L’Europa verso l’Unione Bancaria. “Manca una politica di bilancio pubblica unica”. Parte seconda

Dopo aver spiegato cosa sono il sistema bancario italiano e i suoi meccanismi, cos’è una crisi bancaria e come si affronta, e quanto è necessaria l’educazione finanziaria, il professor Giampaolo Gabbi, intervistato da Alberto Mattiacci, parla dei prossimi passi in direzione di una vera Unione Bancaria europea.

Professor Gabbi, alziamo il tiro e passiamo all’Europa, un’Unione che secondo alcuni è più finanziaria che politica. Si parla di Unione bancaria come ultimo tassello della costruzione dell’Unione Economica. Per quale ragione al cittadino questo argomento dovrebbe interessare?

L’Unione Bancaria è un passaggio necessario per armonizzare tutte le regole di vigilanza a livello europeo e appunto i meccanismi di salvataggio. Ci sarebbe anche una terza componente: è quella dell’assicurazione dei depositi ma ancora i paesi europei non si sono accordati sull’entità delle somme che sarebbe necessario chiedere alle banche e ai depositanti per garantire, entro il limite dei 100 mila euro, tutti i depositi bancari. Però non è l’ultimo tassello dell’Unione Economica, purtroppo ne mancano numerosi: uno sta per essere definitivamente approvato dal Parlamento Europeo ed è l’unione dei mercati finanziari (market union), cioè un insieme di regole per armonizzare i mercati obbligazionari e azionari e agevolare l’ingresso alle imprese interessate a trovare alternative al debito bancario. Ma il vero problema rimane quello della mancanza di una politica di bilancio pubblico unica, tale da consentire una condivisione del debito fra Stati. Senza quella ci saranno tassi di interesse differenti fra paesi europei e squilibri difficili da gestire.

Concordo assolutamente. Il fulcro della tenuta dell’Unione poggia proprio lì. Passando ad altro argomento: nelle scorse settimane un italiano, Andrea Enria, è stato nominato al vertice della “vigilanza bancaria”. Come valuta questa scelta?

Andrea Enria ha un’esperienza molto profonda del Sistema bancario e delle sue regole, maturate negli ultimi anni come capo dell’EBA, la European Banking Authority. Sono certo che saprà garantire una supervisione equilibrata, che significa trovare incentivi adeguati a comportamenti corretti del management e degli amministratori bancari. Ma mi lasci dire che quello che ancora deve essere rafforzato è il sistema che garantisca la qualità della governance bancaria e non solo in termini di etica, ma anche di competenza. I consigli di amministrazione delle banche sono ancora oggi composti da persone che talvolta ignorano le peculiarità della gestione bancaria. La BCE ora ha poteri più efficaci sulla composizione dei CdA delle banche; sta iniziando a intervenire imponendo una selezione più mirata e chiedendo una formazione specialistica e potrebbe arrivare anche alla rimozione di singoli consiglieri per gravi motivi. Per tornare a Enria, purtroppo il suo primo atto è stato quello di commissariare Carige. Ma era un provvedimento che si doveva fare e da tempo. Questo conferma la sua competenza e la sua decisione anche con decisioni complesse.

Ho lasciato per ultimo un argomento che è, secondo me, la cornice necessaria di ogni ragionamento: la finanziarizzazione dell’economia. Viviamo una economia dove il rapporto reale/finanza è squilibrato a vantaggio della seconda. Come valuta tutto ciò?

Questo è probabilmente il tema che genera potenziali squilibri economici e politici e che ci riporta al problema della scarsa cultura finanziaria.
Non solo l’ammontare delle attività finanziarie ha superato il valore delle attività reali, ma cresce progressivamente la componente speculativa, cioè delle posizioni finanziarie che si attendono un ritorno nel breve termine. Questo short-termism è un elemento che condiziona le scelte aziendali: è molto improbabile che chi ha un orizzonte di breve termine possa adottare una vera strategia o fare investimenti in ricerca e sviluppo. E questo è un problema non solo per la gestione delle banche ma per tutti i settori industriali, se solo si pensa a quante imprese sono governate da fondi e holding finanziarie. La finanza e le sue regole dovranno porsi l’obiettivo di indirizzare le scelte verso politiche orientate a una crescita sostenibile.
Alcuni segnali positivi li osservo nell’attenzione che alcuni intermediari, sia banche sia investitori istituzionali, pongono verso investimenti ESG (Environmental, Social e Governance), cioè sensibili all’ambiente, al sociale e alla governance responsabile. Se si riuscirà a incentivare la direzione delle risorse creditizie e finanziarie verso queste imprese e settori, il sistema bancario potrà accelerare il processo di raggiungimento di obiettivi maggiormente. È possibile che in questo modo si possano evitare semplicistici attacchi alle banche, comprendendo il loro ruolo essenziale per un’economia orientata anche alla riduzione delle diseguaglianze.

