Osservatorio TG

Elezioni in Abruzzo, Tav, Agromafie e attacco a Conte. La Rai “minimizza”

173

Dalle elezioni in Abruzzo all’analisi costi benefici della Tav, all’attacco a Conte all’Europarlamento. Ecco come Rai, Mediaset e La 7 hanno affrontato i temi all’interno dei loro telegiornali, nella settimana dalll’11 al 15 febbraio.

Fino a quanto dunque, Salvini, terrai a galla Di Maio? E con quali prezzi per il Paese? Questo l’interrogativo che lunedì sera il commentatore Sallusti lancia dagli studi di Tg5, analizzando i risultati delle elezioni in Abruzzo. Ed è proprio Mediaset che appare “rinvigorita” dagli esiti della domenica elettorale, che giustificano una grande presenza del redivivo Berlusconi (11 volte nei titoli, 9 delle quali su Mediaset). Una parte dell’opposizione, anche se minoritaria, trae comunque energia dalla vittoria della Lega, ed è proprio Tg5 che la celebra, con ben 4 interventi schierati (compreso Sallusti). Non si tratta, certo, di una novità: marcare le divisioni nella maggioranza è oramai lo sport nazionale delle testate Mediaset. Nella settimana appena trascorsa, su 25 titoli di “politica” quasi la metà (12) contenevano espressioni come “malumori nel governo”, “fratture” o “alleati sempre più distanti”.
Del tutto diverso l’atteggiamento delle testate Rai. Tg1 e Tg2 evitano più che possibile di esplicitare le distanze nella maggioranza, e di esasperare gli esiti del voto. La sconfitta di 5 Stelle, così evidente sulle altre testate, non spicca su Tg1 ma neanche su Tg2. “Il governo va avanti”: questo il messaggio “tranquillizzante” con cui sia Carboni che Sangiuliano “incartano” le edizioni delle rispettive testate.
Gli esiti dell’analisi costi benefici sulla Tav, esclusi i 5 Stelle, non li difende nessuno. E questo vale anche per i Tg Rai vicini alla maggioranza. Lo stesso Tg1, dal quale ci si sarebbe potuti aspettare qualche forzatura filo-Toninelli, risulta ineccepibile – mercoledì sera – nell’illustrazione delle posizioni dei contendenti. Anche in questo caso, se vogliamo, è riscontrabile da parte del Tg1 ma anche del Tg2 un’attenzione a non esasperare le divisioni tra Cinque Stelle e Lega. Lo stesso si ripropone nelle giornate successive per l’apertura del dossier sull’autonomia differenziata per le Regioni (9 titoli tra giovedì e venerdì), con la Lega che spinge ed i Cinque Stelle che frenano.
Il duro attacco di Verhofstadt al Presidente del Consiglio Conte all’Europarlamento, martedì sera è presente su tutti i Tg, ma conquista l’apertura solo sul Tg1, che ne segnala la gravità. Ancora più esplicito in questo senso è Tg La7, con Mentana che sottolinea che dare del “burattino” ad un premier equivale ad offendere un intero paese.

La protesta del latte, Rapporto Agromafie e la cronaca
Per il resto, la settimana dell’informazione ha garantito una discreta visibilità alle parti sociali. Grande spazio ha ricevuto la protesta dei pastori sardi (12 presenze nei titoli) ma anche la dialettica tra Di Maio ed i sindacati riguardo ad Alitalia.
Spazi significativi hanno trovato anche le azioni di contrasto alla criminalità organizzata. Tg1 propone un interessante servizio che mostra le tecniche con cui gli scafisti attirano i clienti per i viaggi verso l’Italia. La nuova aggressione alla troupe Rai del giornalista Piervincenzi figura mercoledì sui titoli del Tg1 (servizi per Rai ed i Tg delle 20). Buona l’attenzione alla presentazione giovedì del rapporto Agromafie curato da Eurispes e Coldiretti, che aggiorna i dati sull’economia criminale nel settore agricolo ed alimentare: 5 titoli e 5 servizi.
Per gli esteri, la finestra sul Venezuela resta aperta ma nessuna testata vi dedica ulteriori approfondimenti. La crisi del governo in Spagna che porterà ad elezioni anticipate raccoglie mercoledì 3 titoli, mentre giovedì Tg La7 è il solo a titolare sul nuovo intoppo sulla strada per la Brexit. L’annuncio di Trump che dichiara lo “stato di emergenza” per sbloccare i miliardi necessari alla costruzione del muro sul confine con il Messico, è apertura venerdì per Tg3, e nei titoli per Tg2 e le testate delle 20.
La cronaca ha trovato grande attenzione, grazie anche alla prima udienza per l’omicidio di Pamela Mastropietro (6 titoli mercoledì) e per l’assoluzione degli assassini della 25enne italo-pachistana Sana per “insufficienza di prove” ad opera di un tribunale pakistano: titoli per Tg4, Tg1 e Tg2; quest’ultimo vi dedica l’apertura ed un duro editoriale. Sempre Tg2 apre giovedì sulle condizioni di salute del fondatore della Lega, Umberto Bossi, colpito da un improvviso malore (5 i titoli nel corso della settimana).
Segnaliamo anche questa settimana l’attenzione del Tg3 ai temi sociali. La testata diretta da Giuseppina Paterniti ha proposto diversi servizi sugli invalidi del lavoro. Sempre Tg3, in apertura giovedì, propone l’intervento di Papa Francesco alla Fao, che ha tuonato contro le logiche che producono penuria alimentare per tante popolazioni nel mondo.

