Fiscalità di vantaggio: benvenuti al Sud

La fiscalità di vantaggio destinata, nelle intenzioni del Governo, alle regioni del Sud, e che dovrebbe entrare in vigore ad ottobre, non può rappresentare l’ennesima “mancetta” per quelle popolazioni che hanno saputo gestire, meglio di altre, la fase acuta dell’emergenza Covid, emergenza di portata mondiale.

Non è interesse di chi scrive esprimere un giudizio positivo sulle parole del Presidente di Confindustria, Carlo Bonomi, che ha definito sostanzialmente inefficaci gli sgravi fiscali del “decreto agosto”.

Tre mesi di fiscalità agevolata alle aziende che vogliono investire in strutture e occupazione nel Mezzogiorno, devono trasformarsi in misure strutturali e quindi permanenti.

Non ci sono argomenti per mettere in discussione la buona fede del Ministro Provenzano che si sta impegnando molto e che ha fatto della riduzione fiscale sul lavoro al Sud, la sua “linea del Piave”.

Ma i problemi, come sostengono alcuni, sono “ora e adesso” e nei buoni propositi del Ministro c’è solo una prospettiva di lungo termine.

Ragionare con davanti un orizzonte di dieci anni risulta difficile da accettare.

Pochi mesi di fiscalità di vantaggio non possono far aumentare – per un colpo di bacchetta magica –la produttività di fattori, in regioni come la Campania, la Puglia e tutte le altre del Sud, che devono scontare un “gap” incolmabile per la carenza di infrastrutture.

Bisogna, invece, lavorare contemporaneamente su almeno due fronti, con l’obiettivo di firmare un patto, senza precedenti, tra aziende e lavoratori. Questi ultimi hanno già sopportato enormi sacrifici, ma gli imprenditori – senza poter realizzare i prodotti, con costi ragionevoli, collocarli, movimentare le merci, investendo in innovazione – si trovano davanti a scelte dolorose e obbligate.

La prima, per sopravvivere, quella di tagliare i costi alti senza la sicurezza di vedere un giusto profitto che, soprattutto, sia esigibile.
La seconda strada diventa, di conseguenza, obbligata: abbandonare l’impresa con successivo e inevitabile aggravamento dei costi dello Stato, chiamato a garantire la cassa integrazione.

La stagione dei rinnovi contrattuali è alle porte.

Gli industriali non potranno pretendere altri tagli, insopportabili per la società; i lavoratori dovranno mostrare la loro disponibilità alle innovazioni e alla flessibilità. Inoltre, il ruolo del Sindacato sarà fondamentale anche per far uscire il mondo del lavoro dalle secche del passato e del vecchio modo di pensare i rapporti con gli imprenditori.

Se la fiscalità di vantaggio che il Governo farà entrare in vigore tra poche settimane (Covid permettendo) riuscirà a superare la “tagliola” di Bruxelles – che vede aiuti di Stato, dappertutto –, un primo, piccolo passo in avanti, verrà comunque fatto.

Ma, assieme al fisco agevolato (non solo per ottobre/dicembre 2020), il Governo dovrà destinare gli oltre 28 miliardi dei fondi europei SURE, alle zone più disagiate del Paese.

In un suo intervento, il Presidente dell’Emilia Romagna, Stefano Bonaccini, afferma che: «Bisogna aiutare il Sud, senza dimenticare che il Nord è il motore dell’Italia». Intanto, una cosa è stata dimenticata: i miliardi versati dal Mezzogiorno alla fiscalità generale.

Ma oggi è opportuno dare un credito (non un credito d’imposta) al Ministro dell’Economia, Roberto Gualtieri, che sul social media più diffuso, ovvero Facebook, ha scritto testualmente: «L’Italia riparte se riparte il lavoro e, soprattutto, se riparte il Sud, che ha potenzialità enormi e che rischia invece di pagare il prezzo più alto della crisi».

Parole sicuramente sincere, ma che questo Sud, amato solo a parole, è stanco di sentire.

Comunque, siete sempre “benvenuti al Sud”.

