Il giornalismo “è finito”, colpa dei Social. Tucci: “Non ci sono più maestri”

284

Il futuro del giornalismo è cupo, anzi nero. Colpa dei Social, ma anche di un’organizzazione del lavoro redazionale che impedisce ai giovani di imparare e ai maestri della professione di insegnare. Se a dichiararlo, è l’ex Presidente dell’Ordine dei Giornalisti del Lazio, Bruno Tucci, decano del mestiere, ex inviato del Corriere della Sera, le speranze di chi ancora “ci crede” rischiano di affievolirsi drammaticamente.
Abbiamo raccolto la sua opinione in occasione dei funerali di Gino Falleri, storico Vicepresidente dell’Ordine dei Giornalisti del Lazio, scomparso all’età di 92 anni lo scorso 18 marzo.

Bruno Tucci, lei ha guidato l’Ordine dei Giornalisti del Lazio per 18 anni, ha conosciuto diverse generazioni di giornalisti ed ha vissuto una fase di cambiamento radicale, una vera e propria trasformazione del mestiere. Secondo lei, il giornalismo ha un futuro?
Devo dire la verità? Secondo me, pochissimo. Tutto è cambiato con l’avvento dei Social. Questo mestiere ha un futuro incerto e, a mio parre, il giornalismo cartaceo si avvia verso la fine. E per me, che ho trascorso 44 anni nelle redazioni dei giornali, è un dolore indescrivibile.

Consiglierebbe oggi ad un giovane di diventare giornalista?
Questo è il più bel mestiere del mondo, ho avuto la fortuna di sperimentarlo per tanti anni, sono stato inviato per 35 anni, ho girato il mondo e ho lavorato divertendomi. Ma, se dovessi consigliare a mio figlio, o meglio, vista la mia età, a mio nipote di diventare giornalista oggi, gli consiglierei di no.

Per quale motivo?
Perché sono caduti alcuni princìpi fondamentali di questo mestiere; alcune regole e caratteristiche che contraddistinguevano questa professione non ci sono più. Non c’è più il professionista che corregge il pezzo e lo butta nel cestino se non è ben scritto; non c’è più nessun maestro che insegna, e questo è un mestiere che va insegnato. È vero che oggi i giornalisti sono obbligati a seguire corsi di aggiornamento professionale: ma, a mio parere, si tratta di una stupidaggine, perché l’aggiornamento professionale i giornalisti dovrebbero farlo tutti i giorni con il proprio caposervizio, sempre se avessero un caposervizio. Le racconto un piccolo aneddoto.

La ascolto…
Quando arrivai al Corriere della Sera, il direttore che mi assunse era Piero Ottone. Quando entrai nella sua stanza, mi disse: «Lei farà parte della nostra grande famiglia e farà l’inviato: mi raccomando, scriva nella maniera più semplice possibile». Io risposi che avevo già una certa esperienza quasi ventennale, ma lui aggiunse: «Lei mi deve fare la cortesia di usare la sua prosa mettendo soggetto, predicato e complemento»; poi fece una pausa e disse: «Se deve aggiungere un aggettivo, mi telefoni». Ha capito che cos’era il giornalismo?

Ultime notizie
Politica

Un 2 giugno dedicato alla Repubblica e alla ripartenza dopo il Covid-19

Nonostante la mancanza di celebrazioni per la nascita della Repubblica e della Costituzione a causa delle restrizioni Covid, rimane il senso della “festa nazionale”. Nei momenti drammatici, come la ripartenza dopo la pandemia, serve richiamarsi allo spirito di unità su obiettivi di lungo periodo: il progetto di società moderna, progredita e solidale.
di Angelo Perrone
Recensioni

La vera Fase 2 per l’Italia comincia dal merito

La crisi del lavoro che si intreccia con l’eclissi del merito si presenta molto grave in tutte le realtà territoriali. «Quello che ci vuole è una rivoluzione gentile ma irreversibile, che porti a sovvertire il sistema di potere che vige in Italia da secoli», sostiene Maria Cristina Origlia, autrice del saggio Questione di Merito.
di Massimiliano Cannata
Sicurezza

Coronavirus, lo spettro del disagio sociale e il ruolo dell’intelligence

All’attenuarsi dell’emergenza sullo sfondo si intravede, abbastanza prossimo, il fantasma del disagio sociale. L’intelligence ha il compito primario di monitorare il disagio sociale che può rappresentare non solo un’area di reclutamento per la criminalità, ma che si può trasformare anche in un problema di ordine pubblico. Il contributo del Prof. Mario Caligiuri.
di Mario Caligiuri
La sfida dei Sindaci

Fase 2, la sfida dei Sindaci. Antonio Decaro: “Le risorse del Governo non sono sufficienti”

Fase 2: «I soldi che il Governo ha stanziato per Bari finora, e che arriveranno alla cifra di tre miliardi di euro complessivi, non saranno sufficienti. Per evitare che i Comuni debbano spegnere le luci o lasciare i rifiuti per strada, l'interlocuzione dell'Anci con il Governo è incessante». Lo sostiene il Sindaco di Bari e Presidente dell'Anci, Antonio Decaro.
di Valentina Renzopaoli
Recensioni

Libri, disponibile in Open access “Il Segretario, lo Statista. Aldo Moro dal centro-sinistra alla solidarietà nazionale”

È disponibile da oggi in Open access il volume collettivo dal titolo "Il Segretario, lo Statista. Aldo Moro dal centro-sinistra alla solidarietà nazionale", curato da Alessandro Sansoni, Pierluigi Totaro e Paolo Varvaro.
di redazione
Società

A proposito del lockdown

«L’inglese ha ormai invaso la nostra vita quotidiana, e il suo utilizzo segna la separazione tra le diverse Italie. Tuttavia, le Istituzioni...
di Gian Maria Fara
Innovazione

Fase 2, le mappe ESRI per prevenire nuovi contagi

Le mappe ESRI sono quelle, ormai famose, "nere con i puntini rossi”, strumenti indispensabili per chi sta combattendo il virus in tutto il mondo. I dati provengono dall’OMS elaborati secondo gli algoritmi scelti dagli studiosi della Università americana Johns Hopkins, e girano sulle piattaforme di geografia digitale ESRI Inc.
di Emilio Albertario
Innovazione

Utilizzo previsto delle risorse ospedaliere a supporto dei pazienti Covid-19 Italia nei paesi SEE e USA

L’IHME ha prodotto previsioni che mostrano l’utilizzo dei letti d’ospedale, la necessità di letti in terapia intensiva e l’utilizzo dei ventilatori durante la pandemia, basandosi sul numero di decessi previsti per gli Stati Uniti – a livello nazionale e subnazionale – e dei paesi dello Spazio economico europeo (SEE).
di Maria Cristina Guarini
Approfondimenti

Stiamo combattendo il Coronavirus ma ci siamo dimenticati l’emergenza ambientale

Potremmo riassumere nella parola “vulnerabilità” quanto avvenuto in questi mesi nel mondo con l’emergenza causata dalla pandemia da Covid-19. Non era mai...
di Angelo Bonelli
Europa

Dove va l’Europa. Dacia Maraini: “L’Unione va difesa a tutti i costi”

Di fronte alla pandemia, l’Europa si sta dimostrando incerta e sbandata. A 75 anni dalla fine della guerra, nemmeno di fronte ad un dramma sanitario come il Coronavirus, l’Unione, meglio alcuni paesi, sono in grado di indicare e di “giustificare” la “ragione” dello stare insieme. L'intervista a Dacia Maraini.
di Carmelo Cedrone