Ultime notizie
Giustizia

Indagine sul Processo Penale: Fara: “La giustizia sta peggio di 10 anni fa”

Cosa accade nelle aule giudiziare del nostro Paese. A distanza di 11 anni dal Primo Rapporto sul processo penale, esce il nuovo studio dell'Eurispes. Ecco cosa è cambiato.
di redazione
Giustizia

Giustizia, i temi “hot”. Avv. Tafuro: “Contro lo stop alla prescrizione astensione ad oltranza”

Il “dossier giustizia” agita la maggioranza giallo-rossa. Dal tema delle intercettazioni al nodo della prescrizione, passando per il riordino del Csm. Ne parliamo...
di Valentina Renzopaoli
Gioco

Alcol, droga, fumo, gioco. Sacchetti: “Il rischio dipendenza fa parte dell’uomo”

Dipendenze vecchie e nuove. I numeri crescono e anche le tipologie. Da cosa dipende? La sanità pubblica ha gli strumenti per affrontarle? Ne parliamo con Emilio Sacchetti, Presidente Eletto della Accademia Italiana di Scienze delle Dipendenze Comportamentali
di Alberto Baldazzi
Crescita

Summit Italia, America Latina e Caraibi. Ricceri: “Eco-compatibilità decisiva per la cooperazione internazionale”

L'Eurispes ha partecipato alla “IX Conferenza Italia, America Latina e Caraibi” che si è svolta il 9 e 10 ottobre al Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale
di Antonio De Chiara e Maria Grazia Melchionni
Diritti umani

Summit sui diritti umani a Dublino. Omizzolo: “Ho visto la bellezza di un mondo che non vuole soccombere”

Oltre cento difensori di diritti umani si sono dati appuntamento a Dublino dal 2 al 5 ottobre. Tra loro, Marco Omizzolo, ricercatore dell'Eurispes, eletto Human Rights Defender.
di Marco Omizzolo
Crescita

Sud: l’idea del Mezzogiorno va ripensata. “Combattere la rabbia figlia della frustrazione”

Sud e Futuro: il convegno organizzato dalla Fondazione Magna Grecia getta le basi per una rivoluzione culturale e politica. Il racconto del primo Annual International meeting che si è svolto a Palermo 4 al 6 ottobre, durante il quale è stato presentato il primo Rapporto sul futuro del Mezzogiorno.
di Alfonso Lo Sardo
Fisco

Web tax, Europa: imperdonabile ritardo. Milioni di euro non intercettati dall’erario e utenti che “pagano” con i propri dati

Il 13 dicembre 2018 il Parlamento europeo ha votato ed approvato due relazioni, con le quali viene chiesto all’Europa di introdurre un sistema comune di tassazione per i servizi digitali. L’Italia era stata la prima a muoversi su tale terreno, approvando già, nelle ultime due Leggi di Bilancio una sua web tax, successivamente rimasta solo sulla carta per mancanza dei decreti attuativi. L’analisi e le proposte dell’Osservatorio Eurispes sulle Politiche fiscali.
di Giovambattista Palumbo
Mezzogiorno

Il futuro del Sud. Molti possibili scenari: occorrerà sceglierne uno

Dal 4 al 6 ottobre si svolgerà a Mondello il I Annual International Meeting “Sud e Futuri” organizzato dalla Fondazione Magna Grecia. Parteciperanno oltre 50 protagonisti dell’economia, della cultura, dell’università, della magistratura, del giornalismo che si confronteranno su idee, progetti e proposte per il futuro del Sud.
di Alfonso Lo Sardo
Economia

La nuova frontiera delle criptovalute: rischio corto circuito tra aziende e autorità di controllo

Dal Petro alla Libra: i principali colossi dell’economia sarebbero in procinto di entrare prepotentemente nel mercato delle monete digitali. Ma l’idea di fondo di una vera e propria valuta alternativa, fondata esclusivamente sulla fiducia dei mercati e dei consumatori, anziché sul valore cogente imposto da leggi statali o sovranazionali, ancora non viene accettata dalle autorità bancarie e finanziarie.
di Andrea Strata e Michelangelo Principe
Economia

Stop contanti, nuove tasse non servono. “Ridurre le commissioni sui Pos”

Per incentivare l’uso di transazioni tracciabili occorre una chiara strategia di medio-lungo periodo, che porti anche ad un cambio culturale e all’implementazione della digitalizzazione dei cittadini e della PA. A tal fine, il primo punto su cui intervenire è senz’altro la riduzione delle commissioni sui Pos.
di Giovambattista Palumbo