Fiscalità di vantaggio: benvenuti al Sud

La fiscalità di vantaggio destinata, nelle intenzioni del Governo, alle regioni del Sud, e che dovrebbe entrare in vigore ad ottobre, non può rappresentare l’ennesima “mancetta” per quelle popolazioni che hanno saputo gestire, meglio di altre, la fase acuta dell’emergenza Covid, emergenza di portata mondiale.

Non è interesse di chi scrive esprimere un giudizio positivo sulle parole del Presidente di Confindustria, Carlo Bonomi, che ha definito sostanzialmente inefficaci gli sgravi fiscali del “decreto agosto”.

Tre mesi di fiscalità agevolata alle aziende che vogliono investire in strutture e occupazione nel Mezzogiorno, devono trasformarsi in misure strutturali e quindi permanenti.

Non ci sono argomenti per mettere in discussione la buona fede del Ministro Provenzano che si sta impegnando molto e che ha fatto della riduzione fiscale sul lavoro al Sud, la sua “linea del Piave”.

Ma i problemi, come sostengono alcuni, sono “ora e adesso” e nei buoni propositi del Ministro c’è solo una prospettiva di lungo termine.

Ragionare con davanti un orizzonte di dieci anni risulta difficile da accettare.

Pochi mesi di fiscalità di vantaggio non possono far aumentare – per un colpo di bacchetta magica –la produttività di fattori, in regioni come la Campania, la Puglia e tutte le altre del Sud, che devono scontare un “gap” incolmabile per la carenza di infrastrutture.

Bisogna, invece, lavorare contemporaneamente su almeno due fronti, con l’obiettivo di firmare un patto, senza precedenti, tra aziende e lavoratori. Questi ultimi hanno già sopportato enormi sacrifici, ma gli imprenditori – senza poter realizzare i prodotti, con costi ragionevoli, collocarli, movimentare le merci, investendo in innovazione – si trovano davanti a scelte dolorose e obbligate.

La prima, per sopravvivere, quella di tagliare i costi alti senza la sicurezza di vedere un giusto profitto che, soprattutto, sia esigibile.
La seconda strada diventa, di conseguenza, obbligata: abbandonare l’impresa con successivo e inevitabile aggravamento dei costi dello Stato, chiamato a garantire la cassa integrazione.

La stagione dei rinnovi contrattuali è alle porte.

Gli industriali non potranno pretendere altri tagli, insopportabili per la società; i lavoratori dovranno mostrare la loro disponibilità alle innovazioni e alla flessibilità. Inoltre, il ruolo del Sindacato sarà fondamentale anche per far uscire il mondo del lavoro dalle secche del passato e del vecchio modo di pensare i rapporti con gli imprenditori.

Se la fiscalità di vantaggio che il Governo farà entrare in vigore tra poche settimane (Covid permettendo) riuscirà a superare la “tagliola” di Bruxelles – che vede aiuti di Stato, dappertutto –, un primo, piccolo passo in avanti, verrà comunque fatto.

Ma, assieme al fisco agevolato (non solo per ottobre/dicembre 2020), il Governo dovrà destinare gli oltre 28 miliardi dei fondi europei SURE, alle zone più disagiate del Paese.

In un suo intervento, il Presidente dell’Emilia Romagna, Stefano Bonaccini, afferma che: «Bisogna aiutare il Sud, senza dimenticare che il Nord è il motore dell’Italia». Intanto, una cosa è stata dimenticata: i miliardi versati dal Mezzogiorno alla fiscalità generale.

Ma oggi è opportuno dare un credito (non un credito d’imposta) al Ministro dell’Economia, Roberto Gualtieri, che sul social media più diffuso, ovvero Facebook, ha scritto testualmente: «L’Italia riparte se riparte il lavoro e, soprattutto, se riparte il Sud, che ha potenzialità enormi e che rischia invece di pagare il prezzo più alto della crisi».

Parole sicuramente sincere, ma che questo Sud, amato solo a parole, è stanco di sentire.

Comunque, siete sempre “benvenuti al Sud”.

