Tra ricchi, poveri e quasi poveri: “Dov’è la politica?”

Poveri sempre più poveri e ricchi sempre più ricchi. È questo il succo dello studio “Povertà, diseguaglianze e fragilità in Italia” presentato mercoledì mattina dall’Eurispes e dall’Università telematica Mercatorum, con l’obiettivo di fornire utili riflessioni per il nuovo Parlamento. Un dato tra i tanti: nei cinque anni che vanno dal 2007 al 2012 il reddito del 10 per cento degli italiani che guadagnano meno è diminuito del 27 per cento, mentre quello del 10 per cento dei concittadini che guadagnano di più si è ridotto solo del 4 per cento. Dati ancora più recenti, relativi allo scorso dicembre, indicano che è aumentata del 20,6 per cento la quota degli individui a rischio di povertà.
Numeri che, assieme ad altri, come l’aumento dell’usura e dell’economia in nero, hanno acceso il dibattito nella sede di Piazza Mattei dell’Università Mercatorum. Da un lato, il Rettore Giovanni Cannata, il Presidente dell’Eurispes Gian Maria Fara, e il curatore della ricerca, Alberto Baldazzi. Dall’altro, l’On. Stefano Fassina di Liberi e Uguali, l’On. Francesco Boccia del Pd, e l’Avvocato Saverio Romano, già Ministro dell’Agricoltura e oggi responsabile del Dipartimento Mezzogiorno dell’Eurispes, tutti abilmente coordinati da Filippo Nanni, Vicedirettore di RaiNews24. Poco si è parlato di un altro aspetto della ricerca: la crescita dell’ottimismo, nonostante tutto. A gennaio scorso il numero delle persone secondo le quali la situazione economica è rimasta stabile sono quasi il 40 per cento (38,9) mentre l’anno prima erano solo il 22 per cento. In lento miglioramento anche i consumi, mentre il Prodotto interno lordo è dato in crescita dell’1,3 per cento, misura certo ancora insoddisfacente.
Il Rettore di Mercatorum, Giovanni Cannata, ha introdotto i lavori, ricordando che la ricerca «non vuol dare risposte chiuse, ma un contributo al dibattito». Gian Maria Fara ha citato Robert Galbraith e la “società dei due terzi” da lui descritta: un terzo di poveri che possono migliorare la loro condizione e due terzi di benestanti: «Oggi però siamo nella società dei “tre terzi”: un terzo ricco, un terzo povero e un altro terzo a rischio di povertà – ha affermato il Presidente dell’Eurispes – e se i ceti medi sono in sofferenza, è in sofferenza anche la democrazia, ma di questi lamenti è mancata la capacità d’ascolto».
Il parlamentare Leu Stefano Fassina, dopo aver elogiato un testo «molto ricco di indagini e di interpretazioni» ha lanciato la sua provocazione: «Se non si aggrediscono le cause strutturali, facciamo solo retorica, su povertà e disuguaglianza. Se costruisci un Mercato unico europeo – ha proseguito Fassina – con Paesi che hanno differenziali di retribuzione e di welfare da 1 a 4 e da 1 a 5, succede che produci dumping sociale a danno dei paesi più solidi». Secondo l’onorevole di Liberi e Uguali, «serve la politica a tirarci fuori, non ci sono scorciatoie. Ma quando la politica prova a rialzare la testa, ecco che saltano fuori i rappresentanti di interessi economici forti, a renderla subalterna».
La politica non funziona «perché è in ritardo, e usa lenti e paradigmi che non sono più dell’economia reale e del capitalismo» ha chiosato Alberto Baldazzi dell’Eurispes. E ancora: «È un mondo che non ha più bisogno di lavoro, alla Volkswagen l’orario è sceso a 28 ore, abbiamo una società senza giovani, e con i genitori che mantengono i figli. A guidare il pianeta oggi è chi ha la proprietà dei mezzi di comunicazione».
Risposta veemente di Stefano Boccia, parlamentare del Pd: «La politica è l’unica, straordinaria possibilità che abbiamo di cambiare la società» ha affermato, e alcuni passi avanti positivi sono stati fatti: «Siamo il primo Paese ad aver accolto nel nostro bilancio i parametri del Bes, il Benessere Equo e Sostenibile – ha proseguito –. Per il momento sono quattro: reddito medio disponibile, indice di diseguaglianza, tasso di mancata partecipazione al lavoro ed emissioni di Co2. Da un anno all’altro, dovranno migliorare. Una prima verifica doveva essere fatta a febbraio, ma è saltata a causa elezioni». Boccia ammette che non tutti sono all’altezza di questa “politica nuova”. «Anche nel Pd cerco di far cambiare idea e, per ora, noi del nuovo siamo un partito trasversale». Ma anche l’economia è a corto di immaginazione. L’onorevole del Pd ha attaccato Poste: «Ha regalato il 90 per cento del mercato della spedizione dei pacchi a una multinazionale come Amazon. Ci voleva tanto a capire che oggi con un click si smistano decine di pacchi? Al contrario le sedi locali, che sarebbero state preziose per la logistica, sono state smantellate».
Ultimo a intervenire, Saverio Romano: «I tempi del cambiamento sono così veloci, che la politica non ce la fa ad arrivare» esordisce il Responsabile del Dipartimento Mezzogiorno dell’Eurispes. Ma ci sono cose che da tempo si dovevano fare, partendo dalla constatazione che c’è un Sud molto più povero del resto del Paese. «È necessario creare infrastrutture, per garantire il decollo di questa parte d’Italia – ha puntualizzato Romano, tornando sui temi dell’intervista rilasciata al nostro magazine –. «Ma come è possibile che la stampa difenda a oltranza la Tav e non spenda una parola sul raddoppio necessario delle ferrovie al Sud, e sul prolungamento della rete autostradale? Lo sappiamo che il reddito pro capite di alcune città come Napoli, Cosenza, Palermo, è inferiore a quello di Atene?».
Poi i saluti finali, del Presidente dell’Eurispes Gian Maria Fara e del Rettore dell’Università Mercatorum Giovanni Cannata. Con la promessa che non è finita qui.

