Elezioni europee, il 5/26 sarà una data storica?

101

Lo sappiamo tutti: domenica 26 maggio voteremo per il rinnovo del Parlamento Europeo. Non sappiamo, ovviamente, se saranno delle elezioni “ordinarie”, di routine, oppure no. Chissà: se rivoluzione populista sarà (come sostengono alcuni), la loro data potrà diventare una sorta di “segnalibro storico”: 5/26 come il funesto 9/11.
Nel frattempo, come consuetudine da venticinque anni, i sondaggi spadroneggiano ogni giorno nello sparare percentuali, disegnare scenari, orientare dibattito e pensiero ‒ ma la verità è una sola: nessuno sa cosa succederà. Andrà come deve andare (ed è sempre andato): alcuni esulteranno, quasi tutti vinceranno e/o “terranno”, pochissimi perderanno senza possibilità di un “ma”. Forse – forse – mai come in questo 2019 di fake news e populisti, risuoneranno attuali alcune strofe di una vecchia canzone di Francesco De Gregori:

E poi la gente
perché è la gente che fa la storia
quando si tratta di scegliere e di andare
te la ritrovi tutta con gli occhi aperti
che sanno benissimo cosa fare

Quelli che hanno letto un milione di libri
E quelli che non sanno nemmeno parlare
ed è per questo che la storia dà i brividi
perché nessuno la può fermare

Saranno elezioni storiche se i movimenti populisti europei prenderanno il potere – come avvenuto in Italia nel 2018; saranno elezioni “normali”, invece, se i rapporti di forza fra le fazioni saranno sostanzialmente invariati. Vada come vada, è nostro convincimento che, in ogni caso, saranno elezioni con due caratteristiche di rilevante originalità. Vediamo.

Il primo è paradossale: il 5/26 ciascuno di noi farà una croce su una scheda: come sempre, questo segno darà corpo a un pensiero, razionale o emotivo che sia. Ma, e qui sta il punto, un pensiero su che?
A nostro avviso, questa volta, il pensiero degli elettori europei sarà rivolto più all’Europa che al proprio paese – e questa è la paradossale novità che comunque caratterizzerà il 5/26, al di là di chi vincerà. Le ragioni sono chiare. Vediamone tre, sapendo che convergono, tutte, sul medesimo punto.
La prima è la vicenda britannica – la Brexit – che ha sollevato un velo: non è detto che l’unità fra i paesi europei sia scontata e per sempre. La vicenda greca – la cura da cavallo imposta dalla Troika – ne ha sollevato un altro: quando si mangia, il conto si paga – o prima o dopo – ma si paga. La vicenda italiana – il governo Monti – ne ha sollevato un terzo: i patti sono patti e chi non li rispetta deve andare a casa, indipendentemente dalla volontà espressa dal popolo nei comizi elettorali.

Il punto comune a queste tre vicende, è che in questi anni la realtà si è svelata e mostrata per quello che è: l’Europa non è una realtà gratuita. Le sue promesse (mantenute) di pace e prosperità, costano e pure parecchio. Come ogni unione l’Europa, infatti, ha regole, sacrifici, patti e sanzioni: talvolta dure – i parametri di Maastricht; talvolta apparentemente surreali – l’ora legale o il calibro delle zucchine; spesso macchinose e lentissime; sempre suscettibili di essere messe in discussione. Voteremo, dunque, per l’Europa pensando all’Europa e alla messa in discussione, più o meno profonda, dei costi della promessa europea, se non, addirittura, della promessa stessa. Non è stato sempre così.
C’è un secondo aspetto che questa volta renderà il gesto del voto un po’ più particolare del passato. Proviamo a immaginare la costruzione europea come un pullman, a bordo del quale abbiamo liberamente deciso di salire e viaggiare assieme con altri. Lì davanti, all’altezza del sedile del guidatore, è emerso però un problema: il conducente fa tutto, il capogruppo sembra distratto, da altri pensieri impegnato. Il conducente guida e decide la strada; usa gli strumenti e tiene la mappa; non parla con noi passeggeri ma si sente al telefono con qualcun altro, che sta chissà dove e sembra decidere con lui per noi. A completare il quadro, il conducente giustifica lo strapotere assunto all’interno del pullman, con la propria competenza: pretende di essere l’unico a saper guidare e quindi, titolato a decidere su tutto, come e quando ritiene.

Per un po’ nessuno è sembrato accorgersene.
Siccome però il viaggio non sta andando proprio liscio – c’è qualche frenata un po’ brusca e qualche volta si è percepito il rischio di andare fuori strada – il 5/26 molti cittadini europei chiederanno che il conducente torni a seguire le indicazioni del capogruppo; che parli con loro e, soprattutto, che li ascolti quando chiedono qualcosa. I cittadini esprimeranno la loro domanda di Politica, per troppo tempo assopita, lasciando il terreno agli appetiti e alle ambizioni dei famigerati tecnici.

