L’Europa verso l’Unione Bancaria. “Manca una politica di bilancio pubblica unica”. Parte seconda

Dopo aver spiegato cosa sono il sistema bancario italiano e i suoi meccanismi, cos’è una crisi bancaria e come si affronta, e quanto è necessaria l’educazione finanziaria, il professor Giampaolo Gabbi, intervistato da Alberto Mattiacci, parla dei prossimi passi in direzione di una vera Unione Bancaria europea.

Professor Gabbi, alziamo il tiro e passiamo all’Europa, un’Unione che secondo alcuni è più finanziaria che politica. Si parla di Unione bancaria come ultimo tassello della costruzione dell’Unione Economica. Per quale ragione al cittadino questo argomento dovrebbe interessare?

L’Unione Bancaria è un passaggio necessario per armonizzare tutte le regole di vigilanza a livello europeo e appunto i meccanismi di salvataggio. Ci sarebbe anche una terza componente: è quella dell’assicurazione dei depositi ma ancora i paesi europei non si sono accordati sull’entità delle somme che sarebbe necessario chiedere alle banche e ai depositanti per garantire, entro il limite dei 100 mila euro, tutti i depositi bancari. Però non è l’ultimo tassello dell’Unione Economica, purtroppo ne mancano numerosi: uno sta per essere definitivamente approvato dal Parlamento Europeo ed è l’unione dei mercati finanziari (market union), cioè un insieme di regole per armonizzare i mercati obbligazionari e azionari e agevolare l’ingresso alle imprese interessate a trovare alternative al debito bancario. Ma il vero problema rimane quello della mancanza di una politica di bilancio pubblico unica, tale da consentire una condivisione del debito fra Stati. Senza quella ci saranno tassi di interesse differenti fra paesi europei e squilibri difficili da gestire.

Concordo assolutamente. Il fulcro della tenuta dell’Unione poggia proprio lì. Passando ad altro argomento: nelle scorse settimane un italiano, Andrea Enria, è stato nominato al vertice della “vigilanza bancaria”. Come valuta questa scelta?

Andrea Enria ha un’esperienza molto profonda del Sistema bancario e delle sue regole, maturate negli ultimi anni come capo dell’EBA, la European Banking Authority. Sono certo che saprà garantire una supervisione equilibrata, che significa trovare incentivi adeguati a comportamenti corretti del management e degli amministratori bancari. Ma mi lasci dire che quello che ancora deve essere rafforzato è il sistema che garantisca la qualità della governance bancaria e non solo in termini di etica, ma anche di competenza. I consigli di amministrazione delle banche sono ancora oggi composti da persone che talvolta ignorano le peculiarità della gestione bancaria. La BCE ora ha poteri più efficaci sulla composizione dei CdA delle banche; sta iniziando a intervenire imponendo una selezione più mirata e chiedendo una formazione specialistica e potrebbe arrivare anche alla rimozione di singoli consiglieri per gravi motivi. Per tornare a Enria, purtroppo il suo primo atto è stato quello di commissariare Carige. Ma era un provvedimento che si doveva fare e da tempo. Questo conferma la sua competenza e la sua decisione anche con decisioni complesse.

Ho lasciato per ultimo un argomento che è, secondo me, la cornice necessaria di ogni ragionamento: la finanziarizzazione dell’economia. Viviamo una economia dove il rapporto reale/finanza è squilibrato a vantaggio della seconda. Come valuta tutto ciò?

Questo è probabilmente il tema che genera potenziali squilibri economici e politici e che ci riporta al problema della scarsa cultura finanziaria.
Non solo l’ammontare delle attività finanziarie ha superato il valore delle attività reali, ma cresce progressivamente la componente speculativa, cioè delle posizioni finanziarie che si attendono un ritorno nel breve termine. Questo short-termism è un elemento che condiziona le scelte aziendali: è molto improbabile che chi ha un orizzonte di breve termine possa adottare una vera strategia o fare investimenti in ricerca e sviluppo. E questo è un problema non solo per la gestione delle banche ma per tutti i settori industriali, se solo si pensa a quante imprese sono governate da fondi e holding finanziarie. La finanza e le sue regole dovranno porsi l’obiettivo di indirizzare le scelte verso politiche orientate a una crescita sostenibile.
Alcuni segnali positivi li osservo nell’attenzione che alcuni intermediari, sia banche sia investitori istituzionali, pongono verso investimenti ESG (Environmental, Social e Governance), cioè sensibili all’ambiente, al sociale e alla governance responsabile. Se si riuscirà a incentivare la direzione delle risorse creditizie e finanziarie verso queste imprese e settori, il sistema bancario potrà accelerare il processo di raggiungimento di obiettivi maggiormente. È possibile che in questo modo si possano evitare semplicistici attacchi alle banche, comprendendo il loro ruolo essenziale per un’economia orientata anche alla riduzione delle diseguaglianze.

