Se la classe diventa flessibile, nuovi spazi e modelli didattici

Ripensare oggi la didattica non significa unicamente prevedere un piano di investimenti mirati alla digitalizzazione della scuola: il rinnovamento del sistema dell’istruzione non passa esclusivamente attraverso la rivoluzione tecnologica. Il processo di trasformazione può, altresì, essere meno invasivo e procurare quella implosione necessaria a scardinare pratiche ormai reiterate nel tempo e impresse nell’immaginario comune, a partire proprio dalla riorganizzazione degli spazi fisici della classe.

In molte scuole, di vario ordine e grado, si assiste a un progressivo sdoganamento dalla classica disposizione in aula, che vede il docente in cattedra e gli studenti, dalla parte opposta, organizzati in file. Tale distribuzione degli spazi si traduce nel consolidato modello della didattica frontale, che implicitamente oggettiva una situazione di subalternità tra insegnante e alunno, facendo del secondo una sorta di imbuto in cui versare contenuti; si perde, in tal senso, il valore insito nell’etimologia della parola educare, da intendere come un “trarre fuori” e non un “mettere dentro”.

Un ripensamento degli spazi può favorire il recupero di un rapporto educativo proficuo, basato sulla fiducia dello studente nei confronti dell’insegnante. Le soluzioni alternative, che rendono la linea di demarcazione tra i confini più flessibile, sono rappresentate dalla disposizione a ferro di cavallo, ad anfiteatro, fino alla creazione di piccoli agglomerati di banchi, 4 o 6, volti a favorire un approccio collaborativo non solo tra docente e alunni, ma soprattutto tra gli studenti stessi.

Quale che sia la soluzione considerata più idonea dall’insegnante, a seconda anche delle necessità presenti nelle classi, la nuova filosofia del concepimento degli spazi rappresenta una delle chiavi di volta per affrontare alcune criticità presenti nella normale prassi didattica, legate principalmente agli stimoli inibitori che caratterizzano gli alunni più timidi di fronte all’autorevolezza, e non di rado, all’autorità, esercitata dal docente.

Il concetto di filtro affettivo, elaborato da Stephen Krashen in ambito glottodidattico e in particolare nel processo di acquisizione di una L2 (lingua seconda), può essere esteso all’intero panorama didattico, in quanto definisce le «componenti emotive dell’apprendimento»,[1] che determino gli esiti del processo cognitivo. In particolare «questo “filtro” virtuale viene inibito o innalzato da alcuni fattori psico-affettivi, relativi alla motivazione, alla personalità, all’età, all’attenzione, all’empatia con l’interlocutore»[2]. Tenere basso il filtro affettivo, quindi, è fondamentale per permettere all’alunno di esprimere le proprie potenzialità e, contemporaneamente, diventa una strategia utile all’insegnante per attivare i meccanismi di elicitazione della conoscenza.

In questa nuova prospettiva cambia anche il profilo dell’insegante, che passa dall’indossare i panni di “oracolo” per farsi regista di un’azione corale.

In Italia, sebbene più lentamente rispetto ad altri paesi europei ed extraeuroperi, vi sono le prime avvisaglie di cambiamento, introdotte per lo più dagli insegnanti che autonomamente scelgono il tipo di organizzazione degli spazi più congeniale ai bisogni della classe.

Esempi più strutturati di questo nuovo orientamento provengono, invece, dalle scuole a metodo montessoriano e da quelle steineriane, in cui la progettazione del luogo fisico riveste primaria importanza ed è finalizzato allo sviluppo di determinate competenze.

La partita per il futuro della didattica, allora, si gioca sul piano dell’innovazione, che lungi dall’essere esclusivamente digitale, può reinventarsi combinando e sfruttando “le carte” già presenti sul tavolo.

[1] Pierangela Diadori, Insegnare italiano a stranieri, Milano, Le Monnier, 2015.

[2] Idem.