 

*Presidente dell’Asi di Napoli e della CISE – Conferenza italiana per lo sviluppo economico

Ultime notizie
Società

Covid-19, paura e incertezza: un’emergenza esistenziale

Ci troviamo nel pieno di una tempesta, cerchiamo un riparo anche se l’acqua che cade non riusciamo a vederla se non dopo...
di Alfonso Lo Sardo
Futuro

L’incertezza della recidiva: se insieme al Covid cresce la paura del futuro

Il Covid mette a repentaglio le vite nel mondo, in generale cambia le abitudini. Collettive o individuali, importanti o meno, magari piccole...
di Angelo Perrone*
Società

Disuguaglianza di genere e violenza sulle donne. Un’emergenza nell’emergenza

La violenza di genere è un fenomeno che affonda le sue radici nella disuguaglianza di genere e persiste nell’affermarsi come una fra le più importanti violazioni dei diritti umani in tutte le società. Non a caso, è stata definita dall’ONU come un “flagello mondiale”.
di Lavinia Ferrari e Giulia Putzolu
Criminalità e contrasto

L’evasione fiscale brucia ogni secondo lo stipendio annuale di un infermiere

Il primo studio sullo Stato della giustizia fiscale realizzato da Tax Justice Network indica che ogni anno vanno in fumo 427 miliardi di dollari a causa dell’evasione fiscale. La fetta maggiore di evasione è praticata dalle multinazionali, che anziché pagare le tasse dovute al paese in cui originano e operano, trasferiscono la sede legale nei paradisi fiscali.
di Roberta Rega
Cultura

I primi cento anni di Gianni Rodari, genio “riverente” della letteratura per l’infanzia

Che cosa avrebbe pensato Gianni Rodari delle tante attenzioni che ha ricevuto in occasione della recente ricorrenza del centenario della nascita? Abbiamo pensato di rendergli omaggio con l’aiuto dei suoi critici più attenti: i bambini.
di Giuseppe Pulina
Lavoro

Gig economy e nuove frontiere del lavoro. Quali diritti per i riders?

La Gig economy è l’emblema di un sistema di produzione avanzato e non retrogrado, normato e fondato sul rapporto fra coloro che utilizzano il lavoro umano e coloro che invece lo forniscono, comprendendo una gamma assai ampia di lavoro autonomo fasullo. Anche l’Italia è investita da questo fenomeno, in particolar modo per quanto riguarda i riders.
di Marco Omizzolo
Intervista

11 milioni di italiani con meno cure. Sanità non è solo fermare il Covid

La prima ondata della pandemia ha causato importanti disagi e ripercussioni a carico degli undici milioni di cittadini affetti dalle patologie diverse dal Covid, cioè i pazienti oncologici, ematologici e cardiologici. Intervista al Prof. Francesco Cognetti Presidente Federazione Foce.
di Emilio Albertario
Cultura

Gli Hate speech online, quando la comunicazione dell’odio è organizzata

Nella Rete l’hate speech inizia ad essere sempre meno legato allo spontaneismo digitale e sempre più legato al fenomeno dei cosiddetti appaltatori dell’odio. L’intervento dell’Avv. Prof. Roberto De Vita, Presidente dell’Osservatorio Cybersecurity dell’Eurispes alla conferenza online promossa da Unar.
di Roberto De Vita
Criminalità e contrasto

L’emergenza della Calabria è un’emergenza nazionale. Intervista al Presidente della Commissione Parlamentare antimafia, Nicola Morra

La complessità della situazione in Calabria dove la Sanità resta senza una guida nel pieno della seconda ondata della pandemia, il ruolo dei boss in carcere e le infiltrazioni negli organi dello Stato. Questi i temi toccati nell’intervista a Nicola Morra, Presidente della Commissione Parlamentare antimafia.
di Emilio Albertario
Video

Come se non ci fosse più un Natale

  Una famosa frase attribuita a Mao, ma che in realtà era di Confucio, dice pressappoco cosi: «Grande è la confusione sotto il...
di Emilio Albertario