Osservatorio TG

De Luca – Corruzione per induzione?

I Tg di mercoledì 11 novembre – L’ inchiesta che coinvolge il Presidente della Regione Campania De Luca, accusato di un reato difficile quasi da pronunciare, “corruzione per induzione”, per aver ceduto ad un ricatto del marito della giudice responsabile della sospensione della sua “sospensione” mediante legge Severino, è l’apertura per Tg1, Tg3 e Tg La7. Una vicenda complessa e difficile da sintetizzare, e che si traduce in coperture molto diverse; TgLa7 dà il maggior spazio alle repliche di De Luca, che nella conferenza stampa molto tesa ma non scevra da accenti “alla Crozza”, si professa parte lesa, ma è anche quello più “duro” con Il Governatore; più neutrali i Tg Rai, che raccolgono le reazioni di maggioranza ed opposizioni; i Tg Mediaset gongolano per la nuova “tegola” caduta sul Pd, con Tg4 che confeziona il consueto servizio dissacrante sul governatore campano, tirando poi in ballo Renzi e i nomi (Marino, De Girolamo, Lupi) di quanti, a differenza di De Luca, non sarebbero stati difesi dal premier.

Con l’apertura del vertice euro-africano di più di 60 paesi a Malta e la nuova tragedia davanti alle isole greche, riaffiora nei Tg l’attenzione per i disperati della rotta balcanica, che da alcuni giorni non compariva nell’informazione di serata. Apertura per Tg2, titoli per i Tg Rai e La7. Tra le coperture offerte da segnalare quelle di Tg3 e Tg La7; la prima inquadra le difficoltà della Merkel all’interno de suo stesso governo rispetto alle forti aperture nelle politiche d’accoglienza; la seconda indaga le (molte) contraddizioni della politica europea verso l’Africa: quasi nessun paese vuole mettere sul piatto soldi veri. Sempre Mentana da studio ci informa che la Corte costituzionale spagnola ha rigettato la mozione con la quale il parlamento di Barcellona aveva avviato il processo di secessione.

Le critiche di Renzi alla sinistra ex Pd contenute in un’intervista al quotidiano Die Welt, sono nei titoli di Tg3 e Tg La7. Più interessante per il Tg5 il giudizio critico del presidente del Consiglio sulle politiche di austerità propugnate da Berlino. Tg1 sceglie invece di titolare sulla lettera inviata dal premier ai professori neoassunti nella seconda tranche del piano Buona Scuola.

L’ultima tappa della trasferta asiatica del Presidente Mattarella che, in visita alle nostre forze armate impegnate in azioni di antipirateria nell’Oceano Indiano, ha ricordato i nostri maro’ è – come di consueto – appannaggio esclusivo delle testate Rai. Lo stesso vale per l’odierna sentenza della Consulta che demolisce un ulteriore frammento della legge 40, autorizzando la selezione degli embrioni pre-inpianto in caso di serie patologie.

La Chiesa ottiene come (quasi) ogni sera ampio spazio grazie alle odierne parole di Francesco (questa volta sul desco familiare e contro il consumismo più sfrenato), ma anche all’ex Abate di Monte Cassino cui è stato sequestrato più di mezzo milione di euro proveniente dai fondi dell’Abbazia e da quelli per le opere di carità. Si aggiunge poi, ripresa dai Tg delle 20, la notizia di Nuzzi e Fittipaldi indagati dalla giustizia vaticana per la pubblicazione di “atti riservati”. Mentana si schiera nettamente: i giornalisti devono pubblicare ciò di cui vengono a conoscenza.

La campagna securitaria di Mediaset prosegue alla grande, e non è appannaggio esclusivo di Tg4 e Studio Aperto. Alla morte dell’anziana a seguito delle percosse da parte di “2 ventenni romeni” il Tg5 dedica la copertina, così come ai dati sull’aumento dei furti negli appartamenti e ai caroselli con i cittadini spaventati che si dicono “pronti a sparare”.

