La scorta: ultima linea di difesa nella lotta alla criminalità

« (…) e sono morti anche gli uomini della scorta». Mario Trapassi, Salvatore Bartolotta, Domenico Russo, Vito Schifani, Rocco Dicillo, Antonio Montinaro, Agostino Catalano, Vincenzo Li Muli, Walter Eddie Cosina, Claudio Traina, Emanuela Loi (prima donna a far parte di una scorta e anche prima donna della Polizia di Stato a cadere in servizio), solo per citarne alcuni. La scorta, una definizione che troppe volte esclude le vite, i nomi, le storie di donne e uomini silenziosi che svolgono nell’ombra uno dei lavori più difficili e rischiosi: proteggere i magistrati che lottano contro la criminalità organizzata. Il nome in rilievo è della personalità caduta in servizio, e la definizione “anche gli uomini della scorta” per tanti anni ha tolto la dimensione umana, la quotidianità, il dare un nome e un cognome.

Il mondo delle scorte che lavorano nel campo dell’antimafia è popolato di dedizione, di attenzione ai dettagli, di discrezione. Eppure, l’opportunità di dare uno sguardo al suo interno, alla sua quotidianità, restituisce un mondo fatto di donne e uomini che concretizzano in pieno, sulla propria pelle, il giuramento di essere servitori dello Stato. Ma prima di indossare giubbotti antiproiettile, di mettersi davanti come scudo vero e proprio dell’incolumità di un magistrato o di altra persona minacciata dalle mafie, sono madri, padri di famiglia che, quando chiudono la porta uscendo di casa, non conoscono mai l’ora che li vedrà tornare dai propri cari.

Nello Di Simone è un nome fittizio, per motivi di sicurezza e riservatezza, che ci introduce a questa straordinaria quotidianità di chi lavora nel mondo delle scorte per un nuovo appuntamento della rubrica “Cosa vuol dire mafia? – Dialoghi sulla legalità”.

Che cosa significa iniziare ogni giorno con la consapevolezza che, se accade qualcosa, dovete mettervi tra voi e la minaccia verso la personalità protetta, qual è lo stato d’animo che si vive ogni giorno?

Il nostro è un lavoro che si fa per passione, davvero per passione, altrimenti è bene fare tutt’altro. In quanto ai rischi, è necessario chiarire una cosa: rischiamo tanto quanto il nostro collega che esce di pattuglia in qualsiasi città in Italia o piccolo paese che sia. Non c’è alcuna differenza. Tanti, troppi colleghi di ogni forza sono caduti sul campo, mentre svolgevano il loro lavoro. Una rapina in banca, una sparatoria improvvisa. Tutti noi rischiamo allo stesso modo. Come dicevo prima, il lavoro che svolgiamo è fatto di passione. Poi è anche vero che ci sono personalità su cui grava una minaccia particolare e quindi c’è una maggiore consapevolezza dei rischi che si corrono. Bisogna essere discreti, cauti, attenti; soprattutto, bisogna avere enorme concentrazione su ogni particolare. È un lavoro e, come ogni lavoro, deve essere semplicemente svolto con serietà.

Tanti tuoi colleghi sono caduti sul campo, barbaramente uccisi da autobombe e in agguati sanguinosi. Che cosa si prova quando poi si fa lo stesso lavoro?

Lo si fa con tutta la dignità possibile, proprio per onorare la loro memoria. Per noi non è un avvenimento consegnato alla storia, è qualcosa che senti ogni giorno vicino. Le loro famiglie, i loro figli, sono un ricordo costante. Bisogna saper essere all’altezza di questi veri e propri eroi. Non è scadere nella retorica, è semplicemente il concetto di lavoro di cui parlavo prima. Se ognuno di noi svolge con dignità il proprio lavoro, ecco che tutto funziona e migliora, ed è anche la migliore risposta alle mafie e alle sue minacce. Bisogna rispondere alla violenza con la legge, alla sopraffazione con l’onestà di un lavoro svolto in maniera impeccabile. Bisogna che la legge venga applicata e si arrivi fino in fondo alle verità nei processi. Il nostro lavoro spero che sia d’ausilio a quanto ho appena detto, questa è la soddisfazione con cui si torna a casa.

Tornare a casa, sempre in orari che non si conoscono e non si sa per quanti giorni si sta fuori in certe occasioni. Eppure, avete famiglia, persone di cui avere cura, con problemi quotidiani come tutti noi.

