“Golden Power e il 5G”, non è il titolo di un film 007 ma la nostra vita

278

È il 2012 quando la Repubblica Italiana si dota (finalmente) di uno strumento fondamentale in tempi di globalizzazione tecnologica: la cosiddetta Golden Power (letteralmente: Potere d’Oro).
Si tratta della possibilità che il Governo ha di esercitare un potere speciale d’intervento sulle scelte delle imprese operanti in alcuni àmbiti. Quali? La legge (legge 56/2012) li definisce così: «difesa e sicurezza nazionale, nonché alcuni ambiti ritenuti di rilevanza strategica nei settori dell’energia, dei trasporti, delle comunicazioni».

Chiunque può comprendere che si tratta di settori che operano nel profondo della vita dei cittadini. Se la difesa e la sicurezza nazionale sono, per così dire, dei “classici” elementi costitutivi dell’interesse nazionale, è possibile che al cittadino comune possa sfuggire la ragione per la quale la Repubblica abbia deciso di dotarsi della possibilità di intervenire sulle comunicazioni.

Il neonato governo Conte ha infatti esercitato il Potere d’Oro sul 5G e forse la ragione per cui lo ha fatto può non essere lampante.

Innanzitutto, di che cosa parliamo: 5G è il “tag” di una nuova tecnologia informatica. Consentirà di connettere oggetti (dallo smartphone al tubetto del dentifricio), impostare nuovi modi di vivere (gioco, mobilità, lavoro, eccetera). Insomma, pare non sia azzardato dire che il 5G rivoluzionerà le nostre vite, connettendo cose e persone alla rete. Per realizzare la grande promessa del 5G occorrerà costruire una infrastruttura tecnica ‒ cosa che gli operatori stanno già facendo ‒ fatta di apparati e software.

Qui sta il punto: l’infrastruttura rischia di essere cinese, in quanto i principali produttori battono, per così dire, bandiera rossa. La questione, allora, diventa: può un grande Paese occidentale, membro fondatore dell’Ue e della Nato, strategico nel Mediterraneo, sede della Chiesa Cattolica, potenza industriale fra le principali del pianeta (siamo nel G7, non dimentichiamolo), correre il pericolo che la propria vita quotidiana futura poggi su delle infrastrutture pensate, costruite (e, forse, controllate) dalla principale potenza non occidentale?

Il problema è squisitamente legato alla sicurezza e alla libertà dei cittadini: privacy, nel XXI secolo, significa libertà. E allora il Governo, esercitando la Golden Power, non ha fatto altro che obbedire alla Costituzione, l’edificio supremo della libertà di noi cittadini. La Cina non sembra aver accolto positivamente questa notizia: ai nostri diplomatici il compito di farle comprendere che si trattava di un atto dovuto e non di uno sgarbo.

Abbiamo una buona Costituzione.

Ultime notizie
Politica

Un 2 giugno dedicato alla Repubblica e alla ripartenza dopo il Covid-19

Nonostante la mancanza di celebrazioni per la nascita della Repubblica e della Costituzione a causa delle restrizioni Covid, rimane il senso della “festa nazionale”. Nei momenti drammatici, come la ripartenza dopo la pandemia, serve richiamarsi allo spirito di unità su obiettivi di lungo periodo: il progetto di società moderna, progredita e solidale.
di Angelo Perrone
Recensioni

La vera Fase 2 per l’Italia comincia dal merito

La crisi del lavoro che si intreccia con l’eclissi del merito si presenta molto grave in tutte le realtà territoriali. «Quello che ci vuole è una rivoluzione gentile ma irreversibile, che porti a sovvertire il sistema di potere che vige in Italia da secoli», sostiene Maria Cristina Origlia, autrice del saggio Questione di Merito.
di Massimiliano Cannata
Sicurezza

Coronavirus, lo spettro del disagio sociale e il ruolo dell’intelligence

All’attenuarsi dell’emergenza sullo sfondo si intravede, abbastanza prossimo, il fantasma del disagio sociale. L’intelligence ha il compito primario di monitorare il disagio sociale che può rappresentare non solo un’area di reclutamento per la criminalità, ma che si può trasformare anche in un problema di ordine pubblico. Il contributo del Prof. Mario Caligiuri.
di Mario Caligiuri
La sfida dei Sindaci

Fase 2, la sfida dei Sindaci. Antonio Decaro: “Le risorse del Governo non sono sufficienti”

Fase 2: «I soldi che il Governo ha stanziato per Bari finora, e che arriveranno alla cifra di tre miliardi di euro complessivi, non saranno sufficienti. Per evitare che i Comuni debbano spegnere le luci o lasciare i rifiuti per strada, l'interlocuzione dell'Anci con il Governo è incessante». Lo sostiene il Sindaco di Bari e Presidente dell'Anci, Antonio Decaro.
di Valentina Renzopaoli
Recensioni

Libri, disponibile in Open access “Il Segretario, lo Statista. Aldo Moro dal centro-sinistra alla solidarietà nazionale”

È disponibile da oggi in Open access il volume collettivo dal titolo "Il Segretario, lo Statista. Aldo Moro dal centro-sinistra alla solidarietà nazionale", curato da Alessandro Sansoni, Pierluigi Totaro e Paolo Varvaro.
di redazione
Società

A proposito del lockdown

«L’inglese ha ormai invaso la nostra vita quotidiana, e il suo utilizzo segna la separazione tra le diverse Italie. Tuttavia, le Istituzioni...
di Gian Maria Fara
Innovazione

Fase 2, le mappe ESRI per prevenire nuovi contagi

Le mappe ESRI sono quelle, ormai famose, "nere con i puntini rossi”, strumenti indispensabili per chi sta combattendo il virus in tutto il mondo. I dati provengono dall’OMS elaborati secondo gli algoritmi scelti dagli studiosi della Università americana Johns Hopkins, e girano sulle piattaforme di geografia digitale ESRI Inc.
di Emilio Albertario
Innovazione

Utilizzo previsto delle risorse ospedaliere a supporto dei pazienti Covid-19 Italia nei paesi SEE e USA

L’IHME ha prodotto previsioni che mostrano l’utilizzo dei letti d’ospedale, la necessità di letti in terapia intensiva e l’utilizzo dei ventilatori durante la pandemia, basandosi sul numero di decessi previsti per gli Stati Uniti – a livello nazionale e subnazionale – e dei paesi dello Spazio economico europeo (SEE).
di Maria Cristina Guarini
Approfondimenti

Stiamo combattendo il Coronavirus ma ci siamo dimenticati l’emergenza ambientale

Potremmo riassumere nella parola “vulnerabilità” quanto avvenuto in questi mesi nel mondo con l’emergenza causata dalla pandemia da Covid-19. Non era mai...
di Angelo Bonelli
Europa

Dove va l’Europa. Dacia Maraini: “L’Unione va difesa a tutti i costi”

Di fronte alla pandemia, l’Europa si sta dimostrando incerta e sbandata. A 75 anni dalla fine della guerra, nemmeno di fronte ad un dramma sanitario come il Coronavirus, l’Unione, meglio alcuni paesi, sono in grado di indicare e di “giustificare” la “ragione” dello stare insieme. L'intervista a Dacia Maraini.
di Carmelo Cedrone