Ultime notizie
Economia

PNRR: un modello più snello di governance per l’Italia

Le sfide poste dal PNRR potrebbero segnare una svolta storica nell’accelerazione delle nuove politiche di sviluppo, come quelle relative alle transizioni verde...
di Claudia Bugno*
vaccino
Diritto

Obbligo vaccinale o sospensione, arriva la sentenza per i sanitari no-vax

Vaccino anti-Covid o sospensione nella impossibilità di essere ricollocati ad altra mansione che non comporti pericolo di contagio: la sentenza del Consiglio di Stato chiarisce la posizione legale nei confronti dei professionisti sanitari no-vax.
di Vincenzo Macrì
vaccino
giochi pubblici
Osservatori

Giochi pubblici: “L’irresistibile convenienza della legalità”

Giochi pubblici, la tutela sostanziale della legalità non è affare solo dello Stato. Oltre alla chiarezza normativa, è necessaria partecipazione attiva dei concessionari e delle associazioni di categoria, quali soggetti danneggiati dal reato, ai procedimenti penali contro i gestori del gioco illegale e al fianco dell’Avvocatura dello Stato.
di Chiara Sambaldi e Andrea Strata*
giochi pubblici
Fisco

Un fisco “predittivo” per facilitare la lotta all’evasione fiscale

La lotta all’evasione fiscale si fa anche grazie all’utilizzo di software predittivi, sulla base dei quali programmare le verifiche a “colpo sicuro”. La Guardia di Finanza guarda al futuro e investirà in tale direzione 32 milioni di euro su big data e cybersicurezza.
di Giovambattista Palumbo*
esame di stato
Istruzione

Generazioni sotto esame. Dalla maturità all’esame di Stato, che ne sarà della prova scritta?

L’esame di Stato, un tempo esame di maturità, continua a far discutere ministri dell’Istruzione e studenti su quale sia la formula migliore. Una formula che è cambiata negli anni, fino ad arrivare alla richiesta odierna di abolire la prova scritta fatta dagli studenti e non ancora smentita dal Ministero.
di Giuseppe Pulina
esame di stato
violenza di genere
Donne

Violenza di genere, omicidi e reati spia in aumento nel 2021

La violenza di genere è aumenta nei primi 11 mesi del 2021, sia per gli omicidi che per i reati spia di tali violenze. Secondo il report del servizio analisi della Polizia Criminale, su un totale di 263 omicidi volontari compiuti in Italia dal primo gennaio ad oggi, 109 hanno riguardato donne.
di redazione
violenza di genere
Economia

Colonialismo digitale, è l’Africa la terra promessa

Quando parliamo di crescita e di aiuti ai paesi dell'Africa omettiamo spesso il tema del colonialismo digitale e degli investimenti massicci dei colossi del tech, come ad esempio Google, per accaparrarsi i nuovi mercati.
di Susanna Fara
Italia Domani

Italia Domani. Il PNRR per il rilancio e la crescita

  La mission del magazine online dell’Istituto Eurispes è quella di raccontare “l’Italia che verrà”. Nasce così l’idea di fornire sulle nostre pagine...
di Claudia Bugno*
europa e africa
Briefing

Europa e Africa, un futuro condiviso oltre “l’inerzia del mondo”

La recente visita di Mattarella in Algeria ha gettato lo sguardo oltre le tradizionali dinamiche europee, evidenziando che Europa e Africa sono due continenti legati da un destino condiviso in economia come nella lotta alla crisi climatica. La crescita economica africana può coinvolgere in primo luogo in nostro Paese, per posizione geografica e per opportunità.
di Amb. Paolo Sannella*
europa e africa
muri di sabbia
Istituzioni

Muri di sabbia, l’ultima frontiera contro le migrazioni dall’Africa

Mentre l’Europa resta a guardare di fronte alle forze di Minsk che usano i profughi come arma politica, in Africa si usano altre forme per bloccare i flussi migratori. Muri di sabbia vengono eretti e ampliati in Marocco, Algeria, Niger, Libia: lo scopo è far sì che i profughi non superino i confini nazionali.
di Marco Omizzolo*
muri di sabbia