Sostenibilità

Clima: a Parigi per una sostenibilità globale dello sviluppo

100

Un appello al mondo accademico perché operi in rete, in modo interdisciplinare, la sola via per affrontare adeguatamente ed efficacemente i complessi problemi della sostenibilità dello sviluppo: è questo il contributo di cui vi è necessità di fronte ai drammatici effetti dei cambiamenti climatici.

In vista della prossima Conferenza (COP21), vero e proprio vertice internazionale che le Nazioni Unite svolgeranno a Parigi dal 30 novembre all’11 dicembre 2015, si fa sempre più strada la coscienza che occorre intervenire decisamente sui modelli di sviluppo seguiti finora, facendo chiarezza sui concetti-guida delle politiche e ponendo rimedio alla frammentazione sia degli studi che degli interventi.

L’iniziativa è partita dall’Olanda, promossa dall’Associazione Internazionale sulla Qualità Sociale – IASQ con il contributo di un gruppo di rappresentanti di centri di studi e ricerca di diverse parti del mondo, tra cui Eurispes per l’Italia. Si segnalano studiosi e rappresentanti dell’Università di Griffith (Australia), il Towsend Centre for International Poverty Research–Università di Bristol, l’Università di Cambridge e l’Università di Sheffield (Gran Bretagna), l’Università Zhejang (Cina), l’Università Plekhanov (Russia), l’Università Trisaki (Malaysia), l’Università di Seoul (Corea del Sud).

L’appello chiede in particolare alle autorità politiche che si riuniranno al vertice di Parigi di promuovere la costituzione di una “Rete accademica interdisciplinare internazionale” che metta a sistema i tanti studi settoriali e specifici per affrontare, questo l’obiettivo di fondo, il problema della sostenibilità dello sviluppo moderno in termini globali e in ogni caso agendo contemporaneamente sui diversi processi da cui può emergere una soluzione organica: i processi socio-economici, socio-politico-istituzionali, socio-culturali, socio-ambientali.

A questi fine, il vertice di Parigi dovrebbe chiarire bene, ad esempio, che cosa significano, in termini, concettuali e pratici, espressioni come la “sicurezza umana”, la “qualità sociale”, la “partecipazione attiva dei cittadini” alle scelte che riguardano tutti i popoli e le generazioni future.

Eurispes aveva già sollevato questa esigenza ormai ineludibile in una Conferenza europea sulla qualità sociale dello sviluppo, promossa lo scorso ottobre 2014, durante la presidenza italiana del semestre Europeo; una iniziativa che aveva visto la partecipazione attiva di molti esponenti della cultura e della ricerca riuniti insieme ad operatori economici ed esponenti delle organizzazioni della società civile, a cominciare dalle confederazioni sindacali.

Adesso questo nuovo intervento: è chiaro che il mondo accademico potrebbe dare un grande contributo alla migliore impostazione e soluzione dei problemi legati ai cambiamenti climatici, come è altrettanto chiaro che il mondo accademico non può non assumersi precise responsabilità di fronte a scelte che appaiono sempre più obbligate. Ma questa responsabilità, mai come in questo passaggio difficile per tutti, si misura su una reale volontà collaborativa, sulla messa a comune dei patrimoni conoscitivi, sull’avvio, appunto, di un lavoro interdisciplinare, superando chiusure, steccati e situazioni spesso autoreferenziali.

Leggi l’appello

 

Ultime notizie
Sicurezza

Malaffare e politica, Franco Roberti: “Legame con la mafia ancora profondo”

Dal grande progetto di “videosorvegliare” Napoli e le sue periferie, al macrotema dell’immigrazione, a quello sulla legittima difesa; e poi il terrorismo e i pericoli per l’Italia. Intervista a 360 grandi a Franco Roberti
di Valentina Renzopaoli
International

Forum Cina Africa: investimenti e cancellazione del debito

Si è tenuto a Pechino ad inizio settembre il “Forum of China Africa Cooperation” (FOCAC) con la partecipazione di 53 capi di stato e di governo di tutti i Paesi africani e della dirigenza cinese.
di Paolo Raimondi
Salute

La bellezza è una scienza. I segreti della neuroestetica

Bellezza, arte, pelle e scienza. Il 21 e 22 settembre a Roma la decima edizione di DermArt, convegno internazionale che mette a confronto la clinica delle malattie della pelle con l’arte visuale e le scienze dell’osservazione
di Massimiliano Cannata
Immigrazione

Allarme scuola: le donne straniere adesso fanno meno figli

Gli studenti figli di immigrati sono costantemente cresciuti negli ultimi decenni. Ma l’equilibrio si sta infrangendo, i tassi di natalità delle donne immigrate sono in calo, e si può dire che gli alunni stranieri non bilancino più la perdita in atto
di Corrado Giustiniani
Europa

Tensione con l’Europa, Agea: “Lega e M5S non sono la stessa cosa”

Italia al braccio di ferro con l’Europa, Salvini sfida i partner tradizionali, Orban più vicino. Ma “Lega e M5S non sono la stessa cosa e sovrapporli è un errore madornale”. L'intervista all’europarlamentare M5S Laura Agea
di Valentina Renzopaoli
Società

Papa Bergoglio commuove la Sicilia. “La mafia è una bestemmia”

«Non si può credere in Dio ed essere mafiosi. Convertitevi». Così Papa Francesco in Sicilia nel ricordo di Padre Pino Puglisi, ucciso dalla mafia, interprete di una Chiesa di territorio e vicina agli ultimi.
di Alfonso Lo Sardo
Europa

Europa, l’inutile minaccia dell’Italia sul “bilancio”

L’Italia minaccia di tagliare il contributo dell’Italia al bilancio dell’Unione europea e il Commissario Ue agli Affari Economici, Pierre Moscovici, risponde chiedendo...
di Carmelo Cedrone
Il punto

Fallendo s’impara. La lezione della Lehman Brothers

Disfatta Lehman Brothers dieci anni dopo. La crisi che ha inaugurato ha avuto, per così dire, un "merito" speciale.
di Alberto Mattiacci
Recensioni

“C’è del marcio nel piatto”. Il cibo svelato da Caselli e Masini

L’agroalimentare è un “pilastro” dell’economia nazionale che genera business, ma anche “appetiti”, esercitati da organizzazioni criminali senza scrupoli. Il saggio, C’è del marcio nel piatto! svela gli aspetti drammatici di un fenomeno che interessa tutti
di Massimiliano Cannata
Economia

Harakiri Sicilia: quei 700 milioni che la Ue sta per riprendersi

La spesa comunitaria in Sicilia fa registrare una nuova battuta d’arresto. A tre mesi dalla scadenza annuale, il rischio oggi è che oltre 700 milioni di risorse europee possano ritornare alla casa madre.
di Alfonso Lo Sardo