Dramma Venezia, l’acqua alta domina il prime time. Mose: dubbi e polemiche. L’analisi dei Tg

Il prime time partecipa al dramma di Venezia. Mose, dubbi e polemiche sulla grande incompiuta, la sentenza di primo grado per il caso Cucchi conquista l’apertura giovedì; resta alta l’attenzione sull’Ilva. L’analisi dell’Osservatorio Tg Eurispes e Coris Sapienza dall’11 al 15 novembre.

L’acqua alta a Venezia domina, da mercoledì, su tutte le testate: aperture obbligate fino a venerdì, con doppio e anche triplo titolo. Dinnanzi a fenomeni di acqua alta storici e ravvicinati, tutti i Tg di serata producono coperture accurate, e per questo molto simili, documentando l’entità delle devastazioni, le azioni annunciate dal governo e l’attivismo della società civile. Molti, fin dai titoli, i richiami ad altre, storiche mareggiate che hanno sommerso piazza San Marco. Le polemiche sulla “grande incompiuta” del Mose sono presenti e richiamate in 12 titoli, ma non producono una chiara attribuzione di responsabilità, e quindi mancano, in qualche modo, di mordente.

La “cucina” dei Tg Mediaset produce quello che può, e così porta in tavola giovedì, come primo piatto, la visita di Berlusconi in piazza San Marco, che “compensa” il sopralluogo fatto dal premier Conte il giorno prima. Tg4, che mercoledì titola sull’“11 settembre di Venezia”, affronta nei servizi lo spopolamento della città lagunare da un’ottica più ampia.

Tg La7 mercoledì ha lanciato una propria sottoscrizione per raccogliere fondi, con l’obiettivo dichiarato di assistere i più colpiti dall’alluvione “lontano dalle telecamere”, e quindi non solo tra campi e calli popolate dai turisti. Mercoledì Mentana ottiene il plauso all’iniziativa da parte sia del sindaco di Venezia Brugnaro che del Presidente del Veneto Zaia. Su fronte analogo, i Tg Mediaset diffondono, venerdì, i numeri per le sottoscrizioni alla Protezione Civile e alla Siae.

Caso Cucchi: dopo 10 anni la verità
La sentenza di primo grado per il caso Cucchi, con la condanna a 12 anni di 2 carabinieri per omicidio preterintenzionale, e a 3 anni di un terzo, imputato per falsa testimonianza, giovedì è in apertura di Tg1 e Tg La7, e nel corso della settimana produce 12 titoli. Tg3 e (soprattutto) Tg La7 hanno esplicitamente manifestato soddisfazione per uno Stato che, seppur con grande ritardo, riconosce le proprie responsabilità. Tutti i Tg tornano, venerdì, sulla vicenda, a seguito delle “gravi affermazioni” (Tg La7) di Salvini che mette sullo stesso piano i “problemi di droga” e la responsabilità dei carabinieri, dando a intendere, sostanzialmente, che “Stefano Cucchi se l’era cercata”, ovvero che un ragazzo con problemi di droga non sarebbe, di fatto, “detentore di pieni diritti”.

La crisi Ilva e il ritiro di Mittal
Resta alta l’attenzione sull’Ilva, a cui vanno complessivamente 25 titoli e, lunedì, alcune aperture. Buone coperture per tutti, con i Tg Mediaset attenti a marcare i fronti del dissenso, segnalando i distinguo tra Pd e 5 Stelle in materia di scudo legale, mentre Tg3 e Tg La7 segnalano su questo fronte le aperture dell’ultima ora. La decisione di Mittal di spegnere gli impianti entro gennaio inquieta tutti, e fa presagire un’imponente battaglia legale. Tra gli approfondimenti, Tg La7 è il solo a considerare la situazione di crisi per il mercato dell’acciaio, che ha visto la multinazionale chiudere un impianto anche a Cracovia.

