Società

Violante: “La democrazia costa fatica, la cura è la memoria”

227

La democrazia non si trova in natura: è un prodotto artificiale, frutto della ragione e del desiderio di libertà. Se non è curata, alimentata e potenziata, appare inevitabile la sua crisi di fronte all’apparente maggior efficacia del dispotismo». Così Luciano Violante nel suo libro dal titolo Democrazie senza memoria (Giulio Einaudi editore) in cui affronta con lucidità e disincanto la crisi dell’istituto democratico in un’epoca di grandi trasformazioni e lancia il suo appello: «È necessaria la memoria della democrazia, delle sconfitte e delle sue vittorie, dei suoi valori e delle sue difficoltà. Ed è necessario che questa memoria passi di generazione in generazione, altrimenti si resta prigionieri dei pregiudizi».

 

IMG_5929(1)

L’autore ci conduce in un viaggio affascinante nei meccanismi della democrazia, nelle sue trasformazioni odierne, paventando quello che non è più un rischio lontano ma molto vicino: l’avvento di regimi autoritari – spesso solo apparentemente democratici – persino nei paesi di lunga tradizione democratica. Stiamo vivendo un cambiamento epocale, segnato dalla crescita della globalizzazione e dalla digitalizzazione: crescono le diseguaglianze, le grandi migrazioni hanno messo in crisi il senso d’identità di milioni di persone, la sfiducia nelle élites esperte anima populismi e nazionalismi etnici. È necessaria una nuova cultura politica per sostenere la democrazia.  Occorre dunque la memoria, occorre ricordare perché la democrazia è un prodotto della volontà degli uomini.  Ed è necessario che, in Italia e in molti altri paesi occidentali, i partiti tornino alla società, si occupino della formazione delle classi dirigenti, costruiscano comunità politiche, difendano il primato della ragione.
Le democrazie hanno bisogno di luce: la democrazia muore nel buio, e a dirlo fu Bob Woodward, scopritore insieme a Carl Bernstein, dello scandalo Watergate che costrinse alle dimissioni il presidente Nixon. La libertà di stampa è connaturata con l’idea stessa di democrazia, con il suo pluralismo e con il rispetto dell’altro. Occorre poi far cadere il luogo comune per il quale la democrazia è la forma di governo più diffusa: oggi, secondo il Centro studi Freedom House, soltanto il 40% della popolazione mondiale vive in regimi stabilmente democratici, il 24% risiede in regimi semidemocratici, il 36% in regimi per nulla democratici. C’è in atto una crisi. Vengono messi in discussione la validità e la stessa efficacia dei princìpi democratici che avevano garantito pace, pluralismo, libertà di parola e di opinione, benessere diffuso.
I fattori che portarono al primato della democrazia si sono rovesciati nel loro contrario. La caduta del muro di Berlino ha avviato il crollo del muro sovietico; conseguentemente la democrazia occidentale si è rivestita dei propri allori e ha considerato se stessa come una ineluttabile certezza. Il capitalismo aveva segnato la più importante delle sue vittorie e l’intreccio fra capitalismo e democrazia appariva l’unico futuro auspicabile per l’umanità.  E solo un Stato effettivamente democratico può garantire un’armonia tra crescita capitalistica ed equità sociale: il capitalismo senza regole svuota la democrazia.
Ma, presto, il mercato e il capitalismo sono divenuti globali, mentre la democrazia è rimasta locale. Le generazioni successive alla Guerra fredda sono cresciute in tempi pienamente democratici, certe della insostituibilità della democrazia, ignorando le fatiche della sua costruzione e della sua manutenzione. È progressivamente venuta meno l’idea che i cittadini abbiano una propria specifica responsabilità nella costruzione e nel consolidamento della democrazia. La riduzione della politica a pura tecnica di governo ha prodotto disinteresse per i suoi valori: l’uguaglianza, l’intangibilità dei diritti fondamentali, il merito, la responsabilità per l’esercizio del potere politico. Il conflitto politico è diventato uno scontro diretto a sostituirsi ai governanti o a distruggerne la reputazione. L’importante è vincere, non governare. È il triste spettacolo del teatrino della politica con i suoi attacchi ad personam e gli slogan urlati. E tutto ciò porta il cittadino a ritenere che la democrazia sia questo. Nulla di più sbagliato.
Altro fattore penalizzante, oggi, il fatto che sulla democrazia grava un sovraccarico crescente di domande: eguaglianza sociale, sicurezza, istruzione di massa, assistenza pensionistica e sanitaria, casa, lavoro. Le aspettative aumentano ma le risorse sono esigue e non tutte possono essere accettate. Da qui, la disillusione e la frustrazione. I nemici alle porte della democrazia? I nazionalismi e i populismi, le false notizie e la disinformazione organizzata, l’assenza di divisione dei poteri in uno Stato. Ma, soprattutto, la scarsa memoria sulla immane fatica e sui grandi sacrifici che la conquista della democrazia ha richiesto ai nostri padri.

