Vaticano

Papa Francesco porta la Chiesa nel Terzo millennio

«Aver cura dei poveri non è comunismo, è Vangelo».

Papa Francesco ci ha conquistati con la sua capacità di essere “umile tra gli umili”, ma anche grazie alla sua personalità carismatica e, vale proprio la pena dirlo, travolgente, nella sua semplicità. Non sono certo solo la bontà, la compassione e una straordinaria ironia le qualità che sembrano aver convinto credenti e non.

L’arrivo di Bergoglio sul soglio di Pietro ha portato grandi novità all’interno della Chiesa. La decisione e il coraggio con i quali il Pontefice ha affrontato la questione dei preti pedofili e il duro monito contro una Chiesa dei poteri e della finanza sono solo alcuni degli esempi del “pugno di ferro” usato da Francesco per far fronte alle questioni spinose che attanagliano da decenni la vita della Chiesa.

Insomma, Francesco lavora per traghettare la Chiesa nel Terzo millennio e ridarle quel ruolo di vicinanza ai fedeli che i processi di secolarizzazione hanno lungamente intaccato.

Questo viene confermato anche dai risultati dell’indagine Eurispes (2015) che vede aumentare la fiducia riposta dagli italiani nella Chiesa cattolica fino a toccare il 62,6%, un risultato mai registrato negli ultimi 6 anni.

Il consenso nei confronti della Chiesa si rinnova e cresce soprattutto tra i giovanissimi: dal 27,1% al 51,1% tra quanti hanno dai 18 ai 24 anni di età e dal 34,3% al 53,5% tra i giovani dai 25 ai 34 anni. Anche separati e divorziati (63,6%) svettano tra i più fiduciosi e attestano il proprio gradimento; questa è di certo la categoria nei confronti della quale l’apertura del Vaticano si è rinnovata, grazie al nuovo imprinting del Pontefice.

«Misericordia, coraggio e porte aperte» ecco le parole d’ordine di Papa Francesco per riportare la Chiesa cattolica ad essere una guida e una vera agenzia di senso e di orientamento, non solo per i fedeli, ma anche e soprattutto per i non credenti. Una Chiesa più aperta e più vicina alla realtà di tutte quelle persone che in questo momento storico si trovano in condizione di disagio e sofferenza. La riscoperta dalla semplicità e della solidarietà come valori imprescindibili che generano a loro volta benessere e coesione sociale.

Una ricetta che sembra aver dato i suoi frutti raccogliendo un plauso che, senza timore di sbagliare, si può definire globale.

È senza dubbio il dirompente “effetto Bergoglio” ad aver inciso quest’anno sull’aumento della fiducia degli italiani nei confronti della Chiesa cattolica.

Il giudizio positivo rispetto al papato di Francesco è plebiscitario, tanto da poter parlare di un dirompente “effetto Bergoglio”: l’89,6% degli italiani è convinto stia dando nuovo slancio alla Chiesa, il 79,2% ritiene sia addirittura più avanti dei fedeli rispetto ai temi etici e l’89% è convinto che lo sia più delle gerarchie ecclesiastiche.

Questo sentire positivo cambia solamente alla domanda se, rispetto ai temi etici, il Papa riuscirà a superare le resistenze delle gerarchie ecclesiastiche: gli scettici sono il 44%, mentre i fiduciosi il 55,6%.

Insomma, i due anni di pontificato appena festeggiati hanno portato frutti inattesi oltre Tevere e il presentimento del Papa sulla breve durata della sua missione sta impegnando gli opinionisti in cerca della giusta lettura: una pensiero scaramantico, un’ammissione di stanchezza dovuta ai troppi gravosi impegni o una possibile rinuncia?

Nel frattempo, con un altro annuncio a sorpresa, in piena linea con il robusto, e a volte spiazzante carattere di Bergoglio, il Papa indice per l’8 dicembre prossimo un Giubileo straordinario.

Una grande occasione per la Capitale. Come prevedibile, senza neanche scomodare Nostradamus, le polemiche hanno preso subito il sopravvento. La più calda riguarda il ritorno economico per le strutture di accoglienza legate al Vaticano e gli investimenti strutturali e di personale necessari per accogliere i pellegrini. Forse varrebbe la pena, per una volta, cogliere l’opportunità economica che i flussi di fedeli genereranno con il loro arrivo, cercando buon compromesso. D’altronde quale sarebbe l’alternativa?

