Restrizioni Covid, sui Tg l’Italia entra in zona rossa

L’attesa per i decreti sugli spostamenti ed il confronto interno alla maggioranza, rimandati entrambi nel corso della settimana, monopolizzano le aperture (21) dei Tg della sera e dominano sulla pagina politica. Nel clima di tensione crescente i servizi si riempiono dei tanti e consueti attacchi e prese di posizione. Questi sono alcuni degli aspetti che emergono dall’analisi settimanale dell’Osservatorio Tg Eurispes – CoRiS Sapienza dal 14 al 18 dicembre.

Renzi col MES reclama il palcoscenico

Con 22 citazioni nei titoli, Renzi si impone ancora una volta a vero “contraltare” della maggioranza, riportando al centro la questione del MES sanitario. Emerge così uno scenario del tutto analogo allo scorso febbraio, quando a far guadagnare la ribalta mediatica al leader di Italia Viva era stato – prima dell’esplodere dell’epidemia – lo scontro in merito alla prescrizione, che gli aveva fatto superare anche Salvini con 81 menzioni nei titoli.

Sanità, Libia, sicurezza: il “disimpegno” dell’informazione che insegue la politica

Se il principale oggetto del contendere per la politica riguarderebbe, questa volta, un tema ormai fondamentale per l’opinione pubblica – il Sistema Sanitario, con le sue difficoltà e mancanze – nessuna testata propone un’analisi della situazione che sia slegata dai commenti della politica. Nell’inseguire il fantasma della sempre presente crisi di Governo – sulla quale si esprimono per i Tg Mediaset numerosi commentatori – l’informazione latita di qualsivoglia approfondimento sui problemi della sanità nel nostro Paese e, in particolare, sulle difficoltà del Veneto, che da Regione virtuosa durante la prima ondata arriva, negli ultimi giorni, a superare la Lombardia per morti e contagi.

Analogo “disimpegno” accompagna, tra giovedì e venerdì, la gioia per la liberazione dei marittimi italiani, con i Tg Mediaset che si riempiono nei servizi del codazzo della polemica politica, mentre i nuovi scenari della situazione libica restano non attenzionati. Solo Mentana torna venerdì sull’argomento, proponendo il commento della stampa araba sulla mossa di Haftar, citando nel servizio gli altri protagonisti coinvolti sul fronte: Egitto, Turchia, Francia.

Immigrazione e sbarchi ancora in ombra

Altri settori in cui i numeri continuano a latitare restano, purtroppo, quello della sicurezza e dell’immigrazione. Nonostante tra giovedì e venerdì si siano consumate nell’aula del Senato accesi scontri sulla revisione dei Decreti Salvini, con le consuete accuse di «aiutare gli scafisti», sono mancati concreti riferimenti agli sbarchi come alla gestione dell’accoglienza.

Con la chiusura del 2020 e l’annuncio di un Vaccine Day Europeo per il 27 dicembre, è ragionevole sperare che il peso del Covid-19 sulle scalette del prime time continuerà, nei prossimi mesi, a diminuire. L’Osservatorio Tg Eurispes-CoRiS Sapienza chiude le sue analisi per quest’anno con l’augurio che l’informazione, sempre più libera dall’incombenza dei bollettini del contagio, possa tornare ad occuparsi di tutti i fronti importanti per il nostro Paese partendo dai dati, e senza appiattire il suo ruolo a mero “megafono” della politica.

 

Ultime notizie
Attualità

Può esistere una società dopo il Covid?

Le nostre abitudini sono state stravolte. Non è bastato. Ci ha turbato il senso di confusione provocato dal continuo mutamento delle regole....
di Angelo Perrone *
Ambiente

Energy sharing, verso la creazione di comunità energetiche

Le rinnovabili in Italia In Italia continua a crescere l’impiego delle fonti energetiche rinnovabili (FER): in questo senso, per consumi totali il nostro...
di redazione
Innovazione

Le innovazioni scientifiche e tecnologiche nella lotta al Covid

Il mondo è ancora immerso nel caos provocato dalla diffusione del Covid-19 e molte rimangono le incertezze riguardanti le conseguenze e le...
di Silvia Muscas
Economia

Mercato del lavoro, non solo Covid. La crisi è strutturale

Il XXII Rapporto del CNEL sul mercato del lavoro e della contrattazione collettiva, mette in luce alcune problematiche non originate dal Covid-19 ma da una persistente fragilità del Paese.
di Marco Omizzolo*
Opinioni e commenti

La politica della ignoranza

Prima del tragico assalto a Capitol Hill, il 6 gennaio, il presidente Joe Biden aveva scritto: «L’America è tornata ed è pronta a...
di Luciano Maria Teodori
Recensioni

Ezio Cesarini. Italiano, antifascista, giornalista

Ezio Cesarini – Italiano Antifascista Giornalista è il titolo dell’ultimo libro di Claudio Santini (Minerva Edizioni), che ripercorre, in poco più di...
di Ilaria Tirelli
Cultura

Il mondo del libro regge all’onda d’urto della pandemia

Il mondo del libro regge nell’anno più buio per molti settori chiave dell’economia. Dopo un anno passato per lo più tra le...
di Roberta Rega
Video

La città del quarto d’ora

  La città del quarto d’ora, come tante promesse elettorali, poteva rimanere in un cassetto, ma la Sindaca di Parigi, Anne Hidalgo, vuole...
di Emilio Albertario
Metafore per l'Italia

Cittadelle mummificate

Rimanere ancorati a modelli economici formalmente perfetti serve solo a salvaguardare le cittadelle mummificate dei soloni dell'economia ufficiale e a tutelare il diritto dinastico all’interno di corporazioni alla deriva in un mondo che non solo esse non riescono a interpretare, ma neanche a comprendere nelle sue strutture più elementari.
di Gian Maria Fara
Criminalità e contrasto

Traffico di farmaci: la frontiera in una fiala

Dopo armi e droga, i farmaci sono uno dei traffici illegali più redditizi. Non a caso la criminalità organizzata opera da tempo in questo settore con una capacità di penetrazione che tocca tutti i livelli del sistema.
di Sergio Nazzaro