può comprendere che si tratta di settori che operano nel profondo della vita dei cittadini. Se la difesa e la sicurezza nazionale sono, per così dire, dei “classici” elementi costitutivi dell’interesse nazionale, è possibile che al cittadino comune possa sfuggire la ragione per la quale la Repubblica abbia deciso di dotarsi della possibilità di intervenire sulle comunicazioni.

Il neonato governo Conte ha infatti esercitato il Potere d’Oro sul 5G e forse la ragione per cui lo ha fatto può non essere lampante.

Innanzitutto, di che cosa parliamo: 5G è il “tag” di una nuova tecnologia informatica. Consentirà di connettere oggetti (dallo smartphone al tubetto del dentifricio), impostare nuovi modi di vivere (gioco, mobilità, lavoro, eccetera). Insomma, pare non sia azzardato dire che il 5G rivoluzionerà le nostre vite, connettendo cose e persone alla rete. Per realizzare la grande promessa del 5G occorrerà costruire una infrastruttura tecnica ‒ cosa che gli operatori stanno già facendo ‒ fatta di apparati e software.

Qui sta il punto: l’infrastruttura rischia di essere cinese, in quanto i principali produttori battono, per così dire, bandiera rossa. La questione, allora, diventa: può un grande Paese occidentale, membro fondatore dell’Ue e della Nato, strategico nel Mediterraneo, sede della Chiesa Cattolica, potenza industriale fra le principali del pianeta (siamo nel G7, non dimentichiamolo), correre il pericolo che la propria vita quotidiana futura poggi su delle infrastrutture pensate, costruite (e, forse, controllate) dalla principale potenza non occidentale?

Il problema è squisitamente legato alla sicurezza e alla libertà dei cittadini: privacy, nel XXI secolo, significa libertà. E allora il Governo, esercitando la Golden Power, non ha fatto altro che obbedire alla Costituzione, l’edificio supremo della libertà di noi cittadini. La Cina non sembra aver accolto positivamente questa notizia: ai nostri diplomatici il compito di farle comprendere che si trattava di un atto dovuto e non di uno sgarbo.

Abbiamo una buona Costituzione.

Ultime notizie
Criminalità e contrasto

Criminalità minorile e gang giovanili. I dati

Il Report “Criminalità minorile e gang giovanili”, il report realizzato dal Servizio analisi criminale è stato presentato questa mattina a Roma, presso la...
di redazione
Lavoro

La “mobilità circolare” dei giovani nell’area mediterranea

I giovani protagonisti del cambiamento Lo spazio Mediterraneo è un bene comune (“common good”) che appartiene a tutti gli Stati della UE ed...
di Avv. Angelo Caliendo*
Osservatorio sulla PA

Equo compenso o tariffazione?

Se solo il Codice dei Contratti fosse stato promulgato il 1° luglio 2023 (data della sua entrata in vigore) oggi non dovremmo affrontare questa spinosa questione, circa la portata e le modalità applicative della legge n. 49 del 21 aprile 2023 che ha introdotto “l’equo compenso” per i professionisti. Disposizione che di fatto modifica i criteri di aggiudicazione previsti nel Codice degli Appalti, vincolando il prezzo dei servizi professionali, o almeno così sembrerebbe.
di redazione
Intervista

Insularità, PNRR, fondi europei: il caso Sicilia

A più di un anno dall’introduzione nella nostra Costituzioni del principio di Insularità sono corrisposte politiche di sostegno e finanziamento delle attività necessarie a realizzare tale principio? Qual è l’incidenza dei fondi europei sulle attuali politiche di rigenerazione urbana e di sviluppo delle isole? Ne abbiamo parlato con chi ogni giorno deve confrontarsi con la gestione di una realtà complessa come quella della città di Catania: l’ingegner Biagio Bisignani, Direttore URB@MET.
di redazione
corse
Intervista

L’insularità possibile: il caso Corsica. Intervista a Marie-Antoinette Maupertuis, Presidente dell’Assemblea corsa

La Corsica è uno dei modelli europei in merito all’insularità e alle iniziative intraprese per favorire la coesione territoriale e l’autonomia fiscale necessaria per l’economia corsa, dinamica ma gravata da una “crescita depauperante”. Ne parliamo con l’Onorevole Marie-Antoinette Maupertuis, economista e Presidente dell’Assemblea della Corsica.
di Daniela Pappadà
corse
corse
Osservatori

Insularité possible: le cas de la Corse. Entretien avec Marie-Antoinette Maupertuis, Présidente de l’Assemblée de Corse

Insularité possible: entretien avec l’Honorable Marie-Antoniette Maupertuis, Presidente de l’Assemblee de Corse.
di Daniela Pappadà
corse
intelligenza
Intervista

Intelligenza artificiale e regole: serve un impegno dell’Unione sui diritti sostanziali

Intelligenza artificiale e diritto, ne parliamo con Giusella Finocchiaro, Professoressa ordinaria di diritto privato e diritto di Internet all’Università di Bologna. Per non cadere in un rischioso processo di “burocratizzazione digitale” bisogna partire da elementi culturali prima che giuridici, senza perdere di vista i princìpi.
di Massimiliano Cannata
intelligenza
Sicurezza

Tecnologia, sicurezza e istruzione: intervista a Nunzia Ciardi, Vice Direttore Generale dell’Agenzia per la Cybersicurezza Nazionale

La tecnologia è entrata di forza nella scuola grazie alla DAD, che in pandemia ha permesso a milioni di studenti di seguire le lezioni da casa. Bisogna continuare su questa strada e sfruttare le potenzialità offerte dalla tecnologia in àmbito scolastico e formativo secondo la dott.ssa Nunzia Ciardi, Vice Direttore Generale dell’Agenzia per la Cybersicurezza Nazionale.
di Massimiliano Cannata
scuole italiane
Immigrazione

Scuola e cittadini italiani di domani

La questione della presenza degli stranieri nelle scuole implica un’ambivalenza di obiettivi: migliorare la qualità dell’istruzione a prescindere dalla discendenza, oppure comprimere il diritto costituzionale all’apprendimento. La scuola deve avere una funzione di istruzione e integrazione sociale.
di Angelo Perrone*
scuole italiane
insularità
Intervista

Insularità e perifericità: costi e correttivi nell’intervista al Prof. Francesco Pigliaru

L’insularità si lega spesso all’idea di una compensazione economica, ma bisogna distinguere tra condizioni di prima e seconda natura legate all’insularità, come spiega il Prof. Francesco Pigliaru nell’intervista dedicata al tema delle isole e della continuità territoriale.
di redazione
insularità