La rivincita del libro. Salone di Torino: il regionalismo al centro del “gioco del mondo”

«Non deve terrorizzarci un mondo in cui i modi di vivere possibili sono molteplici», il teorico della complessità Edgar Morin, con i suoi 98 anni, memoria storica del Novecento, straordinario osservatore della contemporaneità, ha sintetizzato con efficacia il messaggio di fondo che è arrivato dal 32esimo salone del libro di Torino. “Il gioco del mondo” (lo slogan scelto dagli organizzatori) dovrà mettere al centro la cultura esaltando il plurale, diversamente sarà un gioco triste e a “somma zero”, che ci vedrà tutti perdenti.
Il record senza precedenti di visitatori (150mila, ampiamente superati i numeri, pure importanti, registrati lo scorso anno) sono l’indice più evidente di interesse e di successo. Le polemiche che avevano segnato la vigilia, non hanno avuto la meglio. La “comunità del libro” (questo diventa Torino in una 5 giorni che, come direbbero gli antropologi, segna un “tempo diverso” per una città che muta assetto e profilo) ha vinto, celebrando il rito del ritorno alla lettura, insieme al recupero di uno spazio di ascolto, dialogo, di confronto, che, se esercitato con metodo, potrebbe determinare il tanto auspicato “salto di qualità”, per la vita frenetica delle nostre città post moderne.

Alt dunque ai facili de profundis del libro, che si è preso l’ennesima rivincita sfidando l’appeal, scontato ma freddo, esercitato dalla giostra multimediale. La novità più eclatante è arrivata dalla folla di persone che ha assiepato gli stend: a dispetto delle previsioni, è stato Omero l’autore più cercato. Il “futuro ha un cuore antico” si potrebbe obiettare, ma quello che soprattutto va evidenziato è il bisogno diffuso di ritrovare dei punti di riferimento solidi per superare l’impasse di un mondo soffocato dalla crisi. «Siamo nell’epoca del passo del gambero», ci aveva avvertito qualche anno fa Umberto Eco, caratterizzata da un pensiero regressivo, aggravato dal principio di precauzione, che ha azzerato la voglia di rischiare, di “metterci la faccia” per affrontare le sfide di un domani incerto.
La lectio magistralis, che ha aperto la kermesse, affidata al filosofo spagnolo campione di vendite, Fernando Savater, ha sviluppato l’intuizione di Eco, calandola nella stretta attualità del declino dell’Europa. «È venuto il momento della responsabilità – ha spiegato al pubblico che assiepava l’aula magna del Lingotto –. La combustione del vecchio mondo non può trovarci passivi. Abbiamo il dovere, come cittadini e intellettuali, di stimolare un cambio di passo, che lasci spazio, dopo la combustione delle contrapposizioni ideologiche, cristallizzata eredità del Novecento, a una pacata riflessione sul nuovo corso del vecchio Continente, minacciato dall’onda crescente del sovranismo e del populismo strisciante». Per superare questa condizione che Morin ha definito “agonica” della vecchia Europa bisogna al più preso imboccare la strada di una «cittadinanza 2.0 fondata sul dialogo, sull’accoglienza, sull’apertura, che sembra essere la strada migliore per intercettare l’orizzonte di una nuova Europa, obbligata a misurarsi con le leggi della competizione internazionale e con la “rete dei nuovi fenomeni” che stanno attraversando la società, facendo emergere scenari ancora tutti da esplorare. Una cosa è certa: mai come adesso nella storia del mondo la responsabilità del pensiero e della cultura era stata così grande per il futuro dell’umanità».

Il fil rouge che ha legato i tanti appuntamenti di un calendario fittissimo è stato dettato dalla contaminazione di linguaggi, generi, sensibilità diverse. Dai più piccoli (nella “cinque giorni” torinese le scuole, altro dato confortante, sono state assolute protagoniste) che hanno partecipato alle presentazioni “colorando” di futuro gli stand, agli addetti ai lavori: tutti hanno potuto trovare la propria dimensione, immersi nel “gioco” della lettura, che è prima di tutto uno spazio ermeneutico, che può aiutarci a reagire a quella “narcosi dello schermo” che cancella l’altro, nega la diversità, segnando la fine del pensiero critico. Nella girandola di concetti, tutti impegnativi, che hanno attraversato presentazioni e dibattiti, “identità” è stata la parola chiave, “identità come articolato palinsesto”, per usare la definizione del grande antropologo Claude Levi Strauss, difficile da afferrare una volta per tutte. Su questo terreno il “gioco del mondo” si fa ancora più grande, richiamando l’indefettibile autonomia e dignità delle realtà regionali e locali nello scacchiere di equilibri internazionali, che oggi appaiono in pieno divenire.

Tra gli esempi virtuosi di questa edizione degna di nota la ricchezza delle iniziative messe in campo dalla Regione autonoma della Sardegna. Gli autori e scrittori sardi hanno lasciato il segno, offrendo a tutti la concreta dimostrazione di quanto sia importante la specificità dei fattori identitari, soprattutto se espressi nella dinamicità di un’Isola straordinariamente viva, ricca di fermenti e aperta al cambiamento. «Istruitevi perché avremo bisogno di tutta la nostra intelligenza», il monito di Antonio Gramsci, isolano illustre, richiamato in alcuni poster che hanno fatto da coreografia a tutti gli interventi la dice lunga: non ci sono infatti altre strade se non la cultura se vogliamo venire a capo delle tante contraddizioni che segnano questi anni così difficili e densi di timori.