Attentato in Iraq e commemorazione di Nassyria. Su Mediaset la denuncia di uno Stato “dimentico” delle famiglie delle vittime. Silenzio su migranti e Medio Oriente
L’attentato in Iraq, in cui 5 nostri soldati sono stati gravemente feriti, spicca lunedì in molte aperture. L’evento, a due giorni dalla ricorrenza della strage di Nassirya, spinge in alto nei titoli anche questa commemorazione, con aperture per Tg1, Tg2, Tg5 e Studio Aperto, che propongono l’omaggio alle vittime del Presidente Mattarella. I Tg Mediaset dedicano le maggiori coperture: copertina lunedì per Tg5, mentre Tg4 e Studio Aperto raccolgono nei servizi le testimonianze di alcuni parenti delle vittime, che denunciano di essere stati dimenticati dallo Stato.

Fatta eccezione per l’attentato ai militari italiani, scarsa è stata l’attenzione al quadrante mediorientale. L’attacco missilistico di cui è stato vittima un leader di Hamas è nei titoli, martedì, solo per Tg5 e Tg La7, mentre dal fronte siriano non pervengono notizie. Anche il fenomeno migratorio è sostanzialmente assente, se si esclude Tg3, che lunedì segnala la destituzione del sindaco leghista di Riace, e mercoledì torna sulla rotta balcanica, dedicando un titolo alla grave situazione di un campo di raccolta in Bosnia, tra degrado e intemperie.

Le elezioni in Spagna e l’ascesa del leader di Vox. Impeachment, Trump e le “minacce” a colpi di tweet
Il voto in Spagna, che per la quarta volta porta alla formazione di un governo privo di maggioranza, viene seguito e documentato dai Tg Rai e da quelli delle 20 di lunedì; martedì Mentana riprende l’accordo raggiunto tra il leader Sanchez e il partito Podemos. Tutte le analisi segnalano l’ascesa del partito di ultradestra Vox, con Tg2 che dedica un servizio al suo leader Santiago Abascal, definendo “pittoreschi” alcuni aspetti controversi del personaggio.

La “battaglia” per l’impeachment, con l’apertura della fase di dibattimento pubblico nel processo al Presidente Trump, è titolo, mercoledì, per molte testate. Presente nei servizi di venerdì (titolo per Tg La7) il putiferio provocato dalle pressioni del Presidente, che attraverso twitter ha attaccato l’ex ambasciatrice americana Yovanovitch proprio mentre questa stava deponendo contro di lui, esercitando – a giudizio della Corte – “un’intimidazione della testimone”. La crisi in Bolivia è presente, ma oggetto di titolo solo per Tg La7, che ci aggiorna sulla fuga in Messico del Presidente Morales.

Tg4 apre una sottoscrizione per i pompieri. La rubrica del Tg2 dal “continente della scienza”
Quali altri argomenti di interesse, segnaliamo:
l’attenzione dedicata dal Tg4 allo sciopero generale dei pompieri italiani, accompagnata da una sottoscrizione mirata ad assistere le famiglie dei 3 pompieri morti nel rogo nell’alessandrino;
l’attenzione del Tg3 al contrasto della criminalità organizzata, che si traduce, in settimana, in alcuni titoli e buoni approfondimenti;
la rubrica del Tg2 dedicata alle attività di un’equipe scientifica italiana impegnata in Antartide, continente descritto come “regno della pace e della scienza”.