Ultime notizie
last20
Mondo

Oltre il G20: The Last20, il mondo visto dagli ultimi

The Last20 è l’iniziativa nata per portare in primo piano storie e testimonianze dai paesi collocati agli ultimi posti nel mondo per ricchezza e prestigio, in contrapposizione alla egemonia economica e politica dei Grandi del G20.
di Tonino Perna e Ugo Melchionda
last20
loot box
Economia

Loot box e gacha games: intrattenimento o gioco d’azzardo?

Loot box e gacha games sono due forme di intrattenimento virtuale e di profitto ancora non regolamentate in ambito fiscale. Utilizzate soprattutto dai giovanissimi nei giochi online, determinano una serie di microtransazioni il cui premio, o risultato, è sconosciuto, e dunque possono rientrare nel gioco d’azzardo.
di Giovambattista Palumbo*
loot box
giustizia riparativa
Giustizia

La giustizia che ripara. Nascono anche in Italia le prime città riparative

La giustizia riparativa mira a ricostruire lo strappo che un reato genera all’interno della collettività, mettendo in comunicazione e collaborazione vittima e autore del reato. A tale scopo sono nate anche in Italia delle città-laboratorio, come nel caso di Tempio Pausania, in Sardegna.
di Giuseppe Pulina
giustizia riparativa
ismea
Agricoltura

Proteggere i redditi agricoli da crisi ed eventi climatici: intervista a Camillo Zaccarini Bonelli, ISMEA

Camillo Zaccarini Bonelli, agronomo esperto di fondi comunitari in agricoltura e politica agricola comunitaria, descrive le soluzioni emerse recentemente per la gestione dei rischi in agricoltura, settore sempre più minacciato da eventi climatici estremi e crisi internazionali.
di Andrea Strata
ismea
gioco
Gioco

Giochi: rischio illegalità all’attenzione delle Regioni

Nei dati forniti dal Comitato per la prevenzione e la repressione del gioco illegale, nel periodo 2020-2021 sono state scoperte 250 sale illegali in pochi mesi, chiuse 100 bische e sequestrate 2 mila slot. Serve indagare le cause di un fenomeno in crescita, nonché sottrarre spazi alle attività illegali.
di Chiara Sambaldi e Andrea Strata
gioco
pnrr
Economia

Pnrr, raggiunti tutti gli obiettivi del primo semestre 2022

Pnrr, il nostro Paese ha raggiunto tutti i target del primo semestre 2022 stabiliti dalla Commissione Europea: 45 interventi, di cui 15 Riforme e 30 Investimenti. Il Mef ha poi inviato la richiesta di pagamento della relativa tranche alla Commissione per un totale di 21 miliardi di euro.
di Claudia Bugno*
pnrr
algoritmo antievasione
Fisco

Un algoritmo antievasione aiuterà l’azione di Agenzia delle Entrate e Guardia di Finanza

Si chiama VeRa l’algoritmo antievasione in grado di incrociare e confrontare i dati dei contribuenti per evidenziarne le irregolarità. Sarà un valido contributo alla lotta all’evasione fiscale per Guardia di Finanza e Agenzia delle Entrate, che avranno accesso ai database nel rispetto delle indicazioni del Garante della Privacy.
di Giovambattista Palumbo*
algoritmo antievasione
AFCTA
Economia

AfCTA un anno dopo: il continente africano guarda al modello Ue per il libero mercato

L’AfCTA è un accordo commerciale firmato e ratificato dalla maggior parte dei paesi africani che prevede tra gli Stati firmatari l’abbattimento dei dazi doganali e la semplificazione degli aspetti burocratico-amministrativi al fine di implementare la libera circolazione delle merci nel continente.
di ODDI EMANUELE
AFCTA
REPowerEU
Economia

REPowerEU, la transizione energetica nel nuovo scenario emergenziale

Il Piano REPowerEU è stato messo a punto dalla Commissione Europea per garantire la sicurezza energetica in Ue, accelerando al contempo la transizione verde delle fonti di energia. Il cambio di marcia è legato alla nuova emergenza energetica causata dal conflitto in Ucraina.
di Claudia Bugno*
REPowerEU
corporate warfare
Economia

Corporate Warfare: un fenomeno sottotraccia con riflessi importanti sulla collettività

La Corporate Warfare, ovvero la guerra aziendale compiuta con ogni mezzo e con le più moderne tecnologie, minaccia le sorti di imprese e settori economici, pubblici e privati, con riflessi sull’intera collettività.
di Alfonso M. Balotta
corporate warfare