Ultime notizie
conferenza europa
Europa

La Conferenza sul Futuro dell’Europa entra nel vivo

La Conferenza sul Futuro dell’Europa entra finalmente nel vivo, articolata in diverse fasi che vanno dall’ascolto, alla generazione di proposte concrete e alla realizzazione delle stesse. La parola d’ordine è partecipazione, dal momento che i cittadini europei saranno direttamente coinvolti come rappresentanza, ma sussiste il nodo delle procedure più opportune a cui far riferimento.
di Nicola Verola*
conferenza europa
radio
Cultura

La radio non è in crisi, ha tanta storia e moltissimo futuro

La radio non è un mezzo in crisi, ma ha profondamente cambiato la sua offerta con meno scouting e più programmi di approfondimento. Dagli anni della propaganda fascista, all’epoca delle radio libere, oggi le radio si attengono ad una offerta generalista nelle scelte musicali e più improntata su programmi giornalistici e di approfondimento, nonché sulle nuove tecnologie.
di Alfonso Lo Sardo
radio
populismo
Politica

Il secondo tempo del populismo

"Il secondo tempo del populismo" di Alessandro Barile, pubblicato da Momo edizioni, raccoglie saggi sulle evoluzioni del populismo ad oggi. I saggi affrontano tematiche diverse, declinando il populismo in chiave geopolitica, come fenomeno di contrapposizione di classe o polarizzazione tra centro e periferie, offrendo così una visione globale e odierna del fenomeno.
di Ilaria Tirelli
populismo
astensionismo
Opinioni e commenti

A lezione dalle urne: l’astensionismo è distanza tra cittadini e politica

I ballottaggi per i Sindaci hanno confermato l’inesorabile declino della partecipazione popolare alle scelte comuni: la distanza tra cittadini e politica è una lacerazione profonda per la democrazia, che evidenzia la inadeguatezza della politica locale e dei partiti nel fare da tramite tra cittadini e Istituzioni.
di Angelo Perrone*
astensionismo
Economia

Sindacato e cambiamenti globali: quale preparazione hanno i sindacalisti?

I sindacalisti di oggi hanno la preparazione e le competenze adeguate per rappresentare al meglio le esigenze dei lavoratori in questa fase...
di Marco Ricceri*
Internazionale

The task of politics is to be “regulating rooms” between the interests of finance and the society

The belief that the so-called European welfare state was an obstacle to the development of the modern market and that it was...
di Gian Maria Fara*
STATO
Metafore per l'Italia

La politica sia “stanza di regolazione” tra interessi di mercato e corpo sociale

Le esperienze recenti dimostrano che senza il suo sistema di welfare l’Europa non avrebbe retto all’urto delle crisi. Lo Stato e le Istituzioni hanno il compito di regolare ed equilibrare gli interessi del mercato e le esigenze del corpo sociale, non limitarsi all’esercizio di un ruolo esterno di vigili del mercato. Riaffermare tale posizione significa ripartire dalla crisi esistenziale generata dall’incertezza e riequilibrare i divari economici e di genere.
di Gian Maria Fara*
STATO
medicina
Recensioni

Da Ippocrate a Bill Gates, come la tecnologia ha cambiato la medicina

Il futuro della medicina è adesso. Fa il punto sullo stato dell’arte della tecnologia il nuovo libro del giornalista Claudio Barnini: Da Ippocrate a Bill Gates. Come la tecnologia ha cambiato la medicina. 
di redazione
medicina
Ue
Economia

La nuova proposta Ue di direttiva sul bilancio di sostenibilità “Corporate Sustainability Reporting Directive”

All’interno dell’Unione europea il dibattito sulle tematiche della trasparenza è senza dubbio ormai maturo ed esistono già regolamentazioni sulla rendicontazione non finanziaria che le aziende sono tenute ad applicare per essere in regola con gli obiettivi generali di sostenibilità
di Fabrizio Zucca*
Ue
Internazionale

Corruzione e nuove forme di infiltrazione nella Pa e nell’economia

A margine del 30° Forum Economico dell’Europa Centrale e dell’Est (Karpacz, Polonia - 7 al 9 settembre), nel panel dedicato alle prospettive...
di redazione