Ultime notizie
Informazione

La rivoluzione digitale può modificare il nostro cervello?

La rivoluzione digitale ha generato un salto “epistemologico”, ha modificando le categorie stesse della conoscenza, spazio e tempo non sono più le forme a priori kantiane delle nostre sensazioni siamo, insomma, un passo oltre.
di Massimiliano Cannata
Fisco

Autonomia differenziata. “Rischia di alimentare la fake news del Sud che “campa” alle spalle del Nord”

Per la prima volta nella storia della Repubblica è stata chiesta in maniera ufficiale un’indagine conoscitiva per appurare in modo oggettivo quale...
di Marco Ascione
International

Asia Centrale: teatro di scontro geopolitico e mercato energetico in rapida ascesa

Europa e Cina con lo sguardo verso l’Asia Centrale, area di scontri geopolitici ma anche, e sempre di più, mercato economico in scesa verso il quale si stanno direzionando cospicui investimenti internazionali. L'approfondimento
di Giuliano Bifolchi
Ambiente

Corpo Forestale assorbito nell’Arma, per la Corte Costituzionale è legittimo. Del Sette: “Sentenza netta”

La Corte Costituzionale, con la sentenza pubblicata lo scorso 10 luglio, ha confermato la legittimità della riforma legislativa concernente l’assorbimento nell’Arma dei Carabinieri del disciolto Corpo Forestale dello Stato. Tullio Del Sette: "Sentenza netta, che ha spazzato via definitivamente, senza possibilità di appello, le riserve di alcuni sulla legittimità costituzionale".
di Tullio Del Sette
Criminalità e contrasto

Sicurezza e scandalo in magistratura, Sorgi: “Rischio per l’indipendenza dei magistrati”

Dal fenomeno del caporalato a quello del lavoro nero, passando per le infiltrazioni mafiose e della 'ndrina, in particolare, nella regione Emilia Romagna; fino alle misure previste dai decreti “sicurezza”, e ai recenti scandali che hanno coinvolto la magistratura. Intervista al magistrato Carlo Sorgi.
di Marco Omizzolo
Europa

Il Gattopardo a Bruxelles. Le prime mosse dell’Europarlamento

Un brutto accordo è sempre migliore di un accordo mancato. Vista la situazione a cui è giunta l’Unione, sarebbe opportuno fare uno sforzo per leggere positivamente l’intesa raggiunta al vertice del 2 luglio, che non è poi diversa nel metodo e nel risultato rispetto a quanto fatto in passato.
di Carmelo Cedrone
Ambiente

Ricerca: insetti per produrre energia e fertilizzanti agricoli. Il progetto del Centro Enea

Utilizzare gli insetti che si nutrono di materia organica in decomposizione per la produzione di biocarburanti avanzati, materiali innovativi biodegradabili o fertilizzanti...
di redazione
Gioco

Giochi: la stretta normativa può accrescere l’illegalità. La Corte dei Conti conferma le tesi dell’Eurispes

La riduzione del numero degli apparecchi da intrattenimento unita all’inasprimento delle limitazioni delle distanze da luoghi cosiddetti sensibili e degli orari di gioco da parte di norme regionali e locali, hanno determinato una contrazione del mercato legale e un probabile incremento dei fenomeni illegali. Lo dice la Corte dei Conti.
di Chiara Sambaldi e Andrea Strata
Economia

La criptovaluta diventa “moneta di Stato”. Il caso del “petro”

Il “petro” in Venezuela, lo “yuan digitale” in Cina, il “payMon” nella Repubblica islamica: l'avvento della “criptovauta di Stato” rappresenta il tentativo di “imbrigliare” una tecnologia nata in base ad un principio di “anarchia finanziaria” in un sistema regolato e, quindi, nuovamente controllato.
di Giovambattista Palumbo
Finanza

Banche, la donna che “traghetta” l’Italia verso le nuove sfide dell’open banking

Trasformazione e digitalizzazione del sistema finanziario: negli ultimi anni, il sistema dei pagamenti e l'organizzazione delle imprese e delle banche è profondamente cambiato. Tra gli artefici e i protagonisti di questa transizione, il Consorzio CBI, da poche settimane diventato una società consortile per azioni. Ne parliamo con Liliana Fratini Passi, Direttore Generale di CBI S.c.p.a.
di Valentina Renzopaoli