Il giornalismo “è finito”, colpa dei Social. Tucci: “Non ci sono più maestri”

Il futuro del giornalismo è cupo, anzi nero. Colpa dei Social, ma anche di un’organizzazione del lavoro redazionale che impedisce ai giovani di imparare e ai maestri della professione di insegnare. Se a dichiararlo, è l’ex Presidente dell’Ordine dei Giornalisti del Lazio, Bruno Tucci, decano del mestiere, ex inviato del Corriere della Sera, le speranze di chi ancora “ci crede” rischiano di affievolirsi drammaticamente.
Abbiamo raccolto la sua opinione in occasione dei funerali di Gino Falleri, storico Vicepresidente dell’Ordine dei Giornalisti del Lazio, scomparso all’età di 92 anni lo scorso 18 marzo.

Bruno Tucci, lei ha guidato l’Ordine dei Giornalisti del Lazio per 18 anni, ha conosciuto diverse generazioni di giornalisti ed ha vissuto una fase di cambiamento radicale, una vera e propria trasformazione del mestiere. Secondo lei, il giornalismo ha un futuro?
Devo dire la verità? Secondo me, pochissimo. Tutto è cambiato con l’avvento dei Social. Questo mestiere ha un futuro incerto e, a mio parre, il giornalismo cartaceo si avvia verso la fine. E per me, che ho trascorso 44 anni nelle redazioni dei giornali, è un dolore indescrivibile.

Consiglierebbe oggi ad un giovane di diventare giornalista?
Questo è il più bel mestiere del mondo, ho avuto la fortuna di sperimentarlo per tanti anni, sono stato inviato per 35 anni, ho girato il mondo e ho lavorato divertendomi. Ma, se dovessi consigliare a mio figlio, o meglio, vista la mia età, a mio nipote di diventare giornalista oggi, gli consiglierei di no.

Per quale motivo?
Perché sono caduti alcuni princìpi fondamentali di questo mestiere; alcune regole e caratteristiche che contraddistinguevano questa professione non ci sono più. Non c’è più il professionista che corregge il pezzo e lo butta nel cestino se non è ben scritto; non c’è più nessun maestro che insegna, e questo è un mestiere che va insegnato. È vero che oggi i giornalisti sono obbligati a seguire corsi di aggiornamento professionale: ma, a mio parere, si tratta di una stupidaggine, perché l’aggiornamento professionale i giornalisti dovrebbero farlo tutti i giorni con il proprio caposervizio, sempre se avessero un caposervizio. Le racconto un piccolo aneddoto.

La ascolto…
Quando arrivai al Corriere della Sera, il direttore che mi assunse era Piero Ottone. Quando entrai nella sua stanza, mi disse: «Lei farà parte della nostra grande famiglia e farà l’inviato: mi raccomando, scriva nella maniera più semplice possibile». Io risposi che avevo già una certa esperienza quasi ventennale, ma lui aggiunse: «Lei mi deve fare la cortesia di usare la sua prosa mettendo soggetto, predicato e complemento»; poi fece una pausa e disse: «Se deve aggiungere un aggettivo, mi telefoni». Ha capito che cos’era il giornalismo?

Ultime notizie
riassetto dei poteri
Diritto

Il riassetto dei poteri

Il tema del riassetto dei poteri è al centro dell’attuale dibattito ed è strettamente collegato con le prospettive di una riforma della giustizia. L'ex magistrato Vincenzo Macrì fa alcune considerazioni partendo da un articolo a firma di Luciano Violante.
di Vincenzo Macrì
riassetto dei poteri
Economia

Fondi per il PNRR, erogata la prima rata: il punto della situazione

Un importante traguardo è stato raggiunto lo scorso 13 aprile, quando è stata erogata la prima tranche di pagamenti per il PNRR. Sono stati versati 21 miliardi di euro che si aggiungono al pre-finanziamento ottenuto lo scorso anno.
di Claudia Bugno*
precarietà
Attualità

Che cosa significa, oggi, vivere la dimensione della precarietà

La precarietà si afferma come la base esistenziale del vivere contemporaneo. Precarietà in termini lavorativi, come conseguenza delle crisi economiche; precarietà delle relazioni, accentuate dagli effetti della pandemia sulla salute mentale e sui legami di comunità; precarietà geopolitica e ambientale di un mondo minacciato da guerre e disastri ambientali.
di Giuseppe Pulina
precarietà
Rebibbia carcere
Attualità

Rebibbia, storie di vita dal carcere per affermare la funzione rieducativa della pena

A Rebibbia le storie di vita dal carcere femminile nel report del Servizio Analisi Criminale centrale: oltre alle analisi sui fenomeni criminali, viene ribadita la funzione rieducativa della pena tra sicurezza e trattamento.
di redazione
Rebibbia carcere
ricerca e sviluppo
Economia

Ricerca e Sviluppo (R&S) nell’area OCSE: la risposta alla crisi pandemica

La spesa in Ricerca e Sviluppo (R&S) nell’area OCSE è cresciuta dell’1,8% nel 2020. Nonostante il forte calo dell’attività economica determinata dalla pandemia da Covid-19, le economie dell’OCSE hanno quindi continuato ad investire in ricerca e sviluppo nel 2020.
di Cecilia Fracassa
ricerca e sviluppo
legal design
Economia

Il legal design: una nuova prospettiva di accessibilità e democratizzazione del linguaggio giuridico

La finalità antropocentrica del legal design I principali linguisti italiani evidenziano da anni che il linguaggio utilizzato dalle Istituzioni è distante anni luce...
di Andrea Strata e Alessandro Colella
legal design
react-eu
Italia Domani

REACT-EU: potenziate le risorse per il Mezzogiorno

Il REACT-EU, tra gli strumenti finanziati dal Next Generation EU, costituisce la seconda componente di origine europea all’interno del PNRR con cui...
di Claudia Bugno*
react-eu
guerra
Internazionale

Le guerre dimenticate, non meno feroci di quella in Ucraina

Come mai guerre atroci e lunghissime come quelle nel Tigrai, nello Yemen, in Siria, in Mali, non hanno ascolto nella politica italiana ed europea e trovano pochi spazi nei media? Perché non sconvolgono la sensibilità delle persone come invece sta accadendo per il conflitto in Ucraina? Lo stesso vale, del resto, per altre crisi estreme che provocano migliaia di morti e schiere enormi di profughi.
di di Emilio Drudi e Marco Omizzolo
guerra
25 aprile 2022
Società

25 aprile 2022, il ritorno della paura

La memoria della riconquista della libertà, avvenuta con la liberazione del 1945, si sovrappone alle immagini della tragedia ucraina che, a distanza di 77 anni, si consuma per le stesse ragioni di allora, i soprusi delle dittature. La “resistenza” in ogni epoca trae forza dal coraggio di vincere le paure.
di Angelo Perrone
25 aprile 2022
dispersione scolastica
Scuola

Dipersione scolastica e Dad: il fenomeno nelle scuole della Sardegna

Dispersione scolastica e DaD, quanto sono collegati questi due aspetti nel sistema scolastico costretto a modificare la propria organizzazione a causa della...
di redazione
dispersione scolastica