Elezioni in Abruzzo, Tav, Agromafie e attacco a Conte. La Rai “minimizza”

Dalle elezioni in Abruzzo all’analisi costi benefici della Tav, all’attacco a Conte all’Europarlamento. Ecco come Rai, Mediaset e La 7 hanno affrontato i temi all’interno dei loro telegiornali, nella settimana dalll’11 al 15 febbraio.

Fino a quanto dunque, Salvini, terrai a galla Di Maio? E con quali prezzi per il Paese? Questo l’interrogativo che lunedì sera il commentatore Sallusti lancia dagli studi di Tg5, analizzando i risultati delle elezioni in Abruzzo. Ed è proprio Mediaset che appare “rinvigorita” dagli esiti della domenica elettorale, che giustificano una grande presenza del redivivo Berlusconi (11 volte nei titoli, 9 delle quali su Mediaset). Una parte dell’opposizione, anche se minoritaria, trae comunque energia dalla vittoria della Lega, ed è proprio Tg5 che la celebra, con ben 4 interventi schierati (compreso Sallusti). Non si tratta, certo, di una novità: marcare le divisioni nella maggioranza è oramai lo sport nazionale delle testate Mediaset. Nella settimana appena trascorsa, su 25 titoli di “politica” quasi la metà (12) contenevano espressioni come “malumori nel governo”, “fratture” o “alleati sempre più distanti”.
Del tutto diverso l’atteggiamento delle testate Rai. Tg1 e Tg2 evitano più che possibile di esplicitare le distanze nella maggioranza, e di esasperare gli esiti del voto. La sconfitta di 5 Stelle, così evidente sulle altre testate, non spicca su Tg1 ma neanche su Tg2. “Il governo va avanti”: questo il messaggio “tranquillizzante” con cui sia Carboni che Sangiuliano “incartano” le edizioni delle rispettive testate.
Gli esiti dell’analisi costi benefici sulla Tav, esclusi i 5 Stelle, non li difende nessuno. E questo vale anche per i Tg Rai vicini alla maggioranza. Lo stesso Tg1, dal quale ci si sarebbe potuti aspettare qualche forzatura filo-Toninelli, risulta ineccepibile – mercoledì sera – nell’illustrazione delle posizioni dei contendenti. Anche in questo caso, se vogliamo, è riscontrabile da parte del Tg1 ma anche del Tg2 un’attenzione a non esasperare le divisioni tra Cinque Stelle e Lega. Lo stesso si ripropone nelle giornate successive per l’apertura del dossier sull’autonomia differenziata per le Regioni (9 titoli tra giovedì e venerdì), con la Lega che spinge ed i Cinque Stelle che frenano.
Il duro attacco di Verhofstadt al Presidente del Consiglio Conte all’Europarlamento, martedì sera è presente su tutti i Tg, ma conquista l’apertura solo sul Tg1, che ne segnala la gravità. Ancora più esplicito in questo senso è Tg La7, con Mentana che sottolinea che dare del “burattino” ad un premier equivale ad offendere un intero paese.

La protesta del latte, Rapporto Agromafie e la cronaca
Per il resto, la settimana dell’informazione ha garantito una discreta visibilità alle parti sociali. Grande spazio ha ricevuto la protesta dei pastori sardi (12 presenze nei titoli) ma anche la dialettica tra Di Maio ed i sindacati riguardo ad Alitalia.
Spazi significativi hanno trovato anche le azioni di contrasto alla criminalità organizzata. Tg1 propone un interessante servizio che mostra le tecniche con cui gli scafisti attirano i clienti per i viaggi verso l’Italia. La nuova aggressione alla troupe Rai del giornalista Piervincenzi figura mercoledì sui titoli del Tg1 (servizi per Rai ed i Tg delle 20). Buona l’attenzione alla presentazione giovedì del rapporto Agromafie curato da Eurispes e Coldiretti, che aggiorna i dati sull’economia criminale nel settore agricolo ed alimentare: 5 titoli e 5 servizi.
Per gli esteri, la finestra sul Venezuela resta aperta ma nessuna testata vi dedica ulteriori approfondimenti. La crisi del governo in Spagna che porterà ad elezioni anticipate raccoglie mercoledì 3 titoli, mentre giovedì Tg La7 è il solo a titolare sul nuovo intoppo sulla strada per la Brexit. L’annuncio di Trump che dichiara lo “stato di emergenza” per sbloccare i miliardi necessari alla costruzione del muro sul confine con il Messico, è apertura venerdì per Tg3, e nei titoli per Tg2 e le testate delle 20.
La cronaca ha trovato grande attenzione, grazie anche alla prima udienza per l’omicidio di Pamela Mastropietro (6 titoli mercoledì) e per l’assoluzione degli assassini della 25enne italo-pachistana Sana per “insufficienza di prove” ad opera di un tribunale pakistano: titoli per Tg4, Tg1 e Tg2; quest’ultimo vi dedica l’apertura ed un duro editoriale. Sempre Tg2 apre giovedì sulle condizioni di salute del fondatore della Lega, Umberto Bossi, colpito da un improvviso malore (5 i titoli nel corso della settimana).
Segnaliamo anche questa settimana l’attenzione del Tg3 ai temi sociali. La testata diretta da Giuseppina Paterniti ha proposto diversi servizi sugli invalidi del lavoro. Sempre Tg3, in apertura giovedì, propone l’intervento di Papa Francesco alla Fao, che ha tuonato contro le logiche che producono penuria alimentare per tante popolazioni nel mondo.

