Fiscalità di vantaggio: benvenuti al Sud

La fiscalità di vantaggio destinata, nelle intenzioni del Governo, alle regioni del Sud, e che dovrebbe entrare in vigore ad ottobre, non può rappresentare l’ennesima “mancetta” per quelle popolazioni che hanno saputo gestire, meglio di altre, la fase acuta dell’emergenza Covid, emergenza di portata mondiale.

Non è interesse di chi scrive esprimere un giudizio positivo sulle parole del Presidente di Confindustria, Carlo Bonomi, che ha definito sostanzialmente inefficaci gli sgravi fiscali del “decreto agosto”.

Tre mesi di fiscalità agevolata alle aziende che vogliono investire in strutture e occupazione nel Mezzogiorno, devono trasformarsi in misure strutturali e quindi permanenti.

Non ci sono argomenti per mettere in discussione la buona fede del Ministro Provenzano che si sta impegnando molto e che ha fatto della riduzione fiscale sul lavoro al Sud, la sua “linea del Piave”.

Ma i problemi, come sostengono alcuni, sono “ora e adesso” e nei buoni propositi del Ministro c’è solo una prospettiva di lungo termine.

Ragionare con davanti un orizzonte di dieci anni risulta difficile da accettare.

Pochi mesi di fiscalità di vantaggio non possono far aumentare – per un colpo di bacchetta magica –la produttività di fattori, in regioni come la Campania, la Puglia e tutte le altre del Sud, che devono scontare un “gap” incolmabile per la carenza di infrastrutture.

Bisogna, invece, lavorare contemporaneamente su almeno due fronti, con l’obiettivo di firmare un patto, senza precedenti, tra aziende e lavoratori. Questi ultimi hanno già sopportato enormi sacrifici, ma gli imprenditori – senza poter realizzare i prodotti, con costi ragionevoli, collocarli, movimentare le merci, investendo in innovazione – si trovano davanti a scelte dolorose e obbligate.

La prima, per sopravvivere, quella di tagliare i costi alti senza la sicurezza di vedere un giusto profitto che, soprattutto, sia esigibile.
La seconda strada diventa, di conseguenza, obbligata: abbandonare l’impresa con successivo e inevitabile aggravamento dei costi dello Stato, chiamato a garantire la cassa integrazione.

La stagione dei rinnovi contrattuali è alle porte.

Gli industriali non potranno pretendere altri tagli, insopportabili per la società; i lavoratori dovranno mostrare la loro disponibilità alle innovazioni e alla flessibilità. Inoltre, il ruolo del Sindacato sarà fondamentale anche per far uscire il mondo del lavoro dalle secche del passato e del vecchio modo di pensare i rapporti con gli imprenditori.

Se la fiscalità di vantaggio che il Governo farà entrare in vigore tra poche settimane (Covid permettendo) riuscirà a superare la “tagliola” di Bruxelles – che vede aiuti di Stato, dappertutto –, un primo, piccolo passo in avanti, verrà comunque fatto.

Ma, assieme al fisco agevolato (non solo per ottobre/dicembre 2020), il Governo dovrà destinare gli oltre 28 miliardi dei fondi europei SURE, alle zone più disagiate del Paese.

In un suo intervento, il Presidente dell’Emilia Romagna, Stefano Bonaccini, afferma che: «Bisogna aiutare il Sud, senza dimenticare che il Nord è il motore dell’Italia». Intanto, una cosa è stata dimenticata: i miliardi versati dal Mezzogiorno alla fiscalità generale.

Ma oggi è opportuno dare un credito (non un credito d’imposta) al Ministro dell’Economia, Roberto Gualtieri, che sul social media più diffuso, ovvero Facebook, ha scritto testualmente: «L’Italia riparte se riparte il lavoro e, soprattutto, se riparte il Sud, che ha potenzialità enormi e che rischia invece di pagare il prezzo più alto della crisi».

Parole sicuramente sincere, ma che questo Sud, amato solo a parole, è stanco di sentire.

Comunque, siete sempre “benvenuti al Sud”.

 

*Presidente dell’Asi di Napoli e della CISE – Conferenza italiana per lo sviluppo economico

Ultime notizie
Sicurezza

Vendette digitali e sicurezza sul web

Il revenge porn è parte di un più ampio fenomeno, quello della pornografia non consensuale che non si esaurisce nelle “vendette di...
di redazione
Attualità

Giudici politicizzati, l’esempio americano a confronto con il modello italiano

La scomparsa del giudice (la funzione è al maschile, indipendente dal genere) Ruth Bader Ginsburg, la seconda donna nella storia americana a...
di Angelo Perrone*
Cultura

Piccoli editori, il grande problema della distribuzione

La distribuzione è uno dei nodi fondamentali dell’editoria odierna, non solo perché in continua evoluzione (anche il colosso Amazon è entrato recentemente...
di Roberta Rega
Criminalità e contrasto

Direttore ADM, Marcello Minenna: “Un patto con le Istituzioni contro l’illegalità”

  Dal lavoro dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli svolto durante l’emergenza Covid alla continua sinergia con le Forze dell’ordine con l’unico obiettivo...
di redazione
Video

Direttore ADM, Marcello Minenna: “Un patto con le Istituzioni contro l’illegalità”

  Dal lavoro dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli svolto durante l’emergenza Covid alla continua sinergia con le Forze dell’ordine con l’unico obiettivo...
di Emilio Albertario
Salute

Vaccini: una corsa a ostacoli tra sfiducia e facili entusiasmi

La corsa all’oro di questo 2020 è senz’altro quella in atto, in tutto il mondo, per arrivare al vaccino per il nuovo...
di Roberta Rega
Metafore per l'Italia

Viaggio di uno yankee in Italia

Una delle questioni non risolte che accompagnano l’Italia sin dall’Unità nazionale, è quella della Giustizia. In un interessante pamphlet dal titolo non...
di Gian Maria Fara
Approfondimenti

Obesità infantile: quando il cibo abbonda

I tassi di obesità infantile nel nostro Paese sono considerati tra i più alti: il sovrappeso in Italia interessa circa 1 bambino...
di redazione
Opinioni e commenti

La stortura dei processi a distanza: la giustizia penale in tempo di pandemia

È sotto gli occhi di tutti la estrema gravità dei problemi di ordine sociale, economico, creatasi a causa dell’esplosione, per larga parte...
di Nicola De Fuoco
Società

Pirateria editoriale: Telegram fuori controllo, la stretta delle Forze dell’ordine

La pirateria editoriale costa al mondo dell’editoria circa 670mila euro al giorno, vale a dire 250 milioni ogni anno. L’ultima frontiera delle frodi informatiche si è realizzata attraverso Telegram, con la creazione di canali sui quali scaricare quotidiani, riviste, musica e film.
di Ilaria Tirelli