Ultime notizie
Economia

PNRR: un modello più snello di governance per l’Italia

Le sfide poste dal PNRR potrebbero segnare una svolta storica nell’accelerazione delle nuove politiche di sviluppo, come quelle relative alle transizioni verde...
di Claudia Bugno*
vaccino
Diritto

Obbligo vaccinale o sospensione, arriva la sentenza per i sanitari no-vax

Vaccino anti-Covid o sospensione nella impossibilità di essere ricollocati ad altra mansione che non comporti pericolo di contagio: la sentenza del Consiglio di Stato chiarisce la posizione legale nei confronti dei professionisti sanitari no-vax.
di Vincenzo Macrì
vaccino
giochi pubblici
Osservatori

Giochi pubblici: “L’irresistibile convenienza della legalità”

Giochi pubblici, la tutela sostanziale della legalità non è affare solo dello Stato. Oltre alla chiarezza normativa, è necessaria partecipazione attiva dei concessionari e delle associazioni di categoria, quali soggetti danneggiati dal reato, ai procedimenti penali contro i gestori del gioco illegale e al fianco dell’Avvocatura dello Stato.
di Chiara Sambaldi e Andrea Strata*
giochi pubblici
Fisco

Un fisco “predittivo” per facilitare la lotta all’evasione fiscale

La lotta all’evasione fiscale si fa anche grazie all’utilizzo di software predittivi, sulla base dei quali programmare le verifiche a “colpo sicuro”. La Guardia di Finanza guarda al futuro e investirà in tale direzione 32 milioni di euro su big data e cybersicurezza.
di Giovambattista Palumbo*
esame di stato
Istruzione

Generazioni sotto esame. Dalla maturità all’esame di Stato, che ne sarà della prova scritta?

L’esame di Stato, un tempo esame di maturità, continua a far discutere ministri dell’Istruzione e studenti su quale sia la formula migliore. Una formula che è cambiata negli anni, fino ad arrivare alla richiesta odierna di abolire la prova scritta fatta dagli studenti e non ancora smentita dal Ministero.
di Giuseppe Pulina
esame di stato
violenza di genere
Donne

Violenza di genere, omicidi e reati spia in aumento nel 2021

La violenza di genere è aumenta nei primi 11 mesi del 2021, sia per gli omicidi che per i reati spia di tali violenze. Secondo il report del servizio analisi della Polizia Criminale, su un totale di 263 omicidi volontari compiuti in Italia dal primo gennaio ad oggi, 109 hanno riguardato donne.
di redazione
violenza di genere
Economia

Colonialismo digitale, è l’Africa la terra promessa

Quando parliamo di crescita e di aiuti ai paesi dell'Africa omettiamo spesso il tema del colonialismo digitale e degli investimenti massicci dei colossi del tech, come ad esempio Google, per accaparrarsi i nuovi mercati.
di Susanna Fara
Italia Domani

Italia Domani. Il PNRR per il rilancio e la crescita

  La mission del magazine online dell’Istituto Eurispes è quella di raccontare “l’Italia che verrà”. Nasce così l’idea di fornire sulle nostre pagine...
di Claudia Bugno*
europa e africa
Briefing

Europa e Africa, un futuro condiviso oltre “l’inerzia del mondo”

La recente visita di Mattarella in Algeria ha gettato lo sguardo oltre le tradizionali dinamiche europee, evidenziando che Europa e Africa sono due continenti legati da un destino condiviso in economia come nella lotta alla crisi climatica. La crescita economica africana può coinvolgere in primo luogo in nostro Paese, per posizione geografica e per opportunità.
di Amb. Paolo Sannella*
europa e africa
muri di sabbia
Istituzioni

Muri di sabbia, l’ultima frontiera contro le migrazioni dall’Africa

Mentre l’Europa resta a guardare di fronte alle forze di Minsk che usano i profughi come arma politica, in Africa si usano altre forme per bloccare i flussi migratori. Muri di sabbia vengono eretti e ampliati in Marocco, Algeria, Niger, Libia: lo scopo è far sì che i profughi non superino i confini nazionali.
di Marco Omizzolo*
muri di sabbia