International

Europa e Asia, infrastrutture e grandi opere. La proposta degli “smart corridors”

103

Nel corso della visita effettuata di recente a Shangai per partecipare alla seconda edizione della China International Import Expo (CIIE) il ministro degli Esteri Luigi Di Maio ha ribadito l’obiettivo dell’Italia di voler essere ”ponte tra Occidente e Oriente” e ha affermato:«Guardiamo alla Cina come un Paese che deve essere sempre più partner dell’Italia, per lo sviluppo. L’adesione alla Via della Seta ha segnato un rafforzamento delle nostre relazioni. Andiamo verso il 2020, quando celebreremo il 50esimo anniversario delle nostre relazioni».
Il nostro Paese è stato tra i primi stati europei ad aderire all’iniziativa della Via della Seta e a partecipare al capitale della AIIB-Asian Infrastructure Investment Bank, che ha come missione di favorire la realizzazione delle grandi opere infrastrutturali tra cui quelle di connettività tra Europa e Asia. Anche se in questa occasione i dossier relativi all’iniziativa non sono stati specificatamente affrontati, i progetti e gli investimenti cinesi nei porti e nella logistica italiani proseguono attivamente.
Nel panorama internazionale, la costruzione dei grandi corridoi infrastrutturali è comunemente intesa come un elemento strategico di grande valore geo-economico e geo-politico per lo sviluppo dei sistemi economici e il consolidamento dei rapporti tra gli stati e le diverse aree regionali. Tra loro, ovviamente, hanno un grande rilievo quelli relativi alla connettività terrestre Eurasiatica, che interessano vastissimi territori lungo diversi tracciati previsti tra Europa ed Asia ‒ tra Ue e Cina in particolare.
Numerose iniziative simili sono in corso anche in altri continenti ed aree geografiche, promosse sia da organismi di coordinamento sovranazionale ‒ come ad esempio Mercosur in America Latina, Unione Africana, Unione Economica Euroasiatica, BRICS ‒ sia dagli stati, sia infine da primari enti ed agenzie di sviluppo, a cominciare dalle Banche Multilaterali di Sviluppo.
La progettazione e realizzazione di queste opere strategiche presenta grandi pregi (il valore dei programmi e delle opere) e vantaggi (il contributo alla crescita economica e sociale), ma anche dei limiti significativi. Uno dei limiti principali è legato alla scarsa attenzione riservata alla necessità di cogliere la grande opportunità della costruzione dei corridoi infrastrutturali per promuovere una forte azione di riequilibrio territoriale ed urbano, con la costruzione di nuovi insediamenti e connessioni lungo i corridoi stessi, allo scopo di invertire la negativa tendenza alla concentrazione urbana, denunciata anche dalle Nazioni Unite nell’ultimo Rapporto 2019 sul Global Sustainable Development.
Autorevoli riflessioni e proposte avanzate in tal senso da centri di ricerca, università ed esperti qualificati ‒ come ad esempio in occasione della elaborazione nel progetto russo del corridoio euroasiatico TEBR- Trans Eurasian Belt Razvitie ‒ sono rimaste, di fatto, senza alcun esito concreto, nè se ne trova accenno nelle dichiarazioni e documenti elaborati anche di recente da istituzioni come l’Unione Europea.
Un confronto con l’esperienza maturata dall’Unione Europea in materia di corridoi infrastrutturali, come la rete europea Trans European Network – Transport (TEN-T), in particolare con riferimento alle metodologie seguite nella programmazione e realizzazione delle opere, può dare un positivo contributo alla correzione di alcuni limiti che si registrano nelle iniziative promosse, anche dai BRICS, nei vari continenti al di fuori del contesto europeo. Il richiamo ad una specifica esperienza promossa in Italia con i “Patti territoriali” può fornire elementi interessanti per l’obbiettivo prioritario che, a nostro avviso, dovrebbe affermarsi a livello internazionale: i corridoi infrastrutturali a servizio del riequilibrio urbano e territoriale nelle diverse aree del mondo.
Dall’Italia, il Laboratorio sui BRICS dell’Eurispes pone la seguente domanda: quale sarà l’impatto dei nuovi corridoi infrastrutturali sui territori attraversati? Allo stato attuale dei progetti e dei relativi investimenti, esiste il rischio reale che i corridoi infrastrutturali diventino delle ulteriori vie di fuga della popolazione dalle aree periferiche verso le megalopoli, causando nuovi flussi migratori, e non, come dovrebbe essere, strumenti per uno sviluppo territoriale equilibrato ed omogeneo in grado di creare le condizioni per la permanenza degli abitanti nei luoghi di origine. È la proposta italiana degli “Smart Corridors”.
Sempre da parte dell’Eurispes si è recentemente proposta, relativamente ai programmi di connettività tra Unione Europea ed Asia, una iniziativa di confronto e verifica sul tema della interrelazione tra insediamenti e reti infrastruttrali, per sviluppare una programmazione integrata tra i previsti corridoi di trasporto e connettività ed insediamenti urbani, allo scopo di promuovere un duraturo sviluppo socio-economico dei territori attraversati e la valorizzazione delle risorse ambientali esistenti.

