La rivincita del libro. Salone di Torino: il regionalismo al centro del “gioco del mondo”

«Non deve terrorizzarci un mondo in cui i modi di vivere possibili sono molteplici», il teorico della complessità Edgar Morin, con i suoi 98 anni, memoria storica del Novecento, straordinario osservatore della contemporaneità, ha sintetizzato con efficacia il messaggio di fondo che è arrivato dal 32esimo salone del libro di Torino. “Il gioco del mondo” (lo slogan scelto dagli organizzatori) dovrà mettere al centro la cultura esaltando il plurale, diversamente sarà un gioco triste e a “somma zero”, che ci vedrà tutti perdenti.
Il record senza precedenti di visitatori (150mila, ampiamente superati i numeri, pure importanti, registrati lo scorso anno) sono l’indice più evidente di interesse e di successo. Le polemiche che avevano segnato la vigilia, non hanno avuto la meglio. La “comunità del libro” (questo diventa Torino in una 5 giorni che, come direbbero gli antropologi, segna un “tempo diverso” per una città che muta assetto e profilo) ha vinto, celebrando il rito del ritorno alla lettura, insieme al recupero di uno spazio di ascolto, dialogo, di confronto, che, se esercitato con metodo, potrebbe determinare il tanto auspicato “salto di qualità”, per la vita frenetica delle nostre città post moderne.

Alt dunque ai facili de profundis del libro, che si è preso l’ennesima rivincita sfidando l’appeal, scontato ma freddo, esercitato dalla giostra multimediale. La novità più eclatante è arrivata dalla folla di persone che ha assiepato gli stend: a dispetto delle previsioni, è stato Omero l’autore più cercato. Il “futuro ha un cuore antico” si potrebbe obiettare, ma quello che soprattutto va evidenziato è il bisogno diffuso di ritrovare dei punti di riferimento solidi per superare l’impasse di un mondo soffocato dalla crisi. «Siamo nell’epoca del passo del gambero», ci aveva avvertito qualche anno fa Umberto Eco, caratterizzata da un pensiero regressivo, aggravato dal principio di precauzione, che ha azzerato la voglia di rischiare, di “metterci la faccia” per affrontare le sfide di un domani incerto.
La lectio magistralis, che ha aperto la kermesse, affidata al filosofo spagnolo campione di vendite, Fernando Savater, ha sviluppato l’intuizione di Eco, calandola nella stretta attualità del declino dell’Europa. «È venuto il momento della responsabilità – ha spiegato al pubblico che assiepava l’aula magna del Lingotto –. La combustione del vecchio mondo non può trovarci passivi. Abbiamo il dovere, come cittadini e intellettuali, di stimolare un cambio di passo, che lasci spazio, dopo la combustione delle contrapposizioni ideologiche, cristallizzata eredità del Novecento, a una pacata riflessione sul nuovo corso del vecchio Continente, minacciato dall’onda crescente del sovranismo e del populismo strisciante». Per superare questa condizione che Morin ha definito “agonica” della vecchia Europa bisogna al più preso imboccare la strada di una «cittadinanza 2.0 fondata sul dialogo, sull’accoglienza, sull’apertura, che sembra essere la strada migliore per intercettare l’orizzonte di una nuova Europa, obbligata a misurarsi con le leggi della competizione internazionale e con la “rete dei nuovi fenomeni” che stanno attraversando la società, facendo emergere scenari ancora tutti da esplorare. Una cosa è certa: mai come adesso nella storia del mondo la responsabilità del pensiero e della cultura era stata così grande per il futuro dell’umanità».

Il fil rouge che ha legato i tanti appuntamenti di un calendario fittissimo è stato dettato dalla contaminazione di linguaggi, generi, sensibilità diverse. Dai più piccoli (nella “cinque giorni” torinese le scuole, altro dato confortante, sono state assolute protagoniste) che hanno partecipato alle presentazioni “colorando” di futuro gli stand, agli addetti ai lavori: tutti hanno potuto trovare la propria dimensione, immersi nel “gioco” della lettura, che è prima di tutto uno spazio ermeneutico, che può aiutarci a reagire a quella “narcosi dello schermo” che cancella l’altro, nega la diversità, segnando la fine del pensiero critico. Nella girandola di concetti, tutti impegnativi, che hanno attraversato presentazioni e dibattiti, “identità” è stata la parola chiave, “identità come articolato palinsesto”, per usare la definizione del grande antropologo Claude Levi Strauss, difficile da afferrare una volta per tutte. Su questo terreno il “gioco del mondo” si fa ancora più grande, richiamando l’indefettibile autonomia e dignità delle realtà regionali e locali nello scacchiere di equilibri internazionali, che oggi appaiono in pieno divenire.

Tra gli esempi virtuosi di questa edizione degna di nota la ricchezza delle iniziative messe in campo dalla Regione autonoma della Sardegna. Gli autori e scrittori sardi hanno lasciato il segno, offrendo a tutti la concreta dimostrazione di quanto sia importante la specificità dei fattori identitari, soprattutto se espressi nella dinamicità di un’Isola straordinariamente viva, ricca di fermenti e aperta al cambiamento. «Istruitevi perché avremo bisogno di tutta la nostra intelligenza», il monito di Antonio Gramsci, isolano illustre, richiamato in alcuni poster che hanno fatto da coreografia a tutti gli interventi la dice lunga: non ci sono infatti altre strade se non la cultura se vogliamo venire a capo delle tante contraddizioni che segnano questi anni così difficili e densi di timori.