Ultime notizie
U.S. Mariglianese
Eurispes sul territorio

U.S. Mariglianese, parte il progetto “un calcio alla Camorra”

Parte a Marigliano il progetto "un calcio alla camorra", con la U.S. Mariglianese iscritta al campionato di Serie D.
di redazione
U.S. Mariglianese
dia
Criminalità e contrasto

Dia: pubblicata la relazione semestrale

Presentata la relazione al Parlamento della Dia, Direzione investigativa antimafia, relativa al semestre luglio-dicembre 2020. Il settore imprenditoriale è sorvegliato speciale, in quanto la crisi finanziaria potrebbe favorire la penetrazione mafiosa nel tessuto economico.
di redazione
dia
monopattini
Sostenibilità

Monopattini, boom nelle vendite ma poche regole e tanta confusione

I monopattini sono un fenomeno nuovo, che suscitano da un lato l’entusiasmo e dall’altro le problematiche di tutte le novità che ancora non si sono imparate a gestire. Due i punti da gestire subito, per motivi di sicurezza: obbligatorietà del casco e regole unificate.
di Alfonso Lo Sardo
monopattini
randagismo
Animali

Randagismo, un fenomeno consistente di umana disaffezione

Alla base del randagismo ci sono gli abbandoni estivi degli animali da compagnia, fenomeno ancora troppo diffuso e con leggi poco dissuasive. Se i numeri del randagismo sono in calo, ciò vale solo per le regioni centrosettentrionali, mentre sono ancora troppo consistenti le presenze nei canili del Mezzogiorno.
di Giuseppe Pulina
randagismo
Afghanistan
Briefing

La sveglia Afghanistan per Usa, Ue e Italia

È passato un mese da quando i Talebani hanno preso il controllo di Kabul, ripiombando l’Afghanistan indietro di venti anni e diffondendo disorientamento fra gli alleati Nato per il tempismo e la strategia con cui gli Stati Uniti hanno gestito il ritiro delle truppe e aperto le porte al ritorno dei miliziani islamisti. Questo potrebbe cambiare gli equilibri politici tra Usa e Ue.
di Francesco Bechis*
Afghanistan
lavoratori dello spettacolo
Cultura

Lavoratori dello spettacolo, si cambia rotta in materia di Welfare

Le misure adottate in pandemia hanno gravemente danneggiato i lavoratori dello spettacolo, che ancora oggi non ritrovano una normalità. Ma l’emergenza ha dato anche luogo a una necessità di riformarne il Welfare con misure di tutela fino ad oggi inesistenti, come l’assicurazione per la disoccupazione involontaria.
di Roberta Rega
lavoratori dello spettacolo
loot box
Gioco

Loot box, gioco d’azzardo e tassazione: servono più regole

Le loot box sono rapidamente diventate una delle principali fonti di reddito nell’industria dei videogiochi. Nell’universo del gaming online sono oggetti virtuali che contengono premi non monetari, con i quali il giocatore può migliorare la propria esperienza di gioco o avanzare di livello. Ad oggi, non sono sottoposte ad alcuna regolamentazione fiscale o classificate come gioco d’azzardo nei casi previsti.
di Giovambattista Palumbo
loot box
libro blu
Eventi

Presentato il Libro Blu, report annuale dell’Adm

Presentato oggi il Libro Blu 2020 dell’Agenzia delle Accise, Dogane e Monopoli. Si tratta del report annuale contenente i risultati operativi che l’Agenzia ha conseguito e le azioni messe in campo negli ambiti di competenza.
di redazione
libro blu
baby influencer
Società

Baby influencer, le piccole star del Web sono i nuovi fenomeni

I baby influencer, le piccole star del Web, aprono nuovi scenari del marketing digitale ma destano preoccupazioni legate allo sfruttamento dell’immagine dei bambini. Intanto, milioni di nativi digitali vengono sempre più influenzati dai coetanei per l’acquisto di giocattoli, prodotti alimentari e vestiario.
di redazione
baby influencer
pesca illegale
Ambiente

Pesca illegale e abusi, in Ghana la sostenibilità è una priorità

Un report di EJF porta alla luce la pratica diffusa di pesca illegale in Ghana, che distrugge l'ecosistema marino mettendo a rischio l'approvvigionamento alimentare di milioni di persone. I lavoratori denunciano inoltre condizioni di lavoro disumane e abusi a bordo dei pescherecci industriali.
di redazione
pesca illegale