Il giornalismo “è finito”, colpa dei Social. Tucci: “Non ci sono più maestri”

Il futuro del giornalismo è cupo, anzi nero. Colpa dei Social, ma anche di un’organizzazione del lavoro redazionale che impedisce ai giovani di imparare e ai maestri della professione di insegnare. Se a dichiararlo, è l’ex Presidente dell’Ordine dei Giornalisti del Lazio, Bruno Tucci, decano del mestiere, ex inviato del Corriere della Sera, le speranze di chi ancora “ci crede” rischiano di affievolirsi drammaticamente.
Abbiamo raccolto la sua opinione in occasione dei funerali di Gino Falleri, storico Vicepresidente dell’Ordine dei Giornalisti del Lazio, scomparso all’età di 92 anni lo scorso 18 marzo.

Bruno Tucci, lei ha guidato l’Ordine dei Giornalisti del Lazio per 18 anni, ha conosciuto diverse generazioni di giornalisti ed ha vissuto una fase di cambiamento radicale, una vera e propria trasformazione del mestiere. Secondo lei, il giornalismo ha un futuro?
Devo dire la verità? Secondo me, pochissimo. Tutto è cambiato con l’avvento dei Social. Questo mestiere ha un futuro incerto e, a mio parre, il giornalismo cartaceo si avvia verso la fine. E per me, che ho trascorso 44 anni nelle redazioni dei giornali, è un dolore indescrivibile.

Consiglierebbe oggi ad un giovane di diventare giornalista?
Questo è il più bel mestiere del mondo, ho avuto la fortuna di sperimentarlo per tanti anni, sono stato inviato per 35 anni, ho girato il mondo e ho lavorato divertendomi. Ma, se dovessi consigliare a mio figlio, o meglio, vista la mia età, a mio nipote di diventare giornalista oggi, gli consiglierei di no.

Per quale motivo?
Perché sono caduti alcuni princìpi fondamentali di questo mestiere; alcune regole e caratteristiche che contraddistinguevano questa professione non ci sono più. Non c’è più il professionista che corregge il pezzo e lo butta nel cestino se non è ben scritto; non c’è più nessun maestro che insegna, e questo è un mestiere che va insegnato. È vero che oggi i giornalisti sono obbligati a seguire corsi di aggiornamento professionale: ma, a mio parere, si tratta di una stupidaggine, perché l’aggiornamento professionale i giornalisti dovrebbero farlo tutti i giorni con il proprio caposervizio, sempre se avessero un caposervizio. Le racconto un piccolo aneddoto.

La ascolto…
Quando arrivai al Corriere della Sera, il direttore che mi assunse era Piero Ottone. Quando entrai nella sua stanza, mi disse: «Lei farà parte della nostra grande famiglia e farà l’inviato: mi raccomando, scriva nella maniera più semplice possibile». Io risposi che avevo già una certa esperienza quasi ventennale, ma lui aggiunse: «Lei mi deve fare la cortesia di usare la sua prosa mettendo soggetto, predicato e complemento»; poi fece una pausa e disse: «Se deve aggiungere un aggettivo, mi telefoni». Ha capito che cos’era il giornalismo?

Ultime notizie
Economia

PNRR: un modello più snello di governance per l’Italia

Le sfide poste dal PNRR potrebbero segnare una svolta storica nell’accelerazione delle nuove politiche di sviluppo, come quelle relative alle transizioni verde...
di Claudia Bugno*
vaccino
Diritto

Obbligo vaccinale o sospensione, arriva la sentenza per i sanitari no-vax

Vaccino anti-Covid o sospensione nella impossibilità di essere ricollocati ad altra mansione che non comporti pericolo di contagio: la sentenza del Consiglio di Stato chiarisce la posizione legale nei confronti dei professionisti sanitari no-vax.
di Vincenzo Macrì
vaccino
giochi pubblici
Osservatori

Giochi pubblici: “L’irresistibile convenienza della legalità”

Giochi pubblici, la tutela sostanziale della legalità non è affare solo dello Stato. Oltre alla chiarezza normativa, è necessaria partecipazione attiva dei concessionari e delle associazioni di categoria, quali soggetti danneggiati dal reato, ai procedimenti penali contro i gestori del gioco illegale e al fianco dell’Avvocatura dello Stato.
di Chiara Sambaldi e Andrea Strata*
giochi pubblici
Fisco

Un fisco “predittivo” per facilitare la lotta all’evasione fiscale

La lotta all’evasione fiscale si fa anche grazie all’utilizzo di software predittivi, sulla base dei quali programmare le verifiche a “colpo sicuro”. La Guardia di Finanza guarda al futuro e investirà in tale direzione 32 milioni di euro su big data e cybersicurezza.
di Giovambattista Palumbo*
esame di stato
Istruzione

Generazioni sotto esame. Dalla maturità all’esame di Stato, che ne sarà della prova scritta?

L’esame di Stato, un tempo esame di maturità, continua a far discutere ministri dell’Istruzione e studenti su quale sia la formula migliore. Una formula che è cambiata negli anni, fino ad arrivare alla richiesta odierna di abolire la prova scritta fatta dagli studenti e non ancora smentita dal Ministero.
di Giuseppe Pulina
esame di stato
violenza di genere
Donne

Violenza di genere, omicidi e reati spia in aumento nel 2021

La violenza di genere è aumenta nei primi 11 mesi del 2021, sia per gli omicidi che per i reati spia di tali violenze. Secondo il report del servizio analisi della Polizia Criminale, su un totale di 263 omicidi volontari compiuti in Italia dal primo gennaio ad oggi, 109 hanno riguardato donne.
di redazione
violenza di genere
Economia

Colonialismo digitale, è l’Africa la terra promessa

Quando parliamo di crescita e di aiuti ai paesi dell'Africa omettiamo spesso il tema del colonialismo digitale e degli investimenti massicci dei colossi del tech, come ad esempio Google, per accaparrarsi i nuovi mercati.
di Susanna Fara
Italia Domani

Italia Domani. Il PNRR per il rilancio e la crescita

  La mission del magazine online dell’Istituto Eurispes è quella di raccontare “l’Italia che verrà”. Nasce così l’idea di fornire sulle nostre pagine...
di Claudia Bugno*
europa e africa
Briefing

Europa e Africa, un futuro condiviso oltre “l’inerzia del mondo”

La recente visita di Mattarella in Algeria ha gettato lo sguardo oltre le tradizionali dinamiche europee, evidenziando che Europa e Africa sono due continenti legati da un destino condiviso in economia come nella lotta alla crisi climatica. La crescita economica africana può coinvolgere in primo luogo in nostro Paese, per posizione geografica e per opportunità.
di Amb. Paolo Sannella*
europa e africa
muri di sabbia
Istituzioni

Muri di sabbia, l’ultima frontiera contro le migrazioni dall’Africa

Mentre l’Europa resta a guardare di fronte alle forze di Minsk che usano i profughi come arma politica, in Africa si usano altre forme per bloccare i flussi migratori. Muri di sabbia vengono eretti e ampliati in Marocco, Algeria, Niger, Libia: lo scopo è far sì che i profughi non superino i confini nazionali.
di Marco Omizzolo*
muri di sabbia