Elezioni europee, il 5/26 sarà una data storica?

Lo sappiamo tutti: domenica 26 maggio voteremo per il rinnovo del Parlamento Europeo. Non sappiamo, ovviamente, se saranno delle elezioni “ordinarie”, di routine, oppure no. Chissà: se rivoluzione populista sarà (come sostengono alcuni), la loro data potrà diventare una sorta di “segnalibro storico”: 5/26 come il funesto 9/11.
Nel frattempo, come consuetudine da venticinque anni, i sondaggi spadroneggiano ogni giorno nello sparare percentuali, disegnare scenari, orientare dibattito e pensiero ‒ ma la verità è una sola: nessuno sa cosa succederà. Andrà come deve andare (ed è sempre andato): alcuni esulteranno, quasi tutti vinceranno e/o “terranno”, pochissimi perderanno senza possibilità di un “ma”. Forse – forse – mai come in questo 2019 di fake news e populisti, risuoneranno attuali alcune strofe di una vecchia canzone di Francesco De Gregori:

E poi la gente
perché è la gente che fa la storia
quando si tratta di scegliere e di andare
te la ritrovi tutta con gli occhi aperti
che sanno benissimo cosa fare

Quelli che hanno letto un milione di libri
E quelli che non sanno nemmeno parlare
ed è per questo che la storia dà i brividi
perché nessuno la può fermare

Saranno elezioni storiche se i movimenti populisti europei prenderanno il potere – come avvenuto in Italia nel 2018; saranno elezioni “normali”, invece, se i rapporti di forza fra le fazioni saranno sostanzialmente invariati. Vada come vada, è nostro convincimento che, in ogni caso, saranno elezioni con due caratteristiche di rilevante originalità. Vediamo.

Il primo è paradossale: il 5/26 ciascuno di noi farà una croce su una scheda: come sempre, questo segno darà corpo a un pensiero, razionale o emotivo che sia. Ma, e qui sta il punto, un pensiero su che?
A nostro avviso, questa volta, il pensiero degli elettori europei sarà rivolto più all’Europa che al proprio paese – e questa è la paradossale novità che comunque caratterizzerà il 5/26, al di là di chi vincerà. Le ragioni sono chiare. Vediamone tre, sapendo che convergono, tutte, sul medesimo punto.
La prima è la vicenda britannica – la Brexit – che ha sollevato un velo: non è detto che l’unità fra i paesi europei sia scontata e per sempre. La vicenda greca – la cura da cavallo imposta dalla Troika – ne ha sollevato un altro: quando si mangia, il conto si paga – o prima o dopo – ma si paga. La vicenda italiana – il governo Monti – ne ha sollevato un terzo: i patti sono patti e chi non li rispetta deve andare a casa, indipendentemente dalla volontà espressa dal popolo nei comizi elettorali.

Il punto comune a queste tre vicende, è che in questi anni la realtà si è svelata e mostrata per quello che è: l’Europa non è una realtà gratuita. Le sue promesse (mantenute) di pace e prosperità, costano e pure parecchio. Come ogni unione l’Europa, infatti, ha regole, sacrifici, patti e sanzioni: talvolta dure – i parametri di Maastricht; talvolta apparentemente surreali – l’ora legale o il calibro delle zucchine; spesso macchinose e lentissime; sempre suscettibili di essere messe in discussione. Voteremo, dunque, per l’Europa pensando all’Europa e alla messa in discussione, più o meno profonda, dei costi della promessa europea, se non, addirittura, della promessa stessa. Non è stato sempre così.
C’è un secondo aspetto che questa volta renderà il gesto del voto un po’ più particolare del passato. Proviamo a immaginare la costruzione europea come un pullman, a bordo del quale abbiamo liberamente deciso di salire e viaggiare assieme con altri. Lì davanti, all’altezza del sedile del guidatore, è emerso però un problema: il conducente fa tutto, il capogruppo sembra distratto, da altri pensieri impegnato. Il conducente guida e decide la strada; usa gli strumenti e tiene la mappa; non parla con noi passeggeri ma si sente al telefono con qualcun altro, che sta chissà dove e sembra decidere con lui per noi. A completare il quadro, il conducente giustifica lo strapotere assunto all’interno del pullman, con la propria competenza: pretende di essere l’unico a saper guidare e quindi, titolato a decidere su tutto, come e quando ritiene.

Per un po’ nessuno è sembrato accorgersene.
Siccome però il viaggio non sta andando proprio liscio – c’è qualche frenata un po’ brusca e qualche volta si è percepito il rischio di andare fuori strada – il 5/26 molti cittadini europei chiederanno che il conducente torni a seguire le indicazioni del capogruppo; che parli con loro e, soprattutto, che li ascolti quando chiedono qualcosa. I cittadini esprimeranno la loro domanda di Politica, per troppo tempo assopita, lasciando il terreno agli appetiti e alle ambizioni dei famigerati tecnici.