Si pensa troppe volte che chi indossa una divisa, abbia una strada preferenziale, ma non è così. Viviamo come tutti e come tutti abbiamo i nostri problemi quotidiani da risolvere che vanno dal mutuo da pagare alla spesa da fare, far quadrare i conti, insomma. Quando esci di casa, non ci sono orari. La stanchezza la dimentichi e fai quanto è necessario per assicurare la protezione a chi accompagni. Gli affetti che abbiamo, che condividono la nostra vita sono armati di santa pazienza, ed anche questo è fondamentale. È da comprendere che non è facile condividere la vita con persone che non hanno orari, che non possono parlare del proprio lavoro se non per linee generali e basta. È una questione di fiducia. Certo, questo non impedisce che, una volta tornati a casa, la gestione del quotidiano familiare debba avere la sua preminenza, stanchezza o non stanchezza: la farmacia, l’insegnante a scuola non aspettano mica che tu abbia recuperato il sonno perso (ride… nda)”.

Che cosa pensi sia sbagliato nella percezione che hanno le persone di questo lavoro?

Che si passi dall’essere un supereroe ad essere uno sbruffone. Dall’essere invincibile e senza paura, ad essere qualcuno a cui piace correre a sirene spiegate. Ecco ci sono troppe definizioni che lasciano il tempo che trovano e non consegnano un’idea reale di questo lavoro. Ci vuole professionalità, dedizione ma anche formazione costante. Non ci si improvvisa, bisogna sempre studiare e perfezionarsi. I pericoli come le mafie si evolvono. Non bisogna mai pensare che è qualcosa di statico. Una minaccia che si protrae nel tempo può trovare mille strade per diventare reale. È un lavoro di squadra e non solo di noi che siamo direttamente sul campo. Ecco, c’è bisogno di comprendere che è soprattutto un lavoro di squadra, la differenza la si fa tutti insieme e si permette ad un magistrato minacciato di poter svolgere il suo lavoro che alla fine sarà di beneficio per tutti i cittadini e la società civile. La lotta alle mafie non deve avere mai un suo eroe, è sbagliato. Deve essere uno sforzo comune, perché altrimenti un eroe lo ammazzi e hanno vinto loro. Ma se invece è la maggioranza, ognuno per la sua parte, che svolge il proprio dovere, allora la vedo molto più difficile per le mafie riuscire a vincere.

C’è stato mai un momento in cui ti sei sentito in pericolo per davvero, anzi un momento in cui hai avuto paura?

Paura mai, qualche volta preoccupazione. Ma paura no, perché mi fido dei miei colleghi: il gioco di squadra del quale ti parlavo. Ognuno di noi deve essere preparato e formato, perché noi proteggiamo la vita della personalità che è sotto scorta, ma tra noi ci proteggiamo fidandoci del collega, della sua attenzione, della bravura a non farsi sorprendere da nulla. Da soli possiamo poco o nulla, il concetto è che bisogna essere uniti e aver fiducia. Poi è un lavoro che ogni giorno è diverso, un lavoro che non ha mai una routine proprio perché non deve assolutamente mai averla. È un lavoro fatto di tanti sacrifici, perché ogni passione significa anche sacrificio. E il momento più gratificante è quando finisce una giornata e ricevi una pacca sulla spalla senza nessuna parola, basta guardarsi in faccia e sapere che ancora una volta abbiamo tracciato una linea di difesa che non è stata valicata da nessuno. Facciamo la nostra piccola parte nella lotta alle mafie, e questo dà una grande soddisfazione, vera. Ecco quando torni a casa, prima di fare la spesa al supermercato o pagare le bollette, guardi i tuoi figli negli occhi e sai che hai lavorato onestamente. Più siamo, meno spazio diamo alla criminalità organizzata.