La consapevolezza che il valore della promessa europea vada risintonizzato, che la sua realizzazione richieda qualcosa in cambio e una nuova domanda di Politica governante, sono gli elementi di novità di queste elezioni europee. Il nostro Istituto – il cui nome ne tradisce il credo europeista – ha registrato costantemente, negli ultimi anni, l’altalena del sentimento italiano verso l’Europa: un sentimento sempre positivo verso la promessa, crescentemente critico verso il conducente. Per questo siamo convinti che queste due novità siano una buona notizia: vi leggiamo l’alba di una nuova consapevolezza politica.

Non sempre le novità trasformano una vicenda in un fatto “storico”, ma ogni fatto “storico” si fonda su una forte carica di novità. A noi piace sperare che il 5/26 segnerà il punto di partenza di una nuova età di quell’idea di Europa che ha già dimostrato di saperla fare, eccome, la Storia.

Ultime notizie
Politica

Un 2 giugno dedicato alla Repubblica e alla ripartenza dopo il Covid-19

Nonostante la mancanza di celebrazioni per la nascita della Repubblica e della Costituzione a causa delle restrizioni Covid, rimane il senso della “festa nazionale”. Nei momenti drammatici, come la ripartenza dopo la pandemia, serve richiamarsi allo spirito di unità su obiettivi di lungo periodo: il progetto di società moderna, progredita e solidale.
di Angelo Perrone
Intervista

La vera Fase 2 per l’Italia comincia dal merito

La crisi del lavoro che si intreccia con l’eclissi del merito si presenta molto grave in tutte le realtà territoriali. «Quello che ci vuole è una rivoluzione gentile ma irreversibile, che porti a sovvertire il sistema di potere che vige in Italia da secoli», sostiene Maria Cristina Origlia, autrice del saggio Questione di Merito.
di Massimiliano Cannata
Sicurezza

Coronavirus, lo spettro del disagio sociale e il ruolo dell’intelligence

All’attenuarsi dell’emergenza sullo sfondo si intravede, abbastanza prossimo, il fantasma del disagio sociale. L’intelligence ha il compito primario di monitorare il disagio sociale che può rappresentare non solo un’area di reclutamento per la criminalità, ma che si può trasformare anche in un problema di ordine pubblico. Il contributo del Prof. Mario Caligiuri.
di Mario Caligiuri
Società

Fase 2, la sfida dei Sindaci. Antonio Decaro: “Le risorse del Governo non sono sufficienti”

Fase 2: «I soldi che il Governo ha stanziato per Bari finora, e che arriveranno alla cifra di tre miliardi di euro complessivi, non saranno sufficienti. Per evitare che i Comuni debbano spegnere le luci o lasciare i rifiuti per strada, l'interlocuzione dell'Anci con il Governo è incessante». Lo sostiene il Sindaco di Bari e Presidente dell'Anci, Antonio Decaro.
di Valentina Renzopaoli
Recensioni

Libri, disponibile in Open access “Il Segretario, lo Statista. Aldo Moro dal centro-sinistra alla solidarietà nazionale”

È disponibile da oggi in Open access il volume collettivo dal titolo "Il Segretario, lo Statista. Aldo Moro dal centro-sinistra alla solidarietà nazionale", curato da Alessandro Sansoni, Pierluigi Totaro e Paolo Varvaro.
di redazione
Società

A proposito del lockdown

«L’inglese ha ormai invaso la nostra vita quotidiana, e il suo utilizzo segna la separazione tra le diverse Italie. Tuttavia, le Istituzioni...
di Gian Maria Fara
Innovazione

Fase 2, le mappe ESRI per prevenire nuovi contagi

Le mappe ESRI sono quelle, ormai famose, "nere con i puntini rossi”, strumenti indispensabili per chi sta combattendo il virus in tutto il mondo. I dati provengono dall’OMS elaborati secondo gli algoritmi scelti dagli studiosi della Università americana Johns Hopkins, e girano sulle piattaforme di geografia digitale ESRI Inc.
di Emilio Albertario
Innovazione

Utilizzo previsto delle risorse ospedaliere a supporto dei pazienti Covid-19 Italia nei paesi SEE e USA

L’IHME ha prodotto previsioni che mostrano l’utilizzo dei letti d’ospedale, la necessità di letti in terapia intensiva e l’utilizzo dei ventilatori durante la pandemia, basandosi sul numero di decessi previsti per gli Stati Uniti – a livello nazionale e subnazionale – e dei paesi dello Spazio economico europeo (SEE).
di Maria Cristina Guarini
Approfondimenti

Stiamo combattendo il Coronavirus ma ci siamo dimenticati l’emergenza ambientale

Potremmo riassumere nella parola “vulnerabilità” quanto avvenuto in questi mesi nel mondo con l’emergenza causata dalla pandemia da Covid-19. Non era mai...
di Angelo Bonelli
Europa

Dove va l’Europa. Dacia Maraini: “L’Unione va difesa a tutti i costi”

Di fronte alla pandemia, l’Europa si sta dimostrando incerta e sbandata. A 75 anni dalla fine della guerra, nemmeno di fronte ad un dramma sanitario come il Coronavirus, l’Unione, meglio alcuni paesi, sono in grado di indicare e di “giustificare” la “ragione” dello stare insieme. L'intervista a Dacia Maraini.
di Carmelo Cedrone