Rimane solo una certezza: il prossimo Giubileo sarà un momento di altissima spiritualità e di raccoglimento religioso, un evento planetario straordinario che va letto con attenzione e può rappresentare una risposta alla perdita di identità e di valori del momento storico in cui viviamo.

 

Ultime notizie
Economia

PNRR: un modello più snello di governance per l’Italia

Le sfide poste dal PNRR potrebbero segnare una svolta storica nell’accelerazione delle nuove politiche di sviluppo, come quelle relative alle transizioni verde...
di Claudia Bugno*
vaccino
Diritto

Obbligo vaccinale o sospensione, arriva la sentenza per i sanitari no-vax

Vaccino anti-Covid o sospensione nella impossibilità di essere ricollocati ad altra mansione che non comporti pericolo di contagio: la sentenza del Consiglio di Stato chiarisce la posizione legale nei confronti dei professionisti sanitari no-vax.
di Vincenzo Macrì
vaccino
giochi pubblici
Osservatori

Giochi pubblici: “L’irresistibile convenienza della legalità”

Giochi pubblici, la tutela sostanziale della legalità non è affare solo dello Stato. Oltre alla chiarezza normativa, è necessaria partecipazione attiva dei concessionari e delle associazioni di categoria, quali soggetti danneggiati dal reato, ai procedimenti penali contro i gestori del gioco illegale e al fianco dell’Avvocatura dello Stato.
di Chiara Sambaldi e Andrea Strata*
giochi pubblici
Fisco

Un fisco “predittivo” per facilitare la lotta all’evasione fiscale

La lotta all’evasione fiscale si fa anche grazie all’utilizzo di software predittivi, sulla base dei quali programmare le verifiche a “colpo sicuro”. La Guardia di Finanza guarda al futuro e investirà in tale direzione 32 milioni di euro su big data e cybersicurezza.
di Giovambattista Palumbo*
esame di stato
Istruzione

Generazioni sotto esame. Dalla maturità all’esame di Stato, che ne sarà della prova scritta?

L’esame di Stato, un tempo esame di maturità, continua a far discutere ministri dell’Istruzione e studenti su quale sia la formula migliore. Una formula che è cambiata negli anni, fino ad arrivare alla richiesta odierna di abolire la prova scritta fatta dagli studenti e non ancora smentita dal Ministero.
di Giuseppe Pulina
esame di stato
violenza di genere
Donne

Violenza di genere, omicidi e reati spia in aumento nel 2021

La violenza di genere è aumenta nei primi 11 mesi del 2021, sia per gli omicidi che per i reati spia di tali violenze. Secondo il report del servizio analisi della Polizia Criminale, su un totale di 263 omicidi volontari compiuti in Italia dal primo gennaio ad oggi, 109 hanno riguardato donne.
di redazione
violenza di genere
Economia

Colonialismo digitale, è l’Africa la terra promessa

Quando parliamo di crescita e di aiuti ai paesi dell'Africa omettiamo spesso il tema del colonialismo digitale e degli investimenti massicci dei colossi del tech, come ad esempio Google, per accaparrarsi i nuovi mercati.
di Susanna Fara
Italia Domani

Italia Domani. Il PNRR per il rilancio e la crescita

  La mission del magazine online dell’Istituto Eurispes è quella di raccontare “l’Italia che verrà”. Nasce così l’idea di fornire sulle nostre pagine...
di Claudia Bugno*
europa e africa
Briefing

Europa e Africa, un futuro condiviso oltre “l’inerzia del mondo”

La recente visita di Mattarella in Algeria ha gettato lo sguardo oltre le tradizionali dinamiche europee, evidenziando che Europa e Africa sono due continenti legati da un destino condiviso in economia come nella lotta alla crisi climatica. La crescita economica africana può coinvolgere in primo luogo in nostro Paese, per posizione geografica e per opportunità.
di Amb. Paolo Sannella*
europa e africa
muri di sabbia
Istituzioni

Muri di sabbia, l’ultima frontiera contro le migrazioni dall’Africa

Mentre l’Europa resta a guardare di fronte alle forze di Minsk che usano i profughi come arma politica, in Africa si usano altre forme per bloccare i flussi migratori. Muri di sabbia vengono eretti e ampliati in Marocco, Algeria, Niger, Libia: lo scopo è far sì che i profughi non superino i confini nazionali.
di Marco Omizzolo*
muri di sabbia