“Golden Power e il 5G”, non è il titolo di un film 007 ma la nostra vita

È il 2012 quando la Repubblica Italiana si dota (finalmente) di uno strumento fondamentale in tempi di globalizzazione tecnologica: la cosiddetta Golden Power (letteralmente: Potere d’Oro).
Si tratta della possibilità che il Governo ha di esercitare un potere speciale d’intervento sulle scelte delle imprese operanti in alcuni àmbiti. Quali? La legge (legge 56/2012) li definisce così: «difesa e sicurezza nazionale, nonché alcuni ambiti ritenuti di rilevanza strategica nei settori dell’energia, dei trasporti, delle comunicazioni».

Chiunque può comprendere che si tratta di settori che operano nel profondo della vita dei cittadini. Se la difesa e la sicurezza nazionale sono, per così dire, dei “classici” elementi costitutivi dell’interesse nazionale, è possibile che al cittadino comune possa sfuggire la ragione per la quale la Repubblica abbia deciso di dotarsi della possibilità di intervenire sulle comunicazioni.

Il neonato governo Conte ha infatti esercitato il Potere d’Oro sul 5G e forse la ragione per cui lo ha fatto può non essere lampante.

Innanzitutto, di che cosa parliamo: 5G è il “tag” di una nuova tecnologia informatica. Consentirà di connettere oggetti (dallo smartphone al tubetto del dentifricio), impostare nuovi modi di vivere (gioco, mobilità, lavoro, eccetera). Insomma, pare non sia azzardato dire che il 5G rivoluzionerà le nostre vite, connettendo cose e persone alla rete. Per realizzare la grande promessa del 5G occorrerà costruire una infrastruttura tecnica ‒ cosa che gli operatori stanno già facendo ‒ fatta di apparati e software.

Qui sta il punto: l’infrastruttura rischia di essere cinese, in quanto i principali produttori battono, per così dire, bandiera rossa. La questione, allora, diventa: può un grande Paese occidentale, membro fondatore dell’Ue e della Nato, strategico nel Mediterraneo, sede della Chiesa Cattolica, potenza industriale fra le principali del pianeta (siamo nel G7, non dimentichiamolo), correre il pericolo che la propria vita quotidiana futura poggi su delle infrastrutture pensate, costruite (e, forse, controllate) dalla principale potenza non occidentale?

Il problema è squisitamente legato alla sicurezza e alla libertà dei cittadini: privacy, nel XXI secolo, significa libertà. E allora il Governo, esercitando la Golden Power, non ha fatto altro che obbedire alla Costituzione, l’edificio supremo della libertà di noi cittadini. La Cina non sembra aver accolto positivamente questa notizia: ai nostri diplomatici il compito di farle comprendere che si trattava di un atto dovuto e non di uno sgarbo.

Abbiamo una buona Costituzione.

Ultime notizie
pace
Attualità

Tempo di uccidere

Nella nostra cara, felice e ricca Europa, nessuno ci credeva. Ma, insomma, si chiedeva la gran massa delle persone, questi si vogliono davvero...
di Luciano Maria Teodori
pace
Laboratorio Europa
Intervista

Laboratorio Europa, alimentare il confronto su Istituzioni europee e sulla necessità di un’Europa sociale. Intervista al Prof. Umberto Triulzi

Laboratorio Europa dell’Eurispes, gli esperti si riuniscono per il primo incontro del 2023, attualmente coordinato dal Prof. Umberto Triulzi, economista, e docente di Politica economica europea, intervistato rispetto ai temi di discussione: Istituzioni europee, integrazione in ambito internazionale, Europa sociale.
di Silvia Muscas
Laboratorio Europa
complottismo
Attualità

Il dubbio e il burattinaio. Complottismo all’italiana

Cronaca e intrigo: anche per l’arresto di Matteo Messina Denaro, non sono mancati sospetti, dubbi, perplessità oltre l’accertamento dei fatti, con il risultato di offuscare il senso di una vittoria importante dello Stato contro la mafia. Il dovere di dubitare è una pratica essenziale nella società democratica, tuttavia bisogna contrastare il rischio dello scetticismo aprioristico e distruttivo.
di Angelo Perrone*
complottismo
editoria
Cultura

Editoria italiana: ricavi, geografia e nuove prospettive

L’editoria italiana ha registrato un calo del 2,8% nel 2022, ma i dati restano favorevoli rispetto al 2019. Crescono lettori e case editrici al Sud, pur restando al di sotto della media nazionale: lettori e case editrici si concentrano al Nord e al Centro, in Lazio e Lombardia ha sede il 38% delle case editrici italiane.
di Roberta Rega
editoria
bilancio energetico
Italia

Bilancio Energetico Nazionale, differenze regionali e potenzialità inespresse

Bilancio energetico nazionale, l’Italia ha un grande potenziale confermato da una quota del 20% di energie rinnovabili sul totale registrato nel 2020. A frenare la transizione ecologica però ci sono burocrazia e regionalismi che rischiano di allungare i tempi di decarbonizzazione dell’economia.
di Ludovico Semerari
bilancio energetico
prezzi della benzina
Fisco

Possibili profili speculativi sull’aumento dei prezzi della benzina e la marginalità delle cause fiscali

L’aumento del prezzo della benzina, di cui si parla molto ultimamente, è determinato da una serie di fattori che non limitano il dibattito alle semplici accise. A incidere è soprattutto la quotazione Platts, che viene decisa dalle compagnie in base al valore effettivo dei prodotti raffinati in un determinato momento.
di Giovambattista Palumbo*
prezzi della benzina
città
Futuro

La città nell’orizzonte della rivoluzione digitale

Le città raccontano chi siamo e che futuro vogliamo costruire: la rigenerazione urbana può essere la chiave per riconquistare gli spazi sottratti dalla pandemia, e costruire un universale urbano aperto al libero attraversamento di popoli ed etnie per una società sempre più fatta di migrazioni.
di Massimiliano Cannata
città
RAEE
Tecnologia

RAEE, rifiuti elettronici: un tesoro nascosto

I RAEE, i Rifiuti di apparecchiature elettriche ed elettroniche, vanno trattati in maniera del tutto speciale e secondo determinate modalità presso le isole ecologiche. Otto italiani su dieci dichiarano di possederne almeno uno, ma dal loro corretto smaltimenti si trarrebbe un significativo beneficio economico.
di Ilaria Tirelli
RAEE
imprese e sviluppo sostenibile
Futuro

Imprese e Sviluppo sostenibile, sempre più complesso il quadro delle nuove regole europee

Il 28 novembre 2022 il Consiglio Europeo ha approvato in via definitiva il testo della nuova direttiva sulla comunicazione delle imprese in...
di Fabrizio Zucca*
imprese e sviluppo sostenibile
Comunità Energetiche Rinnovabili
Italia Domani

Comunità energetiche rinnovabili: dal Pnrr nuovi modelli di crescita

Il doppio filo che lega Agenda 2030 e il PNRR si sta ulteriormente rafforzando attraverso la messa a punto di strumenti che...
di Claudia Bugno*
Comunità Energetiche Rinnovabili