 

 

 

 

 

 

  

Ultime notizie
baby gang
Sicurezza

Baby gang tra realtà e percezione. Intervista a Stefano Delfini, Direttore Servizio Analisi Criminale della Direzione Centrale della Polizia Criminale

Il 36% degli italiani denuncia la presenza di baby gang nel proprio territorio, come emerge dal Rapporto Italia 2024. Ma non bisogna confondere realtà e percezione, afferma Stefano Delfini, Direttore del Servizio Analisi Criminale, che nel corso dell’intervista traccia un quadro del fenomeno criminale minorile nel nostro Paese.
di Susanna Fara
baby gang
d-day
Center-news

80 anni fa il D-Day che segnò la fine del nazismo

D-Day, il giorno che segnò la fine del nazismo con lo sbarco in Normandia: il 6 giugno ricorrono gli 80 anni dall’operazione che decise un nuovo corso per la storia. Ma la memoria storica è a rischio, senza la trasmissione generazionale della memoria e con la riduzione a fiction del nostro passato, come spesso avviene nelle serie tv.
di Giuseppe Pulina*
d-day
Criminalità e contrasto

Criminalità minorile e gang giovanili. I dati

Il Report “Criminalità minorile e gang giovanili”, il report realizzato dal Servizio analisi criminale è stato presentato questa mattina a Roma, presso la...
di redazione
Lavoro

La “mobilità circolare” dei giovani nell’area mediterranea

I giovani protagonisti del cambiamento Lo spazio Mediterraneo è un bene comune (“common good”) che appartiene a tutti gli Stati della UE ed...
di Avv. Angelo Caliendo*
Osservatorio sulla PA

Equo compenso o tariffazione?

Se solo il Codice dei Contratti fosse stato promulgato il 1° luglio 2023 (data della sua entrata in vigore) oggi non dovremmo affrontare questa spinosa questione, circa la portata e le modalità applicative della legge n. 49 del 21 aprile 2023 che ha introdotto “l’equo compenso” per i professionisti. Disposizione che di fatto modifica i criteri di aggiudicazione previsti nel Codice degli Appalti, vincolando il prezzo dei servizi professionali, o almeno così sembrerebbe.
di redazione
Intervista

Insularità, PNRR, fondi europei: il caso Sicilia

A più di un anno dall’introduzione nella nostra Costituzioni del principio di Insularità sono corrisposte politiche di sostegno e finanziamento delle attività necessarie a realizzare tale principio? Qual è l’incidenza dei fondi europei sulle attuali politiche di rigenerazione urbana e di sviluppo delle isole? Ne abbiamo parlato con chi ogni giorno deve confrontarsi con la gestione di una realtà complessa come quella della città di Catania: l’ingegner Biagio Bisignani, Direttore URB@MET.
di redazione
corse
Intervista

L’insularità possibile: il caso Corsica. Intervista a Marie-Antoinette Maupertuis, Presidente dell’Assemblea corsa

La Corsica è uno dei modelli europei in merito all’insularità e alle iniziative intraprese per favorire la coesione territoriale e l’autonomia fiscale necessaria per l’economia corsa, dinamica ma gravata da una “crescita depauperante”. Ne parliamo con l’Onorevole Marie-Antoinette Maupertuis, economista e Presidente dell’Assemblea della Corsica.
di Daniela Pappadà
corse
corse
Osservatori

Insularité possible: le cas de la Corse. Entretien avec Marie-Antoinette Maupertuis, Présidente de l’Assemblée de Corse

Insularité possible: entretien avec l’Honorable Marie-Antoniette Maupertuis, Presidente de l’Assemblee de Corse.
di Daniela Pappadà
corse
intelligenza
Intervista

Intelligenza artificiale e regole: serve un impegno dell’Unione sui diritti sostanziali

Intelligenza artificiale e diritto, ne parliamo con Giusella Finocchiaro, Professoressa ordinaria di diritto privato e diritto di Internet all’Università di Bologna. Per non cadere in un rischioso processo di “burocratizzazione digitale” bisogna partire da elementi culturali prima che giuridici, senza perdere di vista i princìpi.
di Massimiliano Cannata
intelligenza
Sicurezza

Tecnologia, sicurezza e istruzione: intervista a Nunzia Ciardi, Vice Direttore Generale dell’Agenzia per la Cybersicurezza Nazionale

La tecnologia è entrata di forza nella scuola grazie alla DAD, che in pandemia ha permesso a milioni di studenti di seguire le lezioni da casa. Bisogna continuare su questa strada e sfruttare le potenzialità offerte dalla tecnologia in àmbito scolastico e formativo secondo la dott.ssa Nunzia Ciardi, Vice Direttore Generale dell’Agenzia per la Cybersicurezza Nazionale.
di Massimiliano Cannata