Europa e Asia, infrastrutture e grandi opere. La proposta degli “smart corridors”

150

Nel corso della visita effettuata di recente a Shangai per partecipare alla seconda edizione della China International Import Expo (CIIE) il ministro degli Esteri Luigi Di Maio ha ribadito l’obiettivo dell’Italia di voler essere ”ponte tra Occidente e Oriente” e ha affermato:«Guardiamo alla Cina come un Paese che deve essere sempre più partner dell’Italia, per lo sviluppo. L’adesione alla Via della Seta ha segnato un rafforzamento delle nostre relazioni. Andiamo verso il 2020, quando celebreremo il 50esimo anniversario delle nostre relazioni».
Il nostro Paese è stato tra i primi stati europei ad aderire all’iniziativa della Via della Seta e a partecipare al capitale della AIIB-Asian Infrastructure Investment Bank, che ha come missione di favorire la realizzazione delle grandi opere infrastrutturali tra cui quelle di connettività tra Europa e Asia. Anche se in questa occasione i dossier relativi all’iniziativa non sono stati specificatamente affrontati, i progetti e gli investimenti cinesi nei porti e nella logistica italiani proseguono attivamente.
Nel panorama internazionale, la costruzione dei grandi corridoi infrastrutturali è comunemente intesa come un elemento strategico di grande valore geo-economico e geo-politico per lo sviluppo dei sistemi economici e il consolidamento dei rapporti tra gli stati e le diverse aree regionali. Tra loro, ovviamente, hanno un grande rilievo quelli relativi alla connettività terrestre Eurasiatica, che interessano vastissimi territori lungo diversi tracciati previsti tra Europa ed Asia ‒ tra Ue e Cina in particolare.
Numerose iniziative simili sono in corso anche in altri continenti ed aree geografiche, promosse sia da organismi di coordinamento sovranazionale ‒ come ad esempio Mercosur in America Latina, Unione Africana, Unione Economica Euroasiatica, BRICS ‒ sia dagli stati, sia infine da primari enti ed agenzie di sviluppo, a cominciare dalle Banche Multilaterali di Sviluppo.
La progettazione e realizzazione di queste opere strategiche presenta grandi pregi (il valore dei programmi e delle opere) e vantaggi (il contributo alla crescita economica e sociale), ma anche dei limiti significativi. Uno dei limiti principali è legato alla scarsa attenzione riservata alla necessità di cogliere la grande opportunità della costruzione dei corridoi infrastrutturali per promuovere una forte azione di riequilibrio territoriale ed urbano, con la costruzione di nuovi insediamenti e connessioni lungo i corridoi stessi, allo scopo di invertire la negativa tendenza alla concentrazione urbana, denunciata anche dalle Nazioni Unite nell’ultimo Rapporto 2019 sul Global Sustainable Development.
Autorevoli riflessioni e proposte avanzate in tal senso da centri di ricerca, università ed esperti qualificati ‒ come ad esempio in occasione della elaborazione nel progetto russo del corridoio euroasiatico TEBR- Trans Eurasian Belt Razvitie ‒ sono rimaste, di fatto, senza alcun esito concreto, nè se ne trova accenno nelle dichiarazioni e documenti elaborati anche di recente da istituzioni come l’Unione Europea.
Un confronto con l’esperienza maturata dall’Unione Europea in materia di corridoi infrastrutturali, come la rete europea Trans European Network – Transport (TEN-T), in particolare con riferimento alle metodologie seguite nella programmazione e realizzazione delle opere, può dare un positivo contributo alla correzione di alcuni limiti che si registrano nelle iniziative promosse, anche dai BRICS, nei vari continenti al di fuori del contesto europeo. Il richiamo ad una specifica esperienza promossa in Italia con i “Patti territoriali” può fornire elementi interessanti per l’obbiettivo prioritario che, a nostro avviso, dovrebbe affermarsi a livello internazionale: i corridoi infrastrutturali a servizio del riequilibrio urbano e territoriale nelle diverse aree del mondo.
Dall’Italia, il Laboratorio sui BRICS dell’Eurispes pone la seguente domanda: quale sarà l’impatto dei nuovi corridoi infrastrutturali sui territori attraversati? Allo stato attuale dei progetti e dei relativi investimenti, esiste il rischio reale che i corridoi infrastrutturali diventino delle ulteriori vie di fuga della popolazione dalle aree periferiche verso le megalopoli, causando nuovi flussi migratori, e non, come dovrebbe essere, strumenti per uno sviluppo territoriale equilibrato ed omogeneo in grado di creare le condizioni per la permanenza degli abitanti nei luoghi di origine. È la proposta italiana degli “Smart Corridors”.
Sempre da parte dell’Eurispes si è recentemente proposta, relativamente ai programmi di connettività tra Unione Europea ed Asia, una iniziativa di confronto e verifica sul tema della interrelazione tra insediamenti e reti infrastruttrali, per sviluppare una programmazione integrata tra i previsti corridoi di trasporto e connettività ed insediamenti urbani, allo scopo di promuovere un duraturo sviluppo socio-economico dei territori attraversati e la valorizzazione delle risorse ambientali esistenti.