Paolo Motta è un membro del Laboratorio sui BRICS dell’Eurispes

Ultime notizie
Animali

Incendi in Australia, tra climate change e fake news. Quanto ne sappiamo?

Roghi in Australia: oltre un miliardo gli animali morti, tra gli 8 e i 10 milioni gli ettari bruciati. Ma quanto ne sappiamo di ciò che è accaduto?
di Noemi Nicoletti
International

Usa e Cina, il voto di Taiwan vara la linea “sovranista”

Lo scorso 11 gennaio a Taiwan sono stati eletti il Presidente e il Parlamento per i prossimi quattro anni. La netta vittoria di Tsai ha evidenziato la forte volontà degli elettori taiwanesi di confermare la linea della fermezza nei confronti della Cina.
di Raffaele Cazzola Hofmann
Informazione

L’Italia più autentica è quella dell’altruismo. Mattarella richiama alla responsabilità

Speranza, fiducia, responsabilità, dialogo: questi i termini più ricorrenti con cui il Capo dello Stato, Sergio Mattarella, si è rivolto agli italiani per aprire il nuovo anno. Un richiamo alla responsabilità e al valore della cultura.
di Massimiliano Cannata
Luciano Maria Teodori

Iran-Usa, i sogni muoiono all’alba

Due droni, a Baghdad, compiono la missione di uccidere il generale Soleimani. La tragedia irachena continua, insieme al coinvolgimento sempre più forte dell'Iran....
di Luciano Maria Teodori
Attualità

Iran Usa, guerra per la primazia geoeconomica sull’Iraq. Medio Oriente bollente

L’escalation della tensione in Medio Oriente ha toccato uno dei livelli più allarmanti degli ultimi anni con l’uccisione del generale iraniano Qassem Suleimani. Chi era il generale ucciso e quali sono le strategie.
di Antonio De Chiara
Giustizia

Canapa per uso personale, la sentenza sulla “legittima coltivazione”. Il ribaltone

Chi coltiva la cannabis in àmbito domestico e per impiego individuale non è perseguibile penalmente. Lo scorso 19 dicembre la Corte di Cassazione a Sezioni unite penali ha emesso una sentenza destinata a suscitare forti reazioni contrapposte ma anche a rompere consolidati tabù.
di Vincenzo Macrì
Europa

Europa e sicurezza, i nuovi equilibri geopolitici impongono un nuovo ruolo

I nuovi equilibi geopolitici de pianeta impongono che l’Europa recuperi in fretta un’iniziativa politica forte e un’identità perduta. Questo il messaggio che arriva dal saggio La difesa dell’Europa di Pasquale Preziosa e Dario Velo.
di Massimiliano Cannata
Informazione

La democrazia non esiste. Odifreddi: “M5S eversivo, la Costituzione è superata”

La democrazia è un'illusione e il populismo ne è la conseguenza. E il più eversivo è quello dei 5 Stelle perché non si sa chi lo comanda. I rimedi: riformare la Costituzione e il sistema dei media, che ha perso equidistanza e funzione. Intervista a Piergiorgio Odifreddi
di Alfonso Lo Sardo
International

Russia, il mondo cristiano e la storia di Malofeev, l’imprenditore “mecenate”

L’evolversi della situazione in Russia è sempre più caratterizzata dal manifestarsi del fenomeno di un notevole dinamismo che riguarda il mondo cristiano...
di Evpati Selov
Video

Sicurezza e Forze Armate, Vecciarelli: “L’Italia ha un tesoro che non sa utilizzare”

Intervento del Generale Enzo Vecciarelli, Capo di Stato Maggiore della Difesa, al convegno “La globalizzazione e le nuove frontiere della (in)sicurezza” del...
di redazione