Ultime notizie
Italia

Reti europee di trasporto TEN-T: l’Italia penalizzata dalle nuove strategie adottate

Una premessa. Era il lontano 2004 quando l’Unione europea, per impulso di Romano Prodi Presidente della Commissione, immaginò di rafforzare il processo...
di Gianpaolo Basoli, Luca Danese, Marco Ricceri
violenza contro le donne
Donne

Violenza contro le donne, meno vittime ma attenzione ai reati spia

Violenza contro le donne, nel report della Direzione centrale della Polizia criminale allerta sui reati spia e sulle vittime con disabilità. Diminuiscono i casi di femminicidio, -9% rispetto al 2021, ma aumentano le violazioni di allontanamento e i reati di violenza sessuale.
di redazione
violenza contro le donne
stalking
Criminalità e contrasto

Stalking, vittime degli atti persecutori continuano ad essere soprattutto le donne

Lo stalking, ossia gli atti persecutori, è considerato uno dei reati spia, quei delitti che sono indicatori di una violenza di genere. È possibile leggere il fenomeno attraverso gli ultimi dati messi a disposizione dalla Direzione Centrale della Polizia Criminale e le indagini realizzate dall'Eurispes.
di Susanna Fara
stalking
intelligenza artificiale
Tecnologia

Intelligenza artificiale, costi e benefici ambientali della rivoluzione digitale

Intelligenza artificiale e sostenibilità: migliorare l’efficienza energetica dei sistemi è utile al bilancio ambientale, ma non bisogna trascurare gli impatti diretti delle operazioni di calcolo e delle infrastrutture tecnologiche, in termini di consumo energetico e di materie prime.
di Roberta Rega
intelligenza artificiale
scuola
Scuola

La crisi della scuola come laboratorio di eccellenza e inclusione raccontata dal Presidente Roberto Ricci attraverso i dati INVALSI

La scuola italiana descritta dalle prove INVALSI è un sistema affetto da divario territoriale e scarsa attenzione alla crescita degli alunni: un alunno su dieci è in una situazione di fragilità al termine del ciclo di scuola secondaria, con punte vicine al 20% nelle regioni del Mezzogiorno.
di Roberto Ricci*
scuola
sud e coesione
Italia Domani

Sud e coesione territoriale: a che punto siamo?

Sud e coesione territoriale sono tra i punti fondamentali del PNRR. Quasi 20 miliardi di euro sono destinati a politiche di inclusione e coesione, volte a colmare il divario territoriale presente in Italia. Dopo il lavoro svolto dal Ministero del Sud, le modifiche di competenze dei Ministeri volute dal nuovo governo introducono nuovi scenari organizzativi.
di Claudia Bugno*
sud e coesione
Van Gogh
Cultura

Vincent Van Gogh, i colori che hanno influenzato il mondo. La mostra a Roma

La pittura di Vincent Van Gogh è entrata nell’immaginario collettivo, diventando oggetto di venerazione e culto. Una mostra al Palazzo Bonaparte di Roma, in occasione dei 170 anni dalla nascita, esplora il mistero di una fascinazione per il colore che ha conquistato intere generazioni.
di Angelo Perrone
Van Gogh
welfare
Intervista

Le nuove emergenze impongono un ripensamento del welfare e del ruolo dei sindacati. Intervista al Presidente Tiziano Treu

Le nuove emergenze globali impongono un ripensamento di welfare e ruolo dei sindacati per far fronte ad emergenze sociali legate a inflazione e povertà. Il PNRR e l’agenda Draghi hanno segnato una svolta verso coesione e sostenibilità, ma bisogna puntare sull’innovazione. A colloquio con Tiziano Treu Presidente del CNEL.
di Massimiliano Cannata
welfare
questione meridionale
Mezzogiorno

Questione meridionale ancora aperta. Superare il divario tra Nord e Sud centrale per ritrovare unità nazionale

La questione meridionale è stata messa da parte con la Seconda Repubblica, lasciando la centralità alla narrazione politica di un Paese disunito e con opposte rivendicazioni. Ma il Sud resta al centro dello sviluppo del Paese e della sua unità nazionale, e il PNRR deve rappresentare una occasione per colmare il divario.
di Luca Bianchi*
questione meridionale
agroscienze
Agricoltura

L’ascesa dell’agricoltura sostenibile e la crescita del mercato delle agroscienze

Alla ricerca della sostenibilità in agricoltura Il settore agricolo si sta ormai orientando su scala globale verso pratiche sostenibili volte a preservare e...
di Cecilia Fracassa
agroscienze