La consapevolezza che il valore della promessa europea vada risintonizzato, che la sua realizzazione richieda qualcosa in cambio e una nuova domanda di Politica governante, sono gli elementi di novità di queste elezioni europee. Il nostro Istituto – il cui nome ne tradisce il credo europeista – ha registrato costantemente, negli ultimi anni, l’altalena del sentimento italiano verso l’Europa: un sentimento sempre positivo verso la promessa, crescentemente critico verso il conducente. Per questo siamo convinti che queste due novità siano una buona notizia: vi leggiamo l’alba di una nuova consapevolezza politica.

Non sempre le novità trasformano una vicenda in un fatto “storico”, ma ogni fatto “storico” si fonda su una forte carica di novità. A noi piace sperare che il 5/26 segnerà il punto di partenza di una nuova età di quell’idea di Europa che ha già dimostrato di saperla fare, eccome, la Storia.

Ultime notizie
riassetto dei poteri
Diritto

Il riassetto dei poteri

Il tema del riassetto dei poteri è al centro dell’attuale dibattito ed è strettamente collegato con le prospettive di una riforma della giustizia. L'ex magistrato Vincenzo Macrì fa alcune considerazioni partendo da un articolo a firma di Luciano Violante.
di Vincenzo Macrì
riassetto dei poteri
Economia

Fondi per il PNRR, erogata la prima rata: il punto della situazione

Un importante traguardo è stato raggiunto lo scorso 13 aprile, quando è stata erogata la prima tranche di pagamenti per il PNRR. Sono stati versati 21 miliardi di euro che si aggiungono al pre-finanziamento ottenuto lo scorso anno.
di Claudia Bugno*
precarietà
Attualità

Che cosa significa, oggi, vivere la dimensione della precarietà

La precarietà si afferma come la base esistenziale del vivere contemporaneo. Precarietà in termini lavorativi, come conseguenza delle crisi economiche; precarietà delle relazioni, accentuate dagli effetti della pandemia sulla salute mentale e sui legami di comunità; precarietà geopolitica e ambientale di un mondo minacciato da guerre e disastri ambientali.
di Giuseppe Pulina
precarietà
Rebibbia carcere
Attualità

Rebibbia, storie di vita dal carcere per affermare la funzione rieducativa della pena

A Rebibbia le storie di vita dal carcere femminile nel report del Servizio Analisi Criminale centrale: oltre alle analisi sui fenomeni criminali, viene ribadita la funzione rieducativa della pena tra sicurezza e trattamento.
di redazione
Rebibbia carcere
ricerca e sviluppo
Economia

Ricerca e Sviluppo (R&S) nell’area OCSE: la risposta alla crisi pandemica

La spesa in Ricerca e Sviluppo (R&S) nell’area OCSE è cresciuta dell’1,8% nel 2020. Nonostante il forte calo dell’attività economica determinata dalla pandemia da Covid-19, le economie dell’OCSE hanno quindi continuato ad investire in ricerca e sviluppo nel 2020.
di Cecilia Fracassa
ricerca e sviluppo
legal design
Economia

Il legal design: una nuova prospettiva di accessibilità e democratizzazione del linguaggio giuridico

La finalità antropocentrica del legal design I principali linguisti italiani evidenziano da anni che il linguaggio utilizzato dalle Istituzioni è distante anni luce...
di Andrea Strata e Alessandro Colella
legal design
react-eu
Italia Domani

REACT-EU: potenziate le risorse per il Mezzogiorno

Il REACT-EU, tra gli strumenti finanziati dal Next Generation EU, costituisce la seconda componente di origine europea all’interno del PNRR con cui...
di Claudia Bugno*
react-eu
guerra
Internazionale

Le guerre dimenticate, non meno feroci di quella in Ucraina

Come mai guerre atroci e lunghissime come quelle nel Tigrai, nello Yemen, in Siria, in Mali, non hanno ascolto nella politica italiana ed europea e trovano pochi spazi nei media? Perché non sconvolgono la sensibilità delle persone come invece sta accadendo per il conflitto in Ucraina? Lo stesso vale, del resto, per altre crisi estreme che provocano migliaia di morti e schiere enormi di profughi.
di di Emilio Drudi e Marco Omizzolo
guerra
25 aprile 2022
Società

25 aprile 2022, il ritorno della paura

La memoria della riconquista della libertà, avvenuta con la liberazione del 1945, si sovrappone alle immagini della tragedia ucraina che, a distanza di 77 anni, si consuma per le stesse ragioni di allora, i soprusi delle dittature. La “resistenza” in ogni epoca trae forza dal coraggio di vincere le paure.
di Angelo Perrone
25 aprile 2022
dispersione scolastica
Scuola

Dipersione scolastica e Dad: il fenomeno nelle scuole della Sardegna

Dispersione scolastica e DaD, quanto sono collegati questi due aspetti nel sistema scolastico costretto a modificare la propria organizzazione a causa della...
di redazione
dispersione scolastica