 

*Presidente dell’Asi di Napoli e della CISE – Conferenza italiana per lo sviluppo economico

Ultime notizie
esame di stato
Istruzione

Generazioni sotto esame. Dalla maturità all’esame di Stato, che ne sarà della prova scritta?

L’esame di Stato, un tempo esame di maturità, continua a far discutere ministri dell’Istruzione e studenti su quale sia la formula migliore. Una formula che è cambiata negli anni, fino ad arrivare alla richiesta odierna di abolire la prova scritta fatta dagli studenti e non ancora smentita dal Ministero.
di Giuseppe Pulina
esame di stato
violenza di genere
Donne

Violenza di genere, omicidi e reati spia in aumento nel 2021

La violenza di genere è aumenta nei primi 11 mesi del 2021, sia per gli omicidi che per i reati spia di tali violenze. Secondo il report del servizio analisi della Polizia Criminale, su un totale di 263 omicidi volontari compiuti in Italia dal primo gennaio ad oggi, 109 hanno riguardato donne.
di redazione
violenza di genere
Economia

Colonialismo digitale, è l’Africa la terra promessa

Quando parliamo di crescita e di aiuti ai paesi dell'Africa omettiamo spesso il tema del colonialismo digitale e degli investimenti massicci dei colossi del tech, come ad esempio Google, per accaparrarsi i nuovi mercati.
di Susanna Fara
Italia Domani

Italia Domani. Il PNRR per il rilancio e la crescita

  La mission del magazine online dell’Istituto Eurispes è quella di raccontare “l’Italia che verrà”. Nasce così l’idea di fornire sulle nostre pagine...
di Claudia Bugno*
europa e africa
Briefing

Europa e Africa, un futuro condiviso oltre “l’inerzia del mondo”

La recente visita di Mattarella in Algeria ha gettato lo sguardo oltre le tradizionali dinamiche europee, evidenziando che Europa e Africa sono due continenti legati da un destino condiviso in economia come nella lotta alla crisi climatica. La crescita economica africana può coinvolgere in primo luogo in nostro Paese, per posizione geografica e per opportunità.
di Amb. Paolo Sannella*
europa e africa
muri di sabbia
Istituzioni

Muri di sabbia, l’ultima frontiera contro le migrazioni dall’Africa

Mentre l’Europa resta a guardare di fronte alle forze di Minsk che usano i profughi come arma politica, in Africa si usano altre forme per bloccare i flussi migratori. Muri di sabbia vengono eretti e ampliati in Marocco, Algeria, Niger, Libia: lo scopo è far sì che i profughi non superino i confini nazionali.
di Marco Omizzolo*
muri di sabbia
Futuro

Oltre la pandemia, una innovativa esperienza americana

Le difficoltà del post pandemia Ormai sono due anni dall’inizio della pandemia dovuta al virus Covid-19, con oltre 5 milioni di morti, che...
di Laura Dryjanska*
sfruttamento del lavoro
Lavoro

Sfruttamento del lavoro e caporalato, le voci sommerse delle lavoratrici agricole

Lo sfruttamento del lavoro agricolo e il caporalato non riguardano solo i giovani lavoratori immigrati, ma colpiscono anche molte lavoratrici. Una indagine della Ong WeWorld tra le lavoratrici dell’Agro Pontino documenta lo sfruttamento del lavoro delle donne nei campi, fatto di orari assurdi, violenze e vessazioni.
di Marco Omizzolo*
sfruttamento del lavoro
Luciano Maria Teodori

Tempi Moderni

Viviamo in un’epoca dove tutto appare complicato, così complicato che molti rinunciano a pensare con la propria testa e si affidano ai...
di Luciano Maria Teodori
giustizia
Recensioni

Il valore della giustizia raccontato ai ragazzi di ogni età

“La giustizia conviene - Il valore delle regole raccontato ai ragazzi di ogni età” di Gian Carlo Caselli e Guido Lo Forte si configura come un libro dalla duplice natura, dedicato ai non addetti ai lavori e in particolare ai ragazzi. Il racconto delle conseguenze sociali e del valore della legalità avviene da parte di due autori che hanno dedicato la loro intera vita a perseguire giustizia e legalità.
di Ilaria Tirelli
giustizia