Paolo Motta è un membro del Laboratorio sui BRICS dell’Eurispes

Ultime notizie
Gioco

Lotta al gioco illegale: Agenzia delle Dogane e Monopoli e Forze dell’ordine firmano il nuovo regolamento

Il Direttore Generale dell’Agenzia delle Dogane e Monopoli, Marcello Minenna, insieme al Comandante Generale dell’Arma dei Carabinieri, Giovanni Nistri, al Comandante Generale della Guardia di Finanza, Giuseppe Zafarana, e al Capo della Polizia, Franco Gabrielli, hanno firmato il Regolamento Operativo del “Comitato per la prevenzione e la repressione del gioco illegale, la sicurezza del gioco e la tutela dei minori”.
di redazione
Gioco

E-Sport, il gaming è in salute dopo il Covid. Olimpiadi più vicine

Che cosa è accaduto nel mondo del gaming nel periodo della pandemia del Covid-19? Secondo le ultime previsioni, l’emergenza sta rappresentando una incredibile opportunità di crescita per il settore degli E-Sports.
di Valentina Renzopaoli
Cultura

Fellini-Sordi a 100 anni dalla nascita. La mostra dell’Archivio Riccardi a Spazio 5

Il 20 gennaio e il 15 giugno di quest'anno Federico Fellini e Alberto Sordi avrebbero compiuto 100 anni. Per celebrarne il genio e il peso avuto nel panorama cinematografico italiano e non solo, è stata organizzata la mostra: "Fellini-Sordi, 100 anni per i protagonisti del cinema italiano".
di redazione
scuola

Il ritorno dell’educazione civica nelle Scuole: italiani favorevoli

L’importanza di reintrodurre l’insegnamento dell’educazione civica nelle scuole ha trovato il favore della maggior parte degli italiani (67,8%) nell’ultima indagine condotta sul...
di redazione
Osservatori

Iva e scuola: nei Tg l’anticipo di campagna elettorale. Azzolina al centro delle polemiche. Sileri e il dilemma del Mes

L’analisi dell’Osservatorio Tg Eurispes e Coris Sapienza dal 22 al 26 giugno – Il dibattito tra le forze politiche su molti fronti...
di Eurispes e Coris Sapienza
Europa

Superare la “democrazia del ricatto”. Un Piano per la prossima generazione Ue

Il Piano anticrisi dell’Unione rappresenta un passo piccolissimo, ma comunque importante perché rompe un tabù ed indica una nuova direzione di marcia per l’Europa, con un profondo significato politico. Restano però molti nodi aperti in Europa, dove ancora ci sono paesi che usano il diritto di veto come un’arma per impedire che gli altri avanzino.
di Carmelo Cedrone*
Criminalità e contrasto

Abbassare la soglia di spendibilità del contante davvero favorisce la lotta al riciclaggio?

Il contante rappresenta, da sempre, il principale canale di riciclaggio dei proventi di attività illecita e contingentarne l’uso ha dato nel tempo risultati strategici, apprezzabili anche in termini di prevenzione e contrasto al finanziamento del terrorismo internazionale. Quanto maggiore è stata l’attenzione investigativa verso il contante, tanto più le organizzazioni criminali hanno saputo diversificare la forma di manifestazione di quei proventi in un complesso processo di dematerializzazione delle attività criminali.
di Giuseppe Miceli*
Cultura

Luciano Canfora all’Eurispes: “I fascismi hanno immense praterie a loro disposizione. Gli aiuti europei? Vengano utilizzati contro le disuguaglianze sociali”

Luciano Canfora nell'intervista rilasciata all'Eurispes auspica, senza ottimismo, che “questa rabbia sociale riesca a imporre all’attenzione un malessere profondo che attraversa il Paese, vissuto dalle fasce più deboli della popolazione, sostanzialmente abbandonate a se stesse”.
di Alfonso Lo Sardo
Cultura

Riscopriamo l’etica pubblica per uscire dalla crisi

Il quarto shock è il titolo di un interessante scritto del filosofo della politica, Sebastiano Maffettone, sulla “filosofia del presente”. «Il virus ha cambiato il nostro modo di vedere e abitare il mondo, stiamo acquisendo la consapevolezza che bisogna fare qualcosa perché il modo in cui abbiamo proceduto nell’ultimo periodo storico non ha funzionato».
di Massimiliano Cannata
Innovazione

Lo sviluppo della telemedicina: una opportunità da non perdere

L’utilizzo della tecnologia elettronica in àmbito sanitario costituisce una delle componenti fondamentali del futuro modello di governance alla cui implementazione si dovrà provvedere sollecitamente per garantire al meglio, e in modo uniforme, la tutela della salute delle persone.
di Francesco Giulio Cuttaia