Ultime notizie
Italia

Reti europee di trasporto TEN-T: l’Italia penalizzata dalle nuove strategie adottate

Una premessa. Era il lontano 2004 quando l’Unione europea, per impulso di Romano Prodi Presidente della Commissione, immaginò di rafforzare il processo...
di Gianpaolo Basoli, Luca Danese, Marco Ricceri
violenza contro le donne
Donne

Violenza contro le donne, meno vittime ma attenzione ai reati spia

Violenza contro le donne, nel report della Direzione centrale della Polizia criminale allerta sui reati spia e sulle vittime con disabilità. Diminuiscono i casi di femminicidio, -9% rispetto al 2021, ma aumentano le violazioni di allontanamento e i reati di violenza sessuale.
di redazione
violenza contro le donne
stalking
Criminalità e contrasto

Stalking, vittime degli atti persecutori continuano ad essere soprattutto le donne

Lo stalking, ossia gli atti persecutori, è considerato uno dei reati spia, quei delitti che sono indicatori di una violenza di genere. È possibile leggere il fenomeno attraverso gli ultimi dati messi a disposizione dalla Direzione Centrale della Polizia Criminale e le indagini realizzate dall'Eurispes.
di Susanna Fara
stalking
intelligenza artificiale
Tecnologia

Intelligenza artificiale, costi e benefici ambientali della rivoluzione digitale

Intelligenza artificiale e sostenibilità: migliorare l’efficienza energetica dei sistemi è utile al bilancio ambientale, ma non bisogna trascurare gli impatti diretti delle operazioni di calcolo e delle infrastrutture tecnologiche, in termini di consumo energetico e di materie prime.
di Roberta Rega
intelligenza artificiale
scuola
Scuola

La crisi della scuola come laboratorio di eccellenza e inclusione raccontata dal Presidente Roberto Ricci attraverso i dati INVALSI

La scuola italiana descritta dalle prove INVALSI è un sistema affetto da divario territoriale e scarsa attenzione alla crescita degli alunni: un alunno su dieci è in una situazione di fragilità al termine del ciclo di scuola secondaria, con punte vicine al 20% nelle regioni del Mezzogiorno.
di Roberto Ricci*
scuola
sud e coesione
Italia Domani

Sud e coesione territoriale: a che punto siamo?

Sud e coesione territoriale sono tra i punti fondamentali del PNRR. Quasi 20 miliardi di euro sono destinati a politiche di inclusione e coesione, volte a colmare il divario territoriale presente in Italia. Dopo il lavoro svolto dal Ministero del Sud, le modifiche di competenze dei Ministeri volute dal nuovo governo introducono nuovi scenari organizzativi.
di Claudia Bugno*
sud e coesione
Van Gogh
Cultura

Vincent Van Gogh, i colori che hanno influenzato il mondo. La mostra a Roma

La pittura di Vincent Van Gogh è entrata nell’immaginario collettivo, diventando oggetto di venerazione e culto. Una mostra al Palazzo Bonaparte di Roma, in occasione dei 170 anni dalla nascita, esplora il mistero di una fascinazione per il colore che ha conquistato intere generazioni.
di Angelo Perrone
Van Gogh
welfare
Intervista

Le nuove emergenze impongono un ripensamento del welfare e del ruolo dei sindacati. Intervista al Presidente Tiziano Treu

Le nuove emergenze globali impongono un ripensamento di welfare e ruolo dei sindacati per far fronte ad emergenze sociali legate a inflazione e povertà. Il PNRR e l’agenda Draghi hanno segnato una svolta verso coesione e sostenibilità, ma bisogna puntare sull’innovazione. A colloquio con Tiziano Treu Presidente del CNEL.
di Massimiliano Cannata
welfare
questione meridionale
Mezzogiorno

Questione meridionale ancora aperta. Superare il divario tra Nord e Sud centrale per ritrovare unità nazionale

La questione meridionale è stata messa da parte con la Seconda Repubblica, lasciando la centralità alla narrazione politica di un Paese disunito e con opposte rivendicazioni. Ma il Sud resta al centro dello sviluppo del Paese e della sua unità nazionale, e il PNRR deve rappresentare una occasione per colmare il divario.
di Luca Bianchi*
questione meridionale
agroscienze
Agricoltura

L’ascesa dell’agricoltura sostenibile e la crescita del mercato delle agroscienze

Alla ricerca della sostenibilità in agricoltura Il settore agricolo si sta ormai orientando su scala globale verso pratiche sostenibili volte a preservare e...
di Cecilia Fracassa
agroscienze