“Leggere l’isola. Il mondo”, lo slogan che ha accompagnato l’avventura sarda, esemplifica in maniera netta il delicato rapporto che deve intercorrere tra la spinta centrifuga di una globalizzazione senz’anima che sta schiacciando i diritti dell’uomo aumentando sperequazioni e povertà e l’indiscutibile “tesoro” che le culture, che forse in maniera impropria continuiamo a definire locali, sono oggi più che mai in grado di esprimere. «Questa manifestazione – ha spiegato Alessandro Soddu, docente di storia medievale dell’Università di Sassari – ha fatto vedere molto bene che esiste una Sardegna molto diversa da quella superficialmente raccontata in tanti stereotipi ormai obsoleti. Nella società isolana, da Nord a Sud, c’è un divenire e ci sono dei giacimenti intellettuali ancora poco sfruttati, che in larga parte devono ancora essere riscoperti e valorizzati. La storia e la memoria vanno coltivate perché servono a farci comprendere quale deve essere il giusto rapporto tra l’identità che ci lega alle radici e l’apertura agli altri e al mondo, cosa di cui le nostre comunità sono da sempre capaci, si tratta solo di saperle ascoltare e valorizzare».

Ultime notizie
caselli
Recensioni

La storia d’Italia in dieci date nel libro-memoir di Gian Carlo Caselli

Gian Carlo Caselli, uno dei Pm più in vista della storia recente d’Italia, racconta il nostro Paese nel libro-memoire “Giorni memorabili che hanno cambiato l'Italia” attraverso le inchieste che lo hanno visto coinvolto da protagonista, dieci date per dieci snodi giudiziari che hanno segnato gli eventi degli ultimi decenni.
di cecilia sgherza
caselli
zes unica
Mezzogiorno

Zes Unica del Mediterraneo, una sfida per sviluppo e sicurezza dell’area

La Zes Unica del Mediterraneo è stata al centro del dibattito organizzato dall’Istituto Eurispes, che ne ha analizzato i fattori socio-economici, logistici e geopolitici. La Zes Unica diviene strategica in un contesto geopolitico di grandi cambiamenti e incertezze, come strumento utile a garantire sicurezza e sviluppo.
di redazione
zes unica
scuola italiana
Intervista

La Scuola sia baluardo di conoscenza, tolleranza e spirito critico: intervista a Paolo Pagliaro

L’istruzione in Italia è una roccaforte di valori come la conoscenza, il senso critico, la tolleranza, eppure rischia un declino simile a quello della Sanità pubblica. Sfide e opportunità per il futuro della Scuola italiana, nell’intervista a Paolo Pagliaro, Direttore agenzia giornalistica 9Colonne e autore televisivo.
di redazione
scuola italiana
isole
Osservatori

Nascita geologica e nascita giuridica delle isole: intervista a Niki Aloupi

La nascita geologica di un’isola non corrisponde necessariamente alla sua nascita giuridica: lo chiarisce ampiamente Niki Aloupi, docente di Diritto internazionale pubblico all’Università di Parigi- Panthéon-Assas, esperta di Diritto del mare, che offre una panoramica sulla situazione giuridica internazionale delle isole.
di redazione
isole
social
Società

È guerra totale contro la “trappola dei Social”

Le autorità statunitensi hanno cominciato a porsi domande sulla tutela dei minori rispetto all’utilizzo dei Social network. Un uso che, secondo una serie di studi condotti, è relazionato al peggioramento della salute mentale di adolescenti e ragazzi.
di cecilia sgherza
social
apprendimento
Istruzione

La vera inclusione scolastica è garantire buoni livelli di apprendimento per tutti

La Scuola italiana ha bisogno di una riflessione pedagogica e strutturale, e di formulare un’offerta formativa equa basata sull’apprendimento di livello per tutti. Intervista a Roberto Ricci, presidente Invalsi, che commenta i dati emersi dal Secondo Rapporto dell’Eurispes su Scuola e Università.
di Roberto Ricci*
apprendimento
educazione
Istruzione

Perché l’educazione è la causa delle cause. Per una pedagogia della Nazione

Il tema dell’educazione non è uno tra i tanti. Nella società della conoscenza rappresenta il settore decisivo del progresso e dell’innovazione. Eppure, assistiamo a una metamorfosi antropologica e ad una ibridazione tra virtuale e reale che necessitano di una base culturale fondata su un sistema educativo solido.
di Mario Caligiuri*
educazione
isole
Intervista

La condizione sociale e culturale nelle isole, intervista al Prof. Orazio Licciardello

Le isole come luogo geografico, sociale, economico nell’intervista al prof. Orazio Licciardello, Ordinario di Psicologia Sociale presso l’Università di Catania. Il principio di insularità è preceduto da quello di isolanità, una condizione a sé, un dato di fatto che presuppone da sempre un altrove.
di redazione
isole
scuola
Istruzione

La Scuola è una priorità che va oltre la politica

La Scuola italiana è stata oggetto di riforme di ogni governo avvicendatosi negli ultimi anni, senza riuscire a dare una vera impronta rispetto alla Riforma Gentile. Ma il ruolo della Scuola e della ricerca nel futuro del Paese è cruciale, e deve andare oltre i trend politici del momento.
di Gian Maria Fara*
scuola
nomadi digitali
Lavoro

Nomadi digitali, evoluzione in grado di generare opportunità di crescita

I nomadi digitali non rappresentano solo un cambio nella concezione del lavoro, bensì una opportunità di sviluppo delle zone rurali. Se il lavoro da remoto riguarda già il 36% dei lavoratori autonomi in tutta Europa, l’Italia può diventare méta per smart workers nelle molte aree interne e rurali a rischio spopolamento.
di redazione
nomadi digitali