“Leggere l’isola. Il mondo”, lo slogan che ha accompagnato l’avventura sarda, esemplifica in maniera netta il delicato rapporto che deve intercorrere tra la spinta centrifuga di una globalizzazione senz’anima che sta schiacciando i diritti dell’uomo aumentando sperequazioni e povertà e l’indiscutibile “tesoro” che le culture, che forse in maniera impropria continuiamo a definire locali, sono oggi più che mai in grado di esprimere. «Questa manifestazione – ha spiegato Alessandro Soddu, docente di storia medievale dell’Università di Sassari – ha fatto vedere molto bene che esiste una Sardegna molto diversa da quella superficialmente raccontata in tanti stereotipi ormai obsoleti. Nella società isolana, da Nord a Sud, c’è un divenire e ci sono dei giacimenti intellettuali ancora poco sfruttati, che in larga parte devono ancora essere riscoperti e valorizzati. La storia e la memoria vanno coltivate perché servono a farci comprendere quale deve essere il giusto rapporto tra l’identità che ci lega alle radici e l’apertura agli altri e al mondo, cosa di cui le nostre comunità sono da sempre capaci, si tratta solo di saperle ascoltare e valorizzare».

Ultime notizie
continuità territoriale
Infrastrutture

La discontinuità territoriale della Sardegna

Continuità territoriale, in Sardegna manca ancora una soluzione definitiva, soprattutto per lo scalo di Alghero disertato dalle compagnie aeree nei bandi proposti dalla Regione. In estate la situazione precaria dei collegamenti è peggiorata dal traffico turistico, mentre la continuità vige solo da e per Milano e Roma.
di giuseppe pulina
continuità territoriale
violenza di genere
Donne

Violenza di genere, i dati degli ultimi sei mesi della Polizia Criminale

Violenza di genere, i dati del Servizio Analisi Criminale della Polizia Criminale documentano un trend in crescita dal 2021 al 2023, ma i dati degli ultimi sei mesi evidenziano una flessione rispetto allo stesso periodo del 2023, soprattutto per i reati spia e gli omicidi volontari.
di redazione
violenza di genere
work life balance
Parità

Work life balance, c’è ancora un gap di genere da colmare

Il work life balance, ovvero l’equilibrio tra vita privata e professionale, riguarda anche la parità di genere, soprattutto in merito al caregiving, che troppo spesso ancora ricade principalmente sulle donne. Adnkronos evidenzia inoltre che il 66% degli utenti si dichiara insoddisfatto del proprio life work balance, e che questo incide nella scelta dell’impiego.
di redazione
work life balance
mediterraneo
Sostenibilità

Giornata internazionale del Mediterraneo, un ecosistema da difendere da plastica e sfruttamento

La Giornata internazionale del Mediterraneo è stata dedicata al dibattito sul nostro mare, un ecosistema che va difeso dallo sfruttamento intensivo della pesca e dalle plastiche. Un incontro presso la Camera dei Deputati organizzato da Fondazione Aqua ha visto numerosi studiosi esprimersi in merito al fragile equilibrio di questa risorsa fondamentale.
di redazione
mediterraneo
Uricchio ANVUR
Intervista

Antonio Uricchio, Presidente ANVUR: la valutazione come strumento per migliorare la qualità di ricerca e didattica

Antonio Uricchio, Presidente di ANVUR interviene nel merito delle critiche mosse verso una eccessiva burocratizzazione delle Università italiane, affermando la valutazione delle stesse come importante strumento per migliorare la qualità della ricerca e della didattica attraverso la raccolta di dati, documenti e informazioni.
di Mario Caligiuri*
Uricchio ANVUR
Corridoi TEN-T
Infrastrutture

Segnali positivi nella nuova strategia dei corridoi europei dei trasporti TEN-T

Il Parlamento europeo ha approvato il nuovo Regolamento sui Corridoi TEN-T. Il testo ha l’obiettivo di completare alcuni importanti collegamenti, aggiornando il piano europeo per una rete di ferrovie, strade, vie navigabili interne e rotte marittime a corto raggio collegate attraverso porti e terminali in tutta l’Unione.
di Giampaolo Basoli*
Corridoi TEN-T
Intervista

Pierluigi Petrone, Presidente Assoram: sfide globali e nuove competenze del comparto healthcare

Il comparto healthcare oggi si trova ad affrontare nuove sfide che vanno oltre gli anni della pandemia: le mutate esigenze dei consumatori, sempre più vicini all’e-commerce, e gli equilibri internazionali che condizionano logistica e distribuzione. Uno sguardo alle sfide del futuro con il Presidente di Assoram Pierluigi Petrone.
di Susanna Fara
scuola
Istruzione

La Scuola di domani: tecnologie digitali e valorizzazione delle eccellenze

Tecnologie digitali e una gestione oculata dei fondi per valorizzare le eccellenze e la qualità: è questa la prospettiva sulla Scuola italiana individuata da Alessandro Curioni, Docente (Università Cattolica di Milano) e Presidente di DI.GI Academy.
di Massimiliano Cannata
scuola
maternità surrogata
Società

Maternità surrogata: italiani contrari, solo dai giovani segnali di apertura

Il 62,9% degli italiani si dichiara oggi contrario alla maternità surrogata, e solo i giovani mostrano segnali di apertura, dal momento che il 58% dei 18-24enni si dichiara favorevole. Ma il tema è complesso e maggiormente avversato dall’opinione pubblica italiana, da Nord a Sud e a dispetto anche del titolo di studio.
di redazione
maternità surrogata
animali
Animali

Vivisezione, caccia, allevamenti intensivi: cresce la sensibilità degli italiani verso il benessere animale

I diritti degli animali contano sempre di più per una maggioranza di italiani: il 76% è contrario alla vivisezione, il 73% agli allevamenti intensivi. I temi etici legati agli animali raccolgono quote consistenti di italiani contrari anche rispetto a vivisezione, caccia, pellicce, uso degli animali